Cerca nel blog

sabato 19 maggio 2012

Brindisi: che senso ha?


(AGI) - Roma, 19 maggio 2012

Bomba Brindisi: Grillo, "ora temo leggi speciali e depistaggi"

 "Cui prodest questo attentato? Alla criminalita' brindisina, il cui territorio sara' controllato da tutti corpi di Polizia per mesi? Alla mafia siciliana, che si vendica cosi' della commemorazione della morte di Falcone? Cui prodest la morte di una ragazza che andava a scuola?". Beppe Grillo non avanza risposte ma si trincera dietro interrogativi per tentare una prima lettura dell'attentato di Brinidisi.
  Dubbi che richiamano altri periodi della storia nazionale, cui Grillo si richiama apertamente: "Coincidenze? Io ho smesso di crederci da tempo, da quando ho visto da bambino per la prima volta Andreotti in televisione", dice a proposito del legame tra il nome della scuola e il passaggio della carovana della legalita'. Non solo: "Ancora una volta non siamo stati in grado di proteggere i nostri ragazzi. Gli italiani lo pensano e io lo dico: da tempo ci si aspettava una bomba come questa, era nell'aria elettrica come prima di un temporale". "Le indagini ci diranno chi sono i colpevoli", dice sempre da suo blog Grillo che passa all'esame delle varie piste. "La prima pista e' quella della criminalita' organizzata. Io spero che siano trovati i delinquenti che l'hanno collocata e i mandanti.
  Soprattutto i mandanti. Le stragi, e questa poteva esserlo se l'esplosione fosse avvenuta pochi minuti piu' tardi con l'arrivo di altri pullman di studenti, in Italia hanno sempre avuto colpevoli, ma non mandanti".
  "Da piazza Fontana, alla stazione di Bologna, a piazza della Loggia, a Capaci, a via D'Amelio. Gli Spatuzza sono in galera - accusa - ma chi li ordino' e' ancora a piede libero". "Questa bomba - rileva - ricorre in un periodo storico molto simile a quello del '92/'93. Furono le bombe del Pac di Milano, dei Georgofili a Firenze allora a precipitarci in un ventennio infame di cui stiamo pagando le conseguenze e a impedire ogni cambiamento". Grillo chiude la sua riflessione con l'auspicio che "Brindisi, che segue l'attentato a Adinolfi a Genova, non sia l'inizio di una militarizzazione del territorio, di leggi speciali, di neo terroristi e di depistaggi".


+++++++++++++++++++++

Questa volta Beppe Grillo ha scritto riflessioni che sono anche mie e penso di molti.
Il senso. Sfugge il senso. 
Iniziamo anche noi come negli USA con le stragi nelle scuole operate da folli?
Il gesto è premeditato, non improvvisato. Il cassonetto spostato: dopo che era passato il camion della raccolta dei rifiuti, altrimenti gli operatori l'avrebbero rimesso al suo posto o, quantomeno, possono testimoniare quando l'hanno vuotato l'ultima volta e da che parte della strada stava. Qualcuno ha visto lo spostamento? Erano uomini con vestiti che potevano far pensare agli addetti alla raccolta dei rifiuti? Scaricare tre bombole non dovrebbe essere operazione non visibile... E' stato fatto di notte o alle prime ore del mattino? Dai pezzi delle bombole si può risalire al produttore, al distributore... 
Se è stato un pazzo pieno di odio verso qualcuno lo dovrebbero trovare senza particolari difficoltà.
Se è stata una qualsivoglia organizzazione criminale e/o eversiva vuole intimidire.
L'unico parallelo che vedo è con l'attentato di Firenze in cui morirono una neonata ed una bimba di otto anni. Una cosa apparentemente insensata... Poi ci dissero che era la Mafia che mandava avvertimenti al Potere aggredendo simboli della Cultura...