Cerca nel blog

giovedì 25 settembre 2014

Economia stravolta

Un commento saggio preso dal Blog di Beppe Grillo:

BANCHE
Nei mercati l’accumulazione del valore monetario dipendeva dalla produzione industriale di beni e servizi (secondo la formula Denaro-Merce-Denaro). Oggi gli speculatori (con l’utilizzo di algoritmi e una finanza creativa-virtuale) gestiscono un sistema di accumulazione particolare in cui il Denaro produce Denaro senza dover passare attraverso la produzione di alcunché; creazione fittizia di denaro. Ma ricordando che nulla si crea e nulla si distrugge, tutto si trasforma. Il risparmio fonte di sudore, di lavoro, di sacrifici , il risparmio reale con i meccanismi matematici viene spostato nelle caselle virtuali e piano piano , talvolta anche molto velocemente esso cambia di tasca. Lasciando ai risparmiatori tasche vuote e futuro incerto. Il risparmio quale ammontare per i periodi di crisi , per la vecchiaia o per mandare a scuola un figlio sparisce come le puntate fatte sul gioco delle tre carte.
Le banche tornino a fare da supporto all’economia reale utilizzando la liquidità nei settori di produzione e di consumo, prendendo le distanze dai prodotti derivati-mutui sub-prime ecc. 
Alla Banca Centrale Europea deve essere chiesto di far scendere il tasso di sconto allo 0,10% e di riallineare l’Euro in rapporto ai parametri

O Masiero 25.09.14 14:07| 

Cultura storica e presenzialismo senza concretezza

Gentile redazione,

inviamo in allegato il comunicato dell'Associazione Nuovi Castelli Romani sull'evento di sabato 13 settembre a Castel Gandolfo,

cordiali saluti,

Ufficio Stampa




Si è tenuto lo scorso 13 settembre, presso la cripta della Chiesa della Parrocchia di San Tommaso da Villanova a Castel Gandolfo, il convegno approfondimento sulla figura di Santa Teresa D'Avila. L'evento organizzato dall'Associazione Nuovi Castelli Romani si è inserito nel tradizionale omaggio che l'associazione, ormai da sette anni, fa al Pontefice. Quest'anno l'omaggio è stato rivolto a Papa Francesco, scegliendo di incentrare l'attenzione su Santa Teresa D'Avila, in occasione dei cinquecento anni dalla sua nascita. Verso la figura della Dott.ssa della Chiesa iberica inoltre sarà incentrato tutto il prossimo anno ecclesiastico a lei dedicato. Durante il convegno è stato disegnato dai vari ed autorevoli relatori, un viaggio all'interno del contributo intellettuale che Teresa D'Avila ha fornito alla Chiesa ed alla riflessione filosofica e teologica, tra cui il suo contributo alla riforma dell'Ordine Carmelitano, presente al convegno con una sua rappresentanza, tra gli altri. Omaggio a Teresa D'Avila è stato fornito anche attraverso l'esposizione di alcune opere del Maestro Guadagnuolo, facenti parte di una sua prossima mostra.
Numerose le autorità civili ed istituzionali presenti: dal Sindaco di Castel Gandolfo Milvia Monachesi, padrone di casa, al Sindaco di Nemi Alberto Bertucci, al Presidente del Parco dei Castelli Romani Sandro Caracci. Suggestivo in particolare il connubio ed il filo conduttore che ha visto i Comuni di Nemi e Castel Gandolfo, i comuni dei due laghi, a simboleggiare un ideale abbraccio dei Castelli Romani, verso una vicinanza ai temi dell'approfondimento culturale che sono segno distintivo di questo territorio e dell'attività dell'Associazione Nuovi Castelli Romani, da anni impegnata su questo fronte.

Do volentieri spazio a questo dotto convegno anche se, come più volte ho ribadito in questo blog, mi è molto difficile credere che ci sia un Dio che abbia messo l'animale intelligente Uomo al centro della Creazione, come invece credono molte religioni, fra cui quella Cristiana Cattolica.

Chiedo, invece, al Presidente del Parco dei Castelli Romani Sandro Caracci come vengono spesi i fondi in dotazione a codesta Istituzione?
Cosa esattamente fa per tenere puliti e decenti i boschi che fanno parte di tale Istituzione?
In tempi recenti ho tentato di segnalare a chi girava con pick-up con le insegne di detta Istituzione il degrado del bosco di Colle Iano, ad esempio, avendolo incrociato più volte transitante proprio nella strada che attraversa tale bosco. Mi è sembrato molto strano che dovessi segnalare io i rifiuti scaricati in vari punti, visto che gli occhi li aveva anche il dipendente stipendiato che guidava la Vs. auto, di cui i contribuenti pagano il carburante ed il resto.
Ho ripetuto la segnalazione anche agli indirizzi e-mail sul sito web del Parco Regionale dei Castelli Romani: chissà se qualcuno l'ha mai letta?
Forse certe Istituzioni, mantenute da noi tutti contribuenti, servono solo a far presenziare le sue cariche ad edificanti convegni?

Luigi De Magistris: vergognosa sentenza

L'ho conosciuto a Vasto quando credevamo entrambi che Antonio Di Pietro fosse quello che non è.
Lui è sicuramente un persona perbene e l'ha dimostrato, come ho narrato in questo blog ma come hanno scritto anche tanti giornali, chiedendo e richiamando il fondatore di Italia dei Valori sulla questione morale del partito.
Questa sentenza, che dicono non si dovrebbe commentare ma che io commento definendola vergognosa, serve solo a togliere nei cittadini italiani quel poco di fiducia che ancora hanno nelle Istituzioni che, ricordiamolo sempre, sono fatte di uomini e sappiamo che non tutti hanno la schiena dritta ed il cervello scevro da inquinamenti.
Questa sentenza mi porta a ribadire quello che ho scritto molte volte: quello che ripeteva sempre Antonio Di Pietro, e cioè "che bisogna avere fiducia nei magistrati", è una affermazione ipocrita come molte cose che lo riguardano.
Anche Luigi De Magistris era un magistrato, ma sicuramente diverso dall'ex-magistrato che non ha saputo mantenere fede ad un'Italia veramente di Valori. 
I signori politici sono intoccabili, come molte categorie in questo Paese, e se ci sono privilegi intoccabili, che riguardino i soldi pubblici che si sono votati in modo da intascarne tanti o che riguardino le verità nascoste che non vogliono far sapere, vuol dire che siamo sempre lì: "nobili", "prelati" e terzo stato che siamo noi tutti toccabilissimi, insomma una società pre-rivoluzione francese.
Ora, secondo la giudice che lo ha condannato, De Magistris dovrebbe "andare per stracci", come diciamo a Roma, per pagare "i danni" a questi magnifici politici, gente come Rutelli, Mastella... per essere stati intercettati su utenze telefoniche intestate a società (di comodo?) o ad altro, non bastandogli quello che gli paghiamo per telefonare con utenze a spese dello Stato.. Quei numeri, come spiega bene l'articolo del Fatto Quotidiano che riporto qui sotto, erano nell'agenda di un inquisito per traffici certo non leciti. Personalmente io, (e non solo io), metterei in galera tutti i politici per il solo fatto che rispondevano su quei telefoni nebulosamente intestati.
Guai a toccare gli Intoccabili, ci sarà sempre qualche giudice che ve la farà pagare: RICORDO CHE C'E' STATO UN REFERENDUM POPOLARE IN CUI, CON UNA PESANTE MAGGIORANZA, IL POPOLO ITALIANO (TERZO STATO O PLEBE FATE VOI) HA DETTO CHE I GIUDICI DEBBONO RISPONDERE CON LA LORO RESPONSABILITA' CIVILE DEI LORO ERRORI.
Basta con l'interpretazione della legge a modo "come gli pare"! Lo dimostra anche questa sentenza uscita nonostante che il PM, magistrato anche lui, avesse detto tutt'altra cosa!!
Le Leggi sono lì ma questi signori magistrati le interpretano ad personam. Questo dà loro una discrezionalità mostruosa, distorcente a mio avviso la stessa Costituzione Italiana in diversi suoi articoli che non sto qui a ricordare: basta rileggere la Carta Costituzionale. 

Why Not, condannati de Magistris e Genchi. Il sindaco: “Errore giudiziario”

Il pm di Roma Roberto Felici - il 23 maggio 2014 - aveva chiesto l'assoluzione per l'ex magistrato e la condanna per il consulente. Cuore del processo l'acquisizione di utenze di alcuni parlamentari. Una vicenda che risale al 2006 quando l'attuale primo cittadino era pubblico ministero a Potenza, titolare dell'inchiesta Why Not. È stato anche disposto il risarcimento danni materiali e morali dei parlamentari che si videro sequestrare i tabulati telefonici

Why Not, condannati de Magistris e Genchi. Il sindaco: “Errore giudiziario”
Il rinvio a giudizio per l’affaire Why not e l’acquisizione di tabulati telefonici di politici e parlamentari, tra il 2006 e il 2007, era arrivato il 21 gennaio 2012. L’ex pm, oggi sindaco di Napoli Luigi de Magistris è stato condannato, a Roma, ad un anno e tre mesi di reclusione a conclusione del processo. Stessa condanna per il consulente informatico Gioacchino Genchi. Tra i numeri analizzati da quest’ultimo finirono l’allora ministro di Giustizia Clemente Mastella (indagato in Why Not e prosciolto dopo la sottrazione del fascicolo a de Magistris), il deputato Francesco Rutelli, il senatore Giancarlo Pittella, i deputati Beppe Pisanu (ex ministro dell’Interno di un governo Berlusconi), Marco Minniti, Antonio Gentile, Sandro Gozi. Per un breve periodo fu indagato, come atto dovuto, anche l’ex premier Romano Prodi, poi archiviato. 
Il pm aveva chiesto l’assoluzione per l’ex magistrato. Il pm di Roma Roberto Felici – il 23 maggio 2014 – aveva chiesto l’assoluzione per l’ex magistrato: ”Chiedo l‘assoluzione per Luigi de Magistris perché il processo ha dimostrato che non era a conoscenza che stesse compiendo atti illeciti”. Per Genchi invece era stata sollecitata una condanna ad un anno e sei mesi di reclusione. Cuore del processo l‘acquisizione di utenze di alcuni parlamentari. Una vicenda che risale al 2006 quando l’attuale primo cittadino era pubblico ministero a Catanzaro, titolare dell’inchiesta Why Not.
I due imputati sono accusati di abuso d’ufficio per aver acquisito le utenze senza le necessarie autorizzazioni parlamentari, diProdiRutelliMastellaMinniti e Gentile. Nel corso della requisitoria, il pm Roberto Felici aveva spiegato come pur essendo stato de Magistris a dare “carta bianca ” al suo consulente tecnico, indagando sui contatti trovati nell’agenda di Antonio Saladino (un imprenditore indagato) fu Genchi a trasformarsi in “dominus” dell’inchiesta e a disporre non solo i decreti di acquisizione degli atti, poi firmati dal magistrato. Per l’accusa Genchi arrivò a scegliere i nominativi, con le utenze telefoniche, di chi doveva entrare a far parte dell’inchiesta. La difesa, invece, sosteneva che i tabulati erano stati acquisiti ignorando chi utilizzasse quei telefoni visto che le utenze, in molti casi, erano intestate a società e terze persone. Di fatto si indagava su utenze delle quali non potevano sapere a priori le intestazioni. Scoperte, per l’appunto, soltanto dopo l’acquisizione dei tabulati e delle notizie richieste alle compagnie telefoniche.
Disposto il risarcimento per gli onorevoli di cui erano stati acquisiti i tabulati. Un modus operandi che, secondo il pubblico ministero, rappresentava “una violazione e una indebita intrusione nella vita privata” dei parlamentari. Per il pm capitolino, in sostanza, il sindaco di Napoli ebbe un ruolo secondario nella gestione dell’indagine e dagli esiti processuali emerge che non fosse a conoscenze che quelle utenze si riferivano a parlamentari in carica. Nel chiedere l’assoluzione il pm, riferendosi a de Magistris, ha affermato di “non apprezzare quelli che erano i suoi metodi, la sua ansia ed euforia investigativa e l’uso eccessivo di strumenti come le perquisizioni. Non ho trovato elementi, però, – aveva detto Felici – per dire che lui fosse a conoscenza che si stava commettendo un illecito acquisendo quei tabulati”. Il Tribunale, presieduto da Rosanna Ianniello, però non ha accolto la richiesta della Procura e ha emesso un verdetto di condanna per entrambi gli imputati. Il giudice, pur concedendo le attenuanti generiche ha inflitto anche l’interdizione per un anno dai pubblici uffici. La pena comunque è stata sospesa ed è stata disposta la non menzione nel casellario giudiziario. È stato anche disposto il risarcimento danni materiali e morali dei parlamentari che si videro sequestrare i tabulati telefonici. Si tratta degli onorevoli Sandro Gozi, Romano Prodi, Marco Minniti, Clemente Mastella e Giancarlo Pittelli, dei senatori Francesco Rutelli e Antonio Gentile. In via provvisionale il Tribunale ha stabilito un risarcimento danni di 20mila euro ciascuno per questi personaggi presenti nel processo come parte civile.
Luigi de Magistris: “Ho subito la peggiore delle ingiustizie”. “La mia vita è sconvolta, ho subito la peggiore delle ingiustizie. Sono profondamente addolorato per aver ricevuto una condanna per fatti insussistenti. Ma rifarei tutto, e non cederò alla tentazione di perdere completamente la fiducia nello Stato” dice Luigi de Magistris dopo la condanna. ”In Italia, credo, non esistano condanne per abuso di ufficio non patrimoniale. Sono stato condannato per avere acquisito tabulati di alcuni parlamentari, pur non essendoci alcuna prova che potessi sapere che si trattasse di utenze a loro riconducibili. Prima mi hanno strappato la toga, con un processo disciplinare assurdo e clamoroso, perché ho fatto esclusivamente il mio dovere, dedicando la mia vita alla magistratura, ed ora mi condannano, a distanza di anni, per aver svolto indagini doverose su fatti gravissimi riconducibili anche ad esponenti politici. Non avendo commesso alcun reato, ho la speranza che si possa riformare, in appello, questo gravissimo e inaccettabile errore giudiziario“, sottolinea ancora de Magistris.
“La mia vita è sconvolta e sento di aver subito la peggiore delle ingiustizie, ma non cederò alla tentazione di perdere completamente la fiducia nello Stato. Rifarei tutto, ho giurato sulla Costituzione ed ho sempre pensato che un magistrato abbia il dovere di indagare ad ogni livello, anche quello che riguarda la politica. Oggi, con questa sentenza, di fatto, mi viene detto che non avrei dovuto indagare su alcuni pezzi di Stato, che avrei dovuto fermarmi. Rifarei tutto, perché ho agito con coscienza e rispettando solo la Costituzione. Vado avanti con onestà e rettitudine, principi che hanno sempre animato la mia vita e che una sentenza così ingiusta non può minimamente minare. La Giustizia è più forte della legalità formale intrisa di ingiustizia profonda”, conclude il sindaco di Napoli. 
“La sentenza emessa oggi dal tribunale di Roma rende piena giustizia agli uomini politici tra i quali Francesco Rutelli e Clemente Mastella” dicono i legali dei due esponenti politici, gli avvocati Titta eNicola Madia oltre a Cristina Calamari. “La grave violazione delle prerogative dei parlamentari in questione determinò una violentissima campagna di stampa contro il governo all’epoca in carica”.
Riporto qui sotto alcuni dei commenti più significativi sotto questo articolo del Fatto Quotidiano


Anche se avesse saputo di spiare dei parlamentari, data la qualita umana delle persone che bivaccano in parlamento e l'opacita del loro operato, De Magistris ha fatto bene a metterli sotto controllo scoprendo poi, guarda caso cose molto interessanti e poco appropriate per delle persone dello stato (minuscolo). In un paese dove i politici cercano accordi con la mafia in sicilia, chiudono gli occhi e fanno affari con la camorra per uccidere un territorio come in campania, ma che volete che sia spiarli a loro insaputa. Io direi ATTO DOVUTO. In Italia siamo al di la della democrazia e della legalita, siamo nell' abuso totale, metodi giacobini ci vorrebbero, altro che.



“L’immunità va rivista e non solo per i Senatori, ma anche per i deputati – scrive Aldo Giannuli – negli ultimi quaranta anni se ne è fatto un uso ignobile che ha coperto il
sistematico latrocinio di una classe politica sempre più indecente”.



Esattamente Giannuli che lavoro fa ?


    • Immagine Avatar


      Già consulente per la Commissione Parlamentare di Inchiesta sulle Stragi
      consulente per le Procure di Palermo, Bari, Milano (strage di Piazza Fontana), Pavia e Brescia (strage di Piazza della Loggia).
      Trova una quantità enorme di documenti non catalogati dell'Ufficio Affari Riservati del Ministero dell'Interno, nascosti nell' archivio della via Appia” sull'eversione nera
      Oggi è un ricercatore universitario collaboratore di molti giornali
    • In un Paese dove la complicità tra politica e mafie è una costante; dove la
      corruttela inquina appalti pubblici, forniture, gestione di servizi e quant’
      altro; dove il voto di scambio permette l’ accesso al Parlamento e, quindi,
      alle più alte cariche dello Stato, a soggetti indegni e squalificati; dove alla
      Magistratura, potere dello Stato, si impedisce di operare cambiando, per
      favorire il delinquente di turno, leggi e procedure processi durante, può
      capitare che un pubblico ministero, avvalendosi della collaborazione di un
      perito, possa incorrere involontariamente in un “abuso d’ ufficio” senza trarne
      alcun beneficio sia in termini economici sia di carriera.
      E’ un reato che, COMUNQUE, deve essere perseguito, ma c’ entra poco, in quanto
      a gravità, con concussione, corruzione, falso in bilancio e riciclaggio.
      Di sicuro, un “lodino” o una leggina “ad hoc” salvifici per il dottor Luigi de
      Magistris non ci saranno.




    Un Paese alla rovescia: De Magistris condannato per aver svolto indagini contro politici.
    Il comandante De Falco ("Vada a bordo, cazzo"), destinato ad incarichi amministrativi. Forse per il reato di parolacce nei confronti dell' "eroe" Schettino la sera del naufragio della Concordia?



    Fatemi capire, aver intercettato dei parlamentari senza permesso del parlamento è un illecito?
    Ma se avessero chiesto il permesso a cosa servivano le intercettazioni?
    Assolvano De Magistris in formula piena perché il fatto non sussiste, visto che la giustizia viene applicata "in nome del popolo italiano".

    Mi fermo qui.
    Fra Luigi De Magistris condannato e Gregorio De Falco messo dietro una scrivania oggi l'Italia Pulita si sente indifesa e sola, incerta sul suo futuro.
    Termino con il titolo del quotidiano La Repubblica:

    De Falco: "Schettino in cattedra e io spedito in ufficio, questo Paese storto punisce i suoi servitori"