Cerca nel blog

domenica 30 ottobre 2011

Lula, l'ex-presidente del Brasile, ha un tumore

La sera del 22 gennaio 1979, dopo un'esposizione di gioielli presso una TV privata, Torregiani, 42 anni, subì un tentativo di rapina a opera di alcuni malviventi mentre stava cenando in una pizzeria di via Marcello Malpighi insieme a familiari e amici.

Torregiani e uno dei suoi accompagnatori, anch'egli armato, reagirono al tentativo di rapina e nacque una sparatoria che causò la morte di uno dei rapinatori e di un avventore oltre che il ferimento di altre persone, tra le quali lo stesso Torregiani[1]. In seguito, il gioielliere subì diverse minacce.

Il 16 febbraio successivo, mentre stava aprendo il negozio insieme alla figlia e al figlio, fu vittima di un agguato da parte di un gruppo di fuoco costituito da tre componenti dei Proletari Armati per il Comunismo intenzionati a vendicare la morte del rapinatore rimasto ucciso nel ristorante. Di nuovo, Torregiani tentò una reazione ma fu colpito non appena estratta la sua pistola, dalla quale partì il proiettile che raggiunse il figlio quindicenne Alberto alla colonna vertebrale, rendendolo paraplegico. Torregiani fu finito con un colpo alla testa. Nella rivendicazione, i Proletari Armati per il Comunismo espressero solidarietà alla piccola malavita che «con le rapine porta avanti il bisogno di giusta riappropriazione del reddito e di rifiuto del lavoro»

GIUSTO: PERCHE' LAVORARE? E POI E' GIUSTO RIAPPROPIARSI DEL REDDITO RUBANDO A MANO ARMATA A PRIVATI CITTADINI CHE LAVORANO E CHE SI PERMETTONO PURE DI REAGIRE!!!
TU LAVORI E IO MI RIAPPROPRIO DEL REDDITO, E SE REAGISCI TI AMMAZZO!

Questa bella logica umana e sociale è il credo di Cesare Battisti che Lula e la sua discepola, che ora è presidente, hanno ritenuto persona degna di essere lasciata libera.

Il primo pensiero che mi si è affacciato alla mente all'annuncio del suo tumore non lo scrivo, ma non ha nulla della mia educazione cattolica purtroppo, dico solo che queste malattie vengono a tanta gente buona ed onesta che deve subire chemioterapia ed il resto..... Se è venuto a lui alla laringe, visto che è stato un grande fumatore, bisogna dire che se l'è voluta.

Insieme appassionatamente.........

venerdì 28 ottobre 2011

Moralità piccolo borghese?

DA: "La Rebubblica.it" 9 gennaio 2008
"Quella relazione clandestina a Torino..."

Il padre naturale di Carla Bruni Maurizio Remmert

"Vi racconto il legame con mia figlia"

SAN PAOLO - "Carla è nata da una relazione a Torino che abbiamo avuto io, giovanissimo, con la trentaduenne Marisa, sposata con Alberto". A parlare Maurizio Remmert, 61 anni, imprenditore italiano residente a San Paolo del Brasile. Ovvero il padre naturale di Carla Bruni, probabile futura first-lady francese, intervistato dal quotidiano Estado de S.Paulo.
"So da sempre che è mia figlia, da quando è nata quarant'anni fa - prosegue Remmert, capelli bianchi, faccia simpatica, fisico atletico, che abita a San Paolo da 32 anni - Vivevamo a Torino. Ci siamo conosciuti con Marisa Tedeschi nell'ambiente musicale della città. Lei era pianista. Alberto, suo marito, era imprenditore e compositore. Ho suonato molto tempo con Marisa. Vissi una grande storia d'amore con lei, durata sei anni: non fu un caso fugace. Lei era sposata e all'epoca non abbiamo rivelato chi era il vero padre quando Carla è nata, nel 1967".
Remmert spiega che questa storia era straconosciuta nella Torino-bene dell'epoca, "ma per natura noi dell'Italia del nord siamo discreti". E il marito, Alberto Bruni Tedeschi, morto nel 1996, sapeva la verità sulla nascita di Carla? "Non saprei dire quando scoprì il caso, ma molto tempo fa - dice ancora Remmert, che si è sposato in Brasile con Marcia de Luca, una maestra di yoga, dalla quale ha avuto una figlia, Consuelo - lui era una persona sensazionale, e ha sempre trattato Carla come sua legittima figlia. Quando lui stava male, Marisa ha svelato a Carla chi era il suo vero padre. Ma senza questa storia di drammi, di rivelazioni sul letto di morte. E' stata una conversazione da adulti, fra madre e figlia".

Commento: La madre della bellissima Prima Dama di Francia era un'adultera con un marito molto, molto, comprensivo, fino al punto di far finta di non sapere.

Il fratellastro di Carla Bruni, figlio, quello sì, del marito comprensivo dell'adultera, è morto relativamente giovane: molti giornali hanno scritto di AIDS, pochi di leucemia.

Ora tutti scrivono che è diventata mamma: ma lo era già da un bel pezzo! Nel 2001 dalla relazione con Raphael Enthoven nasce un bimbo: Aurélien.

Passiamo ora al presuntuoso e sarcastico Sarkozy!! Dalla prima moglie ha avuto 2 figli. Uno, giovanissimo, già è ben introdotto in politica, eletto consigliere regionale nello stesso partito del padre. Nepotismo politico come usa in Italia: il "Trota" di Bossi, il figlio di Di Pietro, contestato dagli iscritti di Italia dei Valori che si sono dimessi per protesta (ma chi se ne frega di quei poveri scemi della base), i figli di Craxi (come se non bastasse quello che ci è costato il padre) e così via.
Il sarcastico Sarkozy ha avuto tre mogli, ha battuto Berlusconi e Antonio Di Pietro che, per ora, hanno solo un divorzio nel loro curriculum: ma si dicono cattolici.... Berlusconi sta perfezionando il secondo divorzio, bisogna dire, chissà... potrebbe emulare Sarkozy e risposarsi per la terza volta anche lui!

Insomma, tutto il mondo è paese! Ma la mia è solo una morale piccolo borghese influenzata dall'educazione cattolica!

giovedì 27 ottobre 2011

Scippo legalizzato di una bambina

Ho già scritto un post su questo fatto terribile il 26 maggio 2011, rimando quindi i lettori a quanto scrissi allora.
Ieri, nella trasmissione "Chi l'ha visto?", abbiamo visto di nuovo gli affranti genitori e la nonna della piccola Camparini a cui una sentenza del Tribunale dei Minori ha stabilito di cancellare l'identità, dandola in adozione a sconosciuti, cambiandole il nome e strappandola ai genitori ed ai nonni viventi.

Non siamo in Argentina ai tempi in cui i figli venivano tolti ai dissidenti e, cancellatane l'identità, venivano dati in adozione.
Siamo in Italia. Paese del diritto.
I motivi per cui la bimba viene strappata alla sua famiglia naturale sono legati al fatto che in passato i genitori hanno avuto episodi di droga. I nonni invece no. Dunque perché strapparla anche ai nonni? Perché fare strame del Diritto di Famiglia? Può una persona che svolge un lavoro di assistente sociale ed altro nelle istituzioni essere arbitro di un giudizio tanto grave?
Tremate genitori che avete avuto contatti con la droga, che siete incorsi in condanne penali, che avete dato in escandescenze perché non reggevate le avverse fortune della vita: potrebbero togliervi i figli.

Perché a Marrazzo non hanno tolta la patria podestà sulle sue figlie? Eppure è documentato che aveva un bel mucchietto di cocaina mentre frequentava dei prostituti chiamati "transessuali".
Fose perché lui appartiene ad una Casta di politici? Mentre il sofferente papà Camparini è solo un povero artigiano?
Ma in che razza di società viviamo?

Ho 65 anni e non mi sono mai drogata, anzi, non ho nemmeno mai preso psicofarmaci nei momenti più difficili della mia vita, tipo lutti ed altro... Non difendo quindi chi ha fatto uso di droghe perché sono di parte: difendo questi genitori, questi nonni, perché l'abuso è troppo grande e grida vergogna ad una giustizia che non è tale. QUESTO E' LO SCIPPO LEGALIZZATO DI UNA BAMBINA!!

La piccola Camparini non ha bisogno di genitori perfetti: HA BISOGNO DEI SUOI GENITORI, che sono vivi, uniti, con i nonni accanto.

Questi operatori del sociale che scrivono relazioni possono fare male il loro lavoro, sbagliare, come tutti: sbagliano i medici, sbagliano i burocrati nello svolgere male una pratica, creando infinite difficoltà ai cittadini, sbagliano i magistrati, tanto è vero che il popolo si pronunciò con un referendum a favore della loro responsabilità civile (ma la volontà popolare fu vanificata come per il referendum sul finanziamento pubblico ai partiti), possono dunque sbagliare anche gli assistenti sociali, gli psicologi ecc. ecc..

Ma qui il danno sull'esistenza delle persone e sul Diritto Naturale è gravissimo! Sanno le persone che hanno contribuito ad una decisione così grave che proprio la trasmissione "Chi l'ha visto?", che seguo dal suo esordio, ha portato centinaia di casi di persone adottate da persone buone ed affettuose, perché abbandonate dai propri genitori biologici, che, ormai più che adulte, cercano disperatamente quei genitori che, pure, non li hanno voluti?!
La piccola Camparini potrà, da adulta, chiedere i danni a chi ha deciso di toglierla alla sua famiglia che la vuole, che la reclama, che si dispera e che l'ha anche rapita quando l'avevano messa in un istituto di suore....

Si lasciano i figli all'assassina del piccolo ucciso a Cogne, ad una commercialista che, dopo un primo tentativo fatto quando aveva 11 mesi, è riuscita poi ad uccidere il proprio sventurato figlioletto cinque mesi dopo il primo episodio.... L'elenco degli esempi sarebbe lungo, ma inutile, tanto è assurdo quello che avviene.

martedì 25 ottobre 2011

Bossi: "La gente ci ammazza"

Pensioni: Bossi, impossibile toccarle


 (ANSA) - ROMA, 25 OTT - ''Non e' possibile portare le pensioni a 67 anni per far piacere ai tedeschi. Non possiamo farlo, la gente ci ammazza''. Cosi' il leader della Lega Umberto Bossi, risponde ai giornalisti al suo ingresso a Montecitorio.
++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

BOSSI HA UN SOPRASSALTO DI COSCIENZA, UN TIMORE DI PERDERE IL PROPRIO ELETTORATO E DICE QUELLO CHE TANTI ITALIANI VORREBBERO FARE: AMMAZZARLI E RIPULIRE IL PARLAMENTO PERCHE' I PARLAMENTARI NON HANNO UN BARLUME DI COSCIENZA DI QUELLI CHE SONO I PRIVILEGI CHE HANNO ED A CUI NON VOGLIONO RINUNCIARE, MENTRE CONCERTANO DI COME TOGLIERCI ANCORA QUALCOSA SU SUGGERIMENTO DI ALTRI PAESI DELL'UNIONE EUROPEA, CHE AVREBBERO TANTE COSUCCE LORO DA GUARDARSI E DI CUI PARLEREMO IN SEGUITO SU QUESTO BLOG.

Intanto riportiamo dal sito ufficiale dell'On. Borghesi, oggi deputato di Italia dei Valori, ieri nello stesso partito di Bossi, il seguente testo:

Il 21 settembre 2010 si è discusso il bilancio interno della Camera. Con mio ordine del giorno ho chiesto che l'Ufficio di Presidenza provvedesse all'abolizione del vitalizio dei parlamentari, ovviamente anche agli ex-parlamentari che attualmente lo percepiscono. L'Ufficio di Presidenza aveva chiesto il ritiro dello stesso.

PRESIDENTE: Chiedo ai presentatori se accedano all'invito al ritiro dell'ordine del giorno Borghesi n. 9/Doc. VIII, n. 6/5, formulato dal Collegio dei questori.

ANTONIO BORGHESI. Signor Presidente, noi non possiamo ritirare quest'ordine del giorno, perché crediamo che su questo punto sia necessario intervenire.
Abbiamo inserito nella contromanovra alla manovra economica del Governo, che è stata trasformata in un progetto di legge che qui non abbiamo potuto poi votare perché il Governo ha posto la questione di fiducia, ma riteniamo che questo sia un tema al quale i cittadini sono giustamente sensibili. Penso che nessun cittadino e nessun lavoratore al di fuori di qui possa accettare l'idea che gli si chieda, per poter percepire un vitalizio o una pensione, di versare contributi per quarant'anni, quando qui dentro sono sufficienti cinque anni per percepire un vitalizio. È una distanza tra il Paese reale e questa istituzione che deve essere ridotta ed evitata. Non sarà mai accettabile per nessuno che vi siano persone che hanno fatto il parlamentare per un giorno - ce ne sono tre - e percepiscono più di 3.000 euro al mese di vitalizio. Non si potrà mai accettare che ci siano altre persone rimaste qui per sessantotto giorni, dimessisi per incompatibilità, che percepiscono un assegno vitalizio di più di 3.000 euro al mese. C'è la vedova di un parlamentare che non ha mai messo piede materialmente in Parlamento, eppure percepisce un assegno di reversibilità. Credo che questo sia un tema al quale bisogna porre rimedio e la nostra proposta, che stava in quel progetto di legge e che sta in questo ordine del giorno, è che si provveda alla soppressione degli assegni vitalizi, sia per i deputati in carica che per quelli cessati, chiedendo invece di versare i contributi che a noi sono stati trattenuti all'ente di previdenza, se il deputato svolgeva precedentemente un lavoro, oppure al fondo che l'INPS ha creato con gestione a tassazione separata. Ciò permetterebbe ad ognuno di cumulare quei versamenti con gli altri nell'arco della sua vita e, secondo i criteri normali di ogni cittadino e di ogni lavoratore, percepirebbe poi una pensione conseguente ai versamenti realizzati. Proprio la Corte costituzionale, con la sentenza richiamata dai colleghi questori, ha permesso invece di dire che non si tratta di una pensione, che non esistono dunque diritti quesiti e che, con una semplice delibera dell'Ufficio di Presidenza, si potrebbe procedere nel senso da noi prospettato, che consentirebbe di fare risparmiare al bilancio della Camera e anche a tutti i cittadini e ai contribuenti italiani circa 150 milioni di euro l'anno.

Per questo motivo, chiediamo che la Camera si esprima su questo punto e vogliamo davvero dire che non c'è nulla, ma proprio nulla, di demagogico in questa nostra proposta (Applausi dei deputati del gruppo Italia dei Valori).

PRESIDENTE. Avverto che è stata chiesta la votazione nominale mediante procedimento elettronico.

Passiamo ai voti.

Indìco la votazione nominale, mediante procedimento elettronico, sull'ordine del giorno Borghesi n. 9/Doc. VIII, n. 6/5, non accettato dal Collegio dei questori.

Dichiaro aperta la votazione.

(Segue la votazione).

Comunico il risultato della votazione: la Camera respinge (Vedi votazioni).

(Presenti 525

Votanti 520

Astenuti 5

Maggioranza 261

Hanno votato sì 22

Hanno votato no 498.

++++++++++++++++++++++++++++++++

HA RAGIONE DUNQUE BOSSI A DIRE "LA GENTE CI AMMAZZA": E' QUELLO CHE MERITANO VISTO COME HANNO VOTATO!!!

E PARLIAMO DELLE NOSTRE PENSIONI ORA!!!
+++++++++++++++++++++++++++++++++


DA: LETTERA 43 quotidiano on-line
Martedì, 02 Agosto 2011

Camera, inammissibile tagliare il vitalizio


Scontro tra Fini e l'Idv Borghesi sull'abolizione del privilegio.


Scontro nell'Aula di Montecitorio tra il presidente Gianfranco Fini e il deputato dell'Italia dei Valori, Antonio Borghesi. In discussione l'ammissibilità di un ordine del giorno, proposto dallo stesso Borghesi, sull'abolizione del vitalizio ai parlamentari. O meglio, come ha spiegato il deputato, per la sua sostituzione con una erogazione dell'Inps, l'Istituto nazionale previdenza sociale, commisurata ai contributi versati.

QUESTIONE DI PRINCIPI. Fini, al contrario, ha parlato di una «soppressione di un diritto acquisito per gli ex parlamentari» che «sarebbe in contrasto con i principi generali dell'ordinamento, trattandosi di posizioni ormai consolidate».

Ancora, pur senza volersi esprimere sul merito della proposta, Fini ha aggiunto che «l'ordine del giorno interviene impropriamente in una materia, quale quella delle competenze degli enti pubblici previdenziali, che non può che essere regolata da una legge ordinaria dello Stato».

Borghesi: «Fini ha cambiato le regole a gioco iniziato»

Immediata, e dura, la replica di Borghesi. «Il 21 settembre dello scorso anno, un ordine del giorno esattamente uguale a quello che è stato qui da me depositato sui vitalizi è stato ammesso, è stato discusso, è stato votato da questa Assemblea», ha osservato il deputato Idv. «Devo arguire che è cambiato qualcosa da settembre ad oggi. Il fatto che il Presidente decida queste nuove regole dopo che gli ordini del giorno sono stati depositati mi lascia altamente perplesso, perché è come intervenire a gamba tesa quando il gioco è già iniziato».

L'analogo tentativo di eliminare il vitalizio per i parlamentari da parte di Borghesi era stato bocciato dall'Aula con 498 'no' e soli 22 'sì' a settembre 2010.
ANTONIO BORGHESI nato a Bolzano nel 1949

«LA CASTA SI NASCONDE». Le argomentazioni di Fini non hanno convinto nemmeno il capogruppo alla Camera Massimo Donadi, che ha tuonato: «Altro che metodo! L'ordine del giorno di Italia dei Valori sui vitalizi è stato respinto per tutt'altra ragione, ovvero la paura di dover sostenere le critiche dell'opinione pubblica nel bocciarlo, o, peggio ancora, il rischio di doverlo votare proprio per non essere travolti dalla critiche». Donadi ha anche sottolineato come «la Casta, ancora una volta, preferisce nascondere la testa sotto la sabbia, pur di non mettere mano ai propri privilegi».

VIA IL VITALIZIO DAL 2013. In ogni caso, a quanto si apprende dalla relazione del deputato Questore, Antonio Mazzocchi, «l'Ufficio di presidenza di Montecitorio ha deliberato la sostituzione dell'attuale istituto del vitalizio, a decorrere dalla prossima legislatura, con un nuovo sistema previdenziale, analogo a quello previsto per la generalità dei lavoratori».

NO AI RISPARMI SULLE AUTO BLU. L'Ufficio di presidenza ha anche bocciato un ordine del giorno, sempre proposto dall'Italia dei Valori, che mirava a limitare l'utilizzo delle auto blu al presidente della Camera e al segretario generale della Camera.

++++++++++++++++++++++

Che dire? Almeno Borghesi ci ha provato!! In Italia dei Valori non ci sono solo piccoli Scilipoti, ma anche gente come questo ex-leghista o persone dignitose come Donadi.

Tenete presente, invece, di chi è Fini!! (Non è una perfetta sintassi ma così rende di più l'idea!")












.

 




domenica 23 ottobre 2011

Accade anche questo

"Hanno buttato tutti gli arredi per terra, rotto le porte, finestre, rubato del materiale, ecc....rotto anche l'amplificatore e cose abbastanza costose."
Marco Omizzolo - Coordinatore provinciale Legambiente Latina

VANDALIZZATO DA VIGLIACCHI IL VILLAGGIO DELLLA LEGALITÀ
“SERAFINO FAMÀ”
A

BORGO SABOTINO

UN'INTIMIDAZIONE CHE NON FERMERÀ LA LOTTA E L'IMPEGNO PER UNA CULTURA

DELLA LEGALITÀ E DELLA SOLIDARIETÀ

Un'intimidazione gravissima, in pieno stile mafioso, che ha nelle sue intenzioni, l'arresto, con metodi violenti e vigliacchi, del percorso di legalità e impegno comune sul quale da anni Libera, Legambiente, l'Agesci e molte altre associazioni locali sono impegnate. Un impegno difficile, a volte ostacolato dalle stesse istituzioni, ma sostenuto da centinaia di cittadini, consapevoli del livello di penetrazione della cultura mafiosa e dei suoi “picciotti” nel sistema economico, politico e amministrativo della provincia di Latina. Un sistema infame che costituisce il vero vincolo allo sviluppo di questo territorio e che correttamente Libera ha chiamato Quinta Mafia.
Un'intimidazione che obbliga tutti, associazioni, cittadini, politici, forze economiche, ad organizzare risposte serie e radicali, a partire da una consapevolezza che deve diventare patrimonio comune, per cui le mafie in provincia di Latina, con il loro arsenale di interessi, connivenze, violenze, sono presenti e condizionano il sistema democratico provinciale.

Cemento, rifiuti, agromafie sono i settori sui quali i clan mafiosi e i loro colletti bianchi hanno deciso di investire, facendone oggetto di business malavitoso, spesso agevolati da politiche troppo colpevolmente timide sul fronte della repressione e prevenzione e da dichiarazioni istituzionali pubbliche che negano il fenomeno.

Legambiente provinciale dichiara sin da subito la propria massima disponibilità a sostenere qualunque iniziativa volta a ribadire la cultura della legalità, dell'impegno, della solidarietà che trovano residenza proprio nel villaggio della legalità di Borgo Sabotino.

Circolo Larus Legambiente Volontariato Via Garibaldi n° 45, 04016 Sabaudia (LT)

http://www.laruslegambiente.it/

sabato 22 ottobre 2011

SENZA COMMENTI

ACCADUTO IERI
03/10/2010
Da: Positano News
ATRANI:  IL PADRE RICONOSCE FRANCESCA A LIPARI E LA BENEDICE.

Francesca Mansi riconosciuta dal padre. E' stata riconosciuta questa mattina dal padre e dai familiari. Francesca Mansi, la ragazza scomparsa lo scorso 9 settembre ad Atrani in costiera amalfitana, rinvenuta nelle acque delle Eolie, che già ieri era stata identificata, a causa del cellulare che aveva addosso, ha avuto il riconoscimento ufficiale. Lello Mansi e suo fratello Pio sono partiti a bordo di un aereo della protezione civile della Regione Campania questa mattina alle 8,30 dall'aereoporto di Pontecagnano Salerno costa d'Amalfi.

Alle 12 circa vi è stato il riconoscimento ufficiale. «E’ mia figlia, ora la riportiamo finalmente a casa». Sono state le uniche parole di Lello Mansi, il papá di Francesca, nel momento in cui ha potuto rivedere Francesca, nell’obitorio di Lipari. Un’attesa durata 24 giorni, dalle 18.30 di quel maledetto 9 settembre, quando Atrani venne attraversata, come un proiettile, da un fiume di fango e melma, che lasciò dietro di sé solo tristezza e disperazione. E quella lava nera strinse anche la venticinquenne.

Era laureata in economia turistica e, per sbarcare il lunario e coltivare i propri sogni, aveva trascorso l’estate lavorando presso il bar "La Risacca". Da allora, per più di tre settimane, si sono alternati tanti sentimenti, dalla speranza di trovarla ancora viva, nei primi giorni di ricerca, fino a giungere all’inevitabile rassegnazione di aver perso per sempre Francesca, ragazza solare e benvoluta da tutti.

Nessuno, però, voleva credere che la natura, così crudele con la povera ragazza, non restituisse almeno il suo corpo. E quel corpo è stato ritrovato a 170 miglia dal litorale di Atrani, trasportato dalle correnti marine fino all’arcipelago delle Eolie. «Ho capito che era Chicca dai vestiti», ha confidato papá Lello qualche ora dopo aver adempiuto al triste ma necessario rituale dell’identificazione. Lui, uomo di fede, diacono permanente, anche ieri ha mantenuto la calma, sorretto da quella fede che lo ha aiutato a superare tutti i momenti difficili. Anche quello, probabilmente, più duro: vedere sua figlia praticamente irriconoscibile e con il corpo martoriato dai tanti giorni di permanenza in acqua.

«Aveva ancora indosso - ha aggiunto Lello Mansi - quella maglietta bianca che indossava la mattina del 9 settembre, sulla quale era stampato un personaggio di Walt Disney, i jeans neri, una cinghia ed un paio di scarpe Converse All Star. Sono stati questi gli elementi, assieme al cellulare, che mi hanno fatto capire che era proprio lei, anche perché Chicca non aveva né tatuaggi e neppure segni particolari». La salma, giá da domani, potrebbe rientrare a Minori, in quanto il pm titolare delle indagini, Ernesto Sassano, molto probabilmente disporrá solo un esame esterno del cadavere. Tutta la Costiera, perciò, si sta preparando a tributare l’ultimo saluto a Francesca e a partecipare ai funerali, che si svolgeranno nella Basilica di Santa Trofimena. Intanto il sindaco di Atrani, Nicola Carrano, proporrá di intitolare Largo Marinella proprio a Francesca.

Il corpo di Francesca Mansi, dopo il riconoscimento, è stato benedetto dallo stesso genitore. A confidarlo è il parroco di Lipari, don Gaetano Sardella, che ha accompagnato Lello Mansi all’interno della camera mortuaria durante il rito dell’identificazione della salma. «Ho saputo che è diacono permanente della diocesi - ha spiegato il prelato - E’ un credente e, perciò, gli ho consegnato una piccola corona che abbiamo adagiato sul corpo di Francesca. Poi, con me, ha benedetto la salma. In questa tragedia c’è una grande speranza e una grande dignitá di un padre, di un uomo con una incrollabile fede in Dio». Una scena di un padre che ha atteso per settimane che il mare gli restituisse il corpo della figlia travolta dal fango ad Atrani.


Da: Positano news
07/09/2011

Atrani morta per esondazione Dragone, nessun risarcimento per Francesca Mansi

Lo Stato assente in tutti i modi, nessun responsabile, neanche indagato, nè per Francesca, nè per lo chef di Tramonti ucciso dal dissesto idrogeologico, anche se sono stati aperti dei procedimenti dalla procura di Salerno, nessun risarcimento ancora per gli atranesi e neanche un riconoscimento alla famiglia di Francesca. Per Atrani, per la quale era stato aperto anche un conto corrente con versamenti da tutta Italia e dal mondo, non è cambiato nulla. Le macchine, per esempio, parcheggiano ancora indisturbate lungo il corso, come denunciato più volte da Positanonews che già da anni pubblica gli allarmi del Comitato S.O.S. Dragone che chiedeva un semplice ed economico sistema di prevenzione, che portò anche ad un protocollo di intesa fra Scala, Ravello e Atrani, ancora non attuato.









FRANCESCA MANSI                                                      
 
 
 
 
 
 
 
 


OGGI

VALERIA SODANO
Da: NapoliToday 21 ottobre 2011
Maltempo, la 23enne Valeria Sodano muore a Pollena Trocchia travolta dal fango
Una vittima del maltempo in Campania. Valeria Sodano, 23 anni, è morta questa notte a a Pollena Trocchia dopo che l'automobile dove si trovava è stata travolta da un fiume di fango.


 


Potrebbe interessarti: http://www.napolitoday.it/cronaca/valeria-sodano-morta-pollena-trocchia.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/NapoliToday

Dal "Corriere della Sera" 20 ottobre 2011

ROMA - L'uomo vittima del nubifragio a Roma è un giovane immigrato dallo Sri Lanka, Sarang Perera, di nazionalità cingalese, 32 anni. E' annegato giovedì mattina nella sua abitazione all'Infernetto, quartiere a sudovest della capitale. L'uomo, che viveva in Italia da sei anni e faceva il cuoco nel ristorante La Paranzella, risiedeva nello scantinato di una villetta a schiera in via di Castelporziano. Qui è stato sorpreso dall'onda di piena di un vicino canale di bonifica, che è tracimato invadendo la strada residenziale: la forza dell'acqua ha letteralmente sfondato un muro della casa che, crollando, ha travolto il giovane che si trovava nel seminterrato per recuperare alcune cose, secondo quanto ricostruito finora. Il suo corpo è stato recuperato dai sommozzatori dei vigili del fuoco intorno alle 15.30.
IN SALVO LA PICCOLA - Scampati al disastro la giovane moglie dell'uomo e la figlioletta di pochi mesi, che lo avevano raggiunto nella Capitale da meno di un anno: si trovavano entrambi in un'altra stanza quando l'acqua ha sfondato il muro. Hanno resistito nell'acqua, non si sa come, fino a quando sono state messe in salvo. Gli uomini delle Fiamme Gialle e i vigili del fuoco non hanno esitato a buttarsi in acqua per recuperare la piccola e la madre. E già un commerciante, un vicino di casa, era intervenuto. «Sono arrivato troppo tardi, mi sono anche tuffato, ma lui era incastrato tra i mobili e i detriti di un muro crollato così ho portato in salvo la moglie e la figlia». Così Paolo Borelli, 44 anni, un negoziante dell'Infernetto ha raccontato come ha portato in salvo stamani la moglie e la figlia della vittima, ma non è riuscito a salvare l'immigrato di 32 anni morto annegato nel seminterrato dove viveva.

venerdì 21 ottobre 2011

Se io fossi Alemanno

Il 19 luglio 2011 ho scritto un post intitolato "Mancanza di coerenza".
Riportavo un'intervista rilasciata da Antonio Di Pietro al Corriere della Sera in cui, fra l'altro, lui diceva testualmente: "..... le 7 mila società partecipate dagli enti locali hanno assunto 25 mila consiglieri di amministrazione. Bastava un amministratore unico”.
Potete rileggerlo, comunque la "Mancanza di coerenza" era motivata dal fatto che Italia dei Valori mette i suoi uomini nei consigli di amministrazione delle municipalizzate come tutti gli altri partiti, quindi è singolare che Di Pietro dica ai "media" queste cose. Non è informato? Difficile crederlo. C'è o ci fa? Come dice lui degli altri? Non sappiamo, ma di certo non si può non pensare che, come minimo, parla per demagogia, contando sulla mancanza di informazioni da parte della gente che, sentendolo parlare così sui giornali ed in televisione, pensa che lui ed il suo partito agiscano in modo diverso dagli altri.
Criticare gli altri su cose che facciamo noi per primi è segno di grande scorrettezza. Si inganna l'elettorato.
Criticare su quello che critichiamo tutti, io compresa, è facile... Ma, mentre io, come tanti altri, non posso fare nulla perché non ho che la mia voce ed alcun potere, lui, Di Pietro, potrebbe, ad esempio, togliere i suoi consiglieri dai C.d.A. delle municipalizzate, sarebbe così coerente con ciò che dice....
Invece Italia dei Valori si butta a criticare su ogni evidente fatto sbagliato che accade.... Come facciamo tutti.... E che ci vuole! Io, che pure non sono che una qualunque, oltre a criticare cerco anche di fare qualcosa nel mio piccolo.... Ad esempio per il problema che riguarda il pagamento di fognature inesistenti fatturato da ACEA ATO2 ho parlato con un Consigliere della Regione Lazio di IdV, gli ho scritto e-mail, ho ricevuto risposte non risolutive ecc. ecc.. Ho mobilitato la gente a muoversi per difendere i propri diritti ecc. ecc. Che poi per ora io non abbia ottenuto giustizia dipende dal fatto che sono una qualunque... Però non mi limito a parlare.... Antonio Di Pietro ha il potere di FARE qualcosa ma non lo fa. Allora non posso accettare che Italia dei Valori si butti a criticare Alemanno perché Roma si è allagata.
"Roma ha continuato a crescere e la rete fognaria non è stata adeguata alla crescita", dice mio marito, che da anni non vota più, disgustato, pur avendo cercato anche lui di interessarsi a far andare meglio le cose occupandosi di politica. Ma anche lui ha scoperto che era una mosca bianca: la maggior parte, per non dire tutti, facevano politica con il solo scopo di fare i propri interessi e non quelli comuni.
Roma  non è sporca: Roma è lurida. Cosa fa la Municipalizzata che la dovrebbe mantenere pulita? La mondezza sparsa ovunque ostruisce gli imbocchi in fogna e, quando viene spinta dall'acqua dentro la fogna stessa, si accumula e ostruisce i condotti facendo tappo. Non di foglie si tratta, ma di quintali di sacchetti lasciati in strada, sventrati e sparsi, con plastiche, lattine ecc. ecc.... E' sotto gli occhi rassegnati di tutti. Io, che non mi rassegno, pur  essendo fuggita dalla mia città 32 anni fa, vedo come è ridotta perché abito a soli km. 20 da essa e non riesco a tacere.
Scrissi ad Alemanno, inviando anche foto, fatte con il mio cellulare, di strade in cui la spazzatura giaceva da più di un mese, abbandonata da chi non ama Roma, con sfregio perché ci sono i cassonetti dove depositare i propri rifiuti, ma nemmeno pulita dalla Municipalizzata addetta al servizio.... Lui mi rispose dopo 5 mesi che faceva un'eccezione perché, certo, non poteva rispondere a tutti i cittadini (milioni!), però la strada fu pulita. Dopo un mese si era daccapo! Lurida come prima ed i sacchetti abbandonati lungo i marciapiedi vi stazionavano per settimane: sempre gli stessi a cui se ne aggiungevano di nuovi.
Se io fossi Alemanno userei i mezzi in mio potere per ottenere NON una pulizia su segnalazione, ma una pulizia metodica. Se la Municipalizzata agisce per zone deve sanzionare chi, addetto ad una serie di strade, non le pulisce. Le leggi ed i regolamenti ci sono, basta applicarli. Senza sanzione non si educa nessuno che educato non è. Lo stesso per le multe ai cittadini barbari: ci sono varie leggi nazionali che consentono di elevare multe anche salatissime a chi sporca.
Se io fossi Alemanno userei uomini e mezzi per perseguire chi sporca e chi prende uno stipendio per pulire e non pulisce.
Se non lo fa allora sì, è colpa sua, se le fognature di Roma sono ostruite da quintali di immondizia che dovrebbe andare in discarica o in inceneritore ed invece va in fogna, dove deve andare acqua, chiara o scura che sia...
  

Rassegna di foto fatte dai cittadini in vari luoghi della città:

Se io fossi Alemanno multerei chi è responsabile di questi manifesti. Se non lo fa è colpa sua perché chi ha interesse a pubblicizzarsi è anche responsabile di come e dove i propri manifesti vengono affissi, nonché della loro rimozione, smaltimento e pulizia.

Questa è stata fatta in Trastevere: cosa penseranno i turisti che visitano questo caratteristico quartiere di Roma?
Sappiate che è una scena non inusuale, anzi, è la norma.
Quanti giorni sono che non passa nessuno della Municipalizzata?
Chi affigge manifesti è fra i maggiori imbrattatori di Roma. La carta rimane lì finché non finisce nelle feritoie degli imbocchi in fogna.

giovedì 20 ottobre 2011

L'orrore quotidiano

Foto da: La Stampa.it
L'altarino religioso creato da Michele Misseri in memoria della nipote
++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

Anche volendo non pensarci i media ci ricordano la banalità e l'assurdità del Male. Verrebbe da dire la "Follia", ma sarebbe troppo comodo e potrebbe creare la convinzione che i protagonisti di questa orrida storia siano pazzi, quindi non punibili.
Il Male, il Crimine, esulando dalla Norma, sono sempre mostruosi, quindi anormali, distorcenti il pensare Sano; ma non per questo frutto necessariamente di menti inferme, quanto di menti devianti.
Questo contadino dalla faccia apparentemente buona, che si autoaccusa di aver ucciso e violato il cadavere della nipotina acquisita, le dedica un altarino religioso, con immagini di Madonne e Santi che, ci si chiede, cosa possano significare per la sua coscienza.
Non uccidere: è un Comandamento sacro non solo per i cattolici. Lui è cattolico, si provvede di "santini" tipici della religiosità più semplice del cattolicesimo, però dice di aver ucciso con motivi abietti una ragazzina che si fidava di lui.
Viene da pensare che più che una religione egli abbia nella sua mente una superstizione, fatta di simboli ma non di morale ed etica cattolica. Ma anche così, in questa religiosità fatta di superstizione, dovrebbe temere il castigo divino che dovrebbe come minimo incenerirlo...
Dice di aver accusato la figlia Sabrina al solo fine di avere con lei una pena più mite: consigliato e plagiato dal suo precedente avvocato e dalla sua avvenente consulente.
Altro orrore: avrebbe trascinato sua figlia in una correità solo per ottenere per sé, vero colpevole, una pena più mite facendo apparire il delitto come una "disgrazia".
Una "disgrazia" si palesa e si affronta in qualche modo, non si inscenano teatrini, non si spoglia nuda una povera fanciulla, calandola in un pozzo dove un cuore normale non seppellirebbe neppure un gatto morto.

Queste persone, i Misseri tutti, abitavano una casa graziosa, fatta sicuramente con duro lavoro, ma senz'altro più bella e preziosa di quella semplice e disadorna della madre di Sara che, pure, era stata la sorella "fortunata", quella adottata dallo zio benestante, che avrebbe ereditato una piccola fortuna.
Oggi non hanno più nulla e quella casa non basterà a pagare tutti i processi, gli avvocati, i consulenti di parte e nominati dal Tribunale.... Si spera solo che i Giornali e le Televisioni non li arricchiscano pagando loro le tragiche interviste, le penose esternazioni, e la smettano di bombardarci con ogni inezia che riguarda le loro fosche vicende.

Casa Misseri
Casa della famiglia Scazzi

mercoledì 19 ottobre 2011

Forze dell'ordine senza benzina

Da: La Repubblica.it del 17/10/2011

Forze dell'ordine senza benzina


"Chiederemo aiuto ai cittadini"

Domani clamorose manifestazioni davanti a Camera e Senato e nelle principali piazze italiane di tutti i sindacati di polizia, polizia penitenziaria, Corpo forestale e vigili del fuoco dopo i tagli del governo (60 milioni di euro) ai soldi destinati a ordine pubblico, interventi d'emergenza e missioni di contrasto della criminalità.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
 
Leggasi nel post precedente a questo quanto risparmieremmo se i parlamentari accettassero di togliersi UNO dei privilegi che si sono affibiati negli anni: sia con governi di destra che di sinistra.
 
E' evidente che NON vogliono farsi mancare nulla e peggio per noi, forze dell'ordine comprese, se i soldi non ci sono per le cose che ci sono necessarie.
 
La benzina per le macchine di scorta invece non manca: scortiamo a spese nostre gente come la Pivetti, Sgarbi ecc.. Ma per il VERO lavoro di Polizia e Carabinieri i soldi non ci sono.
I soldi ci sono solo per i privilegi degli "onorevoli" (tutt'altro che tali) ai quali NON VOGLIONO RINUNCIARE.
 
Cosa possiamo fare oltre che subire? Poco o niente: manifestare per le strade è l'unica cosa che ci è concessa. Dopo di che tutto rimane come prima.
 
Questo vergognoso sistema antidemocratico che NON tiene in alcun conto il cittadino dura da tanto tempo. Ora se ne parla di più, si manifesta di più, ma il far sentire il cittadino una nullità di fronte al potere politico, burocratico e della magistratura, è cosa antica.
 
Ci sono roccaforti sorde, mute e cieche di fronte all'accampare, da parte del cittadino, quei diritti sanciti da leggi e regolamenti. Il silente ma esplicito concetto è: Cosa puoi farmi se non rispondo alle tue sacrosante istanze, ai tuoi reclamati diritti sanciti da leggi e regolamenti?
Niente. Dunque io me ne frego e nemmeno ti rispondo.
 
Dedicherò dei post con degli esempi concreti a questo argomento. Intanto rimando ad alcuni esempi di cui già ho scritto: 
30 settembre 2011 "Acqua pubblica, acqua privata"

9 giugno 2011 "Cittadino o suddito?"

3 aprile 2011 "Lettere da "La Repubblica" del 3 novembre 2010."

Un invito: raccontate nello spazio Commenti, che consente l'Anonimato, le vostre esperienze di cittadino trattato da suddito.

lunedì 17 ottobre 2011

Notizie in ritardo

IN DATA DI OGGI RICEVO LA SOTTOSTANTE E-MAIL INDIRIZZATA AD UN ALTRO MIO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA CHE NON RENDO PUBBLICO E, PER CONVENZIONE, HO MESSO QUELLO CHE HO RESO PUBBLICO SU QUESTO BLOG:

Data: 17-ott-2011 11.31

A: rita.coltellese@gmail.com

DA LEGGERE CON ATTENZIONE!

.......................non ho parole!!!!!!!!!

DOVEROSO DARNE DIFFUSIONE!!

Il giorno 21 settembre 2010 il Deputato Antonio Borghesi

dell'Italia dei Valori ha proposto l'abolizione del vitalizio che

spetta ai parlamentari dopo solo 5 anni di legislatura in quanto

affermava cha tale trattamento risultava iniquo rispetto a quello

previsto dai lavoratori che devono versare 40 anni di contributi per

avere diritto ad una pensione.

Ecco com'è finita:

* Presenti 525

*Votanti 520

* Astenuti 5

* Maggioranza 261

* Hanno votato sì 22

* Hanno votato n. 498.

i 22 sono: BARBATO, BORGHESI, CAMBURSANO, DI GIUSEPPE,

DI PIETRO, DI STANISLAO, DONADI, EVANGELISTI, FAVIA, FORMISANO,

ANIELLO, MESSINA, MONAI, MURA, PALADINI, PALAGIANO, PALOMBA, PIFFARI,

PORCINO, RAZZI, ROTA, SCILIPOTI, ZAZZERA.

Ecco un estratto del discorso presentato alla Camera:

Penso che nessun cittadino e nessun lavoratore al di fuori di qui possa accettare l'idea che gli si chieda, per poter percepire un vitalizio o una pensione, di versare contributi per quarant'anni, quando qui dentro sono sufficienti cinque anni per percepire un vitalizio. È una distanza tra il Paese reale e questa istituzione che deve essere ridotta ed evitata. Non sarà mai accettabile per nessuno che vi siano persone che hanno fatto il parlamentare per un giorno - ce ne sono tre - e percepiscono più di 3.000 euro al mese di vitalizio. Non si potrà mai accettare che ci siano altre persone rimaste qui per sessantotto giorni, dimessisi per incompatibilità, che percepiscono un assegno vitalizio di più di 3.000 euro al mese. C'è la vedova di un parlamentare che non ha mai messo piede materialmente in Parlamento, eppure percepisce un assegno di reversibilità. Credo che questo sia un tema al quale bisogna porre rimedio e la nostra proposta, che stava in quel progetto di legge e che sta in questo ordine del giorno, è che si provveda alla soppressione degli assegni vitalizi, sia per i deputati in carica che per quelli cessati, chiedendo invece di versare i contributi che a noi sono stati trattenuti all'ente di previdenza, se il deputato svolgeva precedentemente un lavoro, oppure al fondo che l'INPS ha creato con gestione a tassazione separata.
Ciò permetterebbe ad ognuno di cumulare quei versamenti con gli altri nell'arco della sua vita e, secondo i criteri normali di ogni cittadino e di ogni lavoratore, percepirebbe poi una pensione conseguente ai versamenti realizzati.
Proprio la Corte costituzionale, con la sentenza richiamata dai colleghi questori, ha permesso invece di dire che non si tratta di una pensione, che non esistono dunque diritti acquisiti e che, con una semplice delibera dell'Ufficio di Presidenza, si potrebbe procedere nel senso da noi prospettato, che consentirebbe di fare risparmiare al bilancio della Camera e anche a tutti i cittadini e ai contribuenti italiani circa 150 milioni di euro l'anno.

Non ne hanno dato notizia né radio, né

giornali, né Tv OVVIAMENTE. Facciamola girare noi !!!

E-MAIL FIRMATA ED INVIATA A PIU' INDIRIZZI.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
QUESTA LA MIA RISPOSTA: 

Io lo sapevo, naturalmente, perché sul blog di Antonio Di Pietro e su quello di Italia dei Valori ne hanno parlato e dato notizia. Nota la firma di soggetti come Scilipoti e Razzi (nobili anime disinteressate che sono passate da IdV a sostenere il governo Berlusconi).

La mia pessimistica opinione è stata che quelli di IdV hanno fatto uno spot per farsi belli, perché sapevano benissimo che i loro accoliti, di tutta la compagine politica che siede sugli scranni di Montecitorio, non avrebbero mai votato contro una delle leggi che, negli anni, si sono votati per crearsi quei privilegi di cui godono alla faccia nostra.

Pensaci: il Re Sole ed i suoi discendenti avevano, in modo diverso, gli stessi privilegi: A ME TUTTO, A TE NIENTE!
Finché il popolo non ha assaltato la Bastiglia e montato la Ghigliottina..

Rita
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
L'UNICA COSA INTERESSANTE E' CHE ABBIAMO APPRESO CHE PER CAMBIARE QUESTO PRIVILEGIO, CHE CI COSTA 150 milioni di euro l'anno, NON OCCORRE UNA LEGGE, MA BASTA una semplice delibera dell'Ufficio di Presidenza.

domenica 16 ottobre 2011

Roma ieri: manifestare la barbarie

Credo che questa immagine dica senza parole chi erano gli imbecilli che ieri hanno trovato, nell'occasione di una giusta manifestazione, il mezzo per sfogare il loro vuoto mentale, la loro assenza di cultura, il loro bisogno di distruggere ottusamente con la soddisfazione beota che solo i cretini totali possono avere. 

Nessuno, che abbia studiato con impegno e si confronti con una società corrotta che lo respinge e non gli consente  di costruirsi un avvenire con la propria determinazione, distruggerebbe un'innocua immagine, speranza per chi non ne ha altre, ma nemmeno auto di privati cittadini, pensando che costano e servono a chi lavora, nemmeno spaccherebbe vetrine che commercianti lavoratori hanno pagato per lavorare, né incendierebbe mezzi acquistati con il denaro pubblico come quelli dei Carabinieri, o darebbe fuoco ai cassonetti sapendo che costano carissimi ai contribuenti...... Nessuno che vuole onestamente costruirsi un avvenire compie atti del genere.

Questa è la solita marmaglia mal cresciuta, mal educata da famiglie assenti sul piano morale e psicologico, che sfoga la propria rabbia dove può, coperta dalla folla e con il viso ben celato, tipico dei vigliacchi. Gente che non rispetta niente perché per primo non rispetta sé stesso.

Ben diversa è la gioventù, ma anche i quarantenni ed anche gli anziani, che lotta ed hanno lottato per rendere migliore questa società, contro il potere corrotto.... Magari con poco risultato, ma dando l'esempio, con la propria persona, con il proprio agire, di come ci si rialza quando questa società ti calpesta con le sue ingiustizie, rubandoti il lavoro, negandoti la giustizia nelle aule dei tribunali, facendoti pagare quello che non è dovuto e non restituendoti quello che ti toglie illegalmente....
Queste persone protestano vibratamente, forse inutilmente, ma civilmente.

Orrore: orfanotrofio lager

Russia: orfanotrofio-lager, 27 morti

Decessi per soffocamento da cibo, aperta inchiesta
15 ottobre, 2011, h: 19:27


(ANSA) - MOSCA, 15 OTT - Un orfanotrofio-lager, con una trentina di bambini morti in gran parte per denutrizione o soffocamento da cibo: l'istituto degli orrori e' stato scoperto a Miski, regione siberiana di Kemerovo, dove sono ricoverati 400 bambini con malattie congenite che impediscono loro di muoversi e/o di mangiare. Negli ultimi due anni e mezzo ci sono stati 27 morti e sono spariti 670 mila rubli (16 mila euro) versati dallo Stato per l'assistenza ai piccoli una volta maggiorenni.
 
+++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++
 
1996
Gli asili lager in Cina tre arresti intimidatori

PUBBLICATO dal Corriere della Sera.it
PECHINO . Le autorita' cinesi hanno compiuto almeno tre arresti "intimidatori" dopo la denuncia degli orfanotrofi lager da parte della dottoressa Zhang Zhuyun. L' associazione per i diritti umani "Human Rights Watch" riferisce che due sostenitori della dottoressa . che aveva denunciato casi di morte per denutrizione e maltrattamenti avvenuti in un orfanotrofio di Shangai nei primi anni Novanta . sono stati arrestati alla fine dello scorso anno probabilmente per impedire loro di testimoniare. Le accuse degli abusi e degli omicidi commessi dai dipendenti degli orfanotrofi per mantenere basso il numero degli ospiti, avevano mandato su tutte le furie il governo che ha pero' piu' volte negato i fatti. Secondo Pechino le foto e le cartelle cliniche mostrate dalla dottoressa riguardano bambini giunti in orfanotrofio gia' in condizioni di disperata denutrizione e che, nonostante le cure, non sono riusciti a riprendersi. Invece, per la dottoressa, decine, forse centinaia di orfani sarebbero stati lasciati morire di fame in quegli asili, soprattutto femmine, di proposito.

+++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

Corriere della Sera.it (10 gennaio 1996)


IL DIRETTORE DEL TG1 Carlo Rossella fedele ai reportage shock: " Partiamo con gli orfanotrofi lager cinesi "

Gli orfanotrofi lager cinesi: immagini inedite, raccapriccianti. Questo il servizio d' apertura del nuovo "Tv7", in onda da domenica alle 23. Curano il programma Romano Tamberlich, Roberto Fontolan, Raffaele Genah, con la collaborazione di Maddalena Labbricciosa. I servizi saranno affidati, tra gli altri, a Lilli Gruber e Maria Luisa Busi. Ma saranno presenti con i loro reportage anche Andrea Barbato, Sergio Zavoli e Gianni Bisiach. Il glorioso settimanale rinasce dalle ceneri, dopo una lunga interruzione, e viene riproposto in una veste non troppo diversa dal passato. Cosi' l' ha voluto il direttore del Tg1 Carlo Rossella....
Lei ha affermato che i reportage saranno un pugno nello stomaco dei telespettatori. Percio' aprira' il programma con gli orfanotrofi lager cinesi?

 "E un argomento di indubbio interesse. Noi siamo riusciti a entrare in possesso di immagini video in esclusiva, che documentano una realta' incredibile".

Nella prima versione "Tv7" andava in onda il lunedi' . Perche' la scelta della domenica sera?

"Io volevo uno spazio di seconda serata importante: la trasmissione infatti andra' in onda solo per le prime puntate alle 23, ma poi verra' anticipata alle 22.40. Solo la domenica offriva questa possibilita' e poi trovo molto giusta questa collocazione: anche in America i programmi di news di punta vengono trasmessi la domenica".

A quale pubblico vi rivolgete?

"Una platea certamente dal palato raffinato: gente che legge i giornali, i settimanali d' opinione. Se raggiungeremo uno share del 15 16 per cento, mi riterro' soddisfatto".

Costantini Emilia

Corriere della Sera


++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++
 
Ricordo molto bene quel servizio della RAI sui bambini cinesi: i bravissimi giornalisti erano riusciti a farci vedere da vicino quei visini che si spegnevano nel dolore e nell'innocenza che non capisce il perché di tanta ingiusta sofferenza. Ricordo la schiuma bianca intorno alle labbra di una bambina all'estremo, i locali disadorni del luogo, che davano conto di una immensa desolazione.
 
L'uomo, che su questo pianeta è la specie animale più intelligente, quando usa questa intelligenza per il male, riesce a raggiungere abissi che nessuna altra specie animale e vegetale presente sul pianeta potrà mai raggiungere.
Documentari naturalistici ci mostrano "paurose" piante carnivore che ingoiano insetti..... "Cattivi" pesci che ne mangiano altri più piccoli..... Felini come i leoni che sbranano gazzelle.... Animali che uccidono i cuccioli per paura che lo facciano i predatori, o per indurre la femmina all'accoppiamento. Obbediscono all'istinto, sordamente inconsapevole al pensiero "cosciente di esistere". Eppure, in qualcuno dei miei cani, mi è capitato di vedere e sentire una consapevolezza ed un sentimento che era qualcosa di più del semplice istinto.
 
Cosa sono e CHI sono gli uomini che riescono a compiere tali orrori? Le notizie si ripetono a distanza di anni: cambiano i luoghi e le persone, ma la domanda su CHI sono questi mostri, con un'intelligenza cosciente volta al male, torna e non ha risposte: solo la desolata constatazione che l'uomo esprime la peggiore ferocia sul pianeta.
 
Beati quelli che riescono, nonostante tutto, ad immaginarsi un Dio misericordioso e giusto. Sono coloro che si ispirano al messaggio del predicatore Gesù Cristo detto il Nazareno. Lui parlava di Amore: l'unica salvezza dall'abisso in cui la Bestia Umana può cadere. Altre filosofie ed altre religioni parlano di pace e di rispetto fra gli uomini, altre però no e dunque non elevano l'uomo ad essere qualcosa di meglio rispetto a ciò che è nella sostanza, né gli indicano la strada del bene che è semplicemente "non fare ad altri quello che non vorresti venisse fatto a te".
 
Leggere queste notizie dà un sentimento di desolazione infinita. Non ci illudiamo che il nazismo sia stato un fatto unico ed isolato..... Non ci illudiamo. Lì la Bestia Umana si era data una motivazione ideologica insensata, priva di ogni motivazione attinente alla realtà..... Una scusa come un'altra per annichilire altri uomini con uno scopo fittizio, orrido... Anche lì, comunque, c'era la rapina: i beni delle famiglie ebree.
 
I cinesi nella notizia più antica, i russi in quella attuale, lucrano su esseri inermi e sfortunati in totale anestesia etica.




sabato 15 ottobre 2011

Prefazione della raccolta di novelle "Le verità nascoste"

Prefazione alla Raccolta di Novelle

“Le Verità Nascoste”


Le verità nascoste sono quelle, anche palesi, che non possiamo dire apertamente per motivi di opportunità, per non offendere o creare conflitti e, peggio, contenziosi legali.

Sono verità: sono lì sotto gli occhi di tutti, sono fatti, ma si negano, si fa finta di non vederle e se ne parla solo nascostamente.

Per questo le novelle di questa raccolta hanno un taglio particolare: sono quasi tutte dei dialoghi, delle conversazioni segrete, oppure ascoltate per caso, o rubate. Sempre in esse si rivela la cattiveria umana, l’ipocrisia, la falsità, la menzogna. Quest’ultima, proprio perché è l’esatto contrario della verità, viene riportata svelandola attraverso i dialoghi e lo svelarla è la rivelazione di una maldicenza o, peggio, di una calunnia e la verità sta proprio nel meccanismo di portarla alla luce attraverso le parole dei protagonisti.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Di queste novelle ho pubblicato un anticipo qualche post fa: Il becco rosicone

Ora ne pubblico un'altra, impietosa come lo è la vita per noi tutti. Mi ha ispirato il film "Cattiva" di Lizzani, in cui vi si narra la vera storia di una malata il cui comportamento viene scambiato per "cattiveria": si scoprirà, poi, che invece si trattava di un'alterazione psichica.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
 
 
Cattiva




Era stanco ed affranto. Erano giorni che faceva chilometri in automobile dalla clinica a casa e viceversa.

“Sta meglio.” Disse a sua moglie.

Lei pensò: “Ma chi se ne frega.”

“Sono contento di averle evitato l’elettroshock.”

Lei lo guardò sorpresa: “Addirittura? Ma non era una terapia proibita ormai?”

“No, la usano ancora ed il Prof. Lago voleva farglielo.”

Per quanto avesse subito l’invidia malata, le cattiverie e l’ingiustizia di quella donna per quaranta anni, la moglie rimase colpita.

“Ma… Se il professore riteneva che dovesse essere sottoposta a quella terapia… cosa fa? Quello che gli dici tu?”

“Non ho voluto… Sono suo fratello… Non ha marito …. Ho chiesto una terapia alternativa, più blanda, se era possibile. Lui ha proposto delle piccole scossette elettriche con un meccanismo nuovo ed io ho accettato. Alternate ai farmaci queste applicazioni dovrebbero farle bene.”

La moglie tacque e ricordò.

“Ti dispiace se veniamo a vedere il vostro Residence in Corsica?”
Chi le aveva fatto questa domanda era Caterina, la moglie del fratello di suo marito.

Si sorprese, perché in passato aveva provato a proporre di andare in vacanza insieme a lei e a suo cognato, ma lei acidamente aveva detto sempre di no.

Glielo aveva chiesto mettendo da parte quello che vedeva e sentiva da quando la conosceva: risate, sogghigni, divertimento a tutte le cattiverie che proferiva, indifferentemente su di lei o su suo marito, la loro comune cognata, sorella di entrambi i loro mariti. La donna a cui, nel presente, suo marito aveva evitato l’elettroshock.

“Perché dovrebbe dispiacermi? Non ti debbo pagare io la vacanza.” Concluse con un sorriso, mentre pensava: “Vuole venire per impicciarsi, per vedere dove abbiamo acquistato la multiproprietà.”

In seguito Caterina le disse: “Hanno solo appartamenti da minimo quattro posti; noi siamo tre con nostra figlia, pazienza, costa di più ma, se hanno solo questo, ho prenotato comunque.”

Allora la donna le suggerì: “Alfonsina rimane da sola con il vecchio padre: perché non le dici di venire, così il quarto posto se lo paga lei e tu risparmi.” Toccò quella corda perché sapeva che la donna era sensibile a quell’argomento. Da quando si era sposata mangiava o a casa di sua madre o a casa di Alfonsina, che era tutta felice di servirla. La sera, spesso, comperava la pizza a taglio sotto casa e cenava così con suo marito. A meno che la madre o Alfonsina non le avessero preparato qualcosa da portarsi a casa.

Questo risparmio di fatica e di tasca a spese di altri veniva riportato da Alfonsina come una grande qualità di Caterina: cosa che era fuori da ogni logica comune, soprattutto se si pensava che Alfonsina lavorava in uno studio privato che le lasciava solo un’ora di intervallo per il pranzo. In quell’ora lei si precipitava a casa a controllare che il vecchio padre avesse apparecchiato bene per Caterina, che finiva di lavorare alle due del pomeriggio, poi tornava soddisfatta in ufficio.

Era già un segno di follia questo servilismo? La donna pensava che fosse una manifestazione estrema di favore, nei riguardi di Caterina, per ripagarla della soddisfazione che questa le dava dimostrando di divertirsi a tutte le malignità che la stessa Alfonsina diceva sulla odiata cognata e su suo fratello, colpevole di averla sposata.

Anna, l’odiata, pensò che il pensiero gentile di invitare la comune cognata avrebbe dovuto venire in mente a Caterina più che a lei, visti i rapporti, ma quella la sorprese ancora perché le rispose: “Mi fai coraggio tu Anna?”

“Perché ci vuole coraggio per questa a portare con lei Alfonsina in Corsica? Ma per mangiare a casa sua nei giorni lavorativi, per andare nella casa al mare, che ha comperato il vecchio padre, tutti i fine settimana con la macchina e la benzina di Alfonsina, per starci anche durante le ferie spesata di tutto, non le ci vuole coraggio!” Era spregevole. Ma proprio lei, che avrebbe dovuto avere sentimenti diversi per l’acida ostilità della comune cognata nei loro riguardi, le disse: ”Tanto staremo tutti insieme.”

La futura pazza, ma forse lo era già allora, non seppe che l’iniziativa era stata di Anna.

Partì tutta felice e si pagò la quarta parte delle spese che Caterina avrebbe dovuto pagare comunque, non essendoci appartamenti più piccoli.

E tutti insieme, durante quella vacanza, una sera andarono a mangiare una pizza. Usciti dal locale si avviarono verso le auto, ma Alfonsina all’improvviso ebbe bisogno di mingere e dovette tornare indietro, nella pizzeria, per andare in bagno. Rimasero ad aspettarla e Caterina disse con una punta di disprezzo: “Sono tutti nervi. E’ pazza, è pazza come il padre.”

Anna si stupì. Tante volte, di fronte alla cieca e acritica dedizione di Alfonsina nei riguardi della cognata, così visibile a tutti come egoista e meschina, e per contro così ostile nei riguardi di Anna e suo marito, nonostante fossero gli unici a darle qualcosa, aveva pensato che doveva avere nella testa qualcosa che non andava per negare sempre e comunque la realtà, eppure non l’aveva mai detto che era pazza. Avrebbe dovuto essere lei a dirlo, con motivo, invece era Caterina, così beneficata da quella donna ingiusta.

Il marito di Caterina non disse nulla: non si sentì offeso neppure del riferimento a suo padre.

Il marito di Anna invece difese suo padre: “Mio padre non è pazzo.”

Anna ascoltava pensando che quella donna poteva permettersi tutto grazie alla follia cieca di Alfonsina: anche di insultare il loro comune suocero.

Tornata al presente Anna disse a suo marito: “Avevo previsto tutto già trenta anni fa, cioè che Alfonsina non avrebbe avuto mai nulla da Caterina e dal vostro inesistente fratello. L’ho anche scritto. E certo non sono una maga che prevede il futuro: vuol dire che era già tutto lì, nei fatti che lei, cieca, non voleva vedere.”

“Lo so. Hanno continuato a sfruttarla: dopo loro anche la figlia… E ora Caterina non vuole occuparsene. Sai cosa mi ha detto? Mi ha telefonato dicendomi con arroganza: ‘Debbo occuparmi già di tuo fratello e non posso occuparmi anche di lei’!”

“ ‘Tuo fratello’ ? Perché non è suo marito da più di trenta anni?” Sottolineò ironica Anna.

“Ti rendi conto?!” Disse lui scandalizzato.

“Certo che mi rendo conto. Le è stato permesso tutto perché né tua sorella, ma nemmeno tua madre e tuo padre, le hanno mai mosso una critica: tutto andava bene e le critiche erano solo per te. E per me naturalmente, ma tu sei il loro figlio e fratello…”

“Non ho mai capito…” Scosse la testa lui ripetendo cose dette tante altre volte.

“Debbo dire che non avevo previsto che sarebbe impazzita del tutto, questo no.”

“Si angosciava perché non ce la faceva più a star dietro ai figli che metteva al mondo mia nipote…”

“Ha risparmiato un bel po’ di soldi di asilo nido la figlia di tuo fratello.”

“Lo so. Nostro figlio spende 600 euro al mese per il suo bambino.”

“Comunque se sta male ci siamo noi per il nostro nipotino.”

Anna ricordò ancora come Alfonsina vantasse tutto quello che riguardava Caterina e tutta la famiglia di quel fratello, alterando la realtà, negando le evidenze, gonfiando, pompando, inzuccherando quelle persone e tutto ciò che le riguardava.

Ripensò: “Quando si sposò mia figlia con rito civile perché non credente né lei né il marito, disse che l’altra nipote ‘Avrebbe fatto un ‘vero matrimonio’ ”! Fui costretta a dirle che il matrimonio civile è un vero matrimonio e chi non crede e lo fa lo stesso con rito religioso, per ipocrisia, compie una farsa. Come non pensare che ad Alfonsina del matrimonio religioso deve importare ben poco se è diventata l’amante di uno che aveva 20 anni più di lei ed era sposato in Chiesa e con figli! Capisco perché le piaceva tanto Caterina, perché non aveva nulla da invidiarle: bruttina, senza eccelse qualità e che aveva sposato il fratello che lei reputava meno intelligente… Uno che aveva stentato negli studi come lei. E’ pazza ma non merita pietà per quello che è stata. E’ una che ha guidato ciecamente la macchina della sua vita fino a schiantarsi contro il muro della pazzia e della solitudine.
La figlia di Caterina, nemmeno a farlo apposta, si è messa con uno sposato, sembra già separato, ci è andata a vivere insieme, ci ha fatto un figlio e l’ha sposato in Chiesa con il figlio che faceva da paggetto! Questo è il ‘vero’ matrimonio religioso che vantava e vagheggiava per sua nipote la ridicola maligna: dormire insieme, scopare, fare figli e dopo l’annullamento del primo matrimonio religioso sposarsi con seguito di prole!”

Nessuno a cui aveva palesato quei pensieri aveva potuto dirle che era cattiva o che avesse torto, tanto era evidente l’assurdo di ciò che aveva dovuto sentirsi dire da quella donna. “Pazza, era pazza, ma non tutti i pazzi sono malvagi e ingiusti come lei”.

Quando raccontava cosa usciva dalla bocca di quella donna la gente le chiedeva: “Ma perché?” “Che senso ha?” E lei rispondeva: “E che ne so? Non sto mica dentro la sua testa.” Ma allora non diceva che fosse pazza. Scoprì, in seguito, che invece Alfonsina diceva anche questo di lei.

Aveva conosciuto in Corsica una condomina che lavorava nello stesso Ministero dove lavorava Caterina. La pazza l’aveva esaltata anche nel lavoro: “Lei non fa un lavoro noioso da ministero, lei lavora in un ufficio operativo..”

L’avevano messa lì i suoi genitori a 21 anni, vantandosi “di averla sistemata per tutta la vita, perché loro conoscevano la segretaria della commissione di concorso”.

Il marito orgogliosamente aveva detto che lavorava nel Gabinetto del Ministro.

Dopo quasi 40 anni di servizio Anna riteneva, in perfetta buona fede, che avesse raggiunto una ragguardevole posizione.

Ma anche qui la realtà la stupì.

La dottoressa Santini, che aveva in comune con lei una multiproprietà in Corsica, era una donna fine e gentile. Era entrata con un concorso per il settimo livello, a cui, dall’esterno, si può accedere solo con la laurea. Nella Pubblica Amministrazione, dopo un certo numero di anni di servizio nel livello subito inferiore, si può, con adeguato concorso interno, accedere al settimo livello, e così via ai successivi, anche senza la laurea ma con il solo diploma di maturità.

Anna, fatta amicizia con la Santini, le disse che anche sua cognata lavorava in quel ministero.

“Dove?”

“Nel Gabinetto del Ministro.”

“Io come sai ho lavorato molto tempo all’estero per conto del ministero, ma ora sono rientrata perché mi mancano pochi anni alla pensione, sono stanca di girare, e sto all’Ufficio del Personale del Ministero. Come si chiama tua cognata?”

“Caterina Misiano.”

Qualche tempo dopo, con l’imbarazzo di chi teme di offendere e con una punta di stupore nella voce, Franca Santini le disse: “Sì, tua cognata effettivamente sta nel Gabinetto del Ministro ma….. lei è un quinto livello… Ma quanti anni sono che lavora al Ministero?”

Anna era francamente meravigliata …. Questo suo lavoro veniva prima di tutto: tanto è vero che l’unica figlia gliel’aveva cresciuta sua madre e, quando lei non c’era, veniva parcheggiata in casa dei nonni paterni e dell’accudente Alfonsina, anche se questa lavorava anche di pomeriggio e poteva occuparsene solo a sera, quando Caterina optava per il turno pomeridiano ed avere così la mattinata libera..

Anna ricordava a tal proposito un episodio di quando sua suocera era morta.

Caterina stava come sospesa, era cosciente di trovarsi in una posizione scomoda perché, insieme a suo marito, se ne stava in vacanza senza aver lasciato nemmeno un indirizzo o un numero di telefono, pur usufruendo di tutto il favore della famiglia di suo marito. Anche se nessuno aveva rimproverato loro il fatto che erano introvabili e che avevano dovuto rivolgersi alla Polizia di Stato per rintracciarli, ormai ad esequie avvenute, il suo disagio era percepito da Anna. All’improvviso scoppiò una piccola lite fra suo figlio Luca, 6 anni, e la cuginetta Sofia, due anni, che si contendevano un giocattolo preso da una scatola che era nella casa della morta: ormai seppellita. L’improvviso digrigno di Alfonsina fece sussultare Caterina, forse perché si sentiva in difetto, dalla sorpresa e dallo stupore: “Lasciaglielo - ringhiò con violenza strappando il giocattolo a Luca – E’ suo! Questa scatola di giocattoli sta qui per lei!” Anna rimase ancora una volta calma ed impassibile, registrando con lucidità l’ennesima manifestazione di folle e ostile ingiustizia della loro comune cognata. Caterina era gelata, non disse una parola tanta fu la sua meraviglia. Era consapevole che loro non c’erano stati, erano introvabili, mentre Anna e suo marito, con i loro bimbi, erano stati lì, accanto al padre ed ad Alfonsina, ma questa agiva con tanta acrimonia nei confronti del figlio di quel fratello che era stato presente da subito ed aveva risolto i tristi uffici necessari. Caterina non provò nemmeno a difendere il nipote, ad addolcire lo sgarbo in favore di sua figlia, come la normale creanza avrebbe voluto, non osò contraddire Alfonsina, perché Anna non l’aveva mai vista fare un solo gesto per puro senso di giustizia, per bontà o per cortesia, ma solo per puro opportunismo. Il bimbo guardò allora la madre, che rimaneva in silenzio e, venendo alle sue ginocchia, col pianto nella voce disse : “Mamma, ma perché zia fa così?” La madre lo consolò: “I giocattoli sono suoi, li lascia qui perché lei è spesso qui...E poi è più piccola.”

Quante volte Anna avrebbe voluto alzarsi e andarsene per sempre da quelle persone dopo aver urlato loro in faccia il suo disprezzo. Ma un senso di responsabilità estremo nei riguardi di suo marito, che soffriva, la tenne lì, come in altre circostanze. Lui aveva commentato l’assenza di suo fratello alla morte della madre, la sua irrintracciabilità, con parole indimenticabili per Anna: “Se fosse successo a noi ci avrebbero sbranati.”

“Dunque la grande lavoratrice, che lasciava la figlia a destra e a manca per dedicarsi al suo importante lavoro, dopo quasi 40 anni era solo un quinto livello?” Pensò sogghignando Anna.

“Io lavorando all’Ufficio del Personale vedo tutta la scheda di ogni dipendente, capisci?” Le diceva ancora Franca.

“E’ entrata a 21 anni e dopo tanti anni sta ancora al quinto livello…..” Commentava Anna e le veniva da ridere pensando ad Alfonsina e all’importanza che aveva sempre dato a questo lavoro di Caterina.

“Non li aveva nemmeno compiuti, - seguitava Franca – perché quando ha preso servizio non era ancora la data del suo 21° compleanno, che sarebbe venuta di lì a poco….”

Anna non si era mai vantata di niente, ma come non provare una maligna soddisfazione di fronte a quei fatti. Sembrava la legge del contrappasso, come era accaduto per altre cose. Ma la colpa non era certo di Caterina, ma di chi pompava lei, suo marito e sua figlia, denigrando altri che se ne stavano in silenzio a sentire tante ostentate follie.

“Io ho iniziato tardi il mio lavoro nella Pubblica Amministrazione, per i figli che nessuno poteva tenermi, per mia madre di cui nessuno poteva occuparsi, eppure sono ora un funzionario, un ottavo livello.”

Qualche tempo dopo Franca le disse che Caterina era passata al sesto livello. Anna le disse che lei lo era diventata dopo sei anni di servizio, passando un concorso interno. Poi con un altro era diventata settimo e con un altro ancora ottavo: in 25 anni di servizio. E non si era mai vantata di nulla, ed aveva faticato contro raccomandati di ogni specie, che spingevano, chi non lo era, più in basso nelle graduatorie di merito.

Quando al marito di Caterina era venuto un ictus ed era stato operato al cervello per salvarlo, furono tutti in ospedale. Durante l’attesa fuori dalla sala operatoria, Anna con umanità rivolse qualche parola d’incoraggiamento alla nipote, che già stava con l’uomo sposato e separato, anche lui presente, ma che non veniva presentato a nessuno. Almeno: non ad Anna e a suo marito, ma nemmeno ai loro figli, tutti ormai adulti. Le ore di attesa dell’intervento erano lunghe e lei, in quel tratto di corridoio, era sola, ad eccezione della nipote, del suo discreto amante e della sorella di Caterina che le sedeva accanto. Aveva appena volte loro le spalle per raggiungere i suoi in un’altra ala del vasto corridoio ospedaliero, che sentì la zia materna sussurrarle: “Ma questa non vi odia?” E sua nipote risponderle un rassicurante: “No, è solo pazza.” Anna non diede nessun segno di aver sentito, non si volse, continuò a camminare con lo stesso passo lento… Ma non dimenticò.

Non era pazza lei, e non li odiava, si sbagliavano su tutti e due i fronti: li disprezzava immensamente, questo sì, e il suo disprezzo era condiviso da chiunque ascoltasse il racconto degli episodi che li riguardavano.

“Da dove spunta questo angioletto? Tu non sei il tipo che mette statue in giardino.” Disse sorridendo l’amica in visita a casa di Anna.
“E’ vero. L’aveva regalato mio marito a suo padre per il giardino della casa al mare, poi aveva costruito una fontana e ce lo aveva murato sopra.”
“E ora che è morto e la vendete l’ha ripreso lui….” Concluse l’amica.
Un sorriso sarcastico apparve sulle labbra di Anna: “Alfonsina non si è smentita neppure in questa circostanza. Come sai il caro fratellino e la sua splendida moglie, più la prole, erano sempre da loro d’estate e nei fine settimana da maggio a settembre….”

“Ma anche in città che io ricordi… Tu mi dicevi che erano sempre a mangiare da loro… Finché non si sono comperati la casa.”

Anna scoppiò in una risata amara: “Oh, sì, certo. Dopo, la domenica, “uscivano con amici”. Ormai i risparmi di dieci anni di consumi evitati erano stati investiti! Comunque Alfonsina li difende anche in questo. Una domenica che stava a letto con la febbre, sempre sola con il vecchio padre, decidemmo di andare a farle una breve visita, prima di portare i figli fuori a prendere un poco d’aria… e dopo poco che eravamo lì passarono per una visita ancora più breve i “beneficati”…”
“Ma voi abitavate più lontano, mentre quelli mi sembra che abitavano vicino a tuo suocero.”
“Già. Ma soprattutto stavano sempre lì a prendere. Per una volta che stava male Alfonsina, la cara cognata avrebbe potuto dire: “Vi facciamo compagnia, vengo e cucino io”. Magari anche usando la roba loro, non avrebbe nemmeno dovuto spendere del suo.”

“E invece?”

“E invece, dopo la brevissima visita, andavano fuori “con amici”… Un simile pensiero sarebbe venuto a me, ma non ad una come Caterina…”

“Certo che fa proprio schifo.” Disse seria l’amica.

Anna continuava a sorridere con sarcasmo: “Lei è quella che è, ma se ad una fatta così si permette tutto anzi la si loda…. Quello che viene fuori è un assurdo teatrino che meraviglia chiunque assista a certe scene. L’incredibile fu che Alfonsina, rivolta a Caterina che la salutava, messo su un sorriso maligno le disse: “La “signora” va fuori con i figli ed il marito.”

“E chi sarebbe “la signora”? Saresti stata tu?”

“Ma lo sai che oltre a prendermi in giro come se la pazza fossi io mi chiama così, con sarcastica malignità, quando parla di me con quella lì o con le sue cugine, addirittura con la parrucchiera, quando abitavo vicino a loro e mi servivo da una parrucchiera che aveva il negozio sotto casa mia. Perché, sai com’è, la gente è villana e, credendo di poterselo permettere, fa scoprire le maldicenze.”

“Incredibile. Avrebbe dovuto dirlo di lei che stava sempre lì a mangiare con tutta la famiglia e la piantava la domenica: che c’entravi tu?”

“Ha il mondo alla rovescia nella testa. Una volta mi posi un quesito: cosa avrebbero potuto dire o fare di peggio se avessi smesso di invitarli. Era ancora viva mia suocera: debbo dire che all’epoca, ogni tanto, Caterina li invitava, ma si guardava bene dal farlo nei riguardi di mio marito e della famiglia che si era costruito, tanto nessuno le diceva con acredine: “Perché non inviti anche Anna?!!!”

“Mentre a te lo diceva, mi pare...”

“Già. Da quando erano fidanzati ed io non conoscevo neppure i suoi genitori. Dato che mia suocera non faceva che ribadire, con la solita ostentazione, la grande serietà di questa famiglia, io ritenevo che non l’avrebbero mai mandata a casa di persone che non conoscevano ancora…. Dopo che mia suocera mi ebbe ripresa con alterigia ed io, stupita, le avessi spiegato la ragione del mancato invito, rimosso l’ostacolo della “serietà” della famiglia di Caterina, la invitai sempre…. Da fidanzata prima, da sposata poi…”

“Ma mi stavi dicendo che ad un certo punto ti ponesti la domanda di cosa avrebbero potuto dire o fare di peggio se avessi smesso di invitarli…. Che poi all’epoca, scusa se te lo dico, avevate pochi soldi e già eravate pieni di figli.. Quindi ti costava di fatica e denaro…”

“Sì, è così, ma io pensavo che fosse giusto comportarmi così… Ero giovane, pulita dentro, forse buona… Comunque una domenica che eravamo al mare, ogni tanto andavamo per i bambini, e si parlava di cucina, mentre spiegavo come facevo il pollo arrosto, Alfonsina con alterigia disse: “Non me lo ricordo più come lo cucini!” Non mi guardava in faccia, come faceva spesso, poi si rivolse a Caterina che era lì e commentò quel che aveva appena detto con una frase, che ora non ricordo letteralmente, ma che suonava come “…e mo’ gliel’ho detto… così impara”.”

“Da quanto tempo non li invitavi più?”

“Da 5 mesi.”

“Hai capito?!! Ci pretendeva! Da quella però non pretendeva nessun contraccambio mi pare!!”

“Ma la cosa comica, per la totale mancanza di autocritica e di ritegno, fu il commento di Caterina. Con aria supponente disse: “A buon diritto!!”

“Ma scema tu che non le hai mandate a quel paese!

“Ne sarebbe seguita una scena di aggressione in cui avrebbero coinvolto i due vecchi e quel poveraccio di mio marito.”

L’amica tacque. Rifletté: “Certo pure i genitori di tuo marito però…. Mi sta tornando in mente quando tuo suocero ti accusò di avergli intasato il cesso con il pannolino del tuo figlio più piccolo. Voi non ci andavate mai, quelli erano sempre lì e….”

“….. e quando furono costretti a rifare quello scarico ci dissero che era stato fatto male dal costruttore, perché formava un angolo a 90°, mi pare, e ci trovarono dentro matasse di lunghi capelli neri….”

“Che non potevano essere i tuoi! Primo perché ci andavate poco, poi perché mi dicesti che tu non ti facevi shampoo e doccia in quella casa, mentre tutte le settimane se lo faceva Caterina.”

“Già. E il pannolino del mio bambino era di carta, comperavo quelli che costavano meno, e si era sbriciolato perché quel giorno aveva una diarrea acquosa… Non potevo gettarlo nella spazzatura…”

L’amica cercò di sollevare l’atmosfera, indubbiamente triste a quei desolanti ricordi: “Ma mi stavi dicendo qualcosa a proposito di questo angioletto che tuo marito aveva regalato al padre.”

“Senti la storia dell’angioletto. Dunque mio cognato, dato che passava l’estate con loro in quella casa a sbafo, aveva fatto loro un piccolo regalo: le tende per la veranda. Quando Alfonsina ha iniziato a vuotare la casa per la vendita si è rivolta a mio marito con l’aggressività che sempre usa con lui dicendogli: “Queste le ha comperate lui e se le prende lui!”

“Perché tuo marito voleva delle tende usate?”

“Ma quando mai?!! La pazza l’ha pensato attribuendoci i suoi pensieri, evidentemente, perché noi possediamo una veranda, mentre il caro fratellino no!” Ora Anna rideva con gusto. Le era passato l’amaro del sarcasmo.

Ridendo continuò: “Me lo ha raccontato mio marito, perché io mi sono tenuta ben distante da questa squallida spartizione. Ma la cosa allucinante è quello che Alfonsina ha detto a me un giorno che, ahimé, mio marito l’aveva invitata qui dopo la morte di mio suocero; guardando questo stesso angioletto che ora tu vedi qui, sul bordo della nostra fontana, mi disse con un sorriso falso che avrebbe voluto essere gentile: “Sono contenta che l’avete preso voi.” Il rovescio di quello che ha detto per le tende: quelle erano di diritto del “caro fratellino” perché “le ha comperate lui”, in questo caso “era graziosamente contenta” che mio marito “l’avesse preso lui”, pur avendolo pagato a suo tempo.”

“Mi dispiace per tuo marito. Non merita certo una famiglia del genere. Poi, conoscendolo, se lo aveva regalato al padre non lo riteneva più suo.”

“Certo. Ma te l’ho raccontato perché non riesco ad abituarmi e trovare normale un simile comportamento. Peraltro penso che, anche volendo darlo al “caro fratellino”, dove se lo metteva? Vive in un appartamento e non ha un giardino.” E qui sorrisero entrambe.


“Come ti cambia la vita.” Pensava nel presente Anna.
“Guai se così non fosse. I fatti debbono cambiarci. Dobbiamo adeguarci alla realtà.”

Ricordò la sua sensibilità nei riguardi di una ragazza napoletana, povera, che si era fidanzata con uno dei suoi figli. Di certo suo figlio costituiva un’ascesa sociale per lei. Ad Anna non importava che la madre e la nonna facessero le collaboratrici domestiche e, quando veniva da Napoli, l’accoglieva e le dava la stanza di sua figlia. A volte era suo figlio che andava a trovarla a Napoli. Nei cinque mesi che stettero insieme Anna la trattò sempre con dolcezza e rispetto. La ragazza, diplomata in ragioneria, non aveva ancora un lavoro. Era graziosa e fine e molto ben educata.
Una volta che, per errore, Anna aveva dimenticato lo scontrino nella bustina in cui era un cofanetto con un piccolo regalo in argento che lei aveva fatto alla fanciulla, con molta eleganza la giovane lo aveva preso senza guardarlo e glielo aveva porto, sollevandola con quel gesto dall’imbarazzo. Le dispiacque molto quando suo figlio le disse che era finita. Pensò che, se fosse stata nella loro stessa condizione economica e sociale, le sarebbe importato meno, perché avrebbe avuto più risorse per riprendersi, visto che la decisone era stata di suo figlio. Così, pensava la sensibile Anna: "Si sentirà più triste, perché è povera e in noi aveva risposto una speranza in più." Confidò al telefono questo suo dispiacere alla zia di suo figlio, Alfonsina, dicendo che, al pensiero della delusione di quella giovane che, sia pure per un periodo breve, aveva dormito nel letto di sua figlia come se lo fosse, le veniva da piangere. Dall’altra parte del filo ci fu un silenzio, poi si sentì una voce piena di inusitato, malvagio sarcasmo e compiaciuta perfidia dire: “Non piangere, perché poi se piangi ti esaurisci.” Scandendo le due ultime parole. Anna rimase di gelo. Non tanto per l’assurdo e del tutto inaspettato commento, quanto per la scellerata volontà di quella mente iniqua di colpire sempre e comunque .

Ora quella mente era giunta alla fine delle sue risorse. Messa nell’angolo dalle continue richieste di egoisti che lei aveva esaltato con ostentazione, negando a sé stessa e agli altri quello che erano, per dimostrare ad altri la differenza dei suoi sentimenti, si era ritrovata priva di forze e di risorse ulteriori, sola nella sua follia.

“Cattiva, il titolo del film di Lizzani con la splendida Giuliana De Sio, si attaglia bene alla folle Alfonsina.“ Pensava Anna.

“Non si capiva l’assurdità del suo comportamento, sembrava cattiva, invece era malata.” Pensosa rifletteva con la sua amica Giovanna.

“Certo tu mi raccontavi tutto quello che ti diceva… Ma io la trovavo simpatica, affabile nei modi, finché… Ricordi quella domenica sedute davanti al tuo caminetto? Tu le dicevi che doveva investire i suoi soldi e comperarsi una casa, perché avevano un problema con quella dove abitavano ad affitto agevolato….”

“E certo! Lo raccontava lei stessa che già avevano provato a richiedere la casa indietro quelli dell’Ente dove aveva lavorato mio suocero, con la motivazione che lui era pensionato e che ci abitavano in due, mentre c’era una famiglia con tre figli il cui padre era in servizio in quell’Ente che metteva a disposizione dei dipendenti quelle abitazioni ad affitto agevolato.”

“Dunque era giusto il tuo suggerimento di investire i soldi che si era messa da parte abitando fino all’età di 50 anni con il padre, che pagava tutte le spese: vitto, affitto, condominio, bollette dei consumi ecc. ecc…..”

“Già, - annuì con un sorriso sbieco Anna – lei spendeva per sé e per gli sfizi …. Qualcosa in più per i pranzi con la famiglia del fratellino…. Il resto in pellicce e vestiti.”

“Ma che te ne importava a te se prima o poi li avessero sbattuti fuori da lì?!”

“Finché c’era mio suocero non l’avrebbero fatto, ma doveva essere previdente per il dopo… Lei non era dipendente di quell’Ente e una volta morto lui…. Già gliela volevano togliere essendo in due, figuriamoci lei da sola…”

“Appunto ci doveva pensare lei e non certo preoccupartene tu! Così come si comportava con te, ma che te ne importava, scusa?”

“Hai ragione. Ci ho messo una vita per mettere su un po’ di sano cinismo.”

“Ma non è cinismo, mia cara! E’ realismo! Comunque quel giorno rimasi basita per come ti aggredì. Sembrava pazza veramente! Tu le suggerivi di essere previdente per il suo bene e lei con la faccia trasformata dall’ostilità ti aggredì quasi ringhiando… dicendo.. dicendo…”

“’Mica tutti debbono per forza comprarsi una casa nella vita! C’è tanta gente che vive in affitto tutta la vita!’”. Ricordò Anna camminando e guardando per terra intenta, con un lieve sorriso sulle labbra.

“Ma guarda che era matta già allora!”

“Sicuramente è sempre stata una persona piena di complessi di inferiorità a cui reagiva con il meccanismo della negazione di tutto quello che le creava ansia, rabbia, soprattutto invidia. Lei ha sempre invidiato la mia condizione di persona che proveniva da una famiglia che abitava in una casa di proprietà, mentre loro all’epoca non avevano nulla. Lei accetta solo chi ritiene bruttino, non molto intelligente, senza niente…”

“Poi però la casa l’ha comperata! E tu le hai prestato anche dei soldi.”

“Già. Loro li avevano prestati a noi ed io ho voluto restituire ciò che avevo ricevuto. Solo che io gliel’ho ridati dopo tre mesi e tutti insieme, mentre lei a rate in 18 mesi.”

“Eh, me lo ricordo che mi dicesti che, invece, al caro fratellino, che le aveva prestato un terzo della cifra che le avevate dato voi, li ha restituiti tutti insieme e quasi subito!”

“Cinque mesi.”

“Voi potevate aspettare, lui no, ed è più ricco di voi… Bisogna dirlo.”

“Così è. Ma, sai Giovanna, è tutto a rovescio nella sua testa quando si tratta di noi. Credo che non se ne renda neppure conto, per questo desta meraviglia e fa pensare che sia malata…. Ora è certificato che così è… però, prima, si restava perplessi di fronte a certe sue azioni. Ti ho mai raccontato di quando doveva tirare fuori la madre dalla mia tomba di famiglia? Finalmente le avevano acquistato una tomba. Mio marito era impegnato con il lavoro ed io mi offersi di andare al posto suo.”

“E il caro fratellino? Non c’era stato al momento del funerale, poteva essere un’occasione di riscatto.”

Di nuovo un leggero sorriso sfiorò la bocca di Anna. “Non venne. Non ricordo neppure perché… Ma la cosa allucinante non fu questa, la cosa allucinante fu quando tirarono fuori la bara e lei si turbò moltissimo e…. mi strinse forte la mano che io le tenevo per farle coraggio. Tempo dopo sai cosa mi disse?”

“No, cosa?”

“’Ti ricordi quel giorno che sono venuta a farti compagnia quando hanno aperto la tua tomba di famiglia’?”

“E che era tua madre che tiravano fuori? Una volta firmato il permesso te ne potevi stare a casa tua tranquillamente!!”

Seria Anna aggiunse: “Con livore, poi, ha detto a mio marito che doveva pagare un terzo della cifra, che noi avevamo già pagato interamente per la tumulazione della madre con i nostri soldi…”

“Come, come, come? Non capisco!”

“La madre è entrata nella mia tomba di famiglia con i diritti di tumulazione già pagati con i nostri soldi, miei e di mio marito. Li avevo pagati all’atto dell’acquisto, quando morì mio padre, per due salme: papà e poi…. in futuro, per mia madre. Mia suocera è morta prima ed è entrata usufruendo di quel diritto: né Alfonsina, né il ‘fratellino’ hanno dovuto tirare fuori una lira. Poi….”

“Ho capito: quando è morta tua madre avete dovuto ripagare perché di quel diritto aveva usufruito tua suocera.“ Anna annuì e l’amica scandalizzata proferì: “Ma è ignobile, così ti hanno ripagato del favore fatto? Va bene, va bene… Lo so che l’hai fatto per tuo marito! Ma loro fanno schifo lo stesso!”

“No, il fratello minore non c’entra e, credo, neppure sua moglie: Alfonsina lo disse nell’immediato e con tale livore aggressivo a mio marito che credo non ci fosse nemmeno stato il tempo di avvertirli. Fu quando morì mia madre e mio marito comunicò a lei che bisognava ripagare i diritti persi…”

“Altro che elettroshock le avrei fatto io a questa!” Disse indignata Giovanna.

“Se pensi poi che toglieva i soldi a chi ne aveva di meno, facendogli pagare due volte il terzo della cifra… Poi dice di voler bene ai nostri figli. Ma a quella non glie ne frega niente se toglie i soldi al padre. Non si finirebbe mai di raccontare… è una vita intera…” Sospirò sorridendo Anna, rovesciando il capo indietro e guardando verso il cielo.

“Ma sì! Ma non merita nulla questa squallida figura! Mi raccontasti pure che dopo l’acquisto della sua casa, stava parlando dei suoi nipoti, i figli tuoi e del caro fratellino e ti disse con acredine e in modo del tutto inusitato, seguendo evidentemente un suo pensiero, che lei aveva due fratelli e che dunque la casa sarebbe andata in eredità metà alla cara nipote, quella che doveva fare ‘un vero matrimonio’, e l’altra metà ai tuoi figli attraverso il padre! L’eredità, se non hai figli, va ai fratelli solo nel caso che non fai testamento. Soltanto ai figli non puoi togliere la legittima, ma chi è senza figli può, mediante testamento, lasciare i propri beni a chi gli pare, dunque anche equamente ai nipoti, una quota ciascuno. Scusa, tu dici che non te ne frega niente, ma anche qui c’è una iniqua malvagità: voi prestate molti soldi per l’acquisto, voi aspettate la rateizzazione della restituzione, e il caro fratellino dà una cifra irrisoria…..”

“Solo perché non poteva negargliela: mio marito dice che non sa quanti soldi possono avergli dati quando si sono comperati la casa e… quanti possono avergliene abbonati…”

“Però pure tuo suocero… Scusa sai!”

“Il padre era succube della moglie e, rimasto solo, è stato succube di questa figlia rimasta zitella..”

“Ora però, per fortuna, sei cambiata. Era ora, lascia che te lo dica. Ma ti ricordi quando tu invitavi il padre di tuo marito, con lei per forza, ci viveva insieme… “

“…e lei si portava la ‘sacra famiglia’ a casa mia. Faceva gli inviti a casa mia.“

“Però loro a voi non vi invitavano mai! Ooooh! Basta! Te l’ho detto che quella Caterina era una dritta! Lascia perdere la pazza al destino che si è scelta ed ai suoi mancati elettroshock!”

“Voglio lasciarti con un sorriso Giovanna.”

“Vedi se ci riesci!”

“Alfonsina con il solito vanto mi ha detto che “Caterina era andata al cimitero con lei a trovare la nostra comune suocera!”

“Bontà sua! Da sola non ci è mai andata?”

Anna rispose ridendo: “Non lo so, ma non credo. Però, stavolta, con nascosta malizia, le ho chiesto con quale auto erano andate e che fiori aveva comperato quell’esempio di nuora che è Caterina…”

“Aspetta, lasciami indovinare: con la macchina di Alfonsina!!”

“La risposta è esatta! Ed i fiori non aveva fatto in tempo a comperarli, ma tanto li aveva comperati Alfonsina per tutte e due!”