Cerca nel blog

martedì 19 gennaio 2016

Il degrado chiede al buonsenso di scusarsi...

Da: La Repubblica.it

Roma, nel ristorante spunta il cartello: "Vietato l'ingresso ai bambini". Il gestore: "Colpa dei genitori"

"A causa di episodi spiacevoli dovuti alla mancanza di educazione, in questo locale non è gradita la presenza di bambini minori di anni cinque, nonché l'ingresso di passeggini e seggioloni per motivi di spazio", firmato il comandante. Fa discutere il cartello esposto all'esterno del ristorante 'La Fraschetta del Pesce', nella zona di Casalbertone a Roma. "I bambini sono maleducati", ripete convinto il ristoratore romano intervenendo su Radio Cusano Campus. Non intende tornare sui suoi passi: "Non mi aspettavo tutto questo clamore. Io sono nonno, ho dei nipoti anche io. Non ce l'ho con i bambini, guai a chi li tocca. Ce l'ho con i genitori che non sanno educare i propri figli. Io quando andavo da bambino al ristorante con mio papà, lui mi diceva 'stai buono, se ti muovi ti spacco le gambe'. Oggi invece i bambini fanno un casino. E poi per i passeggini non ho spazio. E' proprio una questione materiale, questi passeggini sembrano tutti suv, occupano un sacco di posti. Tanti miei colleghi, ristoratori, hanno lo stesso problema ma non hanno il coraggio di dirlo. Io invece sono uscito allo scoperto". Poi chiarisce: "Tante volte mi è capitato di richiamare i genitori che avevano abbandonato i propri figli all'interno del locale. Vanno in giro, si nascondono sotto ai tavoli, a volte c'è anche il rischio che si facciano male. Un bambino una volta si è infilato sotto al tavolo di due coppie e gli è quasi cascata in testa la coppa del ghiacchio. Il bimbo poteva farsi male seriamente, ma la mamma invece ha continuato a chiacchierare come se niente fosse". Il divieto ha ricevuto critiche online sui siti di recensioni.






Aggiornamento sulla telenovela RAI canone in bolletta

Aggiornamento su Pronto la RAI, prenotazione telefonica per chiarimenti sul canone in bolletta, casi non previsti nelle FAQ:
oggi, miracolosamente, "i menu a tendina" del giorno e dell'ora hanno funzionato ed ho avuto l'agognato appuntamento:
16 Febbraio 2016 h. 16:30!

I canali che ho attivato però sono due: il primo era la domanda scritta a cui la RAI ha dato riscontro scrivendo che avrei avuto la risposta a breve!
Siccome sono, evidentemente, per natura ottimista, penso che potrebbero rispondere ANCHE prima del 16 febbraio p.v. per e-mail, come previsto dal sistema.

Come riserva, però, ho sempre l'avvocato della Federconsumatori!

Come la RAI prende per i fondelli l'utenza

Ricordate questo post di poco tempo fa?


domenica 3 gennaio 2016

Imposta RAI (non canone né abbonamento) pagata più volte dalla stessa famiglia


Nella classifica settimanale che potete leggere a fondo pagina è piazzato bene, segno che l'argomento è di interesse.

Ricordate quest'altro?

giovedì 15 ottobre 2015


"Canone RAI" in bolletta elettrica? Renzi se lo levasse dalla testa!!!


Purtroppo non se lo è levato dalla testa ma, da quel che mi ha detto l'avvocato della Federconsumatori Lazio, dovevamo aspettare i decreti attuativi, che immagino ci siano visto che la RAI ha iniziato a sparare annunci di questo tipo:
Basta sintonizzarsi su www.canonerai.it ED AVRETE OGNI DELUCIDAZIONE!!

Fiduciosamente sono andata sul sito ed ho letto tutte le pagine "DELUCIDATRICI" sull'argomento.
Prima di tutto bisogna leggere le FAQ!!
Cosa sono?
Ma le domande più frequenti, con le relative risposte, naturalmente!!
E' un acronimo (ormai parliamo solo per sigle) che vuol dire Frequently Asked Questions!
Altrettanto naturalmente TUTTI PARLANO INGLESE IN ITALIA quindi per chiarezza la RAI usa termini chiari a tutti!
Purtroppo nessuna delle FAQ chiariva l'iter  per COMUNICARE, con la certezza del buon fine della comunicazione, che NON DEBBONO ADDEBITARE SULLA BOLLETTA ELETTRICA A ME INTESTATA L'IMPOSTA CANONE TV, essendo l'intestatario dell'abbonamento mio marito che, a sua volta, ha 2 contratti elettrici per altrettante abitazioni, ma sempre si tratta di una unica famiglia anagrafica alla quale, come nel decreto hanno specificato (è una delle poche cose certe),  NON può che essere addebitato un unico canone. 

Voi direte: "Allora qual'è il problema?"
Il problema è che NON MI FIDO della burocrazia italiana e NON VOGLIO ritrovarmi a lottare con l'incomunicabilità voluta degli italici carrozzoni: ENEL, RAI, AGENZIA DELLE ENTRATE ecc.. 
So per triste esperienza, più volte documentata su questo blog, che NON BASTA INVIARE RACCOMANDATE CON RICEVUTA DI RITORNO per essere lasciati in pace e per avere giustizia, bisogna effettuare l'iter prefabbricato ogni volta dal carrozzone di turno.
E quale è nella fattispecie l'iter in questo caso?
Nel sito RAI tanto pubblicizzato non ve ne è traccia.
Però la RAI ha pensato a tutto! E scrive: "Questo sito mette a disposizione informazioni relative al canone TV, abbiamo cercato di dare risposta ai quesiti più ordinari, suggeriamo quindi di consultarlo per verificare che non vi sia una soluzione alle vostre domande".
Poi mette a disposizione un formulario per porre il QUESITO CHE NELLE FAQ NON C'E'.
Ho dunque inviato il seguente quesito: 

La bolletta elettrica della dimora famigliare è intestata

alla scrivente Rita Coltellese in N.. L'abbonamento

RAI/TV a mio marito, G. N., il quale ha
intestati a suo nome 2 contratti ENEL per altrettante
case vacanza. Qual'è la procedura per NON avere un doppio
addebito dell'IMPOSTA CANONE ABBONAMENTO RAI?
Nessuna delle risposte alle FAQ lo dice.

Ho inserito tutti i dati anagrafici e il numero di abbonamento TV.

Questo il riscontro:

A breve! La data in alto a sinistra è quella del 15 gennaio 2016. Arriva per e-mail anche un altro riscontro: 
----- Original Message -----
From: "RAI - Radiotelevisione italiana - Gestione Abbonamenti" <abbonamentitv@rai.it>
Sent: Friday, January 15, 2016 3:05 PM
Subject: ABBONAMENTI TV

La informiamo che la sua comunicazione del 15/1/2016 alle 15:05 e' giunta a destinazione.

A breve però non ha risposto nessuno. Ci dovranno pensare molto su un semplice iter per comunicare che non debbono farci un doppio addebito?
Ho tentato oggi un altro SERVIZIO che la RAI ci ha messo a disposizione: PRONTO LA RAI!
Scrivono che basta registrarsi e loro ti chiameranno per rispondere e darti i chiarimenti richiesti.
Questo il risultato della registrazione:

----- Original Message -----
Sent: Monday, January 18, 2016 6:25 PM
Subject: Benvenuto in Pronto la Rai

Gentile Rita Coltellese,
Grazie per la registrazione al servizio Pronto la Rai.
Per completarla è necessario cliccare sul link sottostante; in caso non dovesse funzionare, è possibile copiare l'indirizzo e incollarlo nella barra degli indirizzi del browser internet.

Distinti Saluti
Il Team di Pronto La Rai

FATTO!
Procedo alla prenotazione, e guardate che succede:

Compare una prima pagina identica a questa sopra pubblicata tranne che a destra, al posto della maschera su cui è scritto "Sicurezza, appuntamenti/anagrafica", appare "Benvenuta Rita Coltellese" e l'invito ad andare avanti per "Prendere l'appuntamento", dopo di che appare quanto vedete: a "Categoria" si sceglie dal menu a tendina che appare cliccando sulla freccia rivolta verso il basso, poi si passa a "Specie", altro menu a tendina che vi chiede se volete dare disdetta e altre voci che non sono quello che mi serve (che poi è il caso più comune, ma loro non l'hanno previsto), dunque ho scelto "Altro", infine si passa alla Data e all'Ora dell'appuntamento... Ma qui sta la sorpresina! Scherzetto! Non appare né la tendina per scegliere il giorno né la tendina per scegliere l'ora! Né potete scrivere nello spazio, qualora proviate a scrivere da soli una data.
Ho provato più volte, fidatevi: è una presa per i fondelli, anzi proprio una presa per il c...!

Renzi vuole licenziare, giustamente, i truffatori del cartellino: e i truffatori della RAI che ha pagato con i soldi pubblici questo inutile software che fa solo perdere tempo all'utenza? Che fa? Li licenzia o no?
Dicono di rispondere ad un formulario e non lo fanno, dicono di registrarsi per avere un appuntamento telefonico e non lo si può fare perché al dunque non ce ne è modo!

Compare una scritta in sovraimpressione non stampabile che ho riportato con la mia scrittura.

VERGOGNA!

Fanno solo perdere tempo alla gente.
Morale: mi rivolgerò alla brava Avvocato della Federconsumatori che, ora che ci sono i decreti attuativi di questa bella pensata di Renzi, mi saprà consigliare l'iter legalmente più sicuro per far recepire a questo inefficiente carrozzone RAI e alla Società che eroga l'elettricità che debbono effettuare l'addebito una sola volta per il mio nucleo familiare.