Cerca nel blog

sabato 17 gennaio 2015

Kostner condannata per non aver denunciato il suo fidanzato

Da questo blog: 21 Febbraio 2014

Ed eccola con il suo fragile amore che sposerà presto..


Invece il "suo fragile amore" non lo è più e non lo sposerà più, dopo averlo difeso e sostenuto nel suo crollo in cui ha ammesso di aver sbagliato.
Alex Schwazer però l'ha messa nei guai raccontando al Tribunale Nazionale Antidoping (Tna) di quando era con lei e lo cercavano per fare l'esame di controllo antidoping. Risultato: è finita anche lei sotto le forche caudine del Tribunale antidoping.
Da: Quotidiano.net

Doping, caso Schwazer: Kostner squalificata per un anno e 4 mesi

Roma, 16 gennaio 2015 - Un anno a e quattro mesi di squalifica per Carolina Kostner. È la sanzione comminata dal Tribunale nazionale antidoping del Coni alla pattinatrice azzurra, per la presunta 'complicità' nel caso di doping dell'ex fidanzato e marciatore Alex Schwazer. La pattinatrice altoatesina ha ricevuto anche mille euro di multa. "Sono molto amareggiata", ha detto commentando il verdetto. "Andrò fino in fondo" ha aggiunto la Kostner che si è sempre detta innocente. Domani partirà per il Giappone per una tournée.
La squalifica parte da oggi. Si tratta di una sanzione inferiore rispetto a quella richiesta dalla Procura antidoping, che già in virtù delle nuove norme, aveva riformulato la richiesta riducendo lo stop da 4 anni e tre mesi a due e tre mesi: ora il tribunale nazionale ha riconosciuto all'atleta solo la violazione dell'articolo 2.9 delle norme sportive e non il 3.3 per i quali era stata deferita, comminando la squalifica di un anno e 4 mesi più la multa.

Kostner "anche giudici hanno capito che non c'entro"

13:40 17 GEN 2015

(AGI) - Roma, 17 gen. - "Ho visto che il Tribunale mi ha assolto dalla contestazione di omessa denuncia e credo che i giudici hanno capito che io con il doping non c'entro niente, ma questo non mi basta. Mi sento ferita e quello che mi infastidisce maggiormente e' che il mio nome possa essere in qualche modo associato al doping, sapendo quanto io sia distante da questa pratica scorretta e sleale, pericolosa per la salute e, soprattutto, contraria allo spirito sportivo". Il giorno dopo la squalifica di un anno e quattro mesi per complicita' e omessa denuncia relativamente alla positivita' all'Epo del suo ex fidanzato, il marciatore Alex Schwazer. "Non ho parole per descrivere la delusione, l'umiliazione e il dolore che provo come atleta e come persona - spiega la pattinatrice gardenese, bronzo alle Olimpiadi di Sochi ed iridata nel 2012, in una nota - Ma ringrazio anche tutte le persone che mi sono state e mi sono vicine ed in particolare la Federazione Italiana Sport del Ghiaccio e il suo presidente Andrea Gios, per l'affetto di cui sento di avere tanto bisogno e che mi dara' la forza per continuare a combattere. Avere tante persone che mi credono mi conforta". Numerosi infatti i messaggi di solidarieta' ricevuti, in particolare dagli atleti e dal pubblico che le e' sempre stato molto vicino, con tanti messaggi trasmessi anche via web attraverso i quali le persone hanno espresso la loro vicinanza alla campionessa. "Questa volta e' veramente dura, ma mi rialzero' come ho fatto in tante altre occasioni" conclude convinta la Kostner. (AGI)

Non è vero niente, abbiamo scherzato...





Da: La Presse
1 gennaio 2015
E' stato pubblicato su YouTube dal canale 'Islamic Sham' un video in cui compaiono due ragazze che dicono di essere Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, le due giovani volontarie italiane rapite in Siria il 31 luglio di quest'anno. Nel video si vedono le due ragazze che indossano un chador nero. Una delle due tiene in mano un cartello con la data: mercoledì 17 dicembre. L'altra ragazza parla, sembra che legga un messaggio scritto in inglese: "Siamo Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, supplichiamo il nostro governo e i suoi mediatori di riportarci a casa prima di Natale. Siamo in grave pericolo e potremmo essere uccise. Il governo e i mediatori sono responsabili delle nostre vite".


Oggi, dal Sole 24 Ore

Greta e Vanessa ai pm: «Cinque mesi difficili ma nessuna violenza sessuale. Mai minacciate di morte»

?

?

?

?

?

?

?

?

Boh??!!

Allora il video è una presa per il culo.

Oppure ci stanno prendendo adesso per il culo.

Da: Formiche.it

A riassumere il sentimento imperante lontano dalla Capitale italiana è Udo Gümpel corrispondente dall’Italia per la tv tedesca RTL, che – in caso fosse stato pagato per davvero un riscatto – in un post su Facebook scrive:Mentre gli ostaggi americani, inglesi e francesi non hanno nessuna speranza, ostaggi di altri paesi (Germania inclusa) possono contare sul denaro pubblico. Denaro dato ai terroristi. Denaro con il quale essi comprano armi, istruiscono i killer di casa nostra, coloro che compiono gli attentati da noi. I Paesi partner dell’Italia sono, per dirla simpaticamente, molto arrabiati con il governo di Roma, non da ora, ma dai tempi della Sgrena“.