Cerca nel blog

sabato 28 maggio 2016

Quando la Scuola Pubblica fa Cultura

La sala della recita: i disegni sono stati realizzati dagli studenti dell'Istituto Cristoforo Colombo di Roma aderenti al progetto "Leonardo"


Grazie alla passione di un'insegnante la Scuola Pubblica può diventare realmente uno strumento di crescita culturale e di vera formazione per gli studenti, soprattutto per quelli che non hanno in famiglia una base che possa supportarli in tal senso. 
Nel Liceo Linguistico Lucio Lombardi Radice di Roma, situato nella periferia sud della città, insegna uno di quei professori che fanno la differenza: la Professoressa Bianca Lamanna, insegnante di lingua francese. Non di sola grammatica e noiose lezioni ella nutre i suoi studenti, ma ha sposato l'apprendimento al divertimento culturale, facendo studiare ai ragazzi il teatro francese, parte importante della Letteratura di ogni Paese, e facendoglielo interpretare. 
La Prof.ssa Bianca Lamanna

Il risultato, ho potuto constatarlo di persona ieri presso la Fondazione Primoli, che in modo illuminato ha concesso i suoi bellissimi locali ad una delle rappresentazioni di questi entusiasti studenti, è stimolante, sia per gli studenti, felicemente coinvolti, sia per chi assiste allo spettacolo. Va da sé che così la lingua rimane impressa e viene ben metabolizzata, ma i ragazzi imparano anche a sciogliere le loro timidezze e insicurezze tipiche dell'età.
La Fondazione Primoli creata dalla donazione del Conte Primoli nel 1928 per promuovere relazioni di cultura letteraria fra l'Italia e la Francia.
Ha sede in Palazzo Primoli, in Via Zanardelli a Roma, che ospita anche il Museo  Mario Praz e il Museo Napoleonico 


Oggi sono a Parigi per ripetere la rappresentazione di una commedia di Marivaux presso il Liceo parigino Monet, grazie al partenariato fra il Liceo Lucio Lombardi Radice e tale liceo francese. La convenzione è il frutto di un accordo tra l’Ufficio Scolastico Regionale e il Rettore dell’Università della Sorbona. E’ stata siglata lo scorso anno scolastico nella sede dell’Ambasciata francese a Roma, dove le due scuole hanno sottoscritto un progetto comune. L’esperienza si è sviluppata con lo scambio di alunni e docenti che continua anche nel presente anno scolastico e si arricchisce di attività teatrali concordate e di progetti di integrazione. La Prof.ssa Lamanna ha detto che gli studenti francesi contraccambieranno la visita a dicembre.
L'accoglienza davanti Palazzo Primoli di due studentesse che poi si trasformeranno anche in attrici

L'8 giugno prossimo la recita della commedia di Marivaux "Le Jeu de l’amour et du hasard" verrà ripetuta presso il teatro del Liceo qui a Roma.
Una scena della rappresentazione della commedia di Marivaux  "Le Jeu de l’amour et du hasard"
Il progetto ha potuto avere vita anche grazie al patrocinio del Municipio VII di Roma e alla collaborazione di France Théatre. 
Dalla terrazza di Palazzo Primoli dove la raffinata organizzazione ha offerto agli ospiti un drink a completamento del bel pomeriggio culturale

Scienza contro superficialità e ignoranza

Da: Quotidiano.Net

Le lacrime di Bossetti in tribunale. E la moglie sfreccia in Porsche

Bergamo, 28 maggio 2016 - IL PRIMO luglio non sarà solo il giorno della sentenza per l’omicidio di Yara Gambirasio. Prima di pronunciarla, la Corte d’Assise di Bergamo dovrà decidere chi è Massimo Bossetti. Il predatore notturno che ghermisce bambine inermi, le aggredisce, le colpisce, le abbandona a morire in solitudine, da blindare all’ergastolo? Oppure un irreprensibile muratore bergamasco descritto dalla difesa, innamorato degli affetti familiari al punto che nell’udienza di ieri si è sciolto in pianto quando uno dei legali ha evocato i suoi bambini?

NELL’AULA si attende l’annunciato arrivo di Ester Arzuffi, ma la madre dell’imputato non si presenta, trattenuta da un leggero malessere e soprattutto dall’emozione.
Da: IL NORD QUOTIDIANO
Compare invece la moglie, Marita Comi, giunta in tribunale a bordo di una Porsche Panamera color rame, con targa del Principato di Monaco, pilotata da Ezio Denti, uno dei consulenti della difesa. In aula scambia un sorriso con il marito per fugare le polemiche seguite alla lettera hard di Bossetti con la detenuta. Parola alla difesa. Claudio Salvagni parte all’attacco. «Questo è un processo di emozioni, di suggestioni. È un processo altamente mediatico. C’è una informazione malata, appiattita». Per la vicenda giudiziaria di Bossetti parla di «colpi bassi», di «tortura» come per l’acquisizione delle lettere fra il carpentiere di Mapello e la detenuta Gina. Definisce una «perla» un video diffuso alla stampa che secondo l’accusa riprende il furgone dell’imputato. «È stato confezionato come un pacchetto dono per tranquillizzare le gente, che aveva bisogno di avere il mostro, il pedofilo, il mentitore seriale inchiodato alle sue responsabilità». Definisce «atto gravissimo» la deposizione di un ufficiale del Ros che ha testimoniato che quando fu trovata Yara stringeva «dell’erba radicata nel terreno». «Non è possibile trasferire alla Corte qualcosa come indiscutibile quando invece non è vero».
!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Da: Il Settimanale GIALLO: ... la vicenda che riguarda i due presunti amanti di Marita Comi, la moglie di Massimo Giuseppe Bossetti. Due le persone sentite da chi indaga, due gli amanti della moglie di Bossetti, uno di loro sarebbe un amico di famiglia. E’ vero? Non ci sarebbero prove per smentire la vicenda in quanto dai tabulati telefonici risulterebbero le chiamate, i messaggi tra la donna e queste due persone che sono state poi chiamate in procura.
!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 

LA DIFESA ripropone l’ipotesi che Yara possa essere stata uccisa in un luogo diverso dal campo di Chignolo d’Isola. Perché non è stato cercato il sangue sotto il cadavere? Perché il colletto bianco della maglietta era intonso, nonostante la ferita al collo? Era difficile penetrare nel campo, anche gli operatori della polizia hanno avuto le tute strappate più volte dai rovi. Allora come è stato possibile correre, fuggire, inseguire, praticare ferite precise e millimetriche come quelle sui polsi? E perché sono stati trovati tanti peli e fibre nelle ferite se la piccola vittima era vestita? 
Il difensore Paolo Camporini cala un argomento ‘forte’. Parla dell’allineamento operato dalla difesa con i suoi consulenti degli orari delle telecamere che avrebbero ripreso il furgone cassonato di Bossetti la sera del 26 novembre 2010, quando Yara scomparve. Fra l’orario riportato nelle immagini e quello reale esiste una discrepanza di 12 minuti. Non è l’autocarro di Bossetti e se anche lo fosse sarebbe transitato alle 18.35, un quarto d’ora prima che un testimone vedesse Yara avviarsi verso l’uscita della palestra. «L’auto del testimone viene ripresa alle 18.48. Diciamo che gli occorrono due minuti per raggiungere la palestra. Sono le 18.50. A quell’ora Bossetti è già a casa. Se abbiamo ragione noi il processo è finito. O vogliamo farlo su quel mezzo Dna?».
Camporini tratteggia il profilo dell’imputato. «Lavoratore indefesso. Una persona più che abitudinaria. Nessun vizio. Nessuna dipendenza. Un carattere mite, a detta di tutti. È un uomo che cerca il consenso. Ha questo bisogno di essere amato». Il muratore di Mapello piange. 
di GABRIELE MORONI

Due mondi, sempre esistiti perché connaturati alla natura umana, quello positivista, che vuole vedere la verità con il metodo galileiano del "provando e riprovando", e quello che si ferma in superficie per i palati facili.Prima di Galileo solo l'acuto ingegno di pochi poteva, per doti connaturate ed eccezionali dell'intelligenza, intuire l'essenza della Verità.Dopo Galileo abbiamo lo strumento della Scienza.Ma non basta a quegli uomini che preferiscono le facili suggestioni, che si basano sulla superficialità di una faccia, (eppure Lombroso è stato sconfessato), che preferiscono alla lucida ragione la "pancia".Su questo humus proliferano e ingrassano cialtroni di ogni specie, donne e uomini senza alcuna morale, con facce e atteggiamenti impudenti, senza vergogna, inalberando una normalità che NON c'è ma che un giornalismo d'accatto presenta come tale, facendola ingoiare e digerire ai palati facili, digiuni di vera cultura, ma ricchi di visioni di "Amici" di Maria De Filippi, di "Grande Fratello", di commozioni di Barbara D'Urso, di scatole sofferte tutte le sere su RAI 1 e niente, niente riflessioni.