Cerca nel blog

domenica 5 luglio 2015

MA.... ANNA' A LAVORA' NO??!

Da: Il Tempo.it

Fassina: «Non mi nascondo Voglio fondare un partito»

Inutile fare troppi giri di parole: «Siamo qui per fare un partito». Chiarito l’approdo, nei prossimi mesi Stefano Fassina dovrà definire il percorso e con chi farlo. Un’indicazione è arrivata dall’a...

++ PD: BERSANI, NON CAPISCO RICHIESTA DIMISSIONI FASSINA ++
Inutile fare troppi giri di parole: «Siamo qui per fare un partito». Chiarito l’approdo, nei prossimi mesi Stefano Fassina dovrà definire il percorso e con chi farlo. Un’indicazione è arrivata dall’assemblea che Fassina ha organizzato a Roma, insieme a Monica Gregori a dieci giorni dall’uscita dal Pd, al teatro Palladium nel cuore della Garbatella.
Un appuntamento al quale hanno partecipato Sergio Cofferati, Pippo Civati, Sel con il coordinatore Nicola Fratoianni, e una considerevole rappresentanza della sinistra d’antan, tanto che il richiamo fatto dall’ex segretario della Cgil, in un passaggio del suo discorso, non è stato forse troppo casuale. «Serve generosità da parte di tutti - ha detto Cofferati - ognuno di noi può dare un contributo. La mia generazione non può rivendicare nulla ma deve mettere disposizione di altri l’esperienza che ha accumulato, per costruire una nuova classe dirigente».

Pare che Fassina una laurea in Economia e Commercio ce l'ha... Perché non va a lavorare finalmente? Dobbiamo tenerceli a vita quelli che vivono di Politica? Capisco che rende e rende bene. Ognuno apre il suo negozietto... Almeno seguissero il consiglio che gli ho dato nel post del 23 giugno ultimo scorso: "Saggia decisione"...

Riflettesse sulla determinazione del Movimento 5 Stelle che dice e ribadisce che NON SI DEVE FARE IL POLITICO DI PROFESSIONE, e dopo 2 legislature... a casa a lavorare..
Sempre, beninteso, che uno sappia fare qualcosa...
Ma, se non vogliamo fare la fine della Grecia spendacciona, non bisogna solo riformare e tagliare le pensioni dei cittadini, bisogna TOGLIERE IMMEDIATAMENTE I VITALIZI ai Politici che hanno avuto, anche per breve tempo, cariche istituzionali molto ben pagate: io stessa firmai una proposta di legge di iniziativa popolare che giace, mai discussa, in una Commissione parlamentare (ne ho parlato e dato gli estremi in diversi post), per uniformare le stratosferiche prebende e benefit degli eletti italiani almeno a quelle equivalenti  degli eletti del resto dei Paesi Europei: di molto inferiori.

Invece niente risparmi su quel fronte: si continua allegramente a sperperare e quando il debito crescerà costoro non pagheranno, ma pagheranno i pensionati come quello greco disperato nelle foto che hanno fatto il giro del mondo.






Riflettete, gente, che ancora andate dietro a questi che si dicono di sinistra e vivono di Politica succhiando i soldi allo Stato.


In una recente trasmissione su La7 il senatore di M5S, Morra, a politici in studio come Corradino Mineo, che non ha ribattuto niente,  ha detto con semplicità"Dopo 2 legislature a casa. Ma perché uno deve arricchirsi con la Politica?"

E non solo loro si fanno strapagare: notizie del 2012:
 alla Germania potrebbe dare fastidio che il nostro ambasciatore a Berlino, Michele Valenzise, guadagna 20.000 € al mese mentre la Merkel ne guadagna 9.000 di euro. 2) Che il Quirinale costa 228 milioni di euro all' anno, il doppio dell' Eliseo e sei (6) volte la corona Inglese! 3) Che (ad esempio) Antonio Malaschini, sotto segretario ai rapporti con il parlamento, percepisce una pensione annua di 590.000 euro, che sommata a 190.000 euro di stipendio arriva a 59.083 di retribuzione mensile. 4) Che un mutuo fatto ad un cittadino italiano di 180.000 € costa in più di 105.212, rispetto alla stessa operazione fatta da un parlamentare. 5) Gli euro burocrati sono costati 1.058.8 milioni di € nel 2008, e nel 2013 costeranno 1473 milioni di €,

Guardate che non è cambiato nulla dal 2012.
Grecia sprecona e usurata per i debiti, e noi?
Dobbiamo non arrenderci a questi sprechi indegni, vergognosi, che ci porteranno alla rovina.