Cerca nel blog

mercoledì 18 febbraio 2015

Contestare! Che lucrosa attività!!

Michele Brambilla: «Il ’68? È stato l’unico anno di lavoro di Capanna. Aver guidato il movimento e megafonato fuori dalle università gli è valso un bonus di quarant’anni di pensione»


Da: Huffington post
 

Il curioso caso di Mario Capanna: da leader studentesco a difensore dei vitalizi

"Don't trust anybody over 30" urlavano in strada i ragazzi del '68! E Mario Capanna, barba nera e sigaretta in bocca, era il mitico leader del movimento studentesco che non guardava in faccia nessuno e combatteva per il futuro di una generazione. Certo, che strano ritrovarlo ieri all'Arena, imbiancato e molto a suo agio nei panni del difensore di ricche pensioni, a litigare con Massimo Giletti.

Da: Il Fatto Quotidiano

Capanna – Giletti: ‘Poveretto, ha fatto figura di merda e gli danno 330mila euro l’anno’

“Giletti? Un poveretto, un mentitore, un giornalista minus. Merita di essere assistito”. Così Mario Capanna definisce Massimo Gilettidopo il feroce scontro tra i due avvenuto a “L’Arena”, su Rai1. Ospite de “La Zanzara”, l’ex leader di Democrazia Proletaria appella il conduttore Rai “Gilletti”, suscitando l’ilarità diCruciani e Parenzo, a cui rivolge un monito stizzito: “Se mi interrompete, chiudo la comunicazione e vi mando a quel paese”. Poi affonda il coltello su Giletti: “Ha fatto una figura di merda? Sì, è indiscutibile. Gli vengono dati 330mila euro all’anno di soldi pubblici, perde la trebisonda, fa un gesto volgare e totalmente indegno. Vespa non avrebbe mai fatto una cazzata come questa. Chiedo che il cda Rai e lacommissione parlamentare di Vigilanza aiutino Giletti a darsi una calmata. E’ stato beccato a impostare una trasmissione su 3 dati falsi e dovrà rendersi conto della sua sceneggiata obiettivamente indegna”. Capanna ribadisce poi che la sua azione di difesa del vitalizio è anche a favore dei più deboli e si scontra a lungo coi conduttori, che lo accusano di essere un privilegiato: “E’ una stronzata, questa categoria è una segata che usate voi. Quei 5mila euro, scarsi peraltro, me li sono guadagnati. Voi vi ostinate, a guisa del tapino Giletti, a non capire questa cosa elementare”. Alle critiche insistenti di Cruciani, il politico replica piccato: “Vergognatevi, non fate una pippa lì con quella radio e spargete minchiate alla Giletti. Io con voi sono stato longanime, vi ho dato molto del mio tempo. Forse conviene che ci salutiamo” 

di Gisella Ruccia




Confesso apertamente che non ne posso più di ipocriti comunisti o pseudo tali che amano vivere bene facendo la morale agli altri con un'impudenza insopportabile.
Confesso che non ne posso più di tutti i cretini che non si rendono conto della loro ipocrita, sfacciata contraddizione.
Mario Capanna si sapeva che era fra questi.
Ma questa gente se non avesse i cretini che li vota e che li appoggia sarebbe rimasta con l'eskimo e con il barbone da finto proletario a vivacchiare senza combinare niente, con laurea presa fuori tempo massimo e con voti spesso scritti sul libretto sotto minaccia da Professori imbelli: come ho visto fare alla Sapienza con i miei occhi e che ho documentato nel mio libro "Il Romanzo dell'Università". Quanto tempo ho perso a causa di questa gente che occupava le Aule il giorno che dovevo dare il sudato esame, tutto memorizzato e rinviato a causa loro!
L'ho scritto su questo blog: mio marito se lo ritrovò nello stesso scompartimento in treno pochi anni fa e dovette sorbirsi lo sfoggio narcisistico del "rivoluzionario dei miei stivali" che diceva: "Stasera sono ospite della Gruber".
Un divoide come era Lucio Magri, o quell'altro con la "r" moscia che faceva cadere i governi perché lui si batteva per "le 35 ore settimanali"!!
Ma chi le fa?!!!
Balle, balle, balle!! E questa gente sta su grazie ai cretini!
Qualcuno lo informi che NOI TUTTI CITTADINI, tranne lui e la Casta di cui fa parte, possiamo cumulare non più di 2 pensioni dallo Stato, e la seconda viene grandemente decurtata! 

Giletti, alla faccia sua, mi sta simpatico, è bravo e gli raccomando la sua salute perché se la prende troppo: va a suo onore.. Però siamo in molti a preoccuparci per i suoi malori, il suo sudare..
Giletti è garbato, ben educato, parla bene ed è anche un bel ragazzo. Cosa che Capanna non è mai stato, anzi ha un aspetto decisamente sgradevole, parla male, come se avesse un sasso in bocca, e sembra un barbone vestito a festa e ripulito per l'occasione. 




Mario Capanna in giacca, cravatta e tanta vanità.
Girava in eschimo e dava del fascista a chi vestiva in giacca e cravatta; all'Università 
invece di studiare disturbava quelli che volevano studiare e dare gli esami. Gente come me che, avendo una famiglia, il tempo per studiare doveva rubarlo a varie faticose incombenze legate ai propri doveri; o gente come mio marito, che per aiutare la sua famiglia in difficoltà economiche, è andato a lavorare in fabbrica e studiava solo quando aveva finito il suo orario di lavoro.
Beato lui!! In questo Paese deve molto a tutti i cretini che vanno dietro a chi urla di più e fa il contestatore facendosi molto bene gli affari propri.
Ogni tanto qualcuno si sveglia e si rende conto di aver perso tempo e molte altre cose... Mentre il Leader di turno si è piazzato più che bene.