Cerca nel blog

sabato 22 aprile 2017

Ci hanno provato!!!

Da: IL MANIFESTO


Anac, il Consiglio di Stato: mai chiesta l’abrogazione

Il comma cancellato. M5S all’attacco. Renzi: «Gentiloni ha già detto tutto quello che andava detto»
Il caso Anac resta aperto: continua la ricerca della «manina» che nel Consiglio dei ministri del 13 aprile ha cancellato il comma 2, eliminando la «raccomandazione vincolante» che consente all’Autorità anticorruzione di Raffale Cantone di intervenire rapidamente in casi gravi, senza attendere i tempi lunghi della giustizia ordinaria.
Depotenziare l’Anac ha aperto uno scontro che avrebbe potuto minare il governo, avvicinando la data delle elezioni proprio quando Matteo Renzi spinge per andare al voto prima del 2018. Dagli Usa il premier è intervenuto già giovedì per sancire la marcia indietro: «Sarà posto rimedio in sede di conversione» ha assicurato Gentiloni. L’altro ieri era circolata la versione che il comma fosse stato abrogato sulla base di un parere del Consiglio di Stato, che giudicava «eccessivi» i poteri dell’Anac. I renziani avevano così messo in giro il commento: «Il Consiglio di Stato è impegnato a smantellare le riforme del governo Renzi». Ma sarebbero stati gli uffici tecnici della presidenza del consiglio, retti da Maria Elena Boschi, a operare la correzione. E la ministra sarebbe stata presente.
Inoltre dall’Anac giovedì è stato spiegato che, nonostante «una proficua collaborazione» durante l’iter del provvedimento, nessuno li ha contattati per discutere una modifica che eccede i poteri del governo rispetto alla delega ricevuta dal parlamento. E ieri, in una nota, il Consiglio di Stato ha precisato che in «nessun parere è stata chiesta l’abrogazione del comma 2; al contrario, sono state fornite indicazioni per rendere la raccomandazione vincolante uno strumento efficace, immune da profili di eccesso di delega. Una riformulazione in chiave di controllo collaborativo che avrebbe condotto a un rafforzamento dei poteri dell’Anac».
Cantone, ieri su Repubblica, ha commentato: «C’è chi, nei palazzi qua intorno, sta seriamente pensando di ridimensionare l’Anac». Sono tanti i campi sensibili in cui l’Anticorruzione prova a fare luce, compresi l’inchiesta Consip e l’esposto sul salvataggio dell’Unità.
Giovedì Renzi ha fatto sapere alla stampa di essere molto contrariato, ieri ha assicurato che dietro l’iniziativa non ci sono né lui né Boschi: «Cantone lo abbiamo scelto noi. Mi pare che il presidente Gentiloni abbia già detto quello che andava detto, siamo tutti d’accordo con lui». Impegnati a sminare il campo anche i ministri: «C’è stato un errore tecnico, senza alcuna volontà politica» dice Roberta Pinotti. Attaccato dal renziano Ernesto Carbone, ieri Andrea Orlano ha ribadito: «Faccio mie le parole del premier: va assolutamente posto rimedio a questo errore». In difesa dell’Anac, ma anche del guardasigilli che appoggiano nella corsa alla segreteria, un gruppo di senatori (Camilla Fabbri, Stefano Vaccari, Rosaria Capacchione tra gli altri): «L’impegno contro la corruzione è stato sempre al centro dell’azione del Pd, che da questa vicenda è il primo a essere danneggiato».
Finito sulla graticola, Graziano Delrio ieri si è difeso: «Nessun ministro ha appoggiato in Cdm quella norma. La vicenda è grave, ma correggeremo l’errore già nello stesso decreto legislativo sul codice degli appalti oppure nella manovrina». Attaccano a testa bassa i 5S: «La manina che ha tolto all’Anac i poteri sugli appalti è del Pd», twitta Luigi Di Maio. Renzi replica usando l’ironia: «Ho sentito un deputato 5 Stelle difendere l’Anac. Finalmente elogiano le mie riforme».
Ci hanno provato! E' evidente. E se la Boschi lo sapeva temo che lo sapesse anche Renzi... Chi ha ispirato la cancellazione di quel comma?
Certo appare strano che sia proprio Renzi che l'ANAC l'ha voluta e così Cantone.
Il Consiglio di Stato smentisce di essere l'ispiratore della "manina", e il giallo rimane.
Certo il pensiero cattivo, che ci abbiano provato proprio coloro che Cantone l'hanno voluto con la sua ANAC, in politica non è peregrino.. Dipende dalle necessità.. Si possono fare due parti in commedia.. Si può dire "provaci e vediamo se qualcuno se ne accorge". Poi qualcuno in buonafede se ne accorge, Stefano Esposito, renziano, chiama Gentiloni, e Gentiloni chiama Cantone dagli USA scandalizzato e propone il rimedio... Poi si getta fumo sul Consiglio di Stato e il Consiglio dice: "Ma de' che?" Non siamo stati noi! Anzi!
In fondo potrebbe essere stato anche così per Zingaretti in Regione Lazio:  "provaci e vediamo se qualcuno se ne accorge" che abbiamo chiuso un'intera Unità Operativa di Chirurgia Toracica per far vedere che risparmiamo e, mentre i Chirurghi continuiamo a pagarli lasciandoli con le mani in mano, spendiamo per assumerne altri 6, senza utilizzare quelli che abbiamo messo in mobilità! La Legge e il Piano di rientro li ho scritti proprio io, Zingaretti, sono Commissario ad Acta per la Sanità, e c'è scritto che non posso fare bandi di concorso se prima non ho utilizzato il personale che ho messo in mobilità.. Però una "manina" ha fatto uscire ugualmente i bandi sulla G.U.!
Ma adesso porremo rimedio! Sicuramente si è trattato di un errore materiale!
In tutto questo brilla per il nulla l'opposizione a 5Stelle informata! Loro sanno fare solo polemiche, come i bambini...

Nessun commento: