Cerca nel blog

mercoledì 8 febbraio 2012

Antonio Di Pietro sbaglia di nuovo

Sulla vicenda del Governo battuto alla Camera sull'emendamento della Lega Nord  Di Pietro afferma: "E' una vendetta contro i magistrati".
E avverte: "Ho paura che questa volta, dopo vent'anni, non ci sarà solo una Mani Pulite giudiziaria, ma una nuova Mani Pulite del popolo che alzerà i forconi". Per il leader dell'Idv a Montecitorio si è consumato "un atto di vendetta, un'ammonizione ai giudici perché si limitino a fare i notai e i passacarte".

_________________________________________
Da: Il Post

Il governo ieri è stato battuto alla Camera su un emendamento sulla giustizia. Discutendo la legge comunitaria, infatti, il deputato della Lega Nord Gianluca Pini aveva proposto un emendamento volto a introdurre la responsabilità civile dei giudici, questione storica del dibattito politico italiano, con una formulazione particolarmente dura e intransigente. Il governo, nella persona del ministro Moavero, aveva dato parere negativo. La Lega aveva chiesto e ottenuto di votare l’emendamento con voto segreto. E il voto segreto ha dato ragione alla Lega e torto al governo, come era già apparso evidente dagli interventi in aula: PdL, Lega e Responsabili, la vecchia maggioranza, hanno votato di nuovo insieme, con i Radicali e qualche franco tiratore da PD e Terzo Polo. Alla fine i voti a favore dell’emendamento Pini sono stati 264, quelli contrari 211.
L’emendamento Pini di fatto supera quanto stabilito dalla legge Vassalli, la 117 del 1988. Quella legge, varata un anno dopo il referendum che a larghissima maggioranza vide vincere i favorevoli alla responsabilità civile dei giudici, la introdusse soltanto per i casi di “dolo” e “colpa grave”, e non per i casi di mancata o scorretta applicazione della legge, fermo restando la possibilità di fare causa allo Stato e non direttamente al magistrato. I Radicali denunciarono da subito, e continuano da allora, il tradimento del mandato referendario. L’Unione Europea ha più volte deferito l’Italia per la mancata corrispondenza della legge Vassalli con quanto previsto dal diritto comunitario. Il PdL ha più volte, negli ultimi anni, utilizzato questa proposta in modo minaccioso e vendicativo nei confronti dei magistrati.
L’emendamento Pini stabilisce che “chi ha subito un danno ingiusto per effetto di un comportamento, di un atto o di un provvedimento” di un magistrato “in violazione manifesta del diritto o con dolo o colpa grave nell’esercizio delle sue funzioni o per diniego di giustizia”, possa rivalersi facendo causa sia allo Stato che al magistrato per ottenere un risarcimento. Le novità rispetto alla legge Vassalli sono due: la responsabilità è genericamente estesa alla “manifesta violazione del diritto” e il cittadino può citare in giudizio direttamente il magistrato e non solo lo Stato.
Una norma simile non trova paragoni nella maggior parte dei paesi europei, dove il cittadino può far causa allo Stato e poi è semmai lo Stato, in caso di condanna, a rivalersi sul magistrato. È vero però che in Italia questa procedura è particolarmente articolata, per usare un eufemismo: perché lo Stato venga condannato in via definitiva a causa del comportamento di un magistrato servono infatti nove gradi di giudizio – tre per l’ammissibilità del procedimento, tre per individuare la responsabilità, tre per l’eventuale rivalsa da parte del ministero della Giustizia – affidati tra l’altro ad altri magistrati. Maria Antonietta Calabrò sul Corriere della Sera di oggi ricorda che “dal 1988 a oggi sono state appena 406 le cause effettivamente avviate da cittadini nei confronti di un giudice”. Le citazioni dichiarate ammissibili sono state 34, le condanne sono state appena 4.
Il dibattito sulla responsabilità civile dei giudici è proseguito negli anni e tutt’ora il centrodestra e il centrosinistra non hanno posizioni militarmente contrapposte sul tema: oltre a chi è molto contrario, come i sindacati dei magistrati, circolano nel centrosinistra diverse posizioni favorevoli a una modifica della legge Vassalli ma prive dell’intento vendicativo più popolare nel centrodestra. Un paio di giorni fa Luciano Violante, ex magistrato, aveva parlato della vicenda di Ottaviano Del Turco, dimessosi da presidente dell’Abruzzo nel 2008 dopo il suo coinvolgimento in un’inchiesta che ha visto poi traballare qualsiasi riscontro fattuale alle accuse, dicendo che «se alla fine del processo Del Turco dovesse risultare innocente, è chiaro che il magistrato inquirente dovrebbe risponderne direttamente». Ieri Antonio Polito sul Corriere della Sera scriveva che “oltre a una carriera politica distrutta e a un uomo fatto a pezzi, se il pm ha sbagliato c’è stato anche un sovvertimento per via giudiziaria della sovranità popolare”, visto che poi dopo le dimissioni di Del Turco in Abruzzo stravinse il centrodestra.
Perché la responsabilità civile dei giudici come introdotta dall’emendamento Pini diventi legge, il testo dovrà essere approvato anche dal Senato: la cosa oggi appare improbabile, visto che sia Alfano che altri membri del PdL si sono detti disponibili a modificare la norma e lo stesso ministro della Giustizia, Paola Severino, ha detto che la norma “dovrà essere migliorata, perché interventi spot su questa materia possono rendere poco armonioso il quadro generale”. Rimane però il problema politico: ieri il governo per la prima volta nella sua breve vita è stato battuto alla Camera. Ieri sera Mario Monti ha convocato a cena i leader dei tre principali partiti che sostengono il governo, Alfano, Bersani e Casini.
_______________________________________________

Fra molti articoli che parlano dell'argomento ho scelto questo del giornale on-line "Il Post" perché mi è sembrato il più esaustivo e chiaro sulla faccenda.
I telegiornali danno notizie non sempre pienamente comprensibili e questo articolo chiarisce bene i risvolti della questione.
Al di là degli interessi dei partiti politici, ritengo che se si fa un referendum e questo dà un risultato chiarissimo il popolo va ascoltato e si deve fare la legge che vuole.
Molto tempo fa ascoltai alla Radio della RAI un dibattito fra un magistrato ed un avvocato, entrambi rappresentanti di non ricordo quali Associazioni, i quali convennero che "la montagna aveva partorito un topolino". La montagna era il referendum ed il topolino era la legge che il Parlamento aveva successivamente emanato. Con qualche risolino di imbarazzo ammisero che, nel caso in cui il cittadino potesse ottenere giustizia nei riguardi di un magistrato che sbaglia, chi paga sono i contribuenti, cioè lo Stato, mentre il magistrato viene da tale legge abbastanza salvaguardato per quel che attiene il suo patrimonio personale. 
Dunque perché mai oggi Antonio Di Pietro tuona che è una legge punitiva non si sa, perché il popolo si era espresso così e la sua volontà non si era concretizzata, ma era stata fatta una legge risarcitoria dell'eventuale errore giudiziario che gravava sulle spalle di chi quel referendum ha votato. Insomma paga sempre Pantalone.
La posizione di Antonio Di Pietro appare vieppiù contraddittoria se si pensa che lui negli ultimi anni non ha fatto altro che ricorrere all'istituto referendario per ogni cosa. Dunque dovrebbe, a rigor di logica, avere un grande rispetto per la volontà popolare.
Purtroppo quello che dicevano in tanti è vero sulla contraddittorietà del creatore di Italia dei Valori: tuona su una cosa e poi assume posizioni opposte. Il referendum è valido quando pare a lui? O è valido sempre?
I magistrati si sentiranno inibiti ad emettere sentenze? Io non credo se applicano la legge e se non ne danno interpretazioni troppo personali. Le leggi lasciano troppa discrezionalità ai giudici? Male. Non si può dipendere dall'umore discrezionale del magistrato: riscriviamo meglio le leggi e le norme, con indicazioni precise a cui attenersi.
Se il popolo ha votato in modo "punitivo", secondo Di Pietro, chiedendo che i magistrati abbiano una responsabilità civile del loro operato, non è che forse c'è un motivo? Oppure all'epoca del referendum milioni di persone erano tutti delinquenti che non volevano essere giudicati ? Non si affaccia alla mente del Presidente di Italia dei Valori il dubbio che forse questa categoria giudica troppo spesso in modo insoddisfacente per detto popolo? Che detto popolo non "sente" di ricevere troppo spesso giustizia?
Personalmente ogni volta che mi sono rivolta alla Giustizia della Magistratura non l'ho avuta. Ho accettato il verdetto ma senza molta convinzione che fosse giusto. Ho speso solo molti soldi inutilmente, cosa che fa desistere dal cercare di averla questa Giustizia. Votai anch'io per la Responsabilità Civile dei Giudici. Di Pietro è stato inchiodato alla sua contraddizione da molti commentatori recentemente, quando ha sparato indignato contro la Consulta che aveva bocciato i referendum da lui promossi. Giustamente gli è stato ricordato che lui dice sempre che bisogna fidarsi del giudizio della Magistratura... però, nel caso che dà torto a lui come si indigna!!


Concludendo: Di Pietro si sbaglia, il popolo "non alzerà i forconi", proprio perché nel 1987 aveva votato a favore.  

Nevicata eccezionale

Mi scuso con chi legge, ma dal video non sono riuscita ad eliminare lo spot pubblicitario di pochi secondi che lo precede.
Cliccando sul link si può vedere una zona che conosco bene perché è quella dove ho scelto di vivere da più di 32 anni, in fuga da una città, Roma, che non appariva più umana e vivibile come lo è stata per i miei primi 25 anni.


Rocca Priora è una delle tante zone di Italia che si sono trovate in difficoltà a causa di questa nevicata eccezionale. Come dice la giornalista del Corriere nel video, questa zona conosce la neve tutti gli anni e posso testimoniare che è vero. Ma certo non un metro di neve come è accaduto questo anno.


Anche Roma si è trovata in serie difficoltà e penso che Alemanno ha sbagliato alcune cose, ma non trovo giusto il dileggio pubblico a cui è stato sottoposto, anche ieri sera nella trasmissione, sempre interessante, "Ballarò".


Non lo trovo giusto perché anche qui ai Castelli Romani i Sindaci non hanno brillato insieme alle varie istituzioni. E questo è ancora più grave se si tiene conto che a Rocca Priora la neve cade tutti gli inverni e più volte nello stesso inverno. Dunque, diversamente da Roma, dovrebbe prevedere con varie provvidenze allo scopo.

Invece i cittadini si sono trovati da soli, a parte lo sgombero delle vie comunali e della statale Tuscolana. Nel video, nell'ultima parte, la macchina dei benemeriti Carabinieri, lasciata la statale Tuscolana, percorre la Via Comunale Mediana, proprio quella dove abito io e, nella parte finale si addentra in altre strade vicinali della località denominata Piani di Caiano. La viabilità, come si vede, era assicurata, ma tale località è piena di strade private che, per essere liberate, sono state lasciate all'iniziativa dei singoli cittadini i quali hanno provveduto di tasca propria, come nel caso del condominio dove abita la sottoscritta. Anch'io ho spalato la neve con mio marito nonostante l'età non più verde. Altri sono rimasti con le mani in mano aspettando non si sa cosa e lamentandosi di tutto. Questo va detto, perché non è accettabile in una situazione eccezionale la totale inanità. 
Queste tipologie umane purtroppo esistono ovunque: individualiste, non collaborative, capaci solo di lamentarsi. 
Detto questo rimane il fatto che l'ENEL da venerdì 3 febbraio h. 14:00, quando è sparita l'energia elettrica nella nostra zona, fino a sabato h. 15:00 quando, dopo l'intervento di tre uomini rumeni, spalatori manuali da noi chiamati per liberare la strada del condominio a spese dello stesso, ce ne siamo andati in un'altra casa che (fortunatamente) possediamo al mare, rispondeva con un disco senza dire quando l'energia elettrica sarebbe stata ripristinata. Chi è rimasto, perché non aveva dove andare, ci ha detto che l'energia elettrica è tornata la sera di sabato: almeno nella nostra zona. Altrove la cosa è perdurata.


La Comunità Montana, invece, è stata la prima istituzione da noi chiamata, già giovedì 2 febbraio. Non chiedevamo che il sale: ci è stato risposto CHE NON L'AVEVANO.
A cosa servono le  Comunità Montane? Da tanto tempo se ne discute. Dobbiamo risparmiare, siamo in crisi, si chiedono sacrifici... Dunque eliminiamole.
Può una Comunità Montana rispondere che "NON HA IL SALE" quando le previsioni metereologiche di tutti i telegiornali, con ampio anticipo, hanno comunicato l'arrivo della perturbazione con precisione? Inutile chiedere spalaneve o altro. Non avevano neppure il sale giovedì 2 febbraio mattina.

Dopo questa telefonata abbiamo chiamato la Protezione Civile di Rocca Priora e ha risposto Matteo, un giovanottone efficiente che ci ha portato un sacco di sale e, per arrivare fino al nostro cancello, ha pulito con un piccolo spalaneve la strada.
Nei gioni successivi la Protezione Civile dava sempre occupato e anche i Carabinieri di Rocca Priora al numero diretto che, però, erano raggiungibili attaverso il 112.
I Carabinieri sono stati gli unici a darci notizie.

Causa alberi lasciati liberi di crescere anche in prossimità dei pali della linea telefonica aerea e della linea elettrica, ci sono state interruzioni per caduta di pali, tirati giù dai rami...
Un consiglio ed un suggerimento all'ENEL e alla TELECOM: fate girare ogni tanto gli operai e date loro mandato di fare rapporto quando ci sono alberi i cui rami dondolano pericolosamente ad ogni alito di vento, toccando i cavi telefonici o elettrici, e imponetene il taglio ai legittimi proprietari, oppure tagliateli voi ed addebitatene le spese al proprietario, oppure elevate multe, sanzioni o quello che vi pare per interruzione di pubblico servizio. Sono certa che gli strumenti legislativi per operare questa semplice prevenzione ci sono: ADOPERATELI. Costa molto di più al Bilancio dello Stato il danno che questa incuria crea.

Infine una "chicca" anche sulla RAI che ci ricorda continuamente di "essere un servizio pubblico". Non avendo il numero di TGR Regione Lazio, (senza corrente elettrica non potevo certo collegarmi ad Internet), ho tentato di chiamare il centralino della RAI, che invece era sull'elenco telefonico, per farmelo dare, nel tentativo di comunicare quanto stava accadendo qui ai Castelli Romani. Era sabato mattina e l'orario che era dato partiva dalle h. 8:00. Alle h. 8:15 c'era ancora il disco. Stavo per desistere pensando che, come spesso accade in Italia, era un servizio fasullo, un numero che squillava nel NULLA... Quando ecco che...miracolo...risponde una voce umana e dà anche un nome: Beatrice!! La fiducia nelle istituzioni è durata lo spazio di poche frasi: Beatrice: "Non posso passarle né darle il numero che mi chiede."
Rita: "Perché, scusi, è un centralino..."
Beatrice: "Posso darle solo una e-mail."
Rita: "???... Ma le ho già detto che non ho corrente elettrica..."
Beatrice: "Non posso che darle la e-mail."
Rita: "Ripeto: ho solo il telefono, non ho elettricità... "
Beatrice: "Non posso stare con lei più di un minuto, mi dispiace."
E mette una musichetta, invece di chiudere, facendo così supporre che poi forse succederà qualcosa... Dopo diversi minuti che non accade nulla ma la Telecom guadagnerà di più, chiudo e rifaccio il numero. Risponde sempre  Beatrice, e capisco che è stata messa lì da sola, al posto di un disco, con i potenti mezzi economici della RAI, "servizio pubblico", e siccome io penso di essere "pubblico" dato che pago il canone (chissà perché si ostinano a chiamarlo così quando "si tratta in realtà di un’imposta sul possesso del televisore risalente al 1938 - Regio decreto n. 246 del 21 febbraio 1938, articolo 1" ) insisto:
Rita: "Ma scusi, Beatrice, perché mi ha lasciato con una musichetta, poteva chiudere se non può fare altro. Perché farmi spendere più soldi di telefono?"
Beatrice: "Io non posso fare altro per lei, mi dispiace, non posso stare più di un minuto a telefonata e ne ho tante."
La saluto desolata, pensando "Ma che ce l'hanno messa  a fare povera Beatrice: risponde al centralino RAI 06-38781 ma non è di fatto un centralino perché può dare solo e-mail ma non numeri telefonici, (come sarebbe ovvio essendo un centralino telefonico, così definito sull'elenco Telecom), e le hanno dato la tabella di marcia di una telefonata al minuto. Cosa potrà dire a chi telefona oltre al diniego di qualsiasi richiesta che non sia una e-mail? Ma chi possiede l'elettricità e una linea Internet perché dovrebbe telefonare al  centralino RAI ? Bastandogli collegarsi sui siti delle varie trasmissioni RAI dove fra i contatti si trovano anche gli indirizzi e-mail..."


Questa la breve cronistoria di un'esperienza diretta. Lungi dalla facile critica, mi sembra che chi organizza certi servizi non lo sappia proprio fare, dunque percepisce uno stipendio e spende denaro pubblico solo per darci dimostrazione della propria incapacità di gestione. Ci sono tante persone capaci senza lavoro, l'offerta sul mercato è alta, dunque perché tenere in certi posti chi non sa lavorare mettendo a dura prova la pazienza dei cittadini? La Fornero parla di "abituarsi" alla precarietà del lavoro: perché allora certa gente che non sa fare il proprio lavoro viene mantenuta nel proprio ruolo? Incapaci stipendiati e capaci a spasso?