Cerca nel blog

mercoledì 28 novembre 2012

Viaggio in Irlanda - da Cork per Kenmare

Lasciamo la Contea di Cork spostandoci verso ovest: Contea del Kerry.
Strada facendo ci fermiamo nella Baia di Bantry: siamo ancora nella contea di  Cork.

Andiamo a fare una gita in barca in un isolotto dove c'è una meravigliosa oasi naturalistica. Nell'andare incrociamo un altro piccolo isolotto in cui ci sono delle foche.
Oasi naturalistica di  Glengarriff

L'isolotto è un giardino botanico con ogni specie di fiore... e piante... e costruzioni create solo per abbellire l'insieme.
Proseguiamo per Kenmare dove alloggeremo in un B&B spettacolare, con vista sulla baia dall'alto di una dolce collinetta. I proprietari, una coppia senza figli, mostrano con orgoglio il giardino che circonda la loro villa e che lui cura personalmente. Mentre la graziosa signora fa con le proprie mani i dolci che mangeremo. Oltre noi ci sono altri ospiti: una coppia australiana in viaggio di piacere. Chiacchieriamo un po' con loro, ciascuno con il poco o tanto inglese che sa.

Cartolina ricordo del B&B "Blue Merles"

Siamo nella Contea del Kerry.




Viaggio in Irlanda - Sulla strada per Cork

Visitiamo le Grotte di Mitchelstown. Non mi fanno una grande impressione: me ne fece di più la Grotta del Bue Marino in Sardegna.
Esse si trovano nella Contea di Cork.
Arriviamo a Cork in un giorno di sole come non ne abbiamo trovato in nessun altro posto in Irlanda durante questo viaggio. Sembra di essere in Italia tanto è caldo. Possiamo togliere le giacchette. Il mare, il porto, i racconti di Cork parlano di emigrazione, di gente povera che si imbarcava per non morire di fame, sempre, ma ancora di più quando ci fu la grande carestia che uccise migliaia di persone.

Da: Wikipedia 
La Grande Carestia irlandese, (in irlandese: An Gorta Mór; inglese: The Great Famine oppure The Great Hunger) è la definizione data ad una carestia che colpì l'isola d'Irlanda tra il 1845 e il 1849.
Le cause scatenanti la carestia furono molteplici, in parte la politica economica britannica, le condizioni dell'agricoltura irlandese, il brusco incremento demografico avvenuto nei decenni precedenti la carestia, ma soprattutto la sfortunata apparizione di una patologia delle patate causata da un fungo, la peronospora, che raggiunse il paese nell'autunno del 1845 distruggendo un terzo circa del raccolto della stagione e l'intero raccolto del 1846. Una recrudescenza dell'infezione distrusse in seguito gran parte del raccolto del 1848. Il ripetersi di raccolti scarsi o addirittura nulli fece sì che la carestia durasse più a lungo e con maggiore intensità delle precedenti. Il paese non era infatti nuovo a raccolti danneggiati da infestanti o da avverse condizioni climatiche; non vi erano però precedenti di simile portata.

L'emigrazione dall'Irlanda, fin dall'inizio del XIX secolo, rappresentò un flusso continuo anche se non numerosissimo, nel 1845, a fronte del primo calo di produzione della patata vi fu un brusco aumento dell'emigrazione, in parte erano gli stessi proprietari terrieri ad incoraggiare i loro contadini a lasciare il paese pagando loro la traversata. La prima ondata migratoria era quindi composta da persone in discrete condizioni fisiche e di salute. A partire dal 1846 vi fu un esodo senza precedenti, masse enormi di persone allo stremo delle forze si riversarono in ogni possibile imbarcazione diretta principalmente verso le colonie del Canada, in ogni porto dell'est degli Stati Uniti e in Gran Bretagna e Galles portando con sé le malattie derivanti dalla denutrizione e scatenando epidemie nei luoghi di destinazione. L'enorme afflusso di persone sbaragliò qualunque tentativo di istituire delle località di quarantena, in Canada l'isola di Grosse Isle attrezzata con un ospedale per 200 persone fu letteralmente invasa, la prima nave giunta il 17 maggio del 1846 ospitava ben 430 casi di cosiddetta febbre (tifo), a fine maggio la fila di navi in attesa di sbarcare il loro triste carico era lunga due miglia. Sull'isola sono sepolte circa 6000 persone.

Molti sono gli artisti che hanno parlato, cantato e suonato riguardo quel periodo, così come tanti lo hanno scolpito. Una delle principali canzoni che ricordano la carestia è The Fields of Athenry di Pete St.John, oggi quasi un inno non ufficiale degli irlandesi nel mondo. Ma specialmente nelle sculture emerge lo sconforto della carestia, dato che varie sono le opere sparse per tutto il territorio irlandese: dal parco di St Stephens Green al nuovo Financial Center di Dublino, fino al remoto villaggio di Murrisk, nel Mayo, dove è stato eretto un monumento nazionale.

Del Porto di Cork ricordo il sole e il mio pensare alle moltitudini di esseri umani che vi passarono, stremati dalla fame, e che salirono sulle navi affrontando l'Oceano Atlantico verso una speranza. 

Pernottiamo presso il bed&breakfast Berkley Lodge.