Cerca nel blog

domenica 26 ottobre 2014

Hillary: un Presidente USA donna

Da: La Stampa
Il ritorno dell’ex stagista: l’incubo Monica incombe sulla candidatura di Hillary
La Lewinsky iperattiva sul web inquieta i democratici. Una campagna contro il bullismo digitale o una manovra per rilanciare le ombre degli scandali degli anni Novanta?
INVIATO A NEW YORK
Paolo Mastrolilli
Monica Lewinsky è tornata, non c’è dubbio. Compare ovunque, parla, scrive. 
L’unico dubbio è il motivo: vuole riscrivere la sua storia, condurre una campagna
contro il bullismo digitale, o semplicemente affossare la probabile candidatura 
di Hillary Clinton alla Casa Bianca? I militanti democratici propendono per questa 
ultima ipotesi, e stanno attaccando Monica ovunque. 

Il ritorno della stagista è cominciato con un articolo di giornale, e poi è proseguito 
con discorsi, interviste, ora anche Twitter. 
Ha detto che si era innamorata di Bill, e questo è stato l’errore della sua vita. 
Ma gli avversari politici ne hanno approfittato per metterla in croce, a partire 
dal sito Drudgereport, che secondo lei è stato l’antesignano del bullismo online. 
L’ultima notizia che la sta aiutando è quella pubblicata dal Washington Post, 
secondo cui l’Fbi avrebbe abusato di lei durante gli interrogatori, per spingerla 
ad incastrare il presidente.  
La Lewinsky sostiene che sta facendo tutto questo come una crociata anti bullismo,
un problema serio che ha spinto giovani ragazze fino al suicidio. Poi naturalmente 
vuole ricostruire la sua reputazione, cosa che avverrebbe insieme alla propria ridefinizione
come eroina della pulizia digitale. 
I militanti democratici la pensano diversamente. Magari non credono che a motivarla 
siano i repubblicani, ma sospettano che lei voglia vendicarsi con Hillary, che in tutta 
questa vicenda l’ha sempre trattata come una lunatica. 
Quindi stanno imperversando proprio nell’universo digitale, per convincerla a 
"prendere il suo vestito blu e togliersi di torno". Oppure: «Vuole riportare l’America 
indietro di vent’anni, ma quella storia è finita e il paese è cambiato».  
Forse. Avremo due anni per capirlo, se dopo le elezioni Midterm, magari a gennaio, 
Hillary annuncerà la sua candidatura alla Casa Bianca. 

Mi chiedo se gli statunitensi siano così stupidi da non 
votare per Hillary Clinton, donna di ferro, illuminata ed 
intelligente, solo perché è cornuta.
Forse per interesse soltanto politico ella tenne un 
comportamento da persona superiore di fronte alla miseria
di suo marito che aveva ceduto alla "pompineuse" Monica  
Lewinsky trasformando la sacra "Sala Ovale" della Casa Bianca 
in un improvvisato postribolo.
Non capisco dunque che influenza possa avere l'agitarsi, per avere di nuovo
visibilità, di questa furbetta intrigante che, in modo risibile, si dichiara innamorata, 
a suo tempo, dell'allora Presidente degli Stati Uniti. 
Naturalmente può anche essere vero, dato che molte donne si innamorano 
del Potere che l'uomo ha, più che della persona che egli è... Ma non si era mai 
visto che tale "amore" arrivasse a conservare la "reliquia" lasciata sul suo 
vestito come fece la Lewinsky ...