Cerca nel blog

mercoledì 27 aprile 2016

A proposito di Forni Crematori...

Da: RomaToday

Cimitero Prima Porta, cremato il morto sbagliato per uno scambio di bare

Cimitero Prima Porta, scambio di bare: cremato il morto sbagliato

E' accaduto il 21 aprile. La confusione sarebbe scaturita dal fatto che i due defunti avevano lo stesso nome e cognome. Ama: "Errore umano, non è stata controllata la data di nascita". Aperta un'inchiesta

Cimitero Prima Porta, cremato il morto sbagliato per uno scambio di bare
Uno scambio di bare. Un defunto cremato nonostante i familiari avrebbero preferito seppellirlo in un loculo. E' quanto accaduto giovedì scorso, il giorno del Natale di Roma, al cimitero di Prima Porta, l'unico nella Capitale attrezzato per questa procedura. Lo racconta il Corriere della Sera. Secondo quanto ricostruito la confusione sarebbe scaturita dal fatto che i due morti avevano lo stesso nome, Sergio, e cognome. Anche nella data di nascita c'erano delle similitudini: 90 anni, 92 l'altro, erano nati entrambi in agosto e deceduti nei giorni scorsi, in aprile.
Così nel forno crematorio è finita la bara sbagliata. A far sì che gli operatori si accorgessere dell'errore, scrive il Corsera, la "fiammata diversa, resa più luminosa dal metallo, in quanto il feretro conteneva la protezione di zinco". Una notizia drammatica per i familiari che "stati così costretti a disperdere le ceneri del loro caro nel Giardino dei Ricordi, i tre ettari di collina alberata accanto al cimitero di Roma nord, che con i suoi 140 ettari e i 37 chilometri di strade interne è il più grande d’Italia".


Potrebbe interessarti:http://www.romatoday.it/cronaca/scambio-bare-morto--cremato-cimitero-prima-porta.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/pages/RomaToday/41916963809


Cimitero Prima Porta, cremato il morto sbagliato per uno scambio di bare
Uno scambio di bare. Un defunto cremato nonostante i familiari avrebbero preferito seppellirlo in un loculo. E' quanto accaduto giovedì scorso, il giorno del Natale di Roma, al cimitero di Prima Porta, l'unico nella Capitale attrezzato per questa procedura. Lo racconta il Corriere della Sera. Secondo quanto ricostruito la confusione sarebbe scaturita dal fatto che i due morti avevano lo stesso nome, Sergio, e cognome. Anche nella data di nascita c'erano delle similitudini: 90 anni, 92 l'altro, erano nati entrambi in agosto e deceduti nei giorni scorsi, in aprile.Così nel forno crematorio è finita la bara sbagliata. A far sì che gli operatori si accorgessere dell'errore, scrive il Corsera, la "fiammata diversa, resa più luminosa dal metallo, in quanto il feretro conteneva la protezione di zinco". Una notizia drammatica per i familiari che "stati così costretti a disperdere le ceneri del loro caro nel Giardino dei Ricordi, i tre ettari di collina alberata accanto al cimitero di Roma nord, che con i suoi 140 ettari e i 37 chilometri di strade interne è il più grande d’Italia".

Ama, che gestisce il cimitero, ha comunicato la sua posizione in una nota: "Il 21 aprile una grave inadempienza delle procedure di controllo ha fatto sì che venisse avviata a cremazione la salma errata. Si è trattato di errore umano, in quanto gli operai in servizio hanno controllato la tabella con il nome e cognome, senza verificare la data di nascita". La famiglia è stata avvertita immediatamente e presso i carabinieri della stazione Cassia è stata depositata una denuncia. "C’è costernazione e indignazione per l’accaduto - conclude la nota - L’azienda sarà inflessibile nel perseguire i responsabili della colpevole negligenza, nei confronti dei quali è stato avviato procedimento disciplinare, mentre una specifica commissione è al lavoro per rivedere le procedure previste". Ama si farà carico di tutte le spese.

Potrebbe interessarti:http://www.romatoday.it/cronaca/scambio-bare-morto--cremato-cimitero-prima-porta.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/pages/RomaToday/41916963809
La morte suscita dolore ma anche ilarità: forse per esorcizzarla... Pensate alle barzellette che sempre hanno girato sulla morte in generale...
In questo caso, non sono un avvocato, ma credo che l'AMA non se la caverà punendo il dipendente che ha sbagliato, ma dovrà risarcire congrui danni ai familiari del pur novantenne finito flambé.
"Quando sei morto, figlia mia, - mi diceva mio padre - dove ti mettono ti mettono..." Lo diceva con tristezza, forse presagendo che la sua vita non sarebbe stata lunga. A novant'anni è diverso, ci si rassegna di più, ma è anche vero che se uno ha messo il proprio caro in una cassa di zinco, prima di trasportarlo al cimitero, ha la volontà di tumularlo in una tomba e non di ridurlo dentro un'urna ad un mucchietto di cenere. E questo va rispettato. Ognuno ha la sua idea della morte e dell'aldilà... Dunque l'AMA paghi l'errore, che ha prodotto comunque un danno per chi si immaginava la salma del proprio caro tutta intera, sia pure nel disfacimento biologico.
Anche la Morte è massificata ormai. Accadono errori.
A me è capitato un errore di entità inferiore, ma sicuramente mi colpì, dandomi la misura di questa massificazione, di questa catena di montaggio anche nell'ultimo saluto: morì la mamma di una mia collega nell'ospedale universitario adiacente al nostro luogo di lavoro, ed io mi interessai al cuscino di fiori da inviare a nome di tutti i colleghi della nostra sezione. Il fioraio era già stato sperimentato da me e da altri come persona brava e precisa.. forse troppo efficiente.. giacché depose il cuscino davanti alla Camera Mortuaria forse troppo presto rispetto all'ora delle esequie.
Arrivai per prima constatando che il cuscino non c'era, contrariamente a quanto assicuratomi dal preciso fioraio. La signora defunta amava le rose rosse ed io il pomeriggio precedente, nel fare l'ordinazione presso il negozio di fiori, mi ero assicurata che quel tipo di fiore prevalesse sul resto. Ma fra le corone e cuscini non figurava una composizione così fatta... Telefonai al fioraio, che aveva il negozio lì vicino, ed egli stupito mi disse che aveva deposto il cuscino il mattino presto proprio dove ero io in quel momento. Lo pregai di venire, un poco in agitazione visto che si trattava di un omaggio che non riguardava solo me, ed egli venne, constatando che, in effetti, il cuscino con le rose rosse non c'era più. Intanto si approssimava l'ora delle esequie ed io seccata lo pregai di rimediare, lui disse che rose rosse non ne aveva più: le aveva messe tutte in quel cuscino.. Finì che di corsa e più arrabbiato di me si precipitò a farne un altro con i fiori che aveva: ma la prevalenza era di fiori gialli... Me ne scusai con la figlia della defunta spiegandole l'accaduto. Lei capì, certo per lei aveva meno importanza che per me che mi ero data tanto da fare perché quei fiori, che piacevano a sua madre, fossero un omaggio in più per la morta e.. forse una minima consolazione per lei...
Ebbene, non era stato un furto, bensì un errore, come accertò il povero fioraio, che aveva così perso il suo guadagno, dovendo provvedere ad un'altra composizione floreale: un operaio rumeno di un'altra Impresa di Pompe Funebri aveva caricato il nostro cuscino sulla bara di un altro defunto, insieme a quelli a lui destinati e, al mattino presto, da quella Morgue era stato trasportato attraverso l'autostrada al suo paese natale per la tumulazione. 

730 online: seconda puntata della telenovela

Rita Coltellese *** Scrivere: 730 online 2016

Prima di leggere le odierne note su questa ennesima, vergognosa storia della decantata burocrazia snellita e facilitata, leggete il post, di cui sopra pubblico il link, pubblicato su questo blog il 22 aprile 2016.
E' arrivata un'altra E-MAIL, la precedente era del 21 aprile u.s., giorno in cui avevo fatto il fax con rapporto trasmissione O.K.: ho pensato che fosse il PIN dispositivo finalmente, visto che per il mio tentativo online già mi avevano risposto...
Invece apro la e-mail e leggo:
----- Original Message -----
From: "Richiesta PIN on line" <INPSComunica@inps.it>
Sent: Tuesday, April 26, 2016 7:32 PM
Subject: PIN dispositivo: richiesta incompleta

 Gentile signor/a RITA COLTELLESE , non abbiamo potuto convertire il suo PIN in
 PIN dispositivo: abbiamo ricevuto solo il documento d'identità senza la richiesta firmata.
Deve quindi rinviarci il modulo di richiesta firmato con il
documento d'identità. Può presentare la richiesta online con la funzione
 "Converti PIN", via fax o in sede.
La stessa identica e-mail già inviatami il 21 u.s. dove però dichiarano di aver ricevuto:  la sua richiesta è giunta senza copia del documento di
identità!!!!
E il mio fax di cui ho rapporto trasmissione O.K. pagg. 2 ?!!!!!!!!
Gli idioti che hanno creato questo dispendioso sistema (perché paghiamo sempre noi ricordate!!!) continuano a riferirsi sempre al mio tentativo di inviare tramite il sito INPS domanda e documento che, però, loro vogliono zippati in un unico file! Evidentemente, però, da quanto dichiarano loro.. i 2 file li hanno ricevuti comunque.. solo che non li sanno mettere insieme.. il loro programma è dissociato e ne legge uno per volta rispondendo come si legge!! Che incrocio dei dati perbacco!!!
Ho fatto il fax ancora prima che mi arrivasse la prima e-mail, non sapendo zippare i 2 file richiesti. E questi subnormali continuano a rimandarmi la risposta inutile sulla richiesta online e a suggerirmi di fare un fax già fatto!!!!!
Non ho potuto fare altro che richiamare il n. 803 164 e mi ha risposto un'altra vittima dei deficienti di cui sopra: l'operatore Luigi, sigla 64970 h. 9:00 del 27 aprile 2016! Il quale, poveretto, non ha potuto che dirmi di rifare il fax, con quali garanzie di riuscita non si sa visto che il precedente è O.K., e suggerendo che il documento sia leggibile: ho risposto al povero operatore che è addirittura ingrandito nel foglio A4 e quindi leggibilissimo. Ma tanto è inutile: lui ed io siamo le vittime degli "organizzatori" superpagati di questo schifo! Luigi ha provato pure a darmi un consiglio: andare allo sportello INPS più vicino! Ho detto che lui non aveva colpa di questa vergognosa organizzazione, ma mi rifiutavo di andare allo sportello INPS, visti i proclami del nostro Presidente del Consiglio sulla "lotta senza quartiere alla burocrazia" e la soddisfazione di comunicarci "che ormai sarebbe stato tutto online"!
Dinostri di farla veramente la "lotta senza quartiere alla burocrazia" e chieda conto agli idioti di cui sopra cosa ne hanno fatto della mia richiesta via fax e del perché il sistema online del sito INPS chiede domanda e documento ma NON può accettare 2 file!!!!