Cerca nel blog

lunedì 2 febbraio 2015

Povera piccola vittima: Loris Stival


Da: La Repubblica.it
Loris, c'è una nuova testimone: "Quegli strani dubbi di Veronica"
Raffica di interrogatori in paese. Il racconto inedito della mamma di un compagno del bimbo. Rubati i peluche lasciati sulla tomba. Scoperti profili segreti su Facebook, rogatoria dei pm negli Usa




Diceva alla mamma di un altro bambino. "Ho come un presentimento. Mi sento che Loris a scuola non c'è". Dieci minuti dopo, andando incontro ai primi due compagnetti che varcavano il cancello, quando centinaia di bambini dovevano ancora uscire, Veronica chiedeva con ansia: "Dov'è Loris? C'era oggi a scuola?". Alla risposta negativa, senza neanche andare a cercare la maestra, si rivolgeva al vigile urbano dando l'allarme.



Un dolore composto quello di Davide Stival, acuito dallo sconcertante comportamento dei familiari di Veronica, comparse costanti in tutte le trasmissioni tv in cui alternano versioni sempre diverse dei fatti e delle vicende familiari, e soprattutto dall'amara sorpresa di due giorni fa quando, recandosi al cimitero di Santa Croce, ha scoperto che qualcuno aveva portato via i peluche e i pupazzi lasciati sulla tomba di Loris.


Davide Stival: vittima di un dolore atroce

Il suo piccolo Loris che non c'è più
Spero che quel che ha promesso, il Sindaco del paese dove risiedeva la famiglia distrutta di questo ragazzo così dignitoso e sano, (sano perché non si difende dalla terribile realtà che va via via scoprendo), lo mantenga: dargli un lavoro in modo da poter star vicino al bambino rimastogli..
Viviamo in un mondo di persone squallide, capaci anche di arraffare dei peluche lasciati sulla tomba di un bambino... 

Siete voi colpevoli dell'agire dei vostri fratelli?

Il pudore e il rispetto per il Presidente della Repubblica hanno fatto sì che non sia facile trovare la notizia che Bernardo Mattarella ha avuto 4 figli e non soltanto il nostro Presidente e lo sfortunato Piersanti. Ha avuto 1 femmina e tre maschi di cui Sergio è il più piccolo.
L'altro maschio rimasto si chiama Antonino, detto Nino, ed è laureato anch'egli in materie giuridiche. 
Gira questa notizia, vecchia bisogna dire, che egli prese oltre 20 anni fa un prestito da Enrico Nicoletti, che tutti sanno chi è.
Personaggio legato alla malavita ma anche alle Istituzioni.
Basta ricordare che il Segretario Generale del Comune di Roma, Iozzia, che mi è capitato di conoscere tramite amicizie comuni, presentò Nicoletti al Sindaco Vetere per proporgli l'acquisto del Motel sul Grande Raccordo Anulare dove allocare la sede provvisoria dell'Università degli Studi Tor Vergata. Naturalmente quando venne fuori che Iozzia lo conosceva non mi feci una bella idea di lui... e presi le distanze dalle amicizie che me lo avevano fatto conoscere.
Questo per dire che questo Nicoletti costituiva un trait-d'union fra Istituzioni ed... altro.
Non mi stupisco, dunque, che questo, allora avvocato, Antonino Mattarella abbia potuto conoscere ed accettare (qui è la zona opaca) denaro in prestito da questo soggetto.


Da: Il Fatto Quotidiano di  | 1 febbraio 2015 

Nino Mattarella, il fratello del presidente e i prestiti dall’usuraio Enrico Nicoletti

Quello che secondo molti è stato "il cassiere della Banda della Magliana" prestò 750 milioni di vecchie lire ad Antonino Mattarella. E' quanto emerge dal provvedimento del Tribunale di Roma che nel '95 sequestrò i beni del faccendiere romano

Le colpe dei fratelli non ricadono sui presidenti della Repubblica però è giusto conoscere a fondo la storia delle famiglie di provenienza quando si parla di capi di Stato. Sia nella luce, come nel caso del fratello Piersanti, nato nel 1935 e ucciso nel 1980 dalla mafia, sia nell’ombra, come nel caso di Antonino, nato nel 1937, terzo dopo Caterina (del 1934) e prima del piccolo Sergio, classe 1941. Antonino Mattarella ha fatto affari con quello che è da molti chiamato “Il cassiere della Banda della Magliana” anche se quella definizione è imprecisa e sta stretta a don Enrico Nicoletti, una realtà criminale, come dimostra la sua condanna definitiva perassociazione a delinquere a 3 anni e quella per usura a sei anni, autonoma e soprattutto di livello più alto. Enrico Nicoletti era in grado di parlare con Giulio Andreotti, faceva affari enormi come la costruzione dell’università di Tor Vergata, si vantava di conoscere Aldo Moro, ha pagato parte del riscatto del sequestro dell’assessore campano dc Ciro Cirillo. Ora si scopre che ha prestato, 23 anni fa, 750 milioni di vecchie lire al fratello del presidente della Repubblica. Il Tribunale di Roma nel provvedimento con il quale applica la misura di prevenzione del sequestro del patrimonio di Nicoletti nel 1995 si occupa dei rapporti tra Nicoletti e l’avvocato Antonino Mattarella, cancellato dall’ordine professionale per i suoi traffici.....


Per il seguito si rimanda all'articolo sul Fatto Quotidiano che, bisogna dire, ha dato luogo a commenti critici da parte dei suoi lettori...
Sotto detto articolo hanno pubblicato una lettera di precisazioni del Prof. Antonino Mattarella il quale, fra l'altro, dichiara di aver chiesto egli stesso la cancellazione dall'Albo degli Avvocati per poter fare il Professore a tempo pieno. Cosa che molti professori universitari si guardano bene dal fare. 
Riporto di seguito la lettera del fratello del nostro Presidente della Repubblica:

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
“Presi quei soldi da Nicoletti, ma vi spiego come andò…”
Caro direttore, leggo l’articolo pubblicato in prima pagina (edizione del Fatto Quotidiano di venerdì 30 gennaio) e scrivo per rettificarne i contenuti e
chiedo la completa pubblicazione ai sensi della legge sulla stampa. A prescindere dalla circostanza che mai sono stato “radiato” dall’Albo degli Avvocati dato che si è trattata di una “cancellazione”, tra l’altro in pendenza di una mia esplicita richiesta al riguardo in quanto passato a “tempo pieno” all’insegnamento universitario, vorrete prendere nota di quanto segue: mai sono stato in affari con il Nicoletti. Ciò premesso. I movimenti di assegni segnalati nell’articolo (e altri) avevano origine da operazioni di prestiti a tasso “particolarmente elevato” ricevuti dal Nicoletti, noto operatore del settore (peraltro presentatomi, a suo tempo, da persona al di sopra di ogni immaginabile sospetto: un cancelliere del Tribunale di Roma), in ragione di difficoltà finanziarie nelle quali ero venuto a trovarmi per alcune operazioni immobiliari avviate in società con terze persone, per le quali avevo prestato garanzie personali, a cui ho dovuto far fronte in prima persona, con i proventi della mia attività professionale. Tutti i miei titoli rilasciati al Nicoletti per le operazioni di “prestito” sono stati da me pagati e, comunque, dette operazioni sono tutte successive alle vicende del fallimento Stirpe. Quanto all’immobile cui si fa riferimento, la ricostruzione dei fatti è totalmente errata.
Quando è stato dichiarato il fallimento Stirpe, l’immobile in questione era già nel patrimonio del Nicoletti in quanto lo stesso aveva ottenuto il trasferimento di proprietà prima della dichiarazione di fallimento in compensazione di crediti vantati con il debitore poi fallito. Dopo avere esaminato la documentazione, nella mia qualità di curatore fallimentare, ho ritenuto opportuno proporre il giudizio per l’azione revocatoria, l’esito del quale è stato favorevole al fallimento per cui il bene ritornava nella massa attiva. La difesa del Nicoletti (assistito da professionista di chiara fama) ha proposto appello avverso la decisione di primo grado. Nelle more è stata avanzata una proposta transattiva che prevedeva la rinuncia da parte del fallimento alla sentenza favorevole contro versamento della somma di 150.000.000 di lire, ferma restando la cancellazione dei debiti pregressi dello Stirpe a suo tempo compensati con il trasferimento del bene. La proposta transattiva è stata sottoposta al comitato dei creditori che ha espresso parere favorevole ed è stata approvata dal giudice delegato cui spettava la decisione (e non al curatore).
Quindi il prezzo pagato dal Nicoletti per l’immobile non è stato di 150 milioni, come riportato nell’articolo, ma a questa somma va aggiunto quanto compensato con la precedente operazione di acquisizione del bene prima del fallimento come si potrà accertare dalla documentazione relativa al fallito. Nelle more delle appena citate procedure per la formalizzazione della transazione, il giudizio di appello è andato avanti e rimesso al Collegio per la sentenza. Completate le formalità di approvazione dell’accordo transattivo, il Nicoletti ha versato l’importo concordato. Subito dopo è stata depositata la sentenza d’appello che, in accoglimento del ricorso del Nicoletti, ha rigettato la domanda in revocatoria proposta dalla curatela e accolta in primo grado! In conclusione, se non fosse intervenuta e definita la transazione con l’incasso di quanto concordato, il bene immobile, in seguito alla decisione dell’appello, sarebbe rimasto nella piena proprietà del Nicoletti senza l’esborso ulteriore di 150 milioni ottenuto con la transazione. Posso affermare che sono stato l’unico curatore fallimentare (o uno dei pochi) a proporre una azione revocatoria nei confronti del Nicoletti (nonostante i consigli contrari) e di aver definito con vantaggio per la curatela una vicenda nata da prestiti usurari risolti con acquisizione di un bene (prima del fallimento).
Antonino Mattarella 
La ricostruzione dei fatti è del Tribunale di Roma nell’ordinanza di sequestro dei beni di Enrico Nicoletti. (M.L.)