Cerca nel blog

mercoledì 18 marzo 2015

La Saggezza è uguale in tutto il mondo

Da: La Stampa 13/02/2015

Anziana sfida i miliziani Isis “Demoni, Allah vi punirà”

di MAURIZIO MOLINARI, corrispondente da Gerusalemme
«Haram, Haram», proibito, proibito. E’ il grido con cui un’anziana donna siriana apostrofa dei miliziani jihadisti in auto. Il video postato su Internet consente di seguire il confronto fra la donna, a piedi in una strada sterrata, e i jihadisti a bordo di un fuoristrada metallizzato. La donna esprime rabbia, dolore, cita a memoria “sure” del Corano: «Vi giuro che niente di ciò che avete fatto risponde al volere di Allah, siete diavoli che vi uccidete come asini». In alcuni passaggi la donna se la prende con «il vostro Stato», con un riferimento implicito allo Stato Islamico (Isis). I jihadisti la ascoltano ironizzando sulla “vecchia”, senza reagire quando lei ripete, gridando «Tornate ad Allah». Si tratta di una testimonianza delle tensioni crescenti fra civili e jihadisti nelle zone di combattimento di una nazione in guerra da oltre quattro anni.


Purtroppo non sono riuscita a togliere la pubblicità, assolutamente schifosa. Ho scelto questo video perché la traduzione è in italiano.
Sono felice che questa vecchia di religione e cultura dell'Islam gliel'abbia cantata agli assassini insensati Jihadisti: anch'io ho scritto che se Maometto tornasse li condannerebbe perché era un Profeta saggio. Ma se lo dice una donna nata e vissuta nel nome del Profeta vuol dire che ho scritto una cosa giusta. Ha avuto il coraggio che dà la saggezza questa vecchia donna e gli insensati sanguinari la deridono trattandola da scema... Invece sono loro i pazzi che negano la vita a sé stessi e agli altri: per loro la vita è farsi esplodere e uccidere. La negazione della Vita stessa.
Grande questa vecchietta, grandissima: mi ricorda un poco una mia nonna... 



Il tono sincero ed accorato di questa vecchia donna è la VERITA' ma la VERITA' è irrisa dai folli che sono sempre arroganti.

Questa grande vecchietta è la riprova che c'è un linguaggio universale che ci accomuna, qualsiasi sia la cultura che ci ha formati, e che non serve né scuola né scienza per avere questa saggezza che anche Gesù Cristo, il Profeta del cristianesimo, esaltò negli umili.