Cerca nel blog

domenica 29 marzo 2015

La Cassazione non stabilisce l'Innocenza bensì controlla il Diritto

Al solito al popolo ignorante, in quanto ignora perché non può conoscere i particolari del tutto, la TV e i giornali ammanniscono la realtà con parole che la travisano.
E' un proclamare ovunque "l'innocenza", sancita dalla Cassazione, della statunitense Amanda Knox e del suo ex-fidanzato Raffaele Sollecito.

Chiariamo che per stabilire nel Processo Penale se una persona è colpevole del delitto ascrittogli o è innocente ci sono solo 2 Gradi di Giudizio: la Corte d'Assise e, se la sentenza non piace, si può ricorrere alla Corte d'Appello.
La Cassazione NON PUO' STABILIRE SE UNA PERSONA E' INNOCENTE O COLPEVOLE, può soltanto controllare che il processo sia stato svolto secondo le regole del Diritto. Nient'altro!! 

Da: Wikipedia

Non giudica sul fatto ma sul diritto: è giudice di legittimità. Ciò significa che non può occuparsi di riesaminare le prove, bensì può solo verificare che sia stata applicata correttamente la legge e che il processo nei gradi precedenti si sia svolto secondo le regole (vale a dire che sia stata correttamente applicata la legge processuale, anche in relazione alla formazione e valutazione della prova, oltre che quella del merito della causa).

Dunque tutto questo urlacchiare nei Telegiornali che i due "sono innocenti" è inesatto: la Corte di Cassazione ha trovato soltanto che "in relazione alla formazione e valutazione della prova" è stato fatto qualche errore. Si saprà meglio quando si leggerà la sentenza ma, data l'abilità dell'Avv. Bongiorno, che ha saputo far assolvere persino Giulio Andreotti, c'è da supporre che è lì l'appiglio.
Più volte, nelle interviste, l'Avv. Bongiorno aveva accennato al DNA di Raffaele Sollecito trovato sul gancetto del reggiseno della povera Meredith... E' lì che, grazie alla sua abilità, ha lavorato smontando quella prova perché acquisita non con tutte le precise modalità inattaccabili che in punta di diritto ci volevano.

Quello che mi fa riflettere, però, è un'osservazione di mio marito: la Cassazione annulla un Processo se trova una irregolarità e, se lo ritiene opportuno, rinvia ad altro Processo, come è già accaduto per questi due imputati, ma non assolve nessuno, perché non può farlo, non ne ha facoltà né questo è il suo compito.

Dunque? Dunque l'assoluzione e l'innocenza sono espressioni errate chiunque le usi, ciò nonostante lo fanno: avvocati, giornalisti e persino su  Wikipedia, alla voce "Giulia Bongiorno", si legge:

Nel 2008 ha assunto la difesa di Raffaele Sollecito, uno degli indagati per l'omicidio di Meredith Kercher, noto come delitto di Perugia dove l'imputato è stato condannato a 25 anni di reclusione in primo grado[9], poi assolto per non aver commesso il fatto il 3 ottobre 2011 in secondo grado[10]. Condannato di nuovo a 25 anni il 30 gennaio 2014, poi assolto in Cassazione il 27 Marzo 2015.
Certo la magistratura italiana non fa una bella figura in questa come in altre sciagurate storie.

Giulia Bongiorno con il suo assistito Giulio Andreotti

Uso del mio blog su sito con immagini oscene

Con grande sconcerto ho scoperto casualmente, facendo una ricerca tramite Google inserendo il mio nome e "blog di beppe grillo", un link che usa il mio nome e quello del mio blog rinviando ad un sito in cui compaiono delle immagini oscene che nulla hanno a che fare né con me né con il mio blog.
Ho inviato immediata segnalazione alla Polizia di Stato tramite il sito Commissariato on-line di cui ho già avuto riscontro scritto.
Domani mi recherò, come viene richiesto dopo la segnalazione, presso il più vicino Commissariato per formalizzare la segnalazione con una denuncia da me firmata.
Purtroppo so che il WEB può creare di questi problemi ma so anche che per fortuna abbiamo una difesa: la denuncia.