Cerca nel blog

sabato 3 gennaio 2015

Windsor: sesso più che amore

(ANSA) - LONDRA, 2 GEN - Una donna ha affermato di essere stata obbligata ad avere rapporti sessuali col principe Andrea quando era 17enne. La presunta vittima, di cui non si conosce il nome, ha lanciato le accuse in un documento presentato in un tribunale della Florida nell'azione legale portata avanti da alcune donne che sostengono essere finite nel giro di prostituzione organizzato da Jeffrey Epstein, il finanziere Usa condannato nel 2008 per pedofilia. Buckingham Palace ha negato il coinvolgimento del principe.

Da: FIRST Online 
Conosciuta solo con lo pseudonimo di "Jane Doe #3", ha raccontato di essere stata ripetutamente "costretta ad avere rapporti sessuali" con il principe, che porta il titolo di duca di York, quando aveva appena 17 anni a Londra, New York e in un'isola privata dei Caraibi di proprietà del ricchissimo banchiere americano Jeffrey Esptein. La donna sostiene di aver agito proprio su ordine di Epstein, amico intimo del duca di York e che nel 2008 è stato condannato per essere ricorso a delle prostitute minorenni. Nessuna data è stata precisata, ma "Jane Doe #3" afferma di essere stata la schiava sessuale del banchiere fra il 1999 e il 2002.


Da: Il Corriere della Sera

...Era il 1960 e Margaret l' inquieta, che solo cinque anni prima aveva rinunciato a sposare lo scudiero della regina Peter Townsend perche' divorziato, convolo' a nozze con un "comune" gia' molto chiacchierato, il fotografo Tony Armstrong Jones. La regina si piego' a questa scelta d' amore e concesse al novello sposo il titolo di Conte di Snowdon. Ma fu l' inizio di una tormentata sequela di scandali: incomprensioni, litigi, pettegolezzi sulle tendenze omosessuali di lui e sulle troppe relazioni extraconiugali di lei (l' ufficiale Patrick Hitchell, Lord Douglas Home poi morto suicida, il produttore televisivo Derek Hart, il cantante ed ex giardiniere Roddy Lewellyn). Dopo 18 turbolenti anni di matrimonio Margaret, divenuta madre di due bambini, divorzio' da Tony. 
Peter Townsend: pilota di caccia di Sua Maestà Britannica ed eroe della seconda guerra mondiale




Se si coercizza l'Amore Vero come accadde alla giovanissima Margaret, sorella della Regina Elisabetta d'Inghilterra, il cambiamento interiore che può derivarne non può che essere peggiorativo del carattere di una persona e, credo, sia questo che accadde alla povera Margaret. Il Colonnello Peter Townsend era un dignitosissimo eroe di guerra e nulla fu più ipocrita dell'imporre alla principessa innamorata di rinunciare a lui solo perché era divorziato. Divorzio non provocato dalla loro relazione, ma già avvenuto quando Margaret se ne innamorò. Una lacerazione imposta da ragioni prive di vero senso nella patria di Enrico VIII, che si sganciò dalla Chiesa di Roma, fissa sull'indissolubilità del vincolo coniugale, e accumulò una sequenza di divorzi notevole.
Fu un sacrificio inutile e consegnò la principessa infelice ad una vita senza più Vero Amore; illogicamente fu accettato un fotografo, sia pure di Corte, che rispetto ad un ufficiale ed eroe di guerra  era squalificante e si consegnò la povera Margaret ad una vita di sesso e relativi scandali.

I Windsor, in nome di un perbenismo di sottilissima facciata, favoriscono così le relazioni peggiori sul piano morale e del buon gusto, in uno strano autolesionismo.
Ora cercano di coprire lo scandalo di Andrea, figlio di Elisabetta, aggrappandosi al fatto che non c'è prova che egli sia andato con una prostituta minorenne.
Però c'è prova che egli, Principe della Casa Windsor, frequentasse il "tenutario"di un giro di ragazze di un certo tipo.
Perché mai fermarsi sempre sul filo di lana, sul confine, di rapporti non spiegabili né ammissibili, per un Principe, con un personaggio così discusso?
Da sempre i Windsor cercano di mettere "toppe" nelle falle che sono squarci da cui si intravede una realtà sporca e squallida per chiunque, figuriamoci per chi pretende di stare più su degli altri, sia pure per nobile censo.

Da: Il Corriere della Sera

Nel novembre del ' 73 la principessa Anna, secondogenita di Elisabetta, era convolata a nozze con l' ufficiale dei dragoni Mark Phillips ....

Prima però, riportano le cronache del tempo, si era innamorata di un altro ufficiale e pare che lo stesso futuro marito l'accompagnasse, a volte, agli appuntamenti galanti con costui...

... 1963 quando venne iscritta alla Benenden School. Fu in questi anni che fece mormorare la sua frequentazione col primo fidanzato, Andrew Parker Bowles, scudiero della regina e ad oggi precedente marito di Camilla Shand, attuale moglie del principe Carlo.
Strano intreccio di "congiungimenti" davvero...

Da: La Repubblica.it

 Analogo scandalo era divampato nell' 85, quando la stampa popolare britannica parlò insistentemente di un travolgente love affair fra la principessa e la sua ex guardia del corpo personale Peter Cross, ex sergente di polizia poi detective privato, il quale - subito licenziato - corse a vendere le sue memorie alla stampa specializzata, con dettagliati resoconti di convegni amorosi che si sarebbero consumati nei sottoscala del castello di Gatcombe Park, la tenuta reale di 600 ettari nel Gloucestershire che fu donata a Anna dalla regina. La stampa statunitense ha addirittura ipotizzato che la secondogenita della principessa, la piccola Zaira, ottava nella linea di successione al trono, sia in realtà figlia non di Mark Phillips ma di Peter Cross. Anche al marito di Anna sono state attribuite varie relazioni extraconiugali, le più insistenti delle quali quella con una giornalista- annunciatrice della televisione britannica, quella con una pierre canadese, e infine quella con un' insegnante di Auckland, Nuova Zelanda, la signorina Heather Tonkin, grande appassionata di cavalli. Secondo la Tonkin da un' unica notte d' amore con il capitano, nell' 84, nacque Felicity, la bimba di cui Mark Phillips ha invece sempre respinto la paternità; salvo poi il mese scorso, in pieno ciclone Sarah-Andrea, rivedere le sue posizioni. Mark Phillips si è infatti impegnato a provvedere al mantenimento della bambina pur di non essere trascinato in tribunale e anzi mettere tutto a tacere.

Come si vede bene da questi trascorsi, la Principessa Anna non disdegnava di accoppiarsi con la propria guardia del corpo addirittura in un sottoscala...
Dunque quello che in questi giorni esce sui giornali sul Principe Andrea non stupisce chi ha memoria di quello che c'è dietro la facciata Windsor...