Cerca nel blog

sabato 6 dicembre 2014

Calunnia e prescrizione

Cassazione nel 2008: Franzoni assassina lucida e cosciente

Samuele si difese ma lei non si fermò, niente sconto di pena

19 aprile 2011

di Margherita Nanetti
ROMA - Fu Anna Maria Franzoni - e non puo' essere stato nessun altro in base alla ''prova logica'' e alla verita' emersa dalla studio dei tracciati del sangue - ad uccidere, con ''razionale lucidita' '' il figlioletto Samuele di tre anni e due mesi, la mattina del 30 gennaio 2002, dopo che Davide il figlio piu' grande era uscito di casa e l'aspettava per prendere lo scuolabus. Forse un ''capriccio'' del bimbo ha scatenato la reazione della madre.E' questa la ricostruzione del delitto di Cogne fatta dalla Cassazione nelle 50 pagine di motivazione in base alla quale, il 21 maggio 2008, ha confermato la condanna a 16 anni di reclusione (30 in primo grado) emessa il 27 aprile 2007 dalla Corte di Assise di Appello di Torino.
Quella mattina - secondo la Suprema Corte, che ha sposato in pieno le conclusioni dei giudici di merito - Anna Maria indossava i pantaloni del pigiama e la casacca al contrario, con gli zoccoli ai piedi. Il crimine e' avvenuto qualche minuto prima delle otto e sedici minuti, quando la donna raggiunge il primogenito.
La casa e' rimasta vuota solo per otto minuti: troppo pochi perche' uno sconosciuto entri in casa indossi il pigiama, colpisca furiosamente, e si rivesta dileguandosi. Almeno 17 colpi di un utensile a manico lungo, forse di rame, sono stati inferti al piccolo che si e' difeso proteggendosi con le manine. E' rimasto agonizzante almeno cinque minuti o forse addirittura 17, mentre la madre cancellava le tracce della sua colpa e preparava gia' la linea di difesa. Non senza contraddizioni e bugie.
ATTENZIONE MEDIA VOLUTA DA FRANZONI NON LE HA NUOCIUTO - L'ampia ''attenzione mediatica'' rivolta al processo di Cogne e' stata in ''larga parte ricercata, propiziata ed utilizzata dalla stessa Franzoni'' e mai i riflettori la hanno danneggiata. Anzi, i media hanno prodotto ''l'esaustivita' delle indagini espletate''.
DELITTO COMPIUTO CON RAZIONALE LUCIDITA' - Nessuno stato di coscienza alterato offuscava la Franzoni mentre colpiva Samuele e la donna e' ''pienamente imputabile''. Infatti ha compiuto ''atti preordinati alla propria difesa, primo dei quali l'eliminazione o la ripulitura dell'arma del delitto''. Gesti interpretabili come ''sintomo di non interrotto contatto con la realta' e inalterata coscienza nonche' di razionale lucidita'''.
IL MOVENTE, UN CAPRICCIO DI SAMUELE - ''L'assenza di sicuri elementi di prova circa le ragioni che innescarono la condotta dell'imputata non ha consentito di formulare ipotesi, supponendosi che la donna abbia reagito a qualche capriccio del bambino ed abbia agito in preda ad uno stato passionale momentaneo''. La Franzoni nutriva (ingiustificate) preoccupazioni per la crescita di Samuele, pensava che avesse la testa grossa.
NIENTE SCONTI PER EFFERATEZZA CRIMINE - La mamma di Samuele non merita ulteriori riduzioni di pena, si e' gia' tenuto conto della concessione delle attenuanti per il suo stato d'ansia ma la ''natura del reato'' e ''le modalita' particolarmente efferate del gesto criminoso (numero e violenza dei colpi, almeno 17, reiterati nonostante il tentativo di difesa compiuto dalla vittima, testimoniato dalle lesioni riscontrate sulla sua mano sinistra)'' non lasciano spazio ad ulteriore clemenza
Da: Torino Oggi
31 Marzo 2014
Torino: Cogne bis, accusò il vicino dell’omicidio del figlio, prescritto reato Franzoni


Annamaria Franzoni non può essere perseguita per calunnia nell'ambito del processo Cogne Bis. La decisione è stata presa dalla Corte d'Appello di Torino nell'ambito del procedimento parallelo a quello dell'omicidio del piccolo Samuele, legato a un tentativo di inquinare le indagini. La donna, infatti, nel 2004 accusò un vicino di casa, Ulisse Guichardaz, della morte del figlio. Quell'accusa di calunnia le costò in primo grado una condanna a un anno e quattro mesi. Ora però il reato risulta caduto in prescrizione.

La Corte d'Appello di Torino ha dichiarato non perseguibile, sempre per l'avvenuta prescrizione, Eric Durst, consulente della difesa nel processo Cogne accusato di avere falsificato le prove nel corso del procedimento. I magistrati hanno disposto il rinvio degli atti alla procura per un altro consulente della difesa, Enrico Manfredi, adducendo che l'archiviazione disposta nei suoi confronti è stata errata.

Anche nei suoi confronti, in ogni caso, sono scaduti i termini per la prescrizione dell'eventuale reato. La Franzoni, che sta scontando 16 anni di carcere per l'omicidio del figlio, ora spera di ottenere la detenzione domiciliare dopo essere stata ammessa a un lavoro esterno in una coop sociale. Oggi non era presente in aula.
Diritto
La prescrizione, quindi, determinando l’estinzione non solo della pena ma del reato stesso, priva il giudice penale del motivo fondante l'esercizio della sua giurisdizione. Nonostante ciò, il legislatore ha introdotto talune eccezioni in vista di esigenze di tutela dei diritti fondamentali della persona oggetto di lesioni patrimoniali e non, in seguito alla commissione dei reati. In particolare, ai sensi dell’art. 578 c.p.p., nella ricorrenza di talune condizioni, l’attività processuale penale potrà spiegare i suoi effetti nonostante l’evenienza di una causa estintiva del reato; tali condizioni sono: una pronuncia di una condanna in primo grado e la presenza in giudizio della parte civile. La giurisprudenza di legittimità ha costantemente sostenuto la necessità della ricorrenza di entrambe le suindicate condizioni, dichiarando che è illegittima la condanna dell'imputato al risarcimento dei danni in favore della parte civile pronunciata, in appello, come effetto della declaratoria di sopravvenuta estinzione del reato per prescrizione con la quale il giudice di secondo grado abbia riformato, su impugnazione del Pubblico Ministero, la sentenza di assoluzione di primo grado, in quanto la decisione sulle restituzioni e sul risarcimento del danno può essere adottata solo nel caso in cui, nel precedente grado di giudizio, sia stata affermata, con la sentenza di condanna, la responsabilità dell'imputato (Cass., Sez. 5, 11 marzo 2005 - 27 aprile 2005, n. 15640, CED 232133). L'istituto disciplinato dall'art. 578 c.p.p. ha, invero, la finalità di evitare, quando vi sia stata condanna dell'imputato in primo grado e si verifichi l'estinzione del reato per prescrizione o per amnistia in grado di appello, che, in assenza di una impugnazione della parte civile, il capo della sentenza relativo alla azione risarcitoria acquisti efficacia di giudicatoIn tale ipotesi, afferma la Consulta, il giudice dell'appello, nel prendere atto di una causa estintiva del reato verificatasi nelle more del giudizio di secondo grado, è comunque tenuto a pronunciarsi sull'azione civile.
I tragici casi del piccolo Andrea Loris Stival e quello che sta emergendo dalle indagini e dalle prove che gli inquirenti stanno via via acquisendo, le bugie evidenti della madre della piccola vittima, sconfessate da prove strumentali, fanno tornare in mente il caso della madre assassina di Cogne, dichiarata tale da tre gradi di giudizio.
Quello che mi colpisce è il tentativo della madre della vittima di scaricare su altri sospetti inventando di averlo condotto a scuola, inscenando la scoperta di non trovarvelo all'uscita, il dare alle maestre, in visita pietosa in casa di una madre distrutta, "le fascette da elettricista che suo figlio aveva usato a scuola per fare dei lavorini".
Anche qui, come nel caso Franzoni, l'azione calunniosa non è andata a buon fine giacché le maestre, stupite, hanno detto che simili oggetti non erano mai stati usati a scuola perché pericolosi.
Mi colpisce la calunnia, anche se so che questo è normale da parte di certe coscienze per distogliere da sé la colpa o i sospetti di essa. Qualunque colpa. E' un meccanismo psicologico tanto più presente quanto più la psicologia di chi lo attua è malata e distorta.
Per questo mi colpisce che la Franzoni l'abbia sfangata, grazie alla solita prescrizione "libera tutti", riguardo le accuse contro il povero vicino di casa Ulisse Guichardaz. Mi chiedo se, nonostante questo vergognoso istituto, il povero calunniato possa almeno richiedere comunque un risarcimento danni. Non sono un avvocato e ho tentato di capire, nelle more di quanto sopra riportato riguardante il Diritto, se essendo stata dichiarata colpevole in primo grado e prescritta in secondo grado il giudice si sia pronunciato sull'azione civile. Sempre che il povero Ulisse Guichardaz si sia costituito parte civile in primo grado.. o stanco e distrutto da una simile orrenda vicenda in cui è stato, suo malgrado, tirato a forza, vi abbia rinunciato per ritrovare la sua serenità rinunciando ad avere Giustizia. 

Squallore

Da: Quotidiano.net

Droga e autoerotismo, Lapo ricattato. "Dammi i soldi o vendo il filmato"


Milano, 6 dicembre 2014 - Chi è quel biondo che in un primo pomeriggio di piena luce dell’aprile milanese svicola e si acquatta tra le auto in sosta, tentando di nascondersi, seminudo, solo giacchetta e plaid avvolto in vita? Lapo Elkann? Possibile? Lapo, erede di dinastia industriale che, di nuovo, lo scorso aprile si infila da vittima predestinata in un’altra storia di ricatti subiti, per coprire - simbolo quella copertina foglia di fico - scelte di vita avventurosa, non in linea col bon ton di stirpe.
Lapo, classe 1977, ancora vittima sia di ricatti subiti che di ricatti interrotti. Il suo svicolare in déshabillé tra le auto, per motivi che nessuno sa, è l’avvio di una storia appena sbarcata davanti al giudice delle 
indagini preliminari, Stefania Pepe, chiamata a convalidare un arresto in flagranza di reato, martedì al Four Season di Milano, e ordinato dal pm Giancarla Serafini. L’arresto di un giovane cameriere di una cooperativa, 31 anni, E.B., incensurato, assistito dall’avvocato Antonio Nebuloni, che quell’incontro casuale e allucinato tra le auto in sosta, ha trasformato in un estorsore. Beccato con tanto di busta in mano – che avrebbe dovuto contenere il denaro pattuito a 90mila euro – appena ricevuta da un uomo di fiducia di Lapo, Nelson Shawn, e nella cornice pregiata dell’hotel extralusso. Il cameriere è arrestato, il fratello (F.B.) è indagato; e dalle retrovie di una stangata di famiglia ai danni di Elkann fa capolino la figura del solito fotografo, ex Vallettopoli, ex scuderia Corona, il Fabrizio Bicio Pensa che non ha mai perso il vizio (dai tempi di Trezeguet) di monitorare i vizietti dei vip.
È un pomeriggio di aprile. I fratelli passano, vedono l’uomo che fa capolino seminudo. Così dicono. Lo riconoscono. Si fermano, gli chiedono se ha bisogno di aiuto. E inizia la storia. In auto fino alLapo Elkann (Imagoeconomica)quartiere Niguarda, dove i due abitano con i genitori. L’appartamento è vuoto, si sale conl’ospite improvvisato che – dirà l’arrestato – «tira fuori un grosso sasso, cocaina». Il pomeriggio passerebbe così, in uno sballo in bilico fra «droga ed autoerotismo», ma con quel buon margine di lucidità che consente a uno dei fratelli, F., di filmare, non visto. A interrompere il pomeriggio di Niguarda è la madre dei ragazzi che rientra in casa: così Lapo è rivestito con una tuta, un cappellaccio perché mamma non lo riconosca, e trasferito in un appartamento a Cinisello, sempre più hinterland. Poco prima di mezzanotte la festa finisce. Saluti, scambio di numeri di telefono, a Lapo vien pagato un taxiper il ritorno a casa, pieno centro, terrazzata piazzetta Borromeo.
Fine dell’avventura? Macché. Qualche giorno dopo il cameriere richiama l’industriale, si aspetta un segno di riconoscenza. E a stretto giro questa arriva con uno sfolgorante pallone della Juve, col valore aggiunto degli autografi a tutto tondo dei calciatori. Bel pensiero, ma più che soddisfare, irrita i fratelli.Che, con quel video di cui Elkann non sa, contattano ‘Novella 2000’: la direzione si dice non interessata, e anzi consiglia di distruggere. Ma, tempo 48 ore, il cameriere riceve una telefonata dallo stesso Lapo, e inizia la contrattazione. Il ricattatore vuole 50 mila, si transa a 30 mila. Lo scambio in un alberghetto di piazza Lima, zona Loreto. A portare il denaro è il maggiordomo, Nelson, che, alla consegna sottopone una scrittura privata con cui fissa, se mai venisse diffuso il video, una penale di 300 mila euro. Parrebbe finita qui, non lo è. Qualche mese dopo, tra discoteche e giri di vita il cameriere incontra il Bicio Pensa delle foto border line, cui racconta la storia. E da cui riceverebbe la prognosi – da tecnico di genere – di aver tirato su un decimo di quanto avrebbe potuto. Così si comincia a sognare 350 mila euro in cambio di discrezione.
Questa volta il contatto avuto con Bicio e con un’agenzia è in direzione di ‘Chi’ e del suo direttore Alfonso Signorini, che prende tempo, e fissa un appuntamento. Ma molto prima arriva la telefonata di Nelson: protesta, contratta e fa scendere la posta da 350 a 90 mila. Appuntamento, martedì 2 dicembre, al Four Season. Ci sono il cameriere, Nelson che fa da esca, e dietro, chiamata da Elkann, la polizia.
di MARINELLA ROSSI

Continua la saga dello squallore di Lapo Elkann, a riprova che non c'è denaro e famiglia prestigiosa che tengano di fronte alla deriva mentale di questa persona.
Nonostante i giornali compiacenti e la Fondazione Italia-USA cerchino di incensare questa figura umana nel tentativo inutile di coprire quello che veramente è: una persona con seri problemi psichici, meritevoli di pietà, se non fosse che i soldi e il prestigio della famiglia cercano di creare un cuscino protettivo intorno a lui, ottenendo per questo non pietà ma scherno dalla gente.  

Da questo blog: 6 febbraio 2014 "Meredith e la cittadina americana Amanda" (la Fondazione Italia USA è non-profit e gode di contributi pubblici ed ha aiutato Amanda Knox a tornarsene negli USA senza attendere la sentenza della Cassazione, che è stata poi a lei sfavorevole...).  La Knox e Sollecito Condannati in primo grado sono stati poi assolti, e quindi scarcerati, in appello dai giudici del capoluogo umbro. Sentenza quest’ultima annullata in Cassazione che per questioni procedurali ha disposto un nuovo processo a Firenze al termine del quale i due ex fidanzati sono stati di nuovo condannati a 26 e 28 anni di carcere. Fonte: ANSA


Cose che fa la Fondazione che gode dei nostri contributi pubblici:


Alla Camera dei Deputati il Premio America della Fondazione Italia USA
La cerimonia di conferimento del Premio America,promosso dalla Fondazione Italia USA, si terrà a Roma il 6 ottobre 2011, alle ore 17, presso la Camera dei Deputati, Sala delle Conferenze di Palazzo Marini, con l’adesione del Presidente della Repubblica Italiana, on. Giorgio Napolitano. I premiati per l’edizione 2011 sono: Laura Biagiotti, stilista, Lapo Elkann,....

...cercate i meriti di Lapo Elkann sul WEB... io non ne ho trovati.