Cerca nel blog

lunedì 14 settembre 2015

Beppe Grillo, il nucleare e il professore

La notizia l'ho letta su vari giornali on-line per farmene un'idea, ma tutti ripetono "a pappagallo" la stessa cosa, omettendo quei particolari che fanno la differenza fra la verità oggettiva e una verità non delineata, in modo che, nebulosamente detta la notizia, nessuno possa farsene una giusta opinione. Allora pubblico quello che ne ha scritto lui, il diretto interessato, sul suo blog. Sarà una notizia vista dalla sua parte, ma almeno è di una parte chiara.  


Dal Blog di Beppe Grillo 
Beppe Grillo condannato a un anno di prigione
Oggi è stata emessa la sentenza dal tribunale di Ascoli Piceno contro di me per diffamazione, per aver detto in un comizio che il professor Franco Battaglia, docente di Chimica ambientale del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” dell'Università di Modena e Reggio affermava delle coglionate in merito al nucleare. Il fatto risale all'11 maggio 2011, in occasione di un mio comizio elettorale a San Benedetto del Tronto in vista del referendum sul nucleare.
«Vi invito a non pagare più il canone, io non lo pago più perché - dissi davanti al pubblico del comizio - non puoi permettere ad un ingegnere dei materiali, nemmeno del nucleare, parlo di Battaglia, un consulente delle multinazionali, di andare in televisione e dire, con nonchalance, che a Chernobyl non è morto nessuno. Io ti prendo a calci nel c...o o e ti sbatto fuori dalla televisione, ti denuncio e ti mando in galera», dissi riferendomi alla partecipazione di Battaglia ad una puntata di Anno Zero.

Il Pm aveva chiesto una multa di 6.000 euro. Il giudice mi ha invece tolto la condizionale condannandomi a un anno di prigione e a 50.000 euro di risarcimento.
Io sono fiero di aver contribuito a evitare la costruzione di nuove centrali nucleari in Italia. E' un'eredità che lascio ai nostri figli che potranno evitare incidenti come Chernobyl e Fukushima.
A Chernobyl non è morto nessuno?
Forse fa paura che il Movimento 5 Stelle si stia avvicinando al governo?
Se Pertini e Mandela sono finiti in prigione potrò andarci anch'io per una causa che sento giusta e che è stata appoggiata dalla stragrande maggioranza degli italiani al referendum.
In alto i cuori.
PS: contrariamente a quanto riportato da alcuni organi di informazione la pena non è stata sospesa




Questo quanto si apprende da Grillo stesso.
Colpisce che il Giudice sia stato più severo dello stesso PM, ma non mi meraviglio giacché ho ampiamente sperimentato dalla cronaca e da esperienze dirette di cosa sono capaci i giudici, per questo negli Italiani non c'è molta fiducia nella Giustizia.
Ovviamente non entro nel merito della sentenza che punisce Grillo, immagino appellabile, ma alcune considerazioni per amore di realtà oggettiva mi viene da farle: una è quella sulla condizionale che Grillo dice gli è stata tolta.
Non sono laureata in Giurisprudenza ma da quel poco di cultura generale che ho mi sembra che della condizionale si possa usufruire una sola volta... e, qualora così fosse, Beppe Grillo dovrebbe averne già usufruito per quella condanna per Omicidio Colposo plurimo di molti anni fa. 
Per il resto ho rivisto il video da Grillo pubblicato sul suo blog della puntata incriminata di Anno Zero.
Per sicurezza l'ho rivisto con un'altra persona e confrontandoci non ci sembra che il professore querelante abbia detto che "a Chernobyl non è morto nessuno". Ha detto che se si girano ospedali pediatrici, ed ha citato ad esempio varie località, si troveranno ugualmente bambini malati come a Chernobyl.
Purtroppo chiunque cerchi i dati in tal senso si rende conto che questa personale opinione del professore querelante non corrisponde a verità, e che la percentuale di malattie tumorali nei bambini della zona di Chernobyl  è stata altissima e fuori dai normali standard citati dal professore Ingegnere.

Altra inesattezza nell'intervento dell'Ingegnere in quella trasmissione è il parallelo fra le zone dove sono state gettate le bombe di Hiroshima e Nagasaki e la zona di Chernobyl che, secondo il suo parere, sono abitabili allo stesso modo entrambe, portando a testimonianza che Hiroshima e Nagasaki sono state ricostruite ed abitate nei medesimi luoghi dove scoppiarono le rispettive bombe atomiche.

Dato che ho la fortuna di avere a disposizione tre Fisici in famiglia, uno Teorico che ha lavorato con un Presidente dell'INFN, una che ha lavorato al CERN scendendo in quello che chiamano "il Pozzo"(munita degli appositi dosimetri ovviamente) e uno che è un Astrofisico, ho posto loro alcune domande ed ho diligentemente stenografato le risposte che qui riporto:

Le situazioni residuali di una Bomba e di un Reattore esploso sono completamente diverse.

La Bomba esplode e rilascia nuvole di materiali radioattivi, un Reattore esploso non brucia tutto il combustibile, non libera tutta l'energia in un momento come la Bomba, ma continua a bruciare nuclearmente per anni e decenni inquinando l'intero ambiente circostante (il nucleo di Chernobyl emette neutroni e radiazioni gamma). 

Detto questo sinteticamente e perché lo possano capire tutti, riporto la situazione attuale del sarcofago creato per contenere il nocciolo radioattivo di Chernobyl come aggiornato su Wikipedia: 

Negli ultimi anni si teme fortemente che il sarcofago del reattore n.4 possa cedere, anche per via delle radiazioni, che facilitano la decomposizione del sarcofago. Il vecchio sarcofago, progettato per durare fino al 2016, deve essere infatti ormai rimpiazzato al più presto perché si teme che una nuova nube composta da 5 tonnellate di polveri radioattive (sulle 198 tonnellate di nocciolo radioattivo), si liberino nell'atmosfera europea.

Ora questo contendere riporta alla mia memoria che su questo piccolo blog ho trattato l'argomento Referendum sul nucleare, riportando dati oggettivi per far riflettere sui pro e i contro e mettendo in risalto che i tre quesiti non erano formulati per un NO netto, bensì erano tre richieste specifiche su scelte specifiche. Però è stato interpretato come un NO categorico con un rigore che non ho visto per altri Referendum molto precisi e quasi plebiscitari come quello sul Finanziamento Pubblico dei Partiti, quello sulla Responsabilità Civile dei Magistrati, quello sull'Acqua Pubblica!
Strano Paese davvero!

consiglio: da questo blog

martedì 7 aprile 2015


Noi italiani si che siamo furbi!