Cerca nel blog

venerdì 1 agosto 2014

India e vergognoso caso dei due militari italiani della nostra Marina

Da questo blog:

sabato 22 dicembre 2012

I marò italiani sequestrati in India



Innumerevoli sono i post che ho dedicato a questa vicenda, in questo, che ho riletto da poco, scrivevo che ero felice di sapere che era stato concesso loro di tornare a casa per Natale, dopo 10 mesi in cui gli indiani non erano riusciti a produrre una prova certa del loro coinvolgimento nella morte dei due poveri pescatori, e mi auguravo però che non rispettassero la consegna di tornare, immaginando nel contempo che invece sia loro sia il nostro governo l'avrebbero rispettata... 
E' andata proprio così... 

Oggi da: Leggo.it

MARÒ, IL TRIBUNALE SPECIALE DI NEW DELHI
RINVIA L'UDIENZA AL 14 OTTOBRE

Giovedì 31 Luglio 2014
NEW DELHI - È stata fissata al 14 ottobre la nuova udienza del tribunale speciale di New Delhi sul caso dei marò. 
L'istanza al tribunale speciale della 'session court' presieduto attualmente dal giudice Bharat Parashar era stata presentata nel novembre scorso dalla polizia antiterrorismo Nia con l'opposizione però della difesa italiana. La data della nuova udienza è stata fissata per ottobre, hanno detto all'ANSA fonti legali, a causa di un calendario già completo per le settimane a venire. Come avvenuto nelle precedenti circostanze, Latorre e Girone non erano presenti in aula. Va ricordato che la Corte suprema il 28 marzo aveva sospeso il processo a carico dei due marò presso il giudice speciale dopo aver ammesso un ricorso sull'incompetenza della Nia a condurre le indagini in assenza di leggi speciali. Attualmente il massimo organo giudiziario indiano è in attesa delle controdeduzioni da parte del governo di New Delhi sul ricorso italiano.

Siamo un Paese che non è rispettato più da nessuno grazie a chi ci guida, ma anche grazie a tutti gli italiani campioni dello sputo in alto, che gli ricade in faccia!

Un Paese di vigliacchi e di autolesionisti.
Questa incredibile ed umiliante vicenda lo dimostra e resterà nella Storia, inevitabilmente.