Cerca nel blog

martedì 7 marzo 2017

Le Statistiche e l'evoluzione della Società

Da: La Repubblica.it

Istat, nuovo minimo storico di nascite in Italia

Il livello minimo delle nascite del 2015, pari a 486mila, è superato da quello del 2016 con 474mila. La riduzione osservata, che a livello nazionale è pari al 2,4%, interessa tutto il territorio
ROMA. Quest'anno ci siamo persi 86mila italiani. Secondo i dati Istat pubblicati stamattina sulle "stime 2016 degli indicatori demografici", i residenti in Italia al primo gennaio 2017 erano 60 milioni e 579mila, 86mila in meno rispetto al primo gennaio del 2016 (-0,14 per cento).

La riduzione delle nascite è stata del 2,4%: interessa tutto il territorio nazionale con l'eccezione della Provincia di Bolzano che registra invece un incremento del 3,2%. Il numero medio di figli per donna, in calo per il sesto anno consecutivo, si assesta a 1,34.


Le statistiche sono importanti perché riportano in numeri la realtà dei fatti.
Ma le riflessioni che se ne traggono sono diverse, a seconda dell'idea di Società che ciascuno ha in mente. Ed è in base alle risultanze che se ne traggono che si decide poi la politica con cui condurre il Paese. Non sono un politico, ma ho idee precise e molto pragmatiche su come si potrebbe evolvere la Società del nostro Paese a seconda del potere politico che, con i nostri voti, ci governerà.
Per il momento l'orientamento dell'attuale potere è chiaro: la strisciante propaganda dei TG, sempre al servizio del potere, narra che, dato che gli Italiani non crescono in numero, bisogna accogliere i barconi africani che, generosamente, si premurano di partire in moltissimi casi già in gestazione di futuri Italiani neri.
Mattarella, Presidente della nostra Repubblica che caldeggiai paventando il ben peggiore candidato berlusconiano Amato, parla di dare subito la cittadinanza appena la profuga o immigrata arriva e scodella il pupo pronto... Poi la narrazione prosegue con il fatto che siamo vecchi e ci debbono pagare le pensioni, e chi meglio delle orde africane giovani e forti?!

Questa è una narrazione che piace alle sinistre, ma anche a Matteo Renzi, accusato dai post-comunisti del suo partito di non essere sufficientemente di sinistra.
Niente paura! Renzi, come Mattarella, sono residuati DC e sensibili al Papa che predica l'accoglienza!

Ebbene, personalmente, la mia narrazione è diversa.
Su questo suolo siamo più di 60 milioni di individui.
Il suolo è di soli 300.000 Kmq. circa.
In tutto il pianeta abbiamo superato di molto i 7 miliardi di persone e il dato è in crescita esponenziale.
Cosa ne deduco?
Semplice: che siamo già così numericamente troppi e ad alta densità per Kmq., e che dunque, data la crescita demografica mondiale di cui si paventa per il futuro una vera esplosione, non si deve crescere di più, ma il contrario.
Prendiamo un Paese Europeo a noi vicino, non soltanto confinante, ma vicino per l'origine latina della lingua e per molte altre cose: la Francia. Ha poco più dell'Italia come numero di abitanti, ma una superficie in Kmq. doppia!
Dunque i timori dei nostri TG, megafoni di una ben chiara linea politica, sono infondati.
Nascono meno bambini, va bene così, per le ragioni sopraesposte.
E non c'è alcun bisogno di importare povera gente senza cultura, mal curata per quel che attiene la salute, a cui dobbiamo dare tutto subito: ospedali, cure, scuole per i loro piccoli, letto e cibo!
Quali sono i lavori che costoro possono fare per pagarci le pensioni come dice la propaganda di regime? Raccogliere i pomodori come schiavi? Oppure le donne usate come colf a basso costo quando non usate per stare a culo nudo sul ciglio della strada a prostituirsi, senza che nessuna Autorità faccia nulla per impedirlo?
Le stesse statistiche ci informano su quanti Italiani invece se ne vanno all'estero: sono i laureati, specializzati, che abbiamo formato con spesa per il Paese, ma a cui IL PAESE NON E' IN GRADO DI DARE UN ADEGUATO LAVORO UTILIZZANDO LE LORO COMPETENZE!

40% DI GIOVANI ITALIANI DISOCCUPATI? Facciamoli lavorare e ce le pagheranno loro le pensioni. Faranno figli. 
Notate la marchiana contraddizione?
Fare figli e buttarli su un barcone verso la speranza che ce li mantengano gli altri... I giovani Italiani non lo possono fare. Qui i figli debbono essere mantenuti dai genitori, altrimenti arrivano gli assistenti sociali e te li tolgono! Noi siamo un Paese Civile!
O no?