Cerca nel blog

mercoledì 2 dicembre 2015

Chaouqui: lobbista o PR... o cosa?

Da: Dazebao News

Professione lobbista. Chi sono e cosa fanno. Intervista a Giuseppe Mazzei

  • Scritto da  


ROMA -  Paese che vai lobbista che trovi. Tempi duri questi per chi ne ha fatto una professione. Giorni di P2, P3, P4 e di dibattito. Chi è un lobbista? Che mestiere fa? Di cosa vive? Dazebao ha incontrato Giuseppe Mazzei, Presidente de “Il Chiostro”, la prima associazione in Italia che li riunisce e che vuol promuovere la cultura, la pratica e la regolamentazione della trasparenza nella rappresentanza degli interessi.
Faccendiere e lobbista: sono la stessa cosa?
Il lobbista  non è un faccendiere. Non si occupa di fare intermediazione di affari né, tanto meno di trafficare in maniera oscura e sottobanco per far lievitare i soldi per sé e per altri, evitando le normali procedure per la conclusione di business.
 Quindi come possiamo definire l'attività di lobbying? 
E’ l’attività di rappresentanza di interessi, profit e non profit, presso coloro che adottano decisioni all’interno dei vari livelli delle istituzioni pubbliche:Parlamento, Governo, Autorità Indipendenti, Pubblica amministrazione, Regioni, Provincie e Comuni. 

Da: Corriere della sera
La Rai annuncia un’intervista esclusiva a Francesca Immacolata Chaouqui, ex membro della Commissione referente di studio e indirizzo sull’organizzazione delle strutture economico-amministrative della Santa Sede  al centro dello scandalo Vatileaks2. E subito scoppia la polemica sull’opportunità di mandare in onda l’intervista a una persona indagata e più in generale sul servizio pubblico. L’affondo della Bonaccorsi - Ad annunciare l’intervista è stato l’ufficio stampa della trasmissione Ballarò condotta da Massimo Giannini, nel corso della quale appunto è stato previsto il servizio sulla Chaouqui. «È opportuno che la lobbista Francesca Chaouqui, coinvolta in indagini non soltanto in Vaticano ma anche della Procura di Roma, venga intervistata in diretta e senza controparte, in prima serata in una rete del servizio pubblico come Raitre, nel pieno delle indagini, tuttora in corso? Quale è l’idea editoriale dietro ad un’operazione del genere della trasmissione Ballarò?». È quanto chiede la deputata e componente della Vigilanza Rai Lorenza Bonaccorsi, responsabile Cultura della segreteria nazionale Pd. «Di fronte a una storia torbida costellata di presunti ricatti - prosegue la deputata Dem - veleni, documenti definiti riservati ma che finiscono puntualmente sui giornali, insulti e accuse, viene da chiedersi quale sia l’idea di servizio pubblico che sta dietro la messa a disposizione di uno spazio come quello dell’approfondimento della prima serata di Raitre per un personaggio discusso, che ha tutto il diritto di difendersi ma nelle sedi giudiziarie. Sarebbe poco comprensibile - avverte - se il servizio pubblico corresse il rischio di divenire la tribuna per veleni e accuse in diretta tv, che non avrebbero nulla a che fare con l’informazione».?
Francesca Immacolata Chaouqui, a Ballarò ieri 1 dic. 2015
Massimo Giannini se ne è infischiato alla grande del parere del PD e ha mandato in onda l'intervista a questa discussa ed indagata signora, definita da un giornalismo confuso ora "lobbista" ora "pr" e, addirittura, "bella".  
Il vero giornalismo a mio avviso dovrebbe chiarire le idee alla gente e COMUNICARE.
Invece assistiamo a frasi buttate là con definizioni che nemmeno la gente acculturata sa cosa vogliano dire, oppure a commenti sorprendenti, del tipo appunto "bella" ad una donna che a molti appare decisamente brutta. Il giornalista non deve esprimere i suoi personali gusti, che possono anche ritenere "bella" una simile faccia, ma al massimo scrivere "piacente" di fronte ad una simile fisionomia..
Ma la cosa più sorprendente è la professione che viene attribuita a questa strana persona: "lobbista" o "pr"...
Ma cosa sono codesti mestieri?
L'articolo di Dazebao News cerca di chiarirlo lasciando però non poche perplessità su questa indefinibile professione: con la scarsezza di lavoro anche per persone laureate, superspecializzate in varie discipline, codesta donna giovane assurge ad un posto ambito e lei stessa dichiara di non sapere chi l'ha segnalata. Mentre in altri articoli viene detto che sarebbe stata una signora nobile a segnalarla in Vaticano.
Già qui siamo fuori dagli schemi della realtà quotidiana dove tutti noi ci muoviamo. E quando si è fuori vuol dire che c'è tanto di nascosto e di non detto.
La definizione di "pr", letta in alcuni articoli, rimanda a Pubbliche Relazioni: cioè il NULLA. Chi è uno che si occupa di Pubbliche Relazioni? Qualsiasi lavoro comporta avere rapporti fra le persone, a meno che uno non faccia il guardiano notturno.. Questi mestieri inventati del nostro tempo sono indefinibili ed indefiniti: mettere in relazione, in rapporto, far incontrare persone che debbono concludere affari si potrebbe benissimo definire con l'antica parola SENSALE. 

Questi fumosi sensali vogliono darsi un tono e guai a chiamarli "faccendieri", trista parola venuta fuori con il caso IOR, Calvi e l'inchiesta Mani pulite... Ricordate Carboni? Ora rispunta pure Bisignani... E sempre vengono fuori le varie P1, P2... ecc. riferite a Logge massoniche.
Là dove non c'è chiarezza c'è melma.