Cerca nel blog

sabato 15 luglio 2017

Bon ton ed eleganza

Da: Quotidiano.net
Non sbaglia un colpo Melania Trump, bellissima first lady d'America che ha spopolato in eleganza durante la visita ufficiale con il marito Donald, fotografatissima con la coppia presidenziale francese Macron.
Decolleté tacco 12 come sempre, impeccabile e dritta come una colonna, i capelli sciolti e voluminosi, ha sfoggiato ieri in omaggio alla Francia un tailleur Dior rosso fuoco, magnifico esempio di eleganza senza tempo, la gonna svasata e al polpaccio, la giacca perfetta nel modello "Bar", quello lanciato nel 1947 da Monsieur Christian Dior per il mitico New Look, e reinventato magistralmente oggi dal direttore creativo della maison di Avenue Montaigne, l'italiana Maria Grazia Chiuri.
Un completo perfetto per entrare nella storia delle first lady più chic, sulla scia dell'indimenticabile Jackie Kennedy, con Dior che si riprende lo scettro di impero della bellezza..
Omaggio splendido al paese ospitante e di fresca amicizia questo di Melania che ha surclassato la pur simpatica Brigitte Macron che proprio non vuol sentir parlare di allungare un po' la lunghezza delle sue mises che si ferma, tragicamente, buoni 10 centimetri sopra quelli che chiamiamo con forte senso del realismo "ginocchietti", le sporgenze che raccontano della sua certo invidiabile magrezza segnalando al tempo stesso le "debolezze" dei suoi 64 anni.
Quel robe-manteau bianco sembrava quasi un camice da infermiera, un po' meglio oggi il tailleur blu di Francia indossato col giacchino svelto e giovanile e la gonna dritta, sempre troppo corta specie se associata ad occasioni di rappresentanza di Stato: tutto firmato come sempre dal giorno del l'insediamento come premiere dame di Francia da Louis Vuitton col tocco gagliardo di Nicolas Ghesquiere, come borsa e pump anche per Brigitte tacco 12.  Unica nota comune per le due signore il fatto che sia Dior che Louis Vuitton sono marchi che appartengono entrambi al gruppo LVMH di Bernard Arnault.
Nelle foto e nei video poi si vede sempre Brigitte con mises a mezze maniche non proprio donanti su braccia che inevitabilmente raccontano i dolori dell'età. Molto più saggia Melania sempre vestitissima e con scarse inclinazioni a troppo facili look estivi e scoperti: accollato quanto basta anche l'abito a fiori su sfondo bianco indossato oggi, stretto in vita da una cintura celestiale di gros grain, subito da imitare. Basta andare in merceria e farsi tagliare un bel nastro. A patto di avere come Melania Trump un vitino di vespa.


Melania Trump, nata Melanija Knavs[1] e germanizzata come Melania Knauss (Novo mesto26 aprile 1970), è un'ex modella slovena naturalizzata statunitense 

Brigitte Marie-Claude Trogneux, coniugata Macron (Amiens13 aprile 1953)


In questa mia foto a sinistra, fatta il 20 novembre 2016, avevo compiuto 70 anni 16 giorni prima. Metto la mia foto all'inizio dei miei articoli come si fa nei giornali on-line da quando mio marito, mio severo critico, leggendo qualche volta i miei post, mi disse che non si capiva dove finiva la notizia che riportavo e dove iniziava "la farina del mio sacco". Come si vede ho la fortuna di non avere rughe e questo dipende solo dalla natura, insieme al fatto che non mi sono mai esposta a fare lunghe sedute per avere un'abbronzatura "biscottata" e non mi sono mai truccata pesantemente e frequentemente. Non dimostro i miei anni, mi dicono, ma essi ci sono. Dunque come si possa fare un paragone fra due donne, Melania e Brigitte, quanto ad aspetto fisico, non si capisce. 
Basta leggere la data di nascita di ciascuna per rendersi conto che Melania, per età anagrafica, potrebbe essere figlia a Brigitte.
Ciò nondimeno Brigitte porta molto bene i suoi anni, pur avendo rughe.
Inoltre Melania di mestiere faceva la modella, e questo già dice molto sulla sua statura e sul suo portamento.
Brigitte faceva la professoressa di Letteratura francese, dunque tutt'altro campo di azione. E' piccolina di statura e, fortunata lei, magrissima.
Là dove le osservazioni della giornalista mi trovano d'accordo è sulla scelta di Brigitte, forse mal consigliata o forse per sua scelta, di portare la gonna sempre sopra il ginocchio. Forse teme che, scendendo di qualche centimetro, possa sembrare più vecchia? Non si sa, ma a mio avviso così non sarebbe se la gonna si fermasse appena alla fine del ginocchio, sarebbe più elegante sicuramente. 
Per il resto ha belle gambe e la scelta di scarpe e borsa abbinate agli abiti è perfetta.
Brigitte non potrebbe mai indossare gli abiti di Dior che indossa Melania: ella è una modella e può permettersi tutto. Inoltre, proprio perché è una modella a livello internazionale, ella è bellissima. Qualità che non è richiesta a chi fa l'insegnante come Brigitte. Eppure Brigitte si è potuta permettere un secondo marito, dopo aver divorziato dal primo, tanto più giovane di lei, segno che il fascino non le manca, e il fascino è fatto anche di intelligenza e personalità. 
Melania si è fatta strada con la sua bellezza e, sicuramente, intelligenza, giacché di bellissime finite male è piena la storia anche recente e, dunque, la sola bellezza non basta, anche se mia madre mi ripeteva sempre un detto di mia nonna Giulia Spinetoli: "Chi è bella non è tutta poverella".