Cerca nel blog

venerdì 20 febbraio 2015

Chi si deve vergognare?

Da: Il Tempo
20/02/2015 06:04

A VOLTE RITORNANO

Luigi Lusi: «Annullata l’espulsione Ora rientro nel Partito democratico»

L'ex tesoriere della Margherita è stato condannato a 8 anni per appropriazione indebita dei fondi del suo ex partito

CASO LUSI: DA MANI PULITE AL SENATORE DEL PD, TESORIERI NELLA BUFERA / SPECIALE
«In un qualsiasi partito a base democratica bisogna ascoltare i soggetti nei confronti dei quali si adottano delle sanzioni. Solo che si doveva dare in pasto alla pancia del Paese arrabbiata per tanti motivi un bandito e quindi é stata fatta un'operazione il più veloce possibile, con una fretta che qualcuno dovrebbe oggi spiegare. Che cosa si voleva nascondere?». Gronda soddisfazione e torna a farsi sibillino Luigi Lusi, ex tesorerie della Margherita, sulle spalle una condanna a otto anni per appropriazione indebita dei fondi del defunto partito. Il giudice civile ha annullato la sua espulsione dal Pd, arrivata a sei giorni dalla deflagrazione mediatica dell'inchiesta nei suoi confronti. E lui, adesso, chiede al partito di Renzi di trarre le dovute conseguenze.
Avvocato Lusi, cosa significa per lei questa sentenza?
«Intanto vediamo se il Pd la onorerà, sono stati condannati anche a pagare le spese legali ma non mi stupirebbe se facessero ricorso in appello. Poi vedremo il da farsi. Di sicuro è una vittoria morale, una soddisfazione postuma. Ma soddisfazione è, la conferma di un'ingiustizia. Si voleva tappare la bocca ad un esponente politico».
Perché volevano tapparle la bocca?
«Se un partito non vuole ascoltare la tua versione dei fatti, come è accaduto nel mio caso, significa che c'è qualcosa che vuole nascondere. Lo chieda a quelli del Pd il perché della fretta con cui sono stato cacciato. Vediamo se qualcuno ha il coraggio di dirle perché, con un esimio professore universitario che presiedeva la commissione, le regole non siano state rispettate. È stato fatto apposta, e la loro fretta va da loro giustificata».
Ci risiamo con le accuse, mai riscontrate dai magistrati, a Rutelli e agli ex dirigenti della Margherita...
«Lei sbaglia a definirle accuse, in sede penale io ho raccontato una verità storica. E anche lei dovrebbe conoscere la differenza tra verità storica e giudiziaria. Io ho raccontato come funzionava la vicenda politica di un partito in Italia. Davanti a quel racconto si sono tutti turati le orecchie».
E la condanna nei suoi confronti a otto anni?
«Quella non è affatto piacevole, e continuerò a difendermi dalle accuse. Nessuno ha detto che sono stato assolto dall'accusa di associazione a delinquere, che è poi quella che mi ha portato in carcere, 90 giorni in isolamento totale come al 41bis. E poi a me non è entrata in tasca una lira, mentre la Margherita di Rutelli continua ad opporsi a restituire i soldi allo Stato per tenerseli per sé. Dovrebbe essere lei a spiegare che cosa ci fa con i milioni rimasti in cassa a gennaio 2012 e non ancora resi».
Lei oggi cosa fa?
«Sono tornato a fare l'avvocato, difendo molti clienti in gratuito patrocinio. Faccio una vita molto più spartana di prima, questo è ovvio, ma ci ho guadagnato sul piano personale e famigliare. I domiciliari in convento sono stati un'esperienza fondamentale, la vera Grazia di Dio».
Prova disagio a farsi vedere in pubblico?
«Assolutamente no. Io ai magistrati ho raccontato tutto, non ho nascosto niente. La stragrande maggioranza di queste persone che mi hanno cacciato dal partito non stanno raccontando niente. Di che cosa dovrei vergognarmi io?».
E del governo, del Pd, targato Margherita cosa pensa?
«Sono tutte persone squisite, le conosco bene e le stimo. Ma con Rutelli non c'entrano nulla».
Martino Villosio
Non c'è da stupirsi se l'ex-tesoriere del partitino della Margherita dica: "Di che cosa dovrei vergognarmi io?".
Né c'è da stupirsi che tiri in ballo Dio.
Se vivi in quel modo, adoperando il denaro pubblico come se fosse tuo, e nel farlo non ti poni problemi etici finché ti va bene, vuol dire che ti adatti tutto secondo il tuo comodo: anche un possibile Dio.
Detto questo, leggendo attentamente l'ennesima sentenza che lascia perplessi, si scopre che si tratta del solito appiglio di forma: il PD non ha rispettato la procedura nell'espellere il suo componente. Ha avuto fretta, evidentemente troppo preoccupato dell'immagine .
Questo nulla toglie al fatto che il soggetto aspetta l'Appello per quanto riguarda la sua condanna per APPROPRIAZIONE INDEBITA ad 8 anni di carcere. Nel frattempo, e fino alla Cassazione (quindi hai voglia! C'è tempo...) egli può esercitare la sua professione di Avvocato!
Non è prevista la sospensione dall'Albo... Per il momento.. Aspettiamo dunque la Cassazione.

Come hanno ridotto la mia "fontanella"

Da: SKY TG 24

Roma, fontana della Barcaccia danneggiata da ultras olandesi

Scheggiata e riempita di spazzatura la scultura del Bernini in piazza di Spagna da supporter del Feyenoord, in città per l'Europa League. Il restauro concluso a settembre era costato 200mila euro. Marino: "Sono infuriato, non finisce qui".

roma, barcaccia, danni, tifosi feyenoord, fontana, piazza di spagna,

Dovremmo amarci di più noi Italiani e, per quanti difetti ci dobbiamo riconoscere, non siamo barbari che arrivano a devastare le altrui città. 
E che città! La bellezza di Roma a cui noi siamo abituati è incommensurabile: per archeologia, monumenti, architettura... Insieme a Venezia e Firenze costituisce una ricchezza da preservare, insieme a tutto il resto beninteso: borghi e cittadine, villaggi e bellezze naturali...
Oltre ai nostri incivili che di nascosto gettano la loro mondezza ovunque, ora arrivano questi barbari olandesi e sembra che sono discesi di nuovo gli Unni, i Goti e i Visigoti!!
L'Ambasciata dell'Olanda ha chiesto scusa per i suoi barbari cittadini: mi sembra il minimo!! Ma adesso che paghino i danni con le tasse degli olandesi! Perché noi avevamo appena speso euro 200.000 per restaurare la bellissima fontana del Bernini. Che paghino le società sportive olandesi per la ripulitura delle zone di Roma imbrattate della sporcizia dei loro "tifosi"!!
Spero che le nostre Autorità politiche sappiano essere ferme in questa richiesta di risarcimento.

Siamo sempre così occupati a criticare i nostri difetti e a prendere ad esempio gli altri Paesi che dimentichiamo i loro difetti e mali!!
Nell'estate del 1971 raggiunsi mio marito in Olanda. Lui stava lavorando all'ESTEC a Noordwijk, una cittadina olandese affacciata sul zee del nord. Allora in Italia era impensabile assistere ad una scena come quella a cui assistetti io quell'estate: in una fontana al centro della cittadina si gettarono alcuni giovinastri tirandosi acqua e oggetti e vi restarono a lungo, bagnando di spruzzi la piazzetta tutto intorno, sotto gli occhi vigili di un poliziotto di città, teso e pronto, ma che non intervenne. Mi stupii, perché da noi non avrebbero lasciato una simile libertà a dei cittadini di entrare nella vasca di una fontana di abbellimento guardandoli a distanza senza farli smettere con dissuasiva fermezza.
Poi la società si è involuta, a mio avviso, anche in Italia.
Ma loro a quanto pare sono andati molto avanti con l'involuzione.

Un altro ricordo, tenero, l'ho per la mia "fontanella", chiamavo così la Barcaccia del Bernini quando avevo circa 5 anni... Ero assolutamente inconsapevole del valore storico ed artistico di quella "fontanella" che mi piaceva tanto perché per bere dalla cannella dell'acqua, dopo i giochi accaldati su al Pincio, entravo dentro camminando sulla pietra e avendo l'acqua in entrambi i lati...