Cerca nel blog

mercoledì 11 aprile 2012

Schizzi di fango

Da: AGI.it
(AGI) - Bari, 11 apr. - Il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola ha ricevuto un avviso di conclusione indagini di un'inchiesta sul concorso per primario di chirurgia toracica all'ospedale S. Paolo di Bari e gli si addebita di aver favorito la nomina del professore Sardelli con la contestazione di concorso in abuso d'ufficio. A renderlo noto e' stato, nel corso di una conferenza stampa, lo stesso Nichi Vendola. "Sono anni di attivita' investigative, di ascolto di intercettazioni, credo di potermi dichiarare assolutamente sereno come in passato, sempre, perche' credo se c'e' un tratto che ha contraddistinto in tutti questi anni la mia azione e' stato sempre quello di garantire la tutela dell'interesse pubblico, la tutela del diritto alla salute, la tutela della trasparenza, la tutela del buon andamento della Pubblica Amministrazione".
  Lo ha dichiarato il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola spiegando, dopo aver reso noto dell'avviso di conclusione delle indagini, di aver ritenuto "importante, essendo stato depositario di questo atto, darne conto alla stampa".
  "Vorrei ringraziare il professore Sardelli,che conoscevo per chiara fama, per essere una vera promessa nell'ambito della scienza medica, non solo per essere una delle piu' autorevoli eccellenze sanitarie nella nostra Regione - ha aggiunto - ma per aver portato nell'ospedale San Paolo, territorio di frontiera, il suo talento, per aver sperimentato tecnologie di avanguardia, per essere diventato un punto di riferimento internazionale".
  "Questa mattina - ha detto il governatore - ho ricevuto dalle mani di alcuni finanzieri l'avviso di conclusione delle indagini su un filone d'inchiesta che riguarda il concorso per primario di chirurgia toracica nell'ospedale S. Paolo di Bari che e' stato vinto dal professore Paolo Sardelli e mi si addebita di aver favorito la sua nomina. Questa accusa - ha precisato ancora Vendola - nasce soltanto dalle dichiarazioni di Lea Cosentino (ex-direttore generale della Asl di Bari e coinvolta in altre inchieste sulla sanita' in Puglia, ndr) che asserisce che all'origine di questa mia interferenza ci sarebbe la mia amicizia con Sardelli elemento gia' da questi smentito mesi fa". "A questo concorso, come a tutti i concorsi - ha spiegato Vendola - mi sono interessato nella misura di chiedere che fossero concorsi veri, che avessero una platea credibile di partecipanti e che potesse vincere il migliore". "Chiunque, qualunque direttore generale sa che i miei unici interventi rari, relativamente ai concorsi, sono stati sempre mirati alla raccomandazione che potesse vincere il migliore - ha aggiunto - nell'ambito di questa indagine si appura ovviamente che il professore Sardelli era comunque il migliore, cioe' non viene messa in dubbio la qualita'". "Mi accusa la dottoressa Cosentino, mi accusa sulla base di sue dichiarazioni rese tre mesi fa, non suffragate da nessun altra prova, nessun altra documentazione, mi accusa una persona che e' animata da forte risentimento nei miei confronti, avendola io licenziata al momento del suo coinvolgimento nelle inchieste sulla malasanita' - ha precisato ancora - la dottoressa Cosentino e' comprensibilmente animata da rancore nei miei confronti, tanto animata da rancore che ha fatto causa recentemente alla Regione chiedendo un risarcimento di tre milioni di euro". "Nell'atto di chiusura delle indagini ci sono dei virgolettati- ha raccontato nel corso della conferenza stampa Vendola - virgolettati che piu' o meno sono questi: "non preoccuparti ti copro io" e "questa cosa la devi fare a tutti i costi...deve vincere per forza Sardelli". Questi virgolettati non sono attribuibili a me ma sono attribuibili alla dottoressa Consentino che liberamente descrive i fatti secondo la sua memoria". "Non sono intercettazioni - ha precisato - sono frasi che la Cosentino dice nell'interrogatorio che ha reso a gennaio scorso, due-tre mesi fa". Nelle indagini, ha aggiunto, "siamo soltanto io e la Cosentino, la Cosentino come autrice di abuso d'ufficio e io come istigatore dell'abuso d'ufficio. Senza le frasi specifiche che dice la Cosentino nell'interrogatorio non si sarebbe potuto prefigurare un capo d'imputazione nei miei confronti". "Ricordo una frase molto significativa confermata dal principale imputato nelle indagini sulla malasanita', cioe' Gianpaolo Tarantini. La frase diceva cosi': "la dottoressa Cosentino era terrorizzata dal fatto che Vendola potesse sapere che commetteva illeciti". Questo e' il quadro reale". Ha sottolineato ancora Vendola. "Permettete che io legga quello che scriveva un gip in una richiesta di archiviazione: "quanto alla posizione del presidente Vendola, gli stessi commenti che formulano i soggetti interessati, Tedesco e Lea Cosentino, dimostrano l'assenza non solo di condotte ma ancor prima di finalita' e obiettivi dell'azione politica che possano in qualche modo dimostrare l'esercizio di pressioni e condizionamenti dell'attivita' istituzionale'".

E' evidente che l'accusata chiama a correo Nicola Vendola un po' per vendetta e un po' perché chi è nel fango cerca di tirarci dentro anche gli altri. Ci vogliono prove che qui non ci sono.

Carità cristiana


Da: La Stampa.it

Comunione negata a bimbo disabile


Il parroco: "Incapace di intendere e volere". Scoppia la polemica

Ferrara
Il parroco di Porto Garibaldi, nei lidi ferraresi, don Piergiorgio Zaghi ha deciso di non ammettere alla prima comunione un bambino con un ritardo mentale, perché "incapace di intendere e volere". E' successo giovedì scorso, duramente la messa del triduo pasquale.

Dopo le polemiche di alcuni genitori dei compagni di classe del ragazzo che frequenta la quarta elementare nel paese, il sacerdote ha spiegato le sue motivazioni durante l'omelia il giorno successivo: anche se la dottrina non prevede l'esclusione dall'eucarestia per le persone incapaci di intendere e volere, don Piergiorgio avrebbe desiderato che il piccolo capisse o intuisse la portata del sacramento.

Oggi "La Nuova Ferrara" riporta diverse lettere che i compagni di scuola del bimbo disabile hanno scritto al sacerdote. "Carissimo don Piergiorgio - è una delle lettere - sono un bambino di quarta elementare. Quest'anno ci siamo preparati per ricevere la prima comunione e ho saputo che un nostro compagno non può farla. Mi sono chiesto cosa ha fatto di male, perché non può farla? E' cattivo? Si comporta male? Per me non è cattivo, è bravo e tranquillo". Il bambino, o chi lo ha aiutato a scrivere la lettera, chiede che il compagno possa accostarsi alla comunione assieme agli altri amici: "pensiamo che Gesù l'avrebbe guarito come ha fatto con Lazzaro o con i lebbrosi".


!!!!!!!!!!!!!

La Chiesa Cattolica ha pagine vergognose che cerca sempre di ammantare di spiegazioni caramellose dense di ipocrisia. In realtà il messaggio cristiano, cioè quello che disse Gesù Cristo, grande predicatore di amore e di tolleranza, a cui la Chiesa dice di rifarsi, spesso e volentieri non lo segue affatto. 
Questo episodio ne è uno squallido esempio. Bellissima la letterina che "La Stampa" ha pubblicato fra le tante scritte dai bambini compagni di scuola del bimbo escluso. In loro, nelle loro piccole e belle anime, il messaggio cristiano vive e parla. E' una grande consolazione insieme ad una grande lezione per l'ottuso sacerdote e per noi tutti, credenti e non, come la sottoscritta.

Pinocchio è un dilettante...

Avevo iniziato questo blog con tutt'altre intenzioni: letteratura, poesia... Poi la mia anima ecologista e portata all'impegno civile necessariamente si è fatta prendere la mano da altre cose...
Mi accorgo che lo sdegno verso i corrotti senza vergogna e bugiardi della politica mi ha travolto.
Ma come si fa a non rendersi conto che l'agire egoisticamente protervo e disonesto di chi pretende di rappresentarci influenza inevitabilmente tutti gli aspetti della nostra vita. E visto come si comportano la influenzano deprimendone gli slanci migliori.
Ogni giorno uno o più scandali, ogni giorno assistiamo alle esibizioni ribalde e sfacciate di costoro in televisione che ci offendono ancora di più, insultando la nostra intelligenza con affermazioni che sarebbero solo risibili se non fossero scandalosamente vergognose. Queste persone non sanno cos'è la vergogna, l'hanno cancellata dal loro vocabolario, non sanno cos'è la morale, cos'è l'ETICA PUBBLICA. Perché dobbiamo essere rappresentati da gente simile? Gente che vive in modo immorale, che usa il denaro di tutti come se fosse suo, che si fregia della propria ignoranza come di un vessillo, ma pretende di comperare con i nostri soldi titoli accademici che milioni di italiani hanno dovuto conquistarsi con una fatica inaudita e con dispendio e sacrificio del PROPRIO denaro!
Il Bilancio dello Stato langue e chiede sacrifici a chi li ha già fatti, a chi li fa da una vita nella speranza di dare un avvenire migliore ai propri figli, e dobbiamo sentire che milioni di euro, equivalenti a miliardi e miliardi delle vecchie lire, sono nelle tasche dei partiti! Che i politici, tutti indiscriminatamente, prendono tanti soldi, godono di infiniti benefit gratuiti, di agevolazioni che nessun cittadino ha per sé e loro le hanno addirittura per le proprie conviventi!! Che in Europa nessuno ha benefici equivalenti! Ieri sera al TG di RAI 1 abbiamo appreso che la Germania, che di certo non ha i nostri problemi economici, dà ai partiti una cifra equivalente alla META' di quello che questi parassiti succhiano a noi da anni: dopo BEN 2 REFERENDUM in cui abbiamo detto NO e che loro si sono messi sotto i piedi! E c'è chi ancora si fa prendere in giro da gente come Antonio Di Pietro che ripropone un referendum per abrogare una legge che fino ad ora gli è andata molto bene, perché i soldi, tantissimi, li ha presi pure il suo partito!
Ricordo a tutti i tanti post che ho scritto sui vari aspetti di questo argomento:
05/04/2012 "Questo articolo avrei voluto scriverlo io"
05/04/2012 "Oltre ogni limite"
04/04/2012 "Aspetta e spera cittadino/suddito"
03/04/2012 "Roma Ladrona"
03/04/2012 "Gli innocenti si uccidono, i colpevoli vanno a testa alta"
27/03/2012 "E gli Italiani stanno a guardare"
21/03/2012 "Antonio Di Pietro il mio Presidente del Consiglio mancato"
10/03/2012 "Gli Italiani derubati "
26/02/2012 "Gli Italiani derubati dai partiti "
17/02/2012 "La corruzione dilaga, vale 60 miliardi l'anno"
17/02/2012 "Corte dei Conti su corruzione"
12/02/2012 "La dittatura dei partiti"
09/02/2012 "I Professori ci danno lezioni"
08/02/2012 "Antonio Di Pietro sbaglia di nuovo"
11/01/2012 "L'Eleganza è un'altra cosa"
09/01/2012 "Lega Nord: provenienza fondi"
03/01/2012 "Fanno "ammuina""
02/01/2012 "Cacciari e Don Verzé"
30/12/2011 "Quanti Luigi XVI e quante Marie Antoniette?"
13/12/2011 "Che teatrino!"
11/12/2011 "Argomento caldo, anzi caldissimo"
10/12/2011 "Senza parole..."
04/12/2011 "Ridicolo"
02/12/2011 "Ora tutti parlano di togliere i privilegi"
19/11/2011 "Finanziamento pubblico ai partiti contro il Referendum"
25/10/2011 "Bossi: "La gente ci ammazza""
11/10/2011 "Riflessioni per chi vota certi soggetti"
04/09/2011 "Pesaro"
31/08/2011 "I nostri politici pensano che il Popolo italiano è costituito in gran parte da poveri scemi"