Cerca nel blog

mercoledì 10 maggio 2017

La Stampa di Torino se ne inventa un'altra

Da: Intelligonews
10 maggio 2017 ore 13:56, Micaela Del Monte

"Ci rafforzeranno i microbi africani"così titola "La Stampa" di Torino. Approfondimento questo che ha fatto molto discutere il web e non solo. Nell'articolo infatti viene spiegato come i batteri che arrivano oggi in Italia attraverso i migranti sono in grado di aiutare i nostri figli ad avere un sistema immunitario molto più resistente nei prossimi anni. Per commentare l'articolo sui "batteri subsahariani che arricchiscono il sistema", Intelligonews ha contattato Alessandro Meluzzi,  psichiatra, saggista, politico e accademico.


Microbi africani rafforzano bimbi? Per il medico Meluzzi: 'Gli indios furono sterminati...'
Sta facendo molto discutere il pezzo de "La Stampa" secondo cui i microbi africani rafforzerebbero i nostri bimbi negli anni avvenire. Quanto c'è di vero in questa affermazione?

"Non so chi abbia parlato così, dovrebbe essere un'autorità in materia. Io posso dire la mia da medico: di solito quando dei ceppi batterici o virali incontrano delle persone che non hanno sistemi anticorpali strutturati per riceverli succede quello è successo agli indios del sud America, agli amazzonici o agli indiani d'America che non avevano anticorpi adeguati per il morbillo o altri tipi di infezioni e che sono stati sterminati da questi. Quindi è possible che nel giro di un milione di anni ci rafforzeremo, ma non vorrei che nei prossimi dieci noi potremmo avere un'epidemia da meningococchi, che sono endemici nell'Africa subsahariana e rispetto ai quali non abbiamo nessun tipo di copertura adeguata, oppure che riemergano malattie come la tubercolosi che per altro è già riemersa. Non sarà così. Ma mi sembra che quanto teorizzato su La Stampa sia una visione delle cose ottimistica".

Si discute sull'obbligo per i bambini che frequentano l'asilo nido di vaccinarsi, poi arrivano su questi barconi senza schermo vaccinale. Non è un controsenso?

"Bambini o anziani non fa differenza. Lei è mai stato a New York? Lì c'è Ellis Island, un'isola dove gli italiani che immigravano negli Stati Uniti venivano tenuti in quarantena perlomeno per 40 giorni ma se apparivano sintomi di una qualunque malattia infettiva rimanevano anche di più. Quella era una prassi che veniva usata in queste situazioni e che invece nel presente non mi sembra venga presa minimamente in considerazione. Quindi mi pare che ci sia un'attenzione di tipo virologico e batteriologico che mi lascia da cittadino straordinariamente perplesso".

Questo far passare l'immigrazione come un qualcosa di utile ed esorcizzare in questo modo i pericoli non è un po' troppo buonista? 

"A me pare che ci sia un disegno complessivo che è di realizzare quello che Oriana Fallaci aveva definito la trasformazione dell'Europa in Eurafrica. E' un disegno che avrà delle ragioni probabilmente in un progetto che riguarda il funzionamento dei prodotti interni lordi, dei consumi e della sostituzione etnica. Non credo che però farà felice la popolazione sostituita, non si può chiedere a un cappone di fare festa a Natale".

C'è una corsa a chi se la inventa meglio la stupidata per farci accettare l'invasione africana, e queste "frescacce" che ci propinano da qualche anno provano che il disegno c'è.
Meluzzi non mi piace sempre, non sempre condivido quello che dice, ma in questo caso penso che abbia detto con distaccata e malcelata ironia quello che è anche il mio pensiero. In più egli è Medico, non il solito laureato in Psicologia che ha fatto l'iter per psicanalizzare gli adulti: vuol dire che, prima di farsi i 5 anni di Scuola di Specializzazione in Psichiatria, ne ha fatti 6 per laurearsi in Medicina e Chirurgia, dunque sa di cosa parla quando dichiara quanto sopra esposto.
Ed è tutto vero. Qualsiasi medico ospedaliero, che ha girato gli ospedali di questo povero Paese malgovernato, sa che è vero. Da anni è ricomparsa la tbc, che era quasi estinta in Italia: da quando è iniziata l'emigrazione dai Paesi ex-comunisti, economicamente disastrati, verso le terre italiche. Ora si osservano casi di meningite più frequenti.. Naturalmente la propaganda adatta le notizie secondo i disegni che certo potere politico si è messo in testa.
Ma questa è una realtà.
Hanno cominciato con i TG in cui, a fronte di folle di pelle nerissima che arrivavano sui barconi, avevano l'impudenza di dire in audio che trattavasi di profughi siriani!!
Poi qualcuno deve averglielo fatto notare che era insostenibile e allora hanno cambiato i commenti in "profughi che scappavano da non ben precisate guerre sparse nei più svariati Paesi africani", visto che si scopriva che i Paesi di provenienza erano a dir poco una decina di Nazioni diverse!
Qualcuno ha cominciato a far notare che non c'erano guerre in molte di queste Nazioni da cui fuggiva il popolo dei barconi.
Allora ne hanno trovata un'altra: "fuggono dalla fame". E noi dobbiamo accoglierli a spese nostre?
Hanno scoperto adesso che in molti Paesi africani non vivono bene a causa dei loro pessimi governanti?
Da che io sono al mondo so che è così. Perché prima non fuggivano? Chi ha stimolato e stimola questo rovinoso esodo? Rovinoso per loro, costoso per i contribuenti italiani che vivono certo meglio di loro ma non sguazzano, giacché non siamo, noi cittadini italiani, tutti appartenenti alla Casta che, essa sì, sguazza!!!
Adesso su La Stampa ne esce un'altra: ci portano un rafforzamento delle difese immunitarie!
Siamo all'indecenza e alla follia! L'indecenza di pensare che ormai possono propinarci di tutto! Tanto siamo tutti scemi!
Non bastava la balla del: "ci pagheranno le pensioni"! Con quale lavoro? Che non c'è per i nostri giovani ma ci sarebbe per loro? E i contributi all'INPS chi li paga se non coraggiosi imprenditori italiani? La partita di giro è sempre quella!  

Sabaudia, una buona amministrazione

Da: Latina Corriere.it

Sabaudia, Capriglione pronto a governare con una squadra unita. Intervista al candidato sindaco


Lino Capriglione
Pasquale Capriglione, per tutti Lino Capriglione, è uno dei sei candidati alla carica di sindaco di Sabaudia. Consulente del lavoro, 45 anni, è padre di due figli. Un volto noto della politica cittadina: è stato consigliere comunale nel 2007, eletto nella maggioranza del compianto Sandro Maracchioni, e nel 2009 con il Pdl nella maggioranza di Maurizio Lucci. Spinto da amici a riprendere la strada della politica per contribuire alla propria città, si è rimesso in pista per la carica di primo cittadino. A lui abbiamo rivolto qualche domanda.
Capriglione, lei viene visto come l’uomo dell’ex sindaco Maurizio Lucci, una sorta di testa di legno. E’ così?
“Assolutamente non è così – risponde deciso -, penso che nella mia vita mi sono contraddistinto per le mie scelte. E’ stato Lucci a cercare me, per condividere questo percorso politico”.
Ad ogni buon conto lei rappresenta la continuità del governo targato Lucci…
“Rappresento un movimento civico e in questo percorso politico ho fatto una selezione delle persone. Per oltre 20 anni, ad eccezione della seconda giunta del generale Salvatore Bellassai, le amministrazioni comunali sono state interrotte da commissariamenti dell’ente. Quindi a Sabaudia non si può parlare di continuità. Ritengo invece che la mia scelta sulle persone che compongono la squadra possano garantire la stabilità di governo”.
Quale sarà l’elemento caratterizzante la sua amministrazione?
“Legalità, trasparenza e partecipazione e il fatto di lavorare in squadra”
E’ in concorrenza con altri cinque candidati sindaci, perché votare Lino Capriglione?
“La risposta potrebbe essere autoreferenziale. Penso di essere stato sempre coerente con le mie idee, non ho interessi personali e sono fiero di dirlo. Amo la mia città e ritengo di aver raggiunto un’esperienza tale da poter dare un contributo al rilancio di Sabaudia”.
Secondo lei, quali sono al momento le emergenze di Sabaudia. E quel è la priorità da affrontare nei primi giorni della nuova amministrazione?
“La vera emergenza di Sabaudia è quella occupazionale. La prima azione di governo, infatti, riguarderà il bilancio, fondamentale per la pianificazione e programmazione delle attività amministrative utili al rilancio dello sviluppo economico e sociale della città. Faremo interventi in tutti gli ambiti produttivi senza trascurare il sociale e la sanità. Partiremo da qui per affrontare l’emergenza occupazione”.
Da quante liste è composta la sua coalizione? Chi sono i suoi candidati alla carica di consigliere comunale?
“Due liste, con compagini omogenee in termini di quote di genere. I candidati consiglieri comunali sono rappresentativi di tutte le ‘categorie’. Nelle due liste imprenditori, liberi professionisti, under 30, perone che operano nell’associazionismo. Qualche nome? Maurizio Lucci, l’avvocato Letizia De Magistris, Francesca Benedetti ed Emmanuele De Piccoli (entrambi questi ultimi già consiglieri Pdl con me nel 2009)”.
Il commissario straordinario tra poco più di un mese lascerà il palazzo per affidarlo al nuovo sindaco. Cosa le è piaciuto dell’amministrazione di Antonio Luigi Quarto? Cosa non ha mandato giù?
“Il commissario straordinario ha fatto ordinaria amministrazione e anche qualcosa in più. Alcune cose le avrei gestite diversamente, nel senso che avrei lasciato che a decidere fosse stata un’amministrazione espressione della democrazia. Immagino che sia stato indotto dalla ‘tempistica’. Non mi chieda nel dettaglio a cosa sto facendo riferimento, non ho alcuna intenzione di fare polemiche. Sono dell’idea che Sabaudia abbia bisogno del rispetto istituzionale. La nuova amministrazione avrà la facoltà di modificare, laddove possibile, scelte che non condivide”.
Alcuni candidati sindaci hanno già chiarito i criteri in base ai quali, se eletti, procederanno alla nomina della propria giunta e da quanti assessori sarà composta con le relative deleghe. Lei come si sta organizzando?
“Siamo una squadra unita, non ci siamo posti il problema. I risultati elettorali determineranno scelte in linea con i principi democratici. Verificheremo l’eventuale necessità di un supporto tecnico, ma ritengo che gli assessori debbano esprimere un indirizzo politico per il quale non sono richieste necessariamente competenze tecniche. Va da sé che gli assessori saranno prevalentemente e forse tutti ‘interni’, scelti in base al risultato elettorale. Sarà una giunta coesa e pronta a governare e a dare risposte”.
Parco, urbanistica e lago sono temi ricorrenti a Sabaudia. Cosa prevede il suo programma?
“Ritengo che, poiché il Parco insiste nella città di Sabaudia, sia indispensabile un confronto continuo tra l’ente nazionale e l’amministrazione comunale. Il piano del parco è strumento urbanistico sovraordinato sia al Piano regolatore generale che ai Ptpr. Noi urbanisticamente punteremo al recupero e alla rigenerazione del suolo senza cementificazioni inutili. Il lago? E’ privato”.
Turismo e agricoltura, di cosa soffrono e qual è la sua ricetta?
L’agricoltura è uno dei capisaldi del nostro programma, e nel mio ambito lavorativo opero molto spesso in questo settore. Nel mio programma di governo sono previsti interventi finalizzati a snellire la burocrazia che ostacola gli imprenditori dei diversi comparti, orticolo, florovivaistico e zootecnico. Istituiremo un ufficio ad hoc con le competenze idonee a supportare le imprese e la categoria. Il turismo soffre della mancanza di alcuni servizi. Necessari il piano sostenibile della mobilità che garantirebbe un maggior afflusso nei mesi di punta e la promozione del territorio per favorire gli arrivi negli altri periodi dell’anno congiuntamente allo svolgimento di eventi nazionali ed internazionali. Punteremo al turismo sportivo e per questo ci impegneremo al recupero dell’area ex Spes”.
Chi vincerà le elezioni a Sabaudia?
“Naturalmente noi, perché possiamo garantire stabilità alla nuova amministrazione comunale”.

Non voto a Sabaudia, ma votano per me 2 miei familiari e molti amici e conoscenti. Quello che noto che non va è molto poco se lo paragono a Rocca Priora RM dove ho ancora la residenza.
Qui il controllo sull'abusivismo edilizio è stringente e così deve essere se si vuole mantenere la bellezza del luogo.
Una cosa che chiederò a chi avrà in mano l'Amministrazione è una cura nella pulizia delle cunette stradali che raccolgono l'acqua di impluvio: ora un po' troppo lasciata alla generosa opera dei singoli cittadini. Se le fasce frangivento sono di proprietà e cura della Regione Lazio, così non sono i cigli delle strade comunali e relative cunette per la raccolta delle acque di impluvio: dunque mi aspetto che il Comune se ne occupi almeno ogni tanto.
Altro problema è rallentare, con la dovuta segnaletica stradale verticale e orizzontale, l'eccessiva velocità tenuta dalle auto su strade che, per la presenza di abitazioni, non possono sopportare velocità superiori ai 40-50 km. orari. 
Non vado in bicicletta, ma ritengo che le piste ciclabili andrebbero incrementate e quelle esistenti tenute meglio. Ad esempio in frazione Bella Farnia, lato mare, la strada imbrecciata, definita nelle mappe Via della Lavorazione, con relativa pista ciclabile campestre, sono in abbandono, mentre gli abitanti di ben due Consorzi, il C. Sabaudia e il C. Bella Farnia Mare, la utilizzavano sia in bici che in auto per raggiungere da Via Diversivo Nocchia Via della Lavorazione nella parte asfaltata e quindi la spiaggia. Questo a proposito di turismo, ma anche per chi vive stabilmente all'interno di codesti Consorzi.
Il Centro della Città con un piccolo sforzo andrebbe tenuto meglio e valorizzato. Alcuni esempi: il verde confinante con il parcheggio di Via Oddone, angolo Via Emanuele Filiberto Duca D'Aosta, andrebbe tenuto pulito e valorizzato data la sua posizione centrale, molto vicina al Comune stesso. La pulizia cittadina è importante per l'immagine della città e a tal proposito i Vigili Urbani dovrebbero essere utilizzati anche per elevare multe a chi sporca gettando bottiglie di plastica e, peggio, di vetro per la città, visto che ci sono varie Leggi che lo consentono.
Via della Lavorazione nella parte campestre con la pista ciclabile accanto: entrambe hanno necessità di ripristino in modo da raccordarsi con la parte asfaltata di Via della Lavorazione e con la pista ciclabile che la costeggia.