lunedì 13 maggio 2019

Pensieri del mattino...

Rita Coltellese *** Scrivere: RAI: Maggioni ha perso il senso della realtà
Il link è fornito quale pro-memoria.

Ieri sera, mentre mi spogliavo in camera da letto per mettermi in pigiama, ho acceso per un momento il piccolo televisore allocato sopra la scarpiera: evidentemente  era sintonizzato sul canale RAI dove Fabio Fazio conduce la sua trasmissione che, dicono, tanta pubblicità porta nelle casse della RAI e che noi dobbiamo ingoiare nonostante alcuni di noi paghino due volte il canone, penalizzati dalla renziana furbata di recuperare l'evasione di chi non l'aveva mai pagato, condita dalla "pinocchiata" che avremmo pagato di meno: infatti la mia famiglia che lo pagava dal 1970 ora lo paga doppio.

Sono rimasta solo un attimo e mi è bastato: al tavolone sedeva la solita furbetta canora Orietta Berti, la "plasticata" Valeria Marini, che non si sa che mestiere faccia perché dirle "attrice" è un'offesa a chi sa recitare, il meno bravo del gruppo di Massimo Troisi, Lello Arena, altri... e l'astronauta Parmitano.

La Berti con la sua furba aria di massaia scafata si è rivolta a Parmitano chiedendogli qualcosa di futile e sciocco sul suo lavoro che neppure ricordo, ma era volutamente futile e sciocco, mentre l'anfitrione Fazio ridacchiava divertito, forse ritenendo che anche chi lo segue dovesse trovare divertente la sciocca domanda che aveva solo lo scopo di banalizzare quello che è il lavoro di uno che è arrivato a fare l'astronauta. Parmitano ha risposto educatamente, mentre la Berti diceva che lei aveva conosciuto un astronauta in un certo posto... Ma non si ricordava come si chiamava.. Eh certo, ma che vuoi che importi come si chiama uno che ha studiato cose per lei e gli altri presenti INCOMPRENSIBILI, e quindi INUTILI... Uno che oltre la formazione scientifica e tecnica ha dovuto imparare come si vive in condizioni estreme ed ha un fisico che le regge, che sa fare cose inimmaginabili sulle delicatissime strumentazioni spaziali... Pensate che la Berti gli ha chiesto cosa è "quella cosa che gira.." e Parmitano ha risposto educatamente CENTRIFUGA! Mentre Fazio ridacchiava a tanta arguzia della massaia canora, forse pensando a tutte le massaie che si identificano con l'Orietta e che possono ridacchiare sulle cose di cui non capiscono NIENTE tanto che gli fa! Smontiamo questa Scienza: cosa ce ne frega di questi cervelloni e di quello che Shakespeare chiamava "il merito paziente" deriso (The Hamlet soliloquy - Traduzione di Salvatore Quasimodo).
A condire la breve stupida scena l'intervento della "plasticata" Marini che, imitando forse la compianta Moana Pozzi, si informava se nella stazione spaziale "Si poteva fare l'amore." Non ho nemmeno ascoltato la risposta di Parmitano, ma ho guardato la faccia da finto uomo di scienza che si è costruito con una barba a coprire la sua bruttezza Lello Arena ed HO SPENTO.

https://www.wired.it/scienza/spazio/2016/07/15/luca-parmitano-incidente-spazio/

Pare che Fabio Fazio sia stato decurtato di tre puntate della sua trasmissione. Chissà se verrà decurtato anche il relativo compenso o se le dovremo pagare ugualmente con il cosiddetto canone RAI, che Beppe Grillo e i 5Stelle dicevano non doversi più pagare, e sorbendoci l'obnubilante pubblicità che lui portava!

Chi voterà per la sinistra grazie a Fazio? Chissà!
Pensavo stamane che, come ho già scritto, Minniti l'hanno sciolto troppo tardi, quando hanno cominciato ad avvertire che la gente non era d'accordo né con l'immigrazione caldeggiata pietosamente come siriana, giacché tale gente cominciava a scoprire che i siriani non erano neri come quelli che arrivavano a frotte sui barconi, né che, se pure centrafricani e tunisini e marocchini, non c'erano tutte queste guerre da cui fuggire in quei Paesi, inoltre non era d'accordo con lo jus soli, caldeggiato fino all'ultimo momento da Gentiloni, che induceva tante profughe alla copula prima di arrivare in Italia, così da giungere con la pancia già bella gonfia.
Minniti si è mosso bene, è stato un ottimo Ministro dell'Interno, così ottimo da far storcere il naso ai suoi compagni di partito che dovrebbero decidersi ad andare con Fratoianni, ma non lo fanno. Così Minniti ha ritirato la sua candidatura lasciandola all'accomodante Nicola Zingaretti..
Contenti loro...

martedì 7 maggio 2019

Prezzemolo? No, coriandolo

In questo blog l'etichetta Cucina non esisteva: l'ho creata oggi.
La cucina non è fra i miei interessi pur cucinando per cause di forza maggiore dall'età di 19 anni, giacché a quell'età mi sono sposata e non essendo ricca non avevo la cuoca, né tantomeno la mamma che cucinava per me.
Dovendo nutrire me e mio marito, soprattutto lui giacché io non ero molto interessata al cibo, presi un ricettario e iniziai ad applicare pedissequamente quello che vedevo scritto.
Debbo dire che i risultati erano buoni, giacché variavo il menu provando sempre nuove ricette per amore di mio marito, che apprezzava. Ma questo non è stato sufficiente a fare della Cucina un mio interesse, né tantomeno un hobby: il tempo che mi occupava era un dovere da svolgere, con attenzione e metodo, ma non ne traevo una soddisfazione personale. Negli innumerevoli pranzi che ho preparato nel corso della mia vita per amici, parenti e conoscenti se ricevevo dei complimenti sorridevo ringraziando, ma non ne traevo una particolare soddisfazione personale dentro di me, anzi cercavo di mostrare di apprezzare quei complimenti soprattutto per chi me li faceva più che per me stessa: insomma non me ne è mai fregato un bel niente. Oggi se potessi smetterei volentieri di cucinare, ma non posso per mio marito... E per amore cucino ancora..
E' stato così che andando nel bellissimo vivaio che sta a Sabaudia LT, vicino ad una delle abitazioni dove vivo ormai la metà del mio tempo, seguendo mia figlia appassionata di piante di ogni tipo, ho comperato delle piante cosiddette aromatiche: non molte, perché a differenza di mia figlia sono parsimoniosa.
Per la cucina che ho a Sabaudia, proprio appena fuori della porta finestra in modo da uscire e cogliere quel che mi serve, ho piantato in terreno una pianta di basilico, una di prezzemolo, una di salvia ed una di origano. Il rosmarino l'avevo già e in abbondanza, giacché il clima a livello del mare permette a questa pianta di essere rigogliosa, mentre a Rocca Priora RM i miei tentativi di farla vivere a lungo sono miseramente falliti per il freddo invernale del luogo. 
A Rocca Priora muore tutto: basilico e rosmarino in particolare. Mentre vivacchiano la salvia e la mentuccia, che lì tengo in vaso dato che la cucina affaccia su un ampio spazio pavimentato e sarebbe scomodo piantarle in terreno, più distante dalla cucina. Viene spontaneo invece il timo, che io non conoscevo fresco, ma il vento deve aver portato dei semi e, trovando un habitat favorevole, ha tappezzato letteralmente una striscia del mio prato.
Sentivo che quell'erba emanava un buon profumo e lo dissi ad una delle mie nuore la quale, provenendo da una famiglia di ristoratori, mi disse con semplicità: "Eh, lo credo, è timo."
La mia ignoranza dunque è palese per quel che attiene la cucina, limitandosi allo stretto necessario.
Quel giorno al vivaio comperai anche una piantina di prezzemolo per Rocca, da piantare in uno dei vasi davanti alla porta finestra della cucina. 
Tornata da poco nella casa di Rocca Priora, grazie alla pioggia ho trovato il prezzemolo cresciuto e mi sono chinata su di lui per togliergli qualche fogliolina ingiallita.. E qui inizia l'aneddoto comico.. Sento l'odore acuto e sgradevole di un insetto che odio fin da quando lo trovavo sui miei panni stesi sul terrazzo della mia prima casa da sposa a Roma: la cimice verde. Lo odio perchè vola, ti si posa addosso quando lo trovi sui tuoi panni puliti e profumati.. ed emana un odore inconfondibile e sgradevole.. Ho cominciato a temere che mi si fosse posato addosso, ho scosso i miei capelli più volte, ho annusato il prezzemolo che avevo colto ed emanava anch'esso quell'odore.. Ho pensato che l'insetto fosse ancora lì, nella cassetta dove c'è anche una pianta di menta.. Entrata in casa continuavo a sentire quell'odore: mi sono spazzolata i capelli, tolta la felpa e sbattuta.. Ma dell'insetto nessuna traccia. Di certo aveva lasciato il suo odore l'odiosa creatura..

Ho colto poi le foglie più sviluppate della piantina di prezzemolo per cucinare il pesce per la cena, l'ho lavato e annusato.. con preoccupazione ho sentito che era proprio lui che emanava quell'odore. Ho pensato: "Ma non sarà un tipo di prezzemolo particolare?" Poi ho cercato di rassicurarmi sulla commestibilità della piantina cercando di ricordare se l'avevo proprio comperata al vivaio... "Al massimo forse la comperai al supermercato.. Comunque sempre in un posto sicuro.." Poi, preoccupata di non avvelenare mio marito oltre me, mentre il pesce cuoceva sono andata al PC ed ho cercato "tipi diversi di prezzemolo": effettivamente ce ne sono, ma nessuno somigliava al mio strano prezzemolo.. Allora ho scritto sulla barra di Google "prezzemolo odore strano": ed ho svelato il mistero!
Il "prezzemolo" è in realtà coriandolo!!!
Molti cibi suscitano sentimenti contrastanti ma il coriandolo fresco è noto per essere probabilmente l’alimento che più divide e polarizza le opinioni. Le persone che non lo sopportano descrivono il suo odore e sapore in modi completamente diversi rispetto a coloro a cui invece piace. Chi lo apprezza lo descrive come fresco e fragrante mentre chi lo odia sostiene che sappia di sapone, di muffa,  di terra o addirittura che ricordi l’odore delle cimici. 
(Da LE SCIENZE BLOG SCIENZA IN CUCINA di Dario Bressanini)
Dagli stand del vivaio, dove ci si serve da soli, io ho preso una piantina di coriandolo scambiandola per prezzemolo! Strano che per quella che ho piantato a Sabaudia invece ci ho indovinato: è proprio prezzemolo!
Stasera abbiamo mangiato ventresca al coriandolo: era buona!
(Coriandrum sativum)

Per soddisfare la mia e la vostra curiosità vi do questo link da cui ho tratto le notizie:

http://bressanini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/2013/04/08/il-coriandolo-che-divide/comment-page-1/

mercoledì 24 aprile 2019

Gente di sinistra e stili di vita

Parco di Roma Golf & Country ClubNel cuore di Roma


Il Parco di Roma Golf & Country Club si trova in via Due Ponti n. 110 nella zona Nord della Capitale, tra la via Cassia e la via Flaminia, a soli dieci minuti dal centro.
Particolare ed unico per il paesaggio che lo ospita, è situato all’interno del Parco regionale di Veio, un’oasi immersa nei ritmi incalzanti della città.
Aperto dal lunedì alla domenica, offre numerosi servizi: dal campo pratica al ristorante .

Novembre 2016
Grande serata di festa per Giulia Manconi. La figlia della giornalista Bianca Berlinguer e del senatore Luigi Manconi ha festeggiato il suo diciottesimo compleanno al Parco di Roma Golf & Country Club

 Bianca Berlinguer e  Luigi Manconi con la figlia Giulia


Dove festeggiano i 18 anni i figli della gente media? A casa, al ristorante non troppo caro... Non certo al Circolo del Golf fra i più prestigiosi di Roma...

La bocca parla a sinistra ma si vive in ben altro modo...
Gli stili di vita sono da alta borghesia, da ricchi che, per i gonzi che ci credono, vengono criticati da costoro, Luigi Manconi in testa. 

Marco Travaglio per "Il Fatto Quotidiano"
LUIGI MANCONILUIGI MANCONI
Luigi Manconi, già capo del servizio d'ordine di Lotta continua, poi leader dei Verdi con scarse fortune, poi tifoso dell'indulto 2006 che fece perdere milioni di voti al centrosinistra e ora parlamentare del Pd, scrive - comprensibilmente - anche sul Foglio di Ferrara & Berlusconi.










Gente piena di contraddizioni, che difendono con argomentazioni a loro comodo e con somma arroganza!

lunedì 22 aprile 2019

2019 dell'era cristiana: Libri scritti da Uomini primitivi e Scienza

Prendo lo spunto dalla fresca attualità:
22 aprile 2019 Agenzia AGI - di  

Le divisioni etniche e religiose che lacerano lo Sri Lanka

Il massacro che ha colpito le chiese cristiane arriva a 10 anni dalla guerra civile conclusasi con la sconfitta dei separatisti tamil
...Nel Paese, comunque, le tensioni religiose recentemente hanno riguardato tutti i gruppi: i cristiani denunciano le intimidazioni dei monaci buddisti estremisti; i buddisti cingalesi hanno avuto scontri con i musulmani e hanno denunciato conversioni forzate all'Islam.
La televisione, i cellulari, attraverso i ponti radio e i satelliti che ruotano intorno al pianeta Terra, hanno unito la specie Uomo in una globale comunicazione.

Nonostante questo ci sono sempre i limiti posti dall'intelligenza individuale a capire ed è possibile che molti individui rimangano chiusi in una limitata conoscenza.
Ma in generale oggi l'Uomo sa dove si trova. Sono cadute le teorie di una certa religione che lo collocava su una Terra Piatta, al centro dell'Universo... 
La specie umana si è sviluppata dopo che la Terra esisteva già da milioni di anni, perché nel corso delle sue trasformazioni geologiche si è trovata a vivere un equilibrio favorevole allo sviluppo di questo mammifero che, rispetto alle altre specie animali presenti sul pianeta, ha sviluppato più di tutte l'intelligenza.
Per questo ha cercato di capire chi era, dove stava e quale era lo scopo del tutto.
Con la scrittura ha iniziato a fermare sui libri i suoi pensieri e delle regole di vita per stare meglio tutti insieme. Ha immaginato ci fosse un Essere Invisibile e Perfetto simile a sé stesso a cui riferirsi che dettava dette regole.
Solo che ogni popolazione se lo immaginava in modo diverso.
Libri come il Talmud, raccolta di insegnamenti etici e giuridici della tradizione orale Torah, completato nel 200 dell'era volgare, libri come la Bibbia, messa insieme fra l'VIII ed il VI secolo a.C., libri come quelli scritti fra il IV e il III secolo a.C. da Laozi e Zhuangzi sono stati utili per un'umanità che doveva darsi delle regole di vita e delle spiegazioni di sé e del mondo che la circondava.
Poi la predicazione dell'ebreo Gesù Cristo, detto il Nazareno dalla città da cui proveniva, Nazareth in Palestina, ha creato altre narrazioni, più moderne rispetto ai testi citati, datate a 2.000 anni fa. Oggi in tutta la Terra, pur mantenendo per sé molte popolazioni un proprio calendario molto più antico di quello cristiano, per comodità ha prevalso un calendario comune che è appunto la datazione cristiana.
In questi ultimi 2.000 anni l'Uomo ha fatto progressi nella conoscenza grazie alla Scienza e alla Tecnologia. E' riuscito a volare e vedere la Terra dall'alto, fino ad arrivare sul satellite Luna e vederla dunque da lontano: bellissima e immersa in un buio da cui la salva solo la stella intorno cui ruota e che è fonte della vita.

Ora l'Uomo sa dove sta. Conosce Leggi che regolano l'Universo come la Relatività Ristretta e la Relatività Generale, sa che la stella Sole è una fra miliardi all'interno di un raggruppamento di stelle chiamata Galassia, e che ci sono miliardi di altre galassie con altrettante stelle...
Galassia a spirale simile a quella dentro la quale stiamo noi. La Via Lattea, quel tratto di cielo densissimo di stelle che vediamo, è il braccio esterno della spirale dentro il quale siamo anche noi, granello Terra che gira intorno al Sole, stella di media grandezza definita in Astronomia nana gialla
Tutto questo gli uomini che hanno cercato di darsi regole di vita scrivendo i libri citati NON potevano saperlo. Avevano sì osservato le stelle che vedevano in cielo, avevano dato loro dei nomi, alcuni di loro, le cui intelligenze svettavano sulla massa, avevano addirittura capito che la Terra era sferica e misurato la sua circonferenza mediante osservazioni sulla luce del Sole e calcoli matematici... Ma mai la realtà era stata svelata in tutta la sua drammaticità come nell'ultimo secolo...
Eppure.. eppure..l'Uomo per molti aspetti rimane nella mente primitivo.
Alcuni sono convinti che un Dio fatto a propria immagine che sia solo Spirito Perfetto esista ma, basandosi sui Libri scritti da Uomini senza l'attuale conoscenza, ciascuno se lo figura in modo diverso, e fra loro si ammazzano per questo.
Come è possibile oggi dare tanta importanza a testi, per il tempo utili, scritti da uomini che NON conoscevano come stavano realmente le cose?
Può l'Uomo di questo tempo, con le attuali conoscenze, dare retta a testi antichissimi? Solo sul piano meramente storico potrebbero essere e sono di interesse.
Invece c'è ancora chi si arrovella, ad esempio, sul "delitto" degli ebrei del tempo a non aver riconosciuto in Gesù Cristo Dio incarnato, a non aver creduto che sia tornato in vita dopo la morte cruenta che gli inflissero gli invasori Romani... Ancora c'è chi analizza l'agire dell'altro ebreo colto che si chiamava Giuda.. 

Persino un ebreo intelligente del nostro tempo, Amos Oz, ha scritto un libro in cui, attraverso i suoi personaggi, si pone il quesito etico del comportamento di Giuda ed esprime un apprezzamento, dal mio punto di vista eccessivo, sulla figura del predicatore Gesù, detto il Nazareno perché la sua famiglia viveva a Nazareth.
Non comprendo come si possa tenere in piedi dopo 2.000 anni una simile storia basata su 4 narratori, i soli riconosciuti dalla Chiesa Cattolica, che, leggendo vari testi storici e incrociando dati certi di tali testi, viene smentita in molte sue parti, rimanendo solo una favola costruita per anime elementari che hanno bisogno di credere in favole per sopportare la vita.
Debbo dire che mi sono stupita, leggendo "Giuda", il romanzo di Oz, dell'importanza che un uomo moderno ha dato a fatti, in parte leggendari, legati alla figura del predicatore cugino di Giovanni Battista. Come se Oz non conoscesse la Storia di 2.000 anni fa dei luoghi dove lui è nato. Sicuramente doveva sapere che era usuale che ci fossero predicatori che giravano per la Galilea e per la Giudea e che la credulità popolare del suo popolo di allora aspettava il Messia, figura riportata in quei libri antichi, il quale li avrebbe liberati non solo dal giogo di Roma ma anche di Re locali come il lussurioso e sanguinario Erode.
Fra questi predicatori di morale c'era il cugino di Gesù Cristo, Giovanni detto il Battista perché battezzava simbolicamente con l'acqua limpida dei fiumi la gente che lo stava ad ascoltare. Pare che lo fece anche con il cugino Gesù, figlio di Maria imparentata con sua madre Elisabetta.
Entrambi questi predicatori dettero fastidio a più personaggi e fecero entrambi una brutta fine: Giovanni decapitato e Gesù subì la condanna alla crocifissione, tortura che applicavano i Romani.
Una Storia antica, fatta di predicatori che parlavano di morale, di Dio, ma che avevano anche un peso politico, date le genti che li seguivano, e questo poteva creare problemi ai potenti.
Immagine che riproduce i due parenti Giovanni detto il Battista e Gesù Cristo
In Palestina, provincia romana, la crocifissione fu largamente impiegata contro gli Ebrei per reprimere le rivolte: durante l’assedio di Tito, conclusosi con la distruzione di Gerusalemme nel 70, ogni giorno le truppe romane, per mesi, crocifissero fino a 500 ebrei al giorno. Lo storico ebreo Giuseppe Flavio denuncia proprio la brutalità della repressione, ai danni anche di donne e bambini, sottolineando che la pena della crocifissione viene comminata anche ai moderati, indiscriminatamente, e a persone di rango sociale elevato (cioè non solo a schiavi e delinquenti).

Che anche uno scrittore ebreo, nato e morto in Israele nel mio tempo, rimugini sulla "colpa" di ogni ebreo, da 2.000 anni fa ad oggi, per non aver impedito ai Romani di uccidere il predicatore Gesù, mi sembra surreale.
Sono forse io, nata nella Roma del 1946, colpevole di quello che facevano i Romani 2.000 anni fa? Ma nemmeno di quello che fa un romano di oggi sono colpevole! Sono colpevole solo delle mie personali malazioni!
Invece Amos Oz ha dedicato gran parte del libro "Giuda" a queste riflessioni. Fa parlare i personaggi, tutti rigorosamente ebrei, della loro pseudo colpa di non aver accettato Gesù Cristo quale biblico Messia e di aver lasciato che i Romani lo giustiziassero con quel cruento mezzo che purtroppo hanno conosciuto migliaia di esseri umani grazie a loro. Fa parte degli orrori della Storia dell'uomo: crocifissioni, impalature, roghi, torture dell'Inquisizione, torture del nazismo... la Storia dell'uomo contiene anche la Storia del suo sadismo verso i propri simili e il povero Cristo non ha liberato proprio niente e nessuno da questo orrore che continua indisturbato anche oggi... 

sabato 20 aprile 2019

Per l'altrui incoscienza potremmo morire...

IL MAMILIO

Frontale su via Nettunense, tre le persone coinvolte. Disagi per la viabilità



Questa è l'auto che è entrata completamente dentro la corsia di marcia dove in quel momento stava transitando la Fiat Bravo condotta da mio figlio. L'auto procedeva in direzione di Cecchina di Albano RM, mio figlio in direzione opposta, dovendo raggiungere Nettuno dove insegna in un Istituto Superiore.
Solo la sua prontezza di riflessi gli ha salvato la vita: un attimo nel vedersela di fronte, la donna non guardava la strada, guardava il cellulare che aveva in mano, lui si è gettato d'istinto alla sua destra e l'auto della donna ha preso in tutta la sua lunghezza la fiancata sinistra della Bravo, finendo la sua folle corsa sull'auto che seguiva quella di mio figlio, sulla quale è arrivata rallentata dalla strusciata che aveva compiuto contro la Fiat Bravo.
Mio figlio ha salvato se stesso, ma anche l'irresponsabile guidatrice dell'auto in foto, da morte certa; qualora non si fosse gettato a destra per evitarla il frontale sarebbe stato violentissimo.


CASTELLI NOTIZIE
15 aprile 2019

Lanuvio, incidente frontale sulla Nettunense: due donne finiscono in ospedale

Un grave incidente stradale si è verificato alle 8,30 su via Nettunense al chilometro 17+300 nel Comune di Lanuvio, località Bellavista a pochi chilometri da Aprilia
Due macchine, una Opel Agila che marciava verso Roma ed una Fiat 500, che procedeva in senso contrario, si sono scontrate frontalmente, dopo che la prima era entrata marginalmente in contatto con una Fiat Bravo.
Nell’impatto frontale sono rimaste ferite le due donne conducenti, una di Aprilia e l’altra di Albano, trasportate all’Ospedale dei Castelli e all’Ospedale di Aprilia, mentre il conducente della terza macchina, di Albano, è rimasto solo leggermente contuso e non è stato necessario l’intervento dei sanitari.
Sul posto sono accorsi gli agenti della Polizia locale di Lanuvio, diretti dal comandante Maurizio Doretto, che hanno svolto i rilievi con pesanti ripercussioni sul traffico in un orario di punta. 
La Fiat Bravo di mio figlio gettatosi a destra per evitare l'impatto.
I sempre benemeriti VV.FF. al lavoro sull'auto investitrice.
Dalla striscia di mezzeria si vede bene come l'auto sia entrata totalmente nella corsia opposta al suo senso di marcia.











L'auto di mio figlio nel punto in cui si è gettata: lo specchietto di sinistra è divelto, la fiancata graffiata e la ruota posteriore sinistra fuori dall'asse.
Ma lui ha saputo salvarsi...


La Fiat Bravo nel punto in cui è rimasta dopo aver schivato l'auto impazzita: sullo sfondo si intravedono l'ambulanza e l'auto della Polizia Locale nel punto in cui l'auto investitrice ha finito la sua corsa contro un'altra auto che sopraggiungeva dietro mio figlio.



Sul carro attrezzi. Addio bella Fiat Bravo!
Mio figlio si è recato al Pronto Soccorso del Nuovo Ospedale dei Castelli Romani accompagnato dalla moglie: era sotto choc e con forti dolori al collo. I medici hanno prescritto riposo e collarino.

giovedì 18 aprile 2019

28 giugno 2017: c'era la Maggioni, adesso c'è Marcello Foa

Rita Coltellese *** Scrivere: RAI: Maggioni ha perso il senso della realtà

Questo link riporta ad un post che scrissi il 28 giugno 2017: nulla è cambiato della mia opinione e torno a stigmatizzare quanto di falso e scorretto c'è nel sistema di Matteo Renzi di recuperare l'evasione dell'imposta chiamata illegittimamente Canone TV.

Roberto Fico, Terza Carica dello Stato:
"Il tema del servizio pubblico radiotelevisivo l’ho seguito per cinque anni da presidente della commissione di Vigilanza Rai, avendo come unica stella polare l’autonomia e l’indipendenza della Rai dalla politica, perché questo è il senso del servizio pubblico. È qualcosa a cui ho lavorato con costanza e ostinazione, in cui credo profondamente".
https://www.fanpage.it/cda-rai-lappello-di-roberto-fico-consiglieri-e-direttori-vanno-scelti-per-merito-la-politica-ne-stia-fuori/

Come faranno Roberto Fico e tutti quelli del M5Stelle al Governo a conciliare quello che hanno condiviso con Beppe Grillo, fondatore del loro Movimento e oggi Garante, e cioè la campagna quasi rabbiosa per NON PAGARE PIU' il Canone RAI, con quanto lasciato loro in eredità dal Governo Renzi? 

La mia famiglia non era evasore: paghiamo il Canone TV dal 1970.
Ma Renzi ce lo fa pagare doppio ora, per recuperare gli evasori egli ha fatto un provvedimento con l'accetta: l'ha messo nella bolletta elettrica. Così moglie e marito, una famiglia composta di 2 persone, se non hanno la stessa anagrafica, cioè residenza, pagano Canone TV doppio!
Sono diverse le considerazioni che una simile scelta provoca, e tutte di sdegno!
Una è che il M5S, che propugnava l'illegittimità di tale Imposta fintamente appellata Canone di Abbonamento e incitava la gente alla disobbedienza, al Governo non solo mantiene tale Imposta ma mantiene anche il rozzo rimedio all'evasione adottato da Matteo Renzi!
Mio marito ed io, pensionati, paghiamo con due case 180 euro l'anno per una TV in gran parte invedibile facendo eccezione solo per GEO e "Chi l'ha visto?".
Nel link che riporto all'inizio di questo post scrivevo altri possibili rimedi per recuperare l'evasione, rispetto al rozzo e ingiusto metodo renziano. Che il M5S ci pensasse, non è difficile realizzarli con il Data Base e codici fiscali di chi lo pagava. Perché fingere di abbassarlo alle famiglie che l'hanno sempre pagato per poi fare i furbi e farlo pagare doppio?
Il M5S vuole tenersi la furbata Renzi?
Lui faceva le Leggi per rimediare ai problemi così: con l'accetta.
Si pensi al problema dell'affollamento delle carceri. Con quell'intelligentone di Orlando ha depenalizzato i reati, anche gravi, e ha stabilito che con condanne sotto i 5 anni non si va in carcere!
Aberrante!
Come è aberrante questa del Canone TV.
Siccome gli credevo glielo scrissi, rispondendo alle sue richieste settimanali di suggerimenti a chi lo aveva votato: "Il canone nelle fatture elettriche crea una ingiusta imposizione".
Se ne è fregato, come di tutto quello che è accaduto nell'applicazione della sua Legge 107/2015!

Così tale Giovanna Milella (ma sarà la giornalista RAI? Oppure è un caso di omonimia?) manda a mio marito una lettera in cui viene trattato da "furbo volpino" perché non paga il canone nella casa dove ha messo la sua residenza, in quanto "il soggetto scritto nel quadro B non risulta far parte del suo nucleo familiare"!!!!
ANAGRAFICAMENTE però!!!
Il soggetto scritto nel quadro B SONO IO, Rita Coltellese in Natali (in tempi chiari così si definiva, in modo anche elegante, una donna sposata), e mi fa un certo effetto che questa Milella si permetta di scrivere CHE NON FACCIO PARTE DEL NUCLEO FAMILIARE DI MIO MARITO VISTO CHE SIAMO SPOSATI DA 54 ANNI!
ANAGRAFICAMENTE però!!!

Ma il Governo che consente tutto questo NON sente il senso del RIDICOLO oltre che dell'ingiustizia impositiva?
Nonostante ANAGRAFICAMENTE io non faccia parte "del nucleo familiare di mio marito" l'Agenzia delle Entrate, la cui intestazione appare nella lettera firmata da Giovanna Milella, per quel che attiene altre tasse considera "il reddito complessivo mio e di mio marito"!
Schizofrenia di comodo del Governo?
ANAGRAFICAMENTE separati  da farci pagare 2 volte il cosiddetto Canone/Imposta, ma tale separazione non vale per il Servizio Sanitario Nazionale dove, con il mio solo reddito, potrei avere agevolazioni sul pagamento del ticket sanitario che non ho perché "ANAGRAFICAMENTE separati" qui non vale: la somma con mio marito mi toglie vari esoneri e debbo pagare tutto!
Posso dire CHE SCHIFO? Beh lo dico!

Vietato pagare il Canone Rai: il terzo editto di Beppe Grillo

Grillo nel suo blog pubblica il suo terzo editto che vieta il pagamento del canone RAI se non come premio per la qualità dei programmi.

Nella rubrica del suo blog chiamata “Se io fossi Re” Beppe Grillo pubblica il suo terzo editto “Vietato pagare il canone Rai”.







Un modo semplice sarebbe provvedere il "forzato abbonato" di una tessera RAI con cui seguire solo i programmi che piacciono e pagare per questo un vero Abbonamento, commisurato anche economicamente al gradimento.
Il ciarpame verrebbe automaticamente decurtato e certi soggetti rimarrebbero sul groppone dei babbei che li seguono.

mercoledì 17 aprile 2019

Buona P... Pace 2019

Pesach 5779

Buona Pesach 2019. Dalla sera del giorno:

venerdì
 
19 aprile
Fino alla sera del giorno:

sabato
 
27 aprile


Buon Lailat al Barat

Dalla sera del giorno:
sabato 20 aprile
Fino alla sera del giorno:
domenica 21 aprile 2019

Per chi celebra la Resurrezione di Gesù Cristo
Buona Pasqua
21 aprile 2019

Per tutti gli altri Buona Pasqua quale giorno di riposo e di pranzo in famiglia



martedì 16 aprile 2019

Condominio Italia

L'Italia è ben rappresentata nelle riunioni condominiali, consortili e dei supercondomini, in questi consessi umani sono riprodotti tutti i tristi difetti della italica società. 
Se avete la disgrazia di possedere più proprietà, con qualcosa in comune con altre persone, vi accorgerete che ogni gruppo umano, che sarete costretti ad incontrare nelle inevitabili Assemblee, riproduce le stesse caratteristiche, e certe tipologie umane si ripetono nei vari consessi.


RIUNIONI INCIVILI…. IN PARLAMENTO

scritto dalla Redazione de Il Satirico






Che in Parlamento si siano menati in passato come nel presente è sempre stato. Che se ne dicano di cotte e di crude l'abbiamo visto e sentito.
Che ci siano persone disoneste lo sappiamo, alcune manifestamente (Razzi che ammetteva cinicamente di vendersi il voto ripreso da telecamera nascosta) altre che fingono meraviglia se si mettono in dubbio le loro intenzioni.
Nei condomini si incontra questa stessa società: gente che mente vestendo le proprie intenzioni di motivazioni che non sono quelle reali e che vuole convincerti a tutti i costi della bontà di ciò che dice, "nell'interesse tuo e di tutti", in realtà solo il suo.
Gente aggressiva che non tollera il tuo diritto di pensarla in modo diverso e arriva a minacciarti di "farti sparare", nemmeno di spararti in prima persona, ma di farti sparare da sicari, vantando amicizie camorristiche. A me è successo anche questo in una trista e alquanto scorretta Assemblea dove gente che vuole aumentare la spesa si inalberava per la mia volontà di contenerla.


In questa Assemblea lo stesso minacciatore di farmi sparire ha detto che per me ci voleva un'ambulanza per farmi un TSO. Nella più assoluta inconsapevolezza di sé e dell'anomalia del suo comportamento, oltre che sul piano civile anche sul piano psichiatrico.
Il Presidente di Assemblea ha esordito con le seguenti parole: "Siamo tutti d'accordo per ristrutturare l'insieme."
Nel vociare già alto ho provato a dire: "Ma se dobbiamo ancora votare e contare i millesimi di ciascuna votazione, come fa a priori a dire "che siamo tutti d'accordo"? Tutti chi? Molti hanno votato per delega e non si sa come hanno votato, io ho il massimo delle deleghe consentite da Regolamento della Comunione e debbo ancora esprimere il mio voto con tutti i millesimi che rappresento... Lei ha deciso per tutti? Dobbiamo ancora iniziare l'Assemblea.. Allora che la facciamo a fare?"
Questo Presidente ha parlato tutto il tempo con segni evidenti, oltre che di una alterazione logorroica, anche che non era affatto super partes, ma che aveva preso accordi precedenti con chi voleva investire soldi su un insieme che soldi non ne produce, ma ne mangia e basta.
Oltre i consiglieri, esistenti per regolamento, si facevano avanti 5 o 6 aspiranti ad un Comitato di proprietari che offrivano la loro consulenza gratuita per seguire i "lavori", esistendo per questo già 3 consiglieri eletti, di cui paghiamo le spese, l'Amministratore, pagato e obbligato dal suo mandato a seguire i nostri interessi, coadiuvato da consulenti come un ingegnere di cui paghiamo parcella! I generosi offrentisi quale Comitato spontaneo e non previsto in Regolamento pretendono ovviamente che si paghi loro viaggio per raggiungere la, ahimé, comune proprietà, vitto e alloggio per la permanenza. Uno di  loro nemmeno è proprietario, bensì delegato dalla moglie...
Siamo nella più assoluta illegalità proposta con arroganza e prepotenza.
Nella più assoluta alterazione hanno scritto nel verbale di Assemblea che essa si è svolta di domenica, un giorno dopo la data del vero svolgimento, due deleghe fatte a me sono sparite e in detto verbale hanno confuso il concetto di deleganti definendoli delegati!
Ho un'unica strada, dato che non posso passare sopra a tanta follia: o correggono o sono costretta a spendere soldi per l'avvocato e impugnare il tutto.
Questo è il punto: per avere Giustizia in Italia devi mettere mano al portafoglio. Per questo molti rinunciano per mancanza di soldi, ma anche per ignavia.
Rita Coltellese *** Scrivere: Racconti di Condominio - Condominio pidocchio

Ma le riunioni simbolo dell'Italia non sono finite per chi ha la sventura di aver risparmiato ed investito i propri soldi in case.
"Siamo in Italia signora, siamo in Italia, se lei va in Tribunale e chiede l'Amministrazione giudiziale paghiamo anche noi che abbiamo pagato tutto e anche di più... Non lo faccia signora! Siamo in Italia, non c'è Giustizia per chi paga, per chi è a posto! Mi ascolti, senta cosa è accaduto a noi..." Ed io ascolto l'accorata e fine signora, anziana quasi come me, che come me è socia di un Consorzio in liquidazione di cui il liquidatore non riesce a venire a capo a causa degli incarogniti ed inscaffibili morosi.
Il liquidatore ha consegnato finalmente le opere di urbanizzazione al Comune. Da Statuto, allegato alla Convenzione con il Comune, doveva essere sciolto dopo 30 anni: ne sono passati 40!
Il Presidente dell'Assemblea dei soli soci paganti, essendo i morosi la causa del male e quindi legalmente esclusi, è un bel signore più anziano di me, che somiglia vagamente al defunto giornalista Giorgio Bocca, al quale tento di chiedere se abbiamo i millesimi necessari alla validità dell'Assemblea. Ma egli non mi risponde e mi chiede: "Quando ha comperato lei?" Gli dico: "Nel 2004." Esplode con garbo nervoso: "Io sono 40 anni, 40 anni! E lei ha comperato da 4 anni e si lamenta! Ma io me ne vado! Che sto a fare qui!" Cerco di dire che ho detto 2004, che vuol dire 15 anni fa... Ma capisco che preso dal suo sfogo nemmeno mi ascolta..
Il problema è che non si è raggiunto il quorum: non tutti i paganti si rendono conto della gravità del problema e pensano che ormai, chiuso il Consorzio e messo in liquidazione, consegnato tutto al Comune, stiamo a posto!
L'ho detto, questi consessi sono l'esatta riproduzione dell'Italia ovunque. Questi indifferenti non si rendono conto che, se il liquidatore non riesce a riscuotere dai debitori e va lui in Tribunale, come io stessa l'ho invitato a fare con lettera raccomandata pena denuncia querela ai Carabinieri affinché accertino se il liquidatore non riesce a far pagare i morosi o se c'è del dolo nel favorire la loro situazione debitoria, chiedendo al Giudice di nominare un liquidatore giudiziale, le spese aumenteranno e le pagheranno anche loro che se ne stanno indifferenti a casa.
Per questo sono stata circondata da persone perbene, che hanno pagato tutto come me, disposte ad accollarsi anche i debiti dei morosi pur di non finire in liquidazione giudiziale.
Giacché ha ragione l'elegante e fine signora che mi raccontava con voce educata ed accorata le vicissitudini vissute dalla sua famiglia per un Consorzio Industriale, di capannoni per milioni di euro, in cui chi non pagava, chiamato in giudizio, l'ha sfangata e le spese le hanno dovute pagare loro.
Non conosco i particolari della vicenda, ma ha ragione la signora, "Siamo in Italia", guai all'onesto che ricorre alla Giustizia, esperienze di vita mi circondavano pregandomi di lasciar perdere..
Preferivano pagare per i morosi, per i parassiti che hanno usufruito dei Servizi e che questo sistema Italia NON fa pagare: chiama l'onesto a pagare per il reo!

In un condominio di fatto, che la legge in Codice Civile stabilisce esistere là dove due proprietà abbiano beni immobili in comune, il condominio non si era mai costituito. Al tempo la legge parlava di un minimo di 9 proprietari con cose in comune, poi la legge scese a 4, oggi siamo a 2! Ma codesto condominio di fatto nacque con 24 proprietari con cose in comune, eppure ci fu solo un pallido tentativo della sottoscritta favorevole alla costituzione, a cui risposero due tizi, un militare ed un vigile urbano, i quali iniziarono a provvedersi di un regolamento base e a sentire un geometra sui costi della redazione di una tabella millesimale. Ma altri mostrarono tutta la loro indifferenza, anzi una donna più giovane di me, all'apparenza dell'età di mia figlia, mi derise vedendomi pulire la grata di scolo delle acque piovane vicina al cancello della sua villetta e non della mia, segno che proprio non aveva il concetto civile della manutenzione della cosa comune. Eppure in quel punto suo marito parcheggiava la sua auto e, se ci trovava la nostra, non potevamo neppure uscire 5 minuti per  fare la spesa che correva a spostare la sua per metterla lì, dove solo la sua rozzezza aveva stabilito esservi il suo inesistente posto auto di diritto.
Molti di costoro sono fra i morosi del disciolto Consorzio, né si preoccupano delle lettere che il liquidatore ha inviato loro tramite un avvocato, sapendo che tale liquidatore non ha più soldi in cassa per passare ai decreti ingiuntivi.
Però, anche la sogghignante donna che non si preoccupava di pulire la grata vicino alla sua casa, essendo bene comune, e che con il suo prepotente consorte rimase indifferente alla costituzione del condominio, ora all'improvviso si trova d'accordo con quelli che aveva a suo tempo snobbato e, maldestramente, tutti costoro si sono affidati a persona praticona e trafficona che si definisce "Amministratore di Condomini" senza essere iscritta, come da legge, ad alcun Albo.
Con l'aggravante che anche questa persona è morosa verso il Consorzio da anni ed anni come molti dei proponenti condòmini.
Anche qui: debitori e persone che hanno pagato i servizi anche per loro a confronto. Da una parte il rifiuto a fare la cose in regola, per poi, dopo anni, affidarsi a persona senza titolo che commette varie infrazioni al Codice Civile sui condomìni, fino a costringere metà degli altri proprietari a rivolgersi ad uno Studio di Avvocati per tutelare i propri interessi a norma di legge.

E' il caso di dire: 



E nel leggere questo divertente avviso:

sappiate che a noi, famiglia, è capitato anche questo:
anni fa il mio figlio più piccolo andava al Liceo, i due fratelli più grandi erano già all'Università, egli tornava a casa prima di tutti, mangiava il pranzo che io gli avevo preparato e, un giorno di sole, si mise seduto sul muretto del nostro giardino aspettando la mamma che tornava dal lavoro.
Quel giorno quando arrivai mi venne incontro sbalordito:
"Mamma, - mi disse - sapessi cosa mi è toccato di sentire! L'inquilino della nostra vicina e la sua compagna hanno fatto sentire fin qui un accoppiamento con grugniti di lui e urlacchi di lei, una cosa allucinante! E credo che in casa ci sia anche la figlia di lui che ha solo 13 anni! Se ho sentito io da qui figurati lei!"
Infatti, l'indomani, mio figlio mi venne incontro con negli occhi lo stesso sbalordimento; pensai: "Ecco, gli animali l'hanno rifatto." Invece no. Ecco il racconto del ragazzo:
"Mamma, oggi è venuta la moglie dell'inquilino della vicina a riprendersi la figlia, perché si vede che la ragazzina dopo l'episodio di ieri l'ha chiamata e glielo ha raccontato. La ragazzina è uscita e la madre l'ha aspettata fuori dal cancello. La convivente dell'affittuario della villetta si è affacciata al balcone e la madre della ragazzina le ha gridato che era una puttana e altre cose simili. Quella le ha risposto per nulla intimidita con parole dello stesso tenore! Mamma, urlavano parolacce senza ritegno! Una scena che nemmeno nelle baracche!"
E siamo in un condominio con 12 ville unifamiliari!
Ma il mondo è piccolo e si viene a sapere che l'inquilino della vicina, che così rumorosamente si accoppiava con la sua convivente, è un ex piccolo ladro di autoradio di Torpignattara, ora dedito allo spaccio di droga e che in casa aveva armi non denunciate.
Un altro convivente di una proprietaria di altra villetta dello stesso condominio finisce sul giornale per possesso di droga, armamentario ad infrarossi per vederci di notte, non si sa per quali scopi, e anche lui si fa qualche giorno di galera.
Un infermiere di un ospedale dove lavora il marito di una mia amica gli dice che ha fatto un servizio di ambulanza nel nostro comprensorio per uno che è agli arresti domiciliari in una delle villette.. Un'altra ancora delle 12...
Sul giornale trovo il nome di un altro proprietario, che sembrava una persona molto perbene, interrogato da un magistrato che ha in mano un'inchiesta per corruzione al fine di ottenere appalti dal Ministero dell'Interno. Sembra che egli lavori per una Società a cui tale Ministero appaltava servizi...
Siamo a 4 ville su 12! Un terzo!

Rita Coltellese *** Scrivere: VIP Immaginari
Il magistrato citato in questa Novella esiste nella realtà. Da un po' di tempo è sparito dalle Assemblee con la sua spocchia e il suo proporsi quale Presidente, assolutamente parzialenelle Assemblee con la scusa che lui era una personalità conosciuta come consulente anche in consessi dell' UE: persona informata dei fatti mi ha detto che il magistrato è indagato in una inchiesta non so bene per quale reato. 

Cosa vi ho detto? Condominio Italia!!!!