Cerca nel blog

martedì 7 agosto 2012

Interesse e disinteresse

I post più letti, secondo i numeri forniti da Google Apps, gestore del blog, sono quelli che appaiono nell'elenco a destra della Home Page in ordine di visualizzazioni numericamente maggiori dall'alto in basso.
Quelli meno letti o ignorati per ora sono solo 2: quello del 04/05/2012 "Comunicato", riguardante la manifestazione contro il mancato rispetto del Referendum da parte di ACEA ATO2, e quello più recente sui falsi ciechi che percepivano una pensione in maniera fraudolenta del 30/07/2012.
Mi sorprende invece l'interesse per il post su Scalfaro che, in assoluto, è quello che ha avuto più visualizzazioni.

Riflessioni sulla scrittura

"...Ma se si guarda bene, si scopre che alla radice della letteratura c'è proprio il pettegolezzo. Non è pettegolo Monsieur Montesquieu con le sue Lettere persiane? quelle missive che si accavallano grondanti di umorismo e di malignità? non è pettegolo il nostro signor Alighieri? chi più di lui si diverte  a riferire tutti i segreti vizi e le debolezze degli amici e dei conoscenti..."
L'umorismo a cui gli scrittori si abbeverano con tanta grazia da cosa deriva se non dal mettere in luce i difetti altrui?...

Da : "La lunga vita di Marianna Ucrìa" di DACIA MARAINI

Dacia Maraini (bellissimo nome, mentre il suo ex-compagno Moravia si chiamava più banalmente Pincherle) fa dire ad un personaggio del suo libro sulla nobile siciliana Marianna Ucrìa le parole che testualmente riporto sopra.
Gli scrittori fanno dire ai loro personaggi quel che pensano, non sempre naturalmente, a volte li usano per mettere in luce quello che, invece, aborriscono... Comunque è il pensiero dello scrittore che, in tutte le sue sfaccettature, la sua filosofia, si esprime nella sua opera. Mi fa dunque molto piacere leggere questa analisi che la Maraini fa di un aspetto della letteratura...
Riflettere su queste parole mi rafforza nella strada che ho intrapreso con questa raccolta di racconti un po' umoristici e un po' amarognoli che è "Le Verità nascoste...".