Cerca nel blog

mercoledì 12 luglio 2017

Degrado: quando è iniziato?

Dalle macerie fisiche e morali della fine della Seconda Guerra Mondiale un anelito di rinascita ci ha spinto in avanti, in crescita.
Tante cose però accadevano sotterraneamente: e le abbiamo capite dopo.
Alcuni settori della DC erano fortemente collusi con la Mafia: in cambio di voti davano copertura ai loro delitti in varie forme e modi.
Poi sono iniziate le stragi per ottenere una reazione all'avanzata democratica del PCI.
Poi sono sorte le organizzazioni estremiste di matrice comunista.
Infine il rapimento di Aldo Moro.
Una farsa che possano essere state le Brigate Rosse da sole.
L'ultimo atto lo certifica: in una Roma blindata un brigatista avrebbe sfidato il destino fino al punto di portare il cadavere di Moro in auto per le vie del centro e trovare anche dove parcheggiarla! 
A questo punto assurge Craxi, che camminava sempre dietro a Nenni, dicendo che "Moro si poteva salvare". 
Craxi e il suo Partito Socialista sono stati la botta finale al nostro debito pubblico.
Da quel momento il debito pubblico è diventato così pesante da costituire la zavorra dell'Italia.
Ogni scelta politica è condizionata dal nostro debito.
Non so se a queste condizioni ci sia convenuto entrare nell'euro.
Ora non possiamo uscirne più: pena il disastro finale.
Chi si è avvicendato nel voler guidare il vapore Italia l'ha fatto senza un serio progetto: ognuno ha fatto il suo tentativo sulle spalle degli Italiani.
Berlusconi, a parte alleggerire le tasse sul bene rifugio casa e l'accordo con Gheddafi per fermare l'inizio dell'invasione, si è preoccupato prevalentemente di depenalizzare i reati che lui sapeva di aver commesso, mettere negli scranni del Parlamento i suoi avvocati facendoceli pagare a noi contribuenti, mettere varie donne di piacere su varie poltrone istituzionali fino a rischiare di farne eleggere una a Consigliere Europeo, pur essendo la D'Addario coinvolta in storie di prostituzione come da diversi verbali di Polizia riportati da molti giornali.
Monti è servito a spolparci per ripianare i disastri dei Dirigenti di MPS, momentaneamente, perché pochi anni dopo i contribuenti hanno dovuto tirare fuori 20 miliardi di euro per tamponare tali voragini. Chi di questi Dirigenti è in galera? Chi di loro ha risposto con il proprio patrimonio personale?
Questo andazzo è ripugnante e NULLA ha a che fare con una Repubblica Democratica.
Si consente a gente disonesta di disporre del denaro dei risparmiatori dando prestiti a imprenditori che non li restituiscono, gli organismi di controllo non fanno il loro dovere, e alla fine della storia si chiedono i soldi ai contribuenti che nulla hanno fatto giacché, pagando le tasse, si affidano ad uno Stato e alle sue Istituzioni di controllo.
Letta è passato con il suo "se accetto non voglio galleggiare" e visto che invece faceva il morto a galla si è fatto avanti Renzi, con il suo voler FARE!
Ma cosa ha fatto? Voleva cambiare la Costituzione e alcune cose potevano anche essere buone, ma non ha voluto ascoltare chi gli consigliava di spacchettare i quesiti, dunque la sua Riforma è stata bocciata.  
Ha detto che avrebbe fatto una lotta senza quartiere alla burocrazia, e in Italia non si riesce neppure a fare più un brevetto, non su oggettini meccanici, bensì su vere innovazioni scientifiche che lui tanto invoca, a causa di burocrati, non si capisce se ottusi o collusi con Studi Legali che pretendono di dare consulenze remunerate su "come scrivere un brevetto" a chi ha esperienza di una vita intera e altissime competenze in materia.
Tutto è soffocato, impedito, NON facilitato.
Un Paese nella morsa dei burocrati a volte incapaci a volte corrotti.
Renzi NON HA FATTO NIENTE PER CAMBIARE QUESTO, ANZI FORSE IL MALE E' ANCHE PEGGIORATO.
Ha proclamato che avrebbe attuato il risparmio della spesa pubblica e recuperato l'evasione fiscale.
Un esempio emblematico è stata la RAI.
Invece di schedare, tramite codice fiscale, chi già pagava ha preferito buttarsi indiscriminatamente sulle bollette elettriche, creando disagi e confusione oltre ingiustizia.
Infine il fallimento totale di una politica economica da furbetto: caricarsi mezza Africa per chiedere all'UE di sforare il fardello del deficit che ci trasciniamo dietro dai tempi del latitante morto in Tunisia, per avere un minimo margine per gli investimenti.
Scopriamo che non è solo l'Accordo di Dublino, "dove io non c'ero", ma Triton dove invece c'era e ha firmato che orde di africani dovevano essere sbarcati sulle nostre coste! 
Non posso perdonare la furbizia e la menzogna della propaganda che, anche senza sapere di tale Accordo da lui firmato, suonava falsa e pretestuosa a chi pensa con logica onesta: 
questi africani ci servivano per pagare le pensioni (?)
quali se non c'è lavoro per i nostri giovani?
Questi africani ci servivano per fare figli, che se ne fanno meno (?)
quelli che facciamo dobbiamo mantenerli bene altrimenti arrivano i Servizi Sociali e ce li tolgono. I giovani se non hanno lavoro non possono farli altrimenti sarebbero incoscienti. Come li mantengono? Invece quelli che vengono a scodellare qui le africane, secondo Renzi e compagni, debbono essere mantenuti e protetti con i soldi dei contribuenti, non vengono tolti alle madri dai Servizi Sociali!
Questi africani fuggono da guerre (?)
Macron è volato in Mali, ex colonia francese poi protettorato, perché la Francia ha lì degli interessi, però i migranti vengono in Italia e la Francia NON LI VUOLE, lo stesso Macron ha detto "nei nostri porti no"!
Questi africani fuggono dalla fame (?)
Renzi si guardi le foto degli Italiani alla fine della Seconda Guerra Mondiale, alla fine! Lasciamo perdere durante! Paragoni quelle immagini con quelle delle grasse donne nere e dei robusti ragazzoni che sbarcano dalle navi delle ONG nei nostri porti!
L'elenco delle menzogne per farci digerire le conseguenze del suo Accordo furbetto per sforare il deficit sarebbe ancora lungo: l'ultimo e il più amaramente risibile è quello di Boeri sul tracollo dell'INPS senza le rimesse dei contributi degli extracomunitari negli ultimi 20 anni!
La giustificazione di fronte al disastro più che prevedibile è un vero boomerang: "non avevamo previsto l'escalation degli arrivi"!
Scenda in strada Renzi, parli con il primo che passa e le dirà che la gente lo diceva da tempo! Con la bella stagione e le voci che corrono anche in Africa sull'accoglienza COME POTEVA NON ESSERE PREVEDIBILE?
Avete riempito le nostre strade di prostitute con tesserino di Rifugiate Politiche, di uomini nullafacenti e dunque pericolosi...
State distruggendo l'Italia.


DOVE DEVE ARRIVARE LA DISCESA AGLI INFERI DELL'ITALIA?