Cerca nel blog

mercoledì 4 maggio 2016

Tutta un'erba un fascio

Stamane la mia resistenza davanti alla TV RAI3 trasmissione Agorà è durata due o tre minuti, il tempo di sentire la giornalista del Corriere della Sera Maria Teresa Meli criticare Davigo che ha dato dei ladri a tutti i politici, e fin qui ci possiamo stare, e dire che "si è vero, molti sono ladri ma non tutti, e fra gli indagati ci sono tutti, grillini compresi".
Lungi da me essere "grillina", voto per chi dimostra onestà, coerenza e idee, ma le menzogne, il fumo buttato lì non mi sta bene, non mi sta bene essere trattata da deficiente.
Si parlava dell'ultimo scandalo quotidiano: il Sindaco di Lodi del PD.
Cosa c'è di meglio che fare polverone? Tutti uguali! Anche quelli del Movimento 5 Stelle!
Andiamo a cercarli "con il lanternino" questi indagati del M5S:
da: NanoPress
Andrea Defranceschi: il Consigliere regionale e Capogruppo del M5S è stato condannato dalla Corte dei Conti il 10 ottobre 2014 per l’utilizzo di fondi assegnati al gruppo per le interviste a pagamento. La corte ha condannato lui (e altri sei consiglieri di tutto l’arco parlamentare) per l’acquisto di spazi di programmazione disponibili dalle emittenti televisive a un risarcimento di 7.600 euro (108 per il 2010, 3.600 per il 2011 e quasi 4.000 per il 2012) oltre alle spese di giudizio. Per la Corte dei conti le spese per l’acquisto di spazi di comunicazione politica “risultano essere palesemente contra legem“. Il giorno seguente, sul blog di Bebbe Grillo viene pubblicata una nota in cui si legge che “Defranceschi non fa più parte del movimento”. Defranceschi ha fatto ricorsocontro la condanna e risulta sospeso: se dovesse vincere, potrebbe anche rientrare. Sulle cosiddette “spese pazze”, la Corte dei Conti non ha fatto alcuna contestazione ai membri della Federazione della sinistra, Forza Italia, Italia dei Valori, Lega Nord, Movimento 5 stelle, PD, SEL e UDC i cui rendiconti 2014 sono stati giudicati regolari.
Un vero ladro! Ha acquistato spazi televisivi per propaganda politica! Il Regolamento non lo consentiva con i fondi dei Gruppi Consiliari Regionali: condannato a risarcire 7.600 euro spesi in 3 anni!
Quasi uguale a Vincenzo Maruccio, pupillo di Antonio Di Pietro Italia dei Valori, che giocava i soldi dei Gruppi Consiliari Regionali ai videopoker appropriandosi di 800.000 euro!! Non solo di Giustizia Amministrativa si trattava, bensì di Giustizia Ordinaria: Codice Penale! 
Ma andiamo avanti nel cercare questi indagati del Movimento 5 Stelle, perché di sicuro la giornalista di un così importante giornale è informata più di me!
Da: Il Fatto Quotidiano
Ci sarebbe una storia di ricatti e di camorra tutta interna alMovimento 5 Stelle dietro la fotografia del presunto abuso edilizio del sindaco di QuartoRosa Capuozzo, finita a novembre su tutti i giornali perché al centro di uno scontro politico nell’unica amministrazione grillina in Campania. Secondo laDirezione distrettuale antimafia di Napoli, sotto il coordinamento del pm Henry John Woodcock, quella foto sarebbe stata utilizzata dal consigliere comunale M5s, Giovanni De Robbioil più votato all’ultima tornata amministrativa, perminacciare il sindaco del suo stesso partito.
De Robbio, già sospeso dal M5s il 14 dicembre e ora espulso, era in possesso di quella “aerofotogrammetria” (forse la stessa infilata nei dossier anonimi finiti anche ai media) e l’avrebbe utilizzata con modalità inquietanti per provare a costringere la Capuozzo ad affidare, tra l’altro, il campo sportivo di Quarto ad Alfonso Cesarano, un “grande elettore” del consigliere. Cesarano, gestore di fatto di un’impresa di pompe funebri, sarebbe esponente di una famiglia legata al clan Polverino.
Ecco, qui ci siamo, qui c'è l'infiltrato che voleva usare il M5S come altri partiti: ma come si è visto tutto è crollato, lui è stato espulso, il sindaco ricattato non si è insediato e tutto l'insieme è stato scartato dal M5S.
Comunque da questa storia traggo quella “aerofotogrammetria”... grave pecca della sindaco grillina al punto di essere ricattabile...
Chissà che fine hanno fatto le “aerofotogrammetrie” di Rocca Priora RM, il comune dove risiedo? Eppure ho informazioni certe che tali foto aeree sono state fatte da tempo, al fine di rilevare gli abusi edilizi (tanti) di questo territorio, anche per far pagare le giuste tasse, legate ai metri quadri della casa, a tali furbi abusivisti. Pensate che questo territorio è soggetto alle leggi antisismiche e al controllo delle Belle Arti! Leggi scritte bellamente violate!
A Quarto, comune campano, queste violazioni hanno fatto saltare un sindaco!! Chissà se anche quel territorio è soggetto alle Leggi antisismiche e al preventivo controllo delle Belle Arti per rilasciare una concessione edilizia?...