Cerca nel blog

domenica 17 febbraio 2013

Ad ogni Stato i propri Ospedali!


Da: UominiDonne.net

La Congregazione Figli dell’Immacolata Concezione, proprietaria  dell’Idi, chiede aiuto al Vaticano.

Vaticano interviene per Idi e scrive a Bertone

Sono mille e 400 i dipendenti del gruppo Idi, Istituto dermopatico, San Carlo e Villa Paola di Capranica, che hanno chiesto aiuto al Vaticano. I vertici della Congregazione hanno scritto una lettera al Cardinale Tarcisio Bertone, che diventerà a breve camerlengo plenipotenziario. La crisi si fa sentire anche sull’Idi. A rischio anche 700 operatori che aspettano il pagamento dalla Regione per il 2012.
Qualche tempo fa si era parlato di mobilità del personale e del commissariamento. Adesso c’è più speranza per il futuro, Donato Menichella, segretario nazionale dell’Anmirs, dice: se, come sembra, quella lettera è stata spedita, ecco un altro segno di una soluzione possibile a  una crisi che sta creando sofferenza ai dipendenti e alle loro famiglie.
Il sindacato dei medici sono partite il 4 ed il 7 febbraio due istanze al tribunale fallimentare.
Il Recup non sarà chiuso, servizio di prenotazione telefonico per le prestazioni sanitarie che è gestito dalla Cooperativo Capodarco. Il presidente Maurizio Matotta, dice: la decisione di remunerare il lavoro di nostri 700 operatori per tutto il 2012.
Tutta la mia comprensione per chi lavora e non viene pagato o rischia di perdere il lavoro perché l'organizzazione per la quale lavora rischia di chiudere.
Ma questa comprensione deve essere uguale per tutti: piccole e grandi Ditte private che chiudono e mettono in mezzo alla strada operai ma anche competenze di alto livello, cliniche private, Ospedali del Vaticano o di Congreghe religiose.
Se questi ospedali privati hanno svolto lavoro per lo Stato Italiano questo lavoro va pagato. Se l'Ente Pubblico che deve sborsare i soldi è la Regione, deve farlo.
Poi basta però! Se un Bondi, su mandato di un Monti, dice che bisogna tagliare la Sanità e vuole chiudere Reparti ed Ospedali dello Stato Italiano, dove si viene assunti per Pubblico Concorso e non per vie diverse come fanno nelle cliniche di proprietà privata o del Vaticano, allora si paga quello che è dovuto per quanto fatto fino a qui, poi si tagliano le convenzioni con queste strutture perché se non ci sono soldi per gli Ospedali di proprietà dello Stato Italiano NON CI SONO, A MAGGIOR RAGIONE, PER MANTENERE LE STRUTTURE DI PROPRIETA' DELLE  CONGREGAZIONI O ENTI RELIGIOSI E DELLO STATO VATICANO!
Che il Vaticano provveda a questi lavoratori!
Lo Stato Italiano, invece, provveda alle sue strutture, riorganizzando meglio, se vuole, controllando gli sprechi là dove ci sono (i mezzi per farlo esistono, basta volerlo)!

Un vero Uomo Santo autenticamente credente

Da: TGCOM24 Domenica, 17 febbraio 2013

Papa: "Mai strumentalizzare Dio per il potere"

La "Chiesa invita tutti a rinnovare lo spirito e ad abbandonare orgoglio ed egoismo". Benedetto XVI ha poi ringraziato i fedeli "per la vicinanza e l'affetto" dimostrati

12:32 - Il Papa invita a "non strumentalizzare Dio per i propri fini, dando più importanza al successo". "Il tentatore è subdolo - ha detto durante il penultimo Angelus -: non spinge direttamente verso il male, ma verso un falso bene, facendo credere che le vere realtà sono il potere e ciò che soddisfa i bisogni primari". "La Chiesa, che è maestra, chiama tutti i suoi membri a rinnovarsi nello spirito, e rinnegare l'egoismo per vivere nell'amore", ha ribadito.
"'Nei momenti decisivi della vita, ma, a ben vedere, in ogni momento, siamo di fronte a un bivio: vogliamo seguire l'io o Dio? L'interesse individuale oppure il vero Bene, ciò che realmente è bene?", ha poi affermato Benedetto XVI durante il penultimo Angelus, dedicato al tema delle tentazioni di Cristo. "Grazie di essere venuti così numerosi! Anche questo è un segno dell'affetto e della vicinanza spirituale che mi state manifestando in questi giorni". Così Benedetto XVI si è poi rivolto ai fedeli al termine dell'Angelus, salutando i pellegrini. La folla, accorsa in migliaia, ha risposto al saluto del Pontefice augurandogli "lunga vita". Il Papa è stato ripetutamente e lungamente interrotto dagli applausi delle decine di migliaia di fedeli riuniti in Piazza San Pietro.

Papa Lombardi: "Oltre 50mila persone all'Angelus" -All'Angelus di Benedetto XVI in Piazza San Pietro erano presenti "oltre 50 mila persone". Lo ha riferito il direttore della sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi.


Dimissioni Papa, emergono nuove motivazioni

Dal rinnovo dello Ior ai bilanci degli enti benefici

foto Ansa
11:05 - A una settimana dall'annuncio shock di Benedetto XVI di rassegnare le dimissioni da pontefice, emergono nuovi inquietanti dettagli. A riportare nuove ricostruzioni dell'abbandono papale è il giornalista Gianluigi Nuzzi, sulle colonne di "Libero". Si è già detto molto della fatica fisica e dell'età, e pure della relazione redatta da tre cardinali sulla vicenda Vatican Leaks.
Del tutto nuove invece, due motivazioni che Nuzzi racconta adesso: il papa avrebbe voluto riformare in modo radicale lo Ior, la banca vaticana, e rendere più trasparente la contabilità degli enti benefici. In entrambi i casi si sarebbe scontrato con forti resistenze interne.
Riforma dello IorIl Papa avrebbe voluto riformare la Banca Vaticana, lo Ior, visto che come scrive Nuzzi, "ogni tanto emergono dagli angoli del pianeta vicende che vedono dei conti intestati a sacerdoti, suore, prestanomi, snodi essenziali di storie di corruzione, malversazione, truffe e di criminalità finanziaria". La nomina nel 2009 di Ettore Gotti Tedeschi era già orientata a un cambiamento in questo senso: il suo incarico era infatti, quello di adeguare lo Ior alle norme internazionali antiriciclaggio. Non è chiaro però, perché dopo le dimissioni del banchiere (a maggio 2012) la presidenza della banca sia rimasta vacante per mesi e poi riempita in fretta e furia dopo le dimissioni di Ratzinger con la designazione del tedesco Ernst von Freyberg.

Contabilità degli enti benefici, appalti e corruzioneSulla scrivania di Benedetto XVI è rimasto a lungo e non ha trovato soluzione un altro spinoso dossier: quello della riforma delle contabilità degli enti benefici. I singoli istituti adottano criteri diversi per la redazione dei bilanci e il Papa avrebbe voluto uniformare le scritture contabili per evitare, come ricostruisce Nuzzi, "usi impropri e soprattutto dispersioni di ricchezza". Non solo: ai bilanci che diventavano buchi neri si aggiungerebbero anche episodi di corruzione e appalti truccati. Fu monsignor Viganò, il numero due del governatorato (vale a dire l'ente che segue spese, appalti, forniture e servizi presso il Vaticano) a denunciare spese gonfiate e gare d'appalto poco trasparenti. Viganò raccontò tutto al Papa e i suoi resoconti turbavano sistematicamente il Pontefice. Al punto da fargli disdire tutti gli impegni successivi ai colloqui e al punto da farlo ritirare per ore nella cappella privata per immergersi nella preghiera.
La relazione dei tre cardinali sui Vati-LeaksDopo la divulgazione di documenti strettamente riservati trafugati dal maggiordomo Paolo Gabriele, il Papa aveva chiesto a tre cardinali di redigere una relazione per spiegare la fuga di carte e lo scandalo che ne era seguito. Il documento ancora top-secret, è per ora nelle mani dei tre autori e del Pontefice, ma descriverebbe una Curia romana assai diversa da quella conosciuta da tutti. Probabilmente quel report sarà il primo nodo che dovrà sciogliere il prossimo erede di Pietro.
L'età e la presunta malattia
Ad accelerare il turbamento di Benedetto XVI poi sfociato nelle note dimissioni sarebbero stati l'affaticamento fisico, dovuto all'età, e una presunta malattia, data per certa da diverse fonti, ma finora mai confermata a livello ufficiale.


Vaticano S.p.A.



Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.



Vaticano S.p.A.
AutoreGianluigi Nuzzi
1ª ed. originale2009
GenereSaggio
SottogenereInchiesta
Lingua originaleitaliano
Vaticano S.p.A. Da un archivio segreto la verità sugli scandali finanziari e politici della Chiesa è un saggio - inchiesta giornalistica di Gianluigi Nuzzi, già collaboratore del Corriere della Sera e Il Giornale, sugli scandali finanziari e politici degli anni '90 dell'Istituto per le Opere di Religione e sui suoi rapporti con la mafia.
Il libro è stato il bestseller del 2009[1], tradotto in 14 lingue[2][3] e i cui diritti d'autore sono stati devoluti in beneficenza per il 50%[4].

Contenuto [modifica]

Viene dato rilievo al fatto che le varie speculazioni finanziare erano coperte da un sistema complicatissimo di conti cifrati per proteggere clienti eccellenti (per i quali venivano usati nomi in codice) e che spesso erano mascherate da associazioni e fondazioni benefiche fittizie. Nella prima parte del libro è spiegato che dall'archivio Dardozzi emerge che circa due terzi della maxitangente Enimont (90 miliardi di lire) sono finite nello Ior. Nella seconda parte è contenuta un'intervista a Massimo Ciancimino che mette in luce i legami fra la Banca Vaticana e la mafia.

Indice del libro [modifica]

Prima parte [modifica]

  • Le carte segrete del Vaticano
  • Ascesa e caduta di Marcinkus
  • Firma autorizzata: Andreotti Giulio
  • Lo Ior parallelo
  • Enimont. La maxitangente
  • Enimont. Il depistaggio
  • Enimont. Le coperture
  • Truffe e ricatti nei sacri palazzi
  • I soldi del papa e lo Ior dopo De Bonis

Seconda parte [modifica]

  • L'altra inchiesta. Il «Grande Centro» e i soldi della mafia
  • Il golpe porpora
  • Lo Ior, quei soldi per Provenzano

Edizione [modifica]



Dal libro un breve passo:


"...Paolo VI affida il trasferimento all'estero delle partecipazioni a un sacerdote e a un laico...già conosciuto da Montini quando era arcivescovo di Milano. Si chiama Michele Sindona. Porta i capitali della mafia. Il sacerdote che mastica di finanza ed è amico degli Usa si chiama Paul Marcinkus... E' lo stesso Sindona a presentare a Marcinkus il banchiere Roberto Calvi... I tre arrivano a manipolare gli andamenti della Borsa di Milano con le società del Vaticano che finiscono a Calvi via Sindona... Viene eletto papa il patriarca di Venezia Albino Luciani, uomo di altissimo rigore morale... il giornalista Mino Pecorelli pubblica i 121 nomi di esponenti vaticani che sarebbero affiliati alla massoneria... Luciani intende far piazza pulita allo IOR e trasferire tutti: Marcinkus, de Bonis, Mennini, de Strobel. Lo confida al segretario di Stato Jean Villot la sera del 28 settembre 1978. La mattina dopo il corpo senza vita di Giovanni Paolo I viene rinvenuto nel suo letto... Karol Wojtyla recupera la politica di Paolo VI e assicura a Marcinkus la continuità sull'indirizzo finanziario.. L'Ambrosiano di Calvi rischia il crack... si scopre che i crediti dell'Ambrosiano riguardano le società estere legate allo IOR... Il ministro del Tesoro Andreatta dispone la liquidazione del Banco Ambrosiano... Marcinkus gode della protezione incondizionata di Giovanni Paolo II... dovuta soprattutto ai fondi per oltre 100 milioni di dollari che il Vaticano inviò al sindacato polacco Solidarnosc... Triplice mandato di cattura, emesso il 20 febbraio 1987 dalla magistratura milanese contro Marcinkus e i dirigenti dello IOR Luigi Mennini e Pellegrino de Strobel..."



E contro il quale il Vaticano si oppose rivendicando che i tre erano cittadini Vaticani e non concesse l'estradizione. 
Debbo inserire anche qui un piccolo aneddoto personale.
Quando ero adolescente mi capitò di conoscere il figlio più piccolo di Pellegrino De Strobel, Antonio, che aveva la mia stessa età e la sua sorella più grande di lui Maria. Mi capitò di entrare nella loro casa sita in Via della Conciliazione, lato destro guardando la Basilica, nella parte della via più vicina a Piazza San Pietro. Avevo circa 15 anni e mi stupii che il padre dell'allora biondissimo Antonio, che sapevo essere "un funzionario della Banca Vaticana", potesse vivere con tali agi.
Erano tempi in cui un funzionario di Banca "stava bene", ma quello che vidi in quella casa era qualcosa ben lontano da una pur benestante casa borghese qualsiasi.
La limousine entrava nel cortile privatissimo e ne scendeva un autista in divisa che apriva lo sportello alla madre di Antonio. Su questo cortile signorile si affacciava una balaustra in pietra, forse marmo, in stile neoclassico, l'ingresso della casa era un enorme salone, come enormi erano le finestre e le porte bugnate in legno massiccio... Le cameriere erano in divisa nera con crestina e grembiulino bianco. Probabilmente il palazzo apparteneva al Vaticano... Non ricordo molto altro... Ero molto giovane e senza esperienza per capire, ma certo l'insieme mi colpì e mi posi qualche domanda.
Domanda a cui dette risposta quello che venne fuori anni dopo.

Il Vaticano, come documentato, è rimasto con un Potere Temporale di tipo economico mascherato
Gli Stati, e l'Italia per prima, debbono fare i conti con il Potere Invisibile ma concreto che la Chiesa ha sulle coscienze tremebonde di milioni di persone. 
Tremebonde della morte soprattutto, a cui la Chiesa con i suoi riti, le sue sontuose cerimonie, dà risposte consolatorie esorcizzando le paure.
Ed è così forte questo Potere che milioni di persone ancora identificano il messaggio di Gesù Cristo detto il Nazareno, predicatore ebreo che, come suo cugino Giovanni detto il Battista, parlava alle genti in Galilea, con quello che va dicendo la Chiesa da circa 2000 anni.  
Eppure del messaggio lasciato da Cristo nella Chiesa di Roma non vi è quasi niente: né la povertà, che anche Francesco di Assisi, grande mistico, andò a perorare proprio nella Roma sontuosa dei Papi, né la verità, che Cristo sempre invocava nelle sue prediche (...in Verità, in Verità vi dico...), né soprattutto la reale e vera adesione alla filosofia di vita e ai principi che Cristo ha lasciato come sublime messaggio agli uomini. 
Ma nonostante le macroscopiche contraddizioni dell'operato della Chiesa rispetto al messaggio spirituale sul quale pretende di fondare il suo Potere, la gente la segue, e la gente vota i Governi dei Paesi, soprattutto in Italia, per questo Mussolini prima e Craxi dopo hanno firmato Patti e Concordati...

Quello che è avvenuto dimostra che il rigore morale di un Papa credente NON VA BENE PER LA CHIESA. 
Dunque l'Apparato di detta Chiesa, come quella di ieri che scelse il Papa polacco, oggi sceglierà un Papa con valori e fini tutt'altro che mistici o spirituali, come invece è stato ed è Papa Ratzinger.

Questa Chiesa ha fatto Santo un uomo come Pio IX ... Quello della Breccia di Porta Pia, e lo ha voluto Santo, con tanto di aureola, proprio il Papa polacco che mandava i soldi al sindacato dell'elettricista che poi diventò Capo di Stato... Un operaio sindacalista che, nella Polonia comunista affamata, si era potuto permettere di mettere al mondo 7 figli! Perché era cattolico, naturalmente. Chissà come li sfamava visto che, proprio in quel periodo, un ingegnere polacco esperto in microonde,  per sfamare il suo unico figlio era dovuto venire a lavorare in una università italiana pagato malamente con fondi di ricerca, nella forma di parcelle professionali a singhiozzo, facendo enormi sacrifici ed economie su sé stesso!
Papa Wojtyla con Marcinkus
Anche il Papa polacco che appoggiava Marcinkus è stato proclamato Santo!  Ratzinger, invece, se ne è dovuto andare.
Wojtyla con Pinochet con cui si inginocchiò a pregare!
Durante la sua dittatura militare venne attuata una forte repressione dell'opposizione, ritenuta un vero sterminio di massa, con l'uccisione di circa 3000 oppositori politici