Cerca nel blog

giovedì 6 aprile 2017

Rocca di Papa: un esempio per tutti

DA: Il Caffe' TV

SALATA SANZIONE PER I CITTADINI INCIVILI

Rocca di Papa: abbandonano rifiuti nell'area protetta del Parco, multati



Rocca di Papa, gli agenti della polizia locale diretti dal comandante Sergio Ierace, proseguono i controlli e la lotta contro gli abbandoni indiscriminati di rifiuti nel vasto territorio comunale. Nella giornata di ieri gli agenti municipali hanno identificato alcuni inquinatori che abbandonavano rifiuti in un'area protetta adiacente alla zona dei Pratoni del Vivaro, all'interno del Parco Regionale dei Castelli Romani.  L'area è stata bonificata e ripulita dagli addetti della ditta incaricata dai numerosi rifiuti e sacchi di immondizia presenti. Con questi ultimi 3 inquinatori identificati sono saliti a 25 i cittadini multati per l'illecito abbandono di rifiuti in aree protette e in altre zone rurali del paese. L.S.

Dopo Montecompatri, di cui parlai un po' di tempo fa, anche Rocca di Papa si muove applicando la Legge.
Il bosco che, partendo dal territorio comunale di Rocca Priora, ricopre la collina di Colle Iano di castagni e bei fiori di sottobosco è sotto la giurisdizione di Rocca di Papa. In passato feci delle foto ai rifiuti e li inviai all'Amministrazione di quel comune: hanno ripulito, ma ora è di nuovo un fiorilegio di immondizia sparsa lungo tutti i cigli della bella strada che si inerpica verso le prime case di Rocca di Papa. Bestie Umane lasciano i loro sacchetti dei rifiuti lungo la strada i quali, lacerandosi, spargono il loro contenuto ad imbruttire il paesaggio. Ad un'ampia curva oggi c'era anche un elettrodomestico abbandonato sopra mucchi di potature di siepi di giardini che potevano essere portati all'isola ecologica... In quel punto non sarebbe male mettere una telecamera in alto, come fece l'Amministrazione di Montecompatri, beccando l'inquinatore abituale di un punto che, evidentemente, lo ispirava... Quella curva invita le Bestie Umane a scaricare i loro rifiuti: le foto che feci io testimoniano la presenza di cessi e pneumatici in passato.. Tali foto non mi limitai ad inviarle a chi di dovere, ma sono pubblicate su questo blog con Etichetta Ambiente.