lunedì 24 marzo 2014

Matrimonio cattolico: Sacramento che si può annullare a piacimento

Da: Il Messaggero.it

Andrea Bocelli e Veronica Berti si sono sposati. Tutto in gran segreto per cercare di tenere lontani i fotografi. Invano. Cerimonia ieri alle 18 in un luogo mistico della Versilia, quello del santuario di Montenero retto dai Padri Vallombrosani. Veronica, anconetana, è figlia d'arte, suo padre è il baritono anconetano Ivano Berti. Assieme da anni (Veronica è anche il manager del tenore) Bocelli e la Berti hanno una figlia, Virginia, nata proprio due anni fa, il 21 marzo.
Kikapress.com/RS Photo


Il tenore è arrivato al Santuario su un Range Rover bianco verso le 17.30, mezz’ora prima dell'avvio della cerimonia, accompagnato dai figli Matteo e Amos, avuti dal primo matrimonio con Enrica Cenzatti, chiuso nel 2000 e annullato nel 2010 dalla Sacra Rota. Gli invitati non più di una cinquantina. Una volta ricevuta la benedizione, la coppia, per il ricevimento, si è trasferita nella villa di Vittoria Apuana, dove vive quando Bocelli non ha impegni artistici in giro per il mondo.

+++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

Ancora un esempio della morale flessibile della Chiesa Cattolica.
La parte che colpisce di più è la seconda della notizia: ..."accompagnato dai figli Matteo e Amos, avuti dal primo matrimonio con Enrica Cenzatti, chiuso nel 2000 e annullato nel 2010 dalla Sacra Rota..."
Matteo ed Amos dunque sono nati da un matrimonio che non è mai esistito, in quanto ANNULLATO.

Una cosa tristissima! 
La Chiesa Cattolica che, quando io ero giovane credente ed iscritta all'Azione Cattolica, annullava i matrimoni dei VIP dopo lunghissimi e costosissimi "processi" (i poveracci non potevano permetterselo, dunque il loro Sacramento restava indissolubile) si è opposta tenacemente, attraverso la Democrazia Cristiana, al divorzio del Matrimonio Civile in Italia.
Quando, nonostante gente come Amintore Fanfani, la legge è stata fatta dopo un civilissimo Referendum popolare, la Sacra Rota ha abbassato i prezzi e gli ANNULLAMENTI del Sacramento del Matrimonio sono diventati accessibili anche a gente comune e, dunque, sono aumentati in numero.

Quando mi sono sposata io, con rito religioso perché ancora credente, il divorzio non c'era per quel che attiene il Matrimonio Civile: dunque lo Stato Italiano era molto più rigido della Chiesa sul piano etico.

Quello che trovo non accettabile è l'ipocrisia.
Essendomi formata in ambiente cattolico ho visto l'adattarsi della Chiesa Cattolica ai costumi sempre più lassi: quello che era "peccato" esecrabile all'epoca della mia gioventù, giacere biblicamente con un uomo o, addirittura più grave perché più visibile, convivere senza essere sposati e procreare, oggi è graziosamente accettato come non più peccaminoso sul piano morale dalla Chiesa, la cui rigidità flessibile ed insindacabile le ha consentito di sopravvivere ed ancora vivere da 2000 anni.

2 commenti:

Unknown ha detto...

Pasqua Gandolfi Io piuttosto, vorrei sapere le motivazioni dell'annullamento. Conosco un caso di annullamento per non consumazione del matrimonio. Ma avendo 2 figli...

Rita Coltellese ha detto...

La non consumazione del matrimonio per la Chiesa Cattolica ed il suo Tribunale Ecclesiastico, la Rota, è uno dei motivi di nullità.
Il Tribunale della Rota Romana, nota come Sacra Rota, è un dicastero della Curia romana ed è il tribunale ordinario della Santa Sede. È composto di prelati (uditori) nominati dal Pontefice e presieduti da un decano. Non si occupa solo delle cause di nullità matrimoniale, che costituiscono comunque la grande maggioranza delle cause discusse presso la Rota.
Il ricorso al tribunale della Rota per le cause di nullità matrimoniale è facoltativo in primo grado e in secondo grado (i fedeli possono infatti decidere di rivolgersi ai tribunali ecclesiastici del loro territorio); diventa obbligatorio solo dal terzo grado di giudizio in poi.
Altri motivi di nullità sono:Simulazione - o esclusione (can. 1101 c.i.c.) In questo articolo sono riusciti ad infilare anche la "volontà espressa per scritto prima del matrimonio di NON volere figli", perché secondo la ratio di questo articolo verrebbe meno una delle motivazioni spirituali del matrimonio religioso. Poco importa se poi questi figli sono comunque nati: quello che conta è la volontà espressa prima..
Ci sono altri articoli tutti fatti in modo che ci puoi infilare quello che vuoi, figli o non figli!