Cerca nel blog

venerdì 23 settembre 2016

Come lavorano i 5 Stelle

Da anni, famiglie non certo ricche, hanno dato i propri sudati risparmi ad AIC, Consorzio di Cooperative Edilizie che opera in Roma da circa 50 anni. Dal momento del versamento per alcuni sono passati anche 6 anni fra alterne vicende Amministrative che riguardano il Comune di Roma, (così comunicano il Presidente ed il Vicepresidente del Consorzio AIC), senza che si vedesse nemmeno lo scavo delle agognate case...
Ora un Socio si è rivolto all'Assessore ai Lavori Pubblici del Municipio competente per il P.d.Z. Tor Vergata trovando accoglienza ed ascolto, questa la risultanza:

La situazione si è ribaltata!!!
Ricorderete tutte le lettere inviate alle precedenti amministrazioni comunali per i nostri problemi E le mancate risposte...
Non ci crederete.... oggi l'Assessore ai llpp del nostro municipio, Salvatore Vivace, si è recato personalmente presso l'AIC per avere informazioni dirette sulle reali intenzioni della cooperativa relativamente al piano di zona Tor Vergata.
L'Assessore ha ritenuto necessario fare questo ulteriore passo per dare risposte concrete alle numerose famiglie che da anni aspettano la costruzione di una casa in parte già pagata.
L'AIC, sorpresa per la visita,  si è manifestata disponibile a dare risposte rapide sostenendo che anche loro sono penalizzati dalla situazione che si è venuta a creare. 
Hanno ammesso che grazie all'impulso dei giorni scorsi si sta procedendo alla stipula del contratto, atteso da anni.
L'Assessore Vivace, da parte sua, ha dato la disponibilità all'AIC ad intervenire, qualora fosse necessario, per sollecitare l'attuazione dell'iter amministrativo proponendosi come interlocutore diretto!



Non tutti i 5 Stelle sono così, purtroppo, giacché tentai di interessare il consigliere della Regione Lazio Davide Barillari, da me votato, ai problemi del Patrimonio trascurato della Regione Lazio nel Pontino e lui se ne infischiò altamente. Per ottenere un minimo di attenzione e di cura degli eucalipti (pericolosissimi come dimostrano vari verbali degli ottimi VV.FF. di Latina) ho dovuto personalmente interpellare l'Ufficio Patrimonio della Regione, insistendo ed insistendo, inviando detti verbali e foto per ottenere finalmente un minimo appalto per la cura parziale degli alberi in questa zona.


Da: LATINA NOTIZIE
22-05-2012
Tutela delle fasce frangivento, Galetto annuncia una proposta di legge per la vendita e gestione ai privati

Centinaia di chilometri quadrati con piantagioni di eucaliptus, pini marittimi e pioppi a fare da argine contro le raffiche di vento per proteggere le colture dell’Agro Pontino e non solo. Sono queste le cosiddette ‘fasce frangivento’, quasi tutte presenti nella provincia di Latina, perché create durante il periodo fascista, a protezione delle terre appena bonificate e trasformate in insediamenti agricoli.

Oggi queste barriere naturali, che tanto hanno contribuito allo sviluppo del territorio pontino, versano in condizioni critiche, tanto da essere oggetto di un’audizione nella commissione Risorse umane, demanio, patrimonio, affari istituzionali, enti locali, tutela dei consumatori e semplificazione amministrativa, del Consiglio regionale del Lazio. Presente l’assessore regionale Fabio Armeni. E’ stato il presidente della commissione, Stefano Galetto, a spiegare i motivi dell’incontro di oggi con i rappresentanti delle istituzioni interessate alla questione. “Le fasce frangivento – ha detto – costituiscono un limite, un argine agli eventi climatici calamitosi che si abbattono sulla costa laziale. In particolare, nella provincia di Latina si trova circa il 95% delle fasce frangivento della Regione, costituendo oramai anche un simbolo distintivo per quel territorio.

Il problema attuale – ha proseguito Galetto – riguarda la gestione e la manutenzione di questi terreni vitali per l’equilibrio del sistema ambientale. La Regione non ha le risorse economiche per provvedere a tutti gli interventi necessari alla tutela e alla cura di migliaia e migliaia di alberi. Occorre pensare a un coinvolgimento dei privati, attraverso un meccanismo di alienazioni vincolate ad azioni di manutenzione e gestione delle fasce frangivento”. Per questo motivo, Galetto ha annunciato che presenterà una proposta di legge di modifica alla legge regionale n. 22 del 1995, “per rendere – ha spiegato – più snelle e meno burocratiche le procedure di alienazione già previste dalla legge, cercando il massimo confronto non solo con tutti i soggetti istituzionali aventi un ruolo nella gestione delle fasce frangivento, ma anche con i comuni e con le associazioni delle categorie produttive della zona”.

Non contrari a questa soluzione si sono mostrati il direttore generale del Consorzio di bonifica dell’Agro Pontino, Michele Meloni, e Paolo Mecci, dirigente regionale dell’Area Politiche di ottimizzazione dei beni demaniali. Decisamente contrario si è invece dichiarato Carlo Perotto, responsabile del settore ‘Pianificazione urbanistica’ della provincia di Latina, secondo il quale il “possibile depauperamento delle fasce frangivento sarebbe una iattura per il nostro territorio”.

Perotto ha poi spiegato che quei terreni hanno un ruolo importante per l’agricoltura e per l’ambiente, ma anche per la tutela della fauna, in quanto costituiscono dei “corridoi ecologici che vanno dal mare alla montagna” che garantiscono un habitat naturale e protetto a numerose specie animali. Contro la possibilità di vendere ai privati le fasce frangivento, Perotto ha proposto un’azione di rilancio, attraverso lo sfruttamento di fonti di energie alternative e la raccolta di legname". Questo si legge da un comunicato della Regione Lazio.(com/alf - AGENPARL

Come si vede il problema esiste e non è un'isteria di una vecchia ambientalista, tanto è vero che, quando venne una delegazione dell'Ufficio Patrimonio della Regione Lazio e un compito signore mi disse: "Signora, si tolga dalla testa che questi alberi vengano tagliati." Io, capendo che forse non aveva letto le mie e-mail, risposi: "Assolutamente no! Non l'ho mai detto e nemmeno pensato, conosco la loro funzione insostituibile: ma debbono essere curati!"