Cerca nel blog

giovedì 10 maggio 2012

Telecom: continua il disservizio

Si rimanda ai due post precedenti su questa ennesima triste telenovela: basta cliccare sull'etichetta in basso a sinistra Servizi e cittadino.

Cosa deve fare lo sventurato utente che ha scelto il contratto con Telecom per Alice ADSL 7 Mega?
Solo rendere pubblico che è un Servizio che non c'è da 10 gg., mentre il Servizio 187 non risolve nulla. Ormai non chiamiamo più gli inutili operatori, inviamo dei fax e dei dipendenti Telecom ci telefonano per chiederci se la linea è tornata. Rispondiamo di no, che non è tornata, la situazione è sempre la stessa.
Non ci colleghiamo con la nostra posta alice.it: il circoletto gira gira  a vuoto.... 
Non ci colleghiamo più con il WEB.
Oggi, al quinto fax allo 800000187, ci ha chiamato l'ennesimo impiegato Telecom: ha detto che gli risultava la mancanza di linea dal 7 maggio (???!!!!), che prima erano intervenuti (????), e che avrebbe fatto un sollecito.
Il sollecito deve averlo fatto veramente perché miracolosamente si sono aperti un paio di siti. Poi più niente.
Non basta il risarcimento come da contratto, il danno è non poter fare le ricerche che ci servono.
La fattura del 2° bimestre non è arrivata, né possiamo leggerla nel sito Telecom che non si collega, dunque non sappiamo se poi i 70,00 euro che Telecom doveva accreditarci per l'assenza di linea di febbraio 2012 sono stati effettivamente rimborsati. Abbiamo accettato l'addebito automatico in c/c dopo che, essendo arrivata una fattura Telecom oltre la scadenza, ci avevano staccato il telefono e, per il ripristino della linea Telecom aveva voluto euro 17,....
Posta che arriva in ritardo o non arriva, distacchi e spese non per colpa dell'utente... Perché in Italia tutto funziona così? Perché deve intervenire "Striscia la Notizia" per far dire a gente infingarda: "Ora provvediamo!"?
Licenziatela ed assumete gente che lavora.
C'è un alto tasso di disoccupazione, quindi gente per il ricambio c'è.
Perché nessuno paga per questa ignobile inefficienza?
Se non pagano continuerà tutto come prima.
Perché il cittadino deve sempre lottare per avere la NORMALITA'?
E' defatigante.
Siamo costretti a chiedere la disdetta per questa Alice 7 Mega tanto pubblicizzata!
Telecom è masochista o i suoi tecnici sono incapaci oppure qualcuno tipo Infostrada li spinge a rendere inefficiente Alice?
L'ho già detto e scritto: a febbraio, nel lungo periodo senza linea, di cui poi Telecom ha riconosciuto con lettera di scuse il disservizio, ci arrivavano telefonate di offerta da Infostrada... Mai come in quel periodo. Perché?
Telecom ha i mezzi per accertarsi di quello che succede al suo server di alice.it, alle stazioni o sottostazioni? Io penso di sì. Lo faccia.  

Come far sparire una moglie e vivere felici ed impuniti

Se non ci fosse la mai abbastanza lodata trasmissione "Chi l'ha Visto?" esseri umani sparirebbero nell'indifferenza e nell'oblio generali senza più volto: fantasmi nel dimenticatoio.
Ma per fortuna c'è e solo per questo e per poco altro pago l'imposta che chiamano impropriamente "canone di abbonamento RAI", altrimenti per me potrebbero pure sigillarmi il televisore.

Nello scrivere questo mi viene in mente che ci dicono che viviamo in democrazia... Eppure non posso scegliere... O pago o mi sigillano il televisore... Se ci pensate è dittatura: perché non posso vedere Sky, per esempio?
Già pago la depurazione delle fognature che non hanno mai costruito dove abito, + Iva al 10% sulla cifra, e se non pago ACEA ATO2 mi sigilla l'acqua...
Ma siamo proprio sicuri che non siamo già in una strisciante dittatura dei Partiti e degli Apparati Burocratici? Se ne infischiano dei nostri referendum, non c'è libero mercato sui Servizi... 

Ma sto divagando... Quello di cui voglio parlare è della facilità con cui ormai ci si disfa di una moglie, di una convivente, in qualche caso di un'amante che esige troppo...

Il copione è sempre lo stesso e sembra che funzioni, perché, a meno di non essere un cretino integrale come un certo caporalmaggiore (aihmé!) del nostro esercito, la si sfanga quasi sempre.

Il kit procedurale, lo dicono i fatti, è questo: l'amante che si accontenta del poco dignitoso ruolo, o non si accontenta e allora giù bugie anche con lei, le varianti sono una richiesta di dignità e rispetto (che pretese!) da parte di una moglie o di una convivente, anche senza l'esistenza di un'amante, raramente un'insistenza ossessiva dell'amante, nel qual caso si fa fuori lei, ma in genere si fa fuori la moglie. Questa figura familiare, spesso madre dei propri figli, sparisce da casa e lui, il marito, non sa dove mai possa essere andata. Puff!! Non c'è più!
Qualche mitomane o qualcuno in buona fede crede di ravvisarla in una donna somigliante... I Carabinieri e/o la Polizia (non fa differenza) attendono così che ritorni dai "sentieri da cui non v'è viaggiatore che torni"... per dirla con Shakespeare! Dando in codesto modo molto vantaggio all'assassino. Il corpo delle vittima, occultato chissà dove, difficilmente sarà trovato. Passa il tempo e le prove (quali dovrebbero essere?) che sia il marito l'assassino non ci sono. Non ci sono testimoni, quindi l'unica versione dei fatti e del loro svolgimento è dell'assassino, pardon, del marito! Passano gli anni e le incongruenze, le illogicità di tali racconti senza riscontri testimoniali di altri, se non del marito, non costituiscono prova che possa portarlo a processo. Si accetta che una donna, spesso una madre, possa sparire nel nulla senza più dare segno di sé nel mondo dei vivi dando per accettato che non si può dimostrare che sia morta perché non c'è il suo cadavere!

Questi casi si moltiplicano perché l'assassino ha capito che basta non far ritrovare il corpo ed è fatta!
La Mafia docet! Ricordate i piloni di cemento? I mariti assassini, non potendo sempre disporre di un cantiere grazie agli appalti mafiosi, si sono sbizzarriti nelle più fantastiche versioni.
Quella di Parolisi è puerile come lui, sadica e malvagia, piena di bachi, di malata finzione...
Quella del marito della Manca ha subito lo scherno della sorte di una corsa campestre che doveva svolgersi proprio dove lui l'ha buttata occultandola in mezzo ai rovi...
Quella del marito della signora di Ladispoli è piena di buchi, che però gli inquirenti non hanno voluto vedere, hanno trascurato, facendo passare 7 anni! Lui dice che hanno dormito in macchina quando lei aveva a pochi passi la casa dei suoi parenti a cui avrebbe potuto chiedere ospitalità, invece non si è fatta viva neppure per un saluto. I parenti non se ne danno spiegazione e pace. La stessa notte che, lui dice, dormirono in automobile, il loro unico figlio li chiamò per ore sui due cellulari senza avere risposta. Dormivano così profondamente? Di certo lei dormiva per sempre e lui, forse, era occupato ad occultarne le spoglie! E' una probabile spiegazione sia per i cari e disperati parenti sia per l'angosciato e povero figlio!
Sempre lui (lei tace da quella notte) dice che sono tornati a casa e che hanno continuato a litigare sotto casa alle prime ore del mattino per non far sentire al figlio. Peccato che i bar aprano molto presto ed i gestori del baretto di fronte al luogo dove il marito racconta che discutevano quella mattina non hanno visto nessuno, né sentito voci, pur essendo in vista del luogo e a pochi metri da esso.
Non fa niente! Per finire in giusta galera ti devono beccare mentre la strozzi, o la pugnali, o l'ammazzi di botte, oppure debbono trovare qualche osso della povera donna! E' il caso della fedifraga funzionaria della prefettura uccisa dall'amante: galeotta è stata la pioggia abbondante che ha fatto scoprire il suo corpo ormai ridotto a poche ossa, appunto! L'assassino non aveva avuto il tempo di scavare una buca più profonda per seppellirvela.
L'ultima, in ordine di tempo, dissolta nel nulla, è Roberta Ragusa. E' sparita fra la mezzanotte e prima delle 5 del mattino lei ed il caricatore del suo telefonino che, però, è rimasto a casa. Cosa mai ci dovrà caricare senza corrente elettrica? Dove mai sarà andata a piedi, perché ha lasciato l'auto, senza bagagli, senza nulla, senza soldi? In quale mondo può vivere in queste condizioni? Se non nel mondo dei morti, magari con il carica cellulare stretto intorno al collo?
L'ignaro marito dichiara di non essersi nemmeno accorto che il suo corpo non giaceva accanto a lui. Però, l'indomani, non sapendo dove era andata e quando sarebbe tornata, ha chiesto all'amante di distruggere il cellulare con il quale lo chiamava e lui ha fatto altrettanto del suo. Perché? Perché non l'ha fatto il giorno prima? Perché proprio dopo che lei, lo dice lui, si è allontanata con le sue gambe? Perché, si chiede chi ragiona, ha preso subito un'aspettativa di tre mesi al lavoro per sostituirla nel lavoro presso l'autoscuola di famiglia? Poteva tornare da un momento all'altro o lui sapeva di no?
Le prove non sono, non possono essere solo il DNA e le impronte (che spesso, dispiace dirlo, vengono pasticciate e non rilevate per tempo e dovunque si dovevano rilevare), le prove sono anche nel fatto che nessuno sparisce nel nulla e per sempre se è vivo. Le prove sono: il movente più che plausibile, la logica dei fatti.