Cerca nel blog

martedì 19 aprile 2016

Referendum e soldi

Da: Il Fatto Quotidiano

Il referendum in Italia: 70 consultazioni, dalla nascita della Repubblica alle trivelle




Tanti ne sono stati celebrati dal 1946. Di questi, 66 abrogativi, 2 costituzionali e 2 consultivi. L'associazione Openpolis ha preparato un dossier. Nel quale fa il punto su uso ed abuso di uno strumento previsto dalla Costituzione. Per assicurare la partecipazione diretta alla vita democratica. Con relativi costi per i cittadini



...i comitati promotori. Ai quali è riconosciuto un “indennizzo” economico “pari alla somma risultante dalla moltiplicazione di un euro per ogni firma valida fino alla concorrenza della cifra minima necessaria per la validità della richiesta e fino ad un limite massimo pari complessivamente a euro 2.582.285 annui, a condizione che la consultazione referendaria abbia raggiunto il quorum di validità di partecipazione al voto”.

...il raggiungimento del quorum rileva anche per un’altra ragione. Di carattere puramente economico: i rimborsi spettanti al comitato promotore a carico dello Stato che scattano, infatti, solo in caso di affluenza ai seggi di almeno il 50% più uno degli aventi diritto al voto.

...“In pratica ai comitati promotori, nel caso di quesito dichiarato ammissibile e quorum raggiunto, viene riconosciuto un rimborso pari a un euro per ogni firma valida raccolta. Una forma di finanziamento pubblico che da un lato risarcisce i comitati civici che si attivano per proporre un referendum, dall’altro rimborsa anche quei partiti politici che hanno fatto di questo strumento un loro cavallo di battaglia”. Per esempio, grazie ai due referendum proposti nel 2011, “l’Italia dei valori ha incassato oltre un milione di euro”.


Volevo scrivere un post che fosse un escursus sull'istituto referendario e, nel fare una ricerca documentale, mi sono imbattuta in questo articolo di cui riporto solo la parte che riguarda il lato economico del Referendum. L'articolo, però, merita di essere letto nella sua interezza e consiglio di leggerlo.

Dunque non tutti sanno che i Comitati Promotori di un Referendum beccano molti soldi se raggiungono il quorum.
Io, che mi picco di essere persona che si informa, non lo sapevo. L'ho appreso casualmente facendo parte del Comitato locale per l'applicazione del dopo Referendum per l'acqua pubblica. Ne ho chiesto conferma al giovane che ha creato tale Comitato per il nostro Comune ed egli ha confermato, informandomi anche che, per quello che riguardava il nostro territorio, lui si era pagato sempre tutto da solo e di quei soldi non aveva visto un solo euro. Sembra che per il Referendum sull'Acqua Pubblica i 500.000 euro (e forse anche di più) li abbiano gestiti coloro che hanno raccolto le firme (come da Legge), dopo che tali euro sono stati accreditati in un conto corrente aperto ad hoc dal Comitato Promotore e ad esso intestato. 

Ma nella ricerca mi sono imbattuta anche in risvolti interessanti e non noti a tutti, come un articolo su Il Fatto Quotidiano a firma Andrea Palladino, giornalista che è stato nei Comitati per l'Acqua Pubblica insieme a sua moglie, Astrid Lima, e che ho conosciuto ad una riunione dei Comitati Territoriali presso la Sala delle Conferenze del Comune di Genzano. L'articolo lo riproduco interamente giacché merita di essere letto. A me ha fatto sorridere trovare la conferma di quanto, in queste avventure referendarie, contino i soldi e gli interessi e di quanto la gente, in una società così complessa in cui non si riesce ad essere informati di tutto, NON possa facilmente farsi una idea precisa della realtà, sempre abilmente elusa quando non nascosta da chi dice di fare informazione.
In detto, interessantissimo articolo, viene fuori un altro aspetto del millantatore Oscar Giannino, già abbondantemente squalificatosi, e non si può non pensare che se una persona così affetta da mitomania, come questo giornalista, è riuscita ad arrivare addirittura a fondare un partito, la capacità di discernimento della gente fra il sano ed il malato, fra l'onesto ed il disonesto, è messa indubbiamente duramente alla prova...
Oscar Giannino: in passato si è attribuito Lauree e Master inesistenti


Da: Il Fatto Quotidiano di  | 21 ottobre 2011

Referendum, il comitato per il No all’acqua pubblica batte cassa per i rimborsi dallo Stato




AcquaLiberaTutti, presieduta dal giornalista Oscar Giannino e di cui fanno parte una serie di esponenti del centro sinistra, chiede di accedere ai rimborsi elettorali anche se la legge dice che "ne avrebbero diritto solo chi ha raccolto le firme per proporre la consultazione"
C’è una strana richiesta intorno ai rimborsi elettorali per i referendum dello scorso giugno. Una richiesta che coinvolge chi si è opposto con tenacia alla valanga di “Sì” (il 95,6 %) raccolti dai due quesiti presentati dal movimento per l’acqua pubblica. Nel decreto n. 160 pubblicato nei giorni scorsi che autorizza legittimamente l’erogazione di un milione di euro a favore del comitato promotore per i due “Sì”, compare una richiesta decisamente curiosa. “E’ pervenuta alla Camera una lettera con la quale lo Studio legale Maietta, in nome e per conto del comitato AcquaLiberaTutti e del suo presidente Antonio Iannamorelli– si legge – diffida la Presidenza all’erogazione del rimborso elettorale connesso alla consultazione referendaria in oggetto, chiedendone al tempo stesso l’accreditamento sul conto corrente intestato al Comitato medesimo”.
Il problema è che “AcquaLiberaTutti” non ha mai raccolto le firme per i referendum. Anzi, il comitato si è costituito per sostenere le ragioni del“No”, schierandosi apertamente per la difesa della privatizzazione della gestione dell’acqua. A che titolo, dunque, avrebbe chiesto di accedere ai rimborsi elettorali? Mistero. Lo stesso documento della presidenza della Camera recita che “la domanda non ha avuto nessun seguito”, perché “manifestamente priva di base giuridica”. Insomma, ci hanno provato.
Il comitato che si è battuto per il “No” e che ad agosto ha chiesto il contributo non dovuto, secondo la presidenza della Camera, è presieduto dal giornalista economico Oscar Giannino, divenuto nei mesi scorsi l’icona della battaglia contro i referendum. Il rappresentante legale è il vice presidente del Consiglio comunale di Sulmona Antonio Iannamorelli del Partito democratico. E’ lui che ha firmato la paradossale richiesta di rimborso. Il gruppo dirigente del comitato è politicamente trasversale: da GiacomoD’Arrigo, coordinatore nazionale Anci giovani, a MassimilianoDolce, esponente del Pd laziale, Luigi Antonio Madeo, membro dell’assemblea nazionale dei democratici, Fabio Santoro, esponente del Pd di Napoli, Marino Fardelli, capogruppo dell’Udcal Consiglio comunale di Cassino, Annalisa Chirico, esponente radicale, fino a Luciano Nobili, portavoce di Api di Roma.
La vicinanza con l’area della grande alleanza verso il centro promossa da Massimo D’Alema sembra evidente. Subito dopo il referendum, il promotore dei No all’acqua pubblica Iannamorelli è stato assunto dalla società di lobbying di Claudio Velardi, la Reti spa. Tra gli “amici” su Facebook di Iannamorelli spiccano poi i tanti contatti con quella parte dei democratici che male hanno digerito la vittoria referendaria. Primi fra tutti Raimondo Luigi Besson, vice presidente di Acqualatina – la contestata società del servizio idrico integrato partecipata per il 49% da Veolia – ed ex importante dirigente della Regione Lazio, autore, tra l’altro, della legge regionale del 1996 sugli ambiti idrici. Besson nella sua lunga carriera di tecnico di area Pd ha ricoperto anche il ruolo di amministratore delegato della Sorical, la società degli acquedotti della Calabria, partecipata anch’essa dalla francese Veolia, creata con il fondamentale contributo istituzionale di Aurelio Misiti, quando ricopriva il ruolo di assessore regionale ai Lavori pubblici nella Giunta di centrodestra guidata da Giuseppe Chiaravalloti.
Antonio Iannamorelli – contattato dailfattoquotidiano.it – ha confermato di aver presentato la richiesta di accesso ai contributi elettorali lo scorso agosto: “Ora sicuramente faremo ricorso, arrivando fino in fondo, perché una parte di quei soldi, pari alla percentuale dei No, spetta a noi”. Si tratta di circa sessantamila euro, secondo i calcoli di AcquaLiberaTutti. “Noi non avevamo partiti alle spalle, abbiamo speso pochissimo, abbiamo raccolto poco più di cinquemila euro”, prosegue Iannamorelli. Rispetto al mancato accoglimento da parte della Camera dei deputati – che ha considerato, come prevede la legge, il diritto solo di chi ha raccolto le firme per proporre i referendum – il consulente della società di Velardi ritiene che “la legge, alla sua prima interpretazione, non è chiarissima”.
di Andrea Palladino
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:
Gentile direttore,
Con riferimento all’articolo firmato da Andrea Palladino e pubblicato su Il Fatto online, mi urge dissociarmi in modo reciso dall’iniziativa di cui lo stesso Palladino mi ha messo al corrente, ovvero la richiesta di rimborsi pubblici da parte del sig.re Antonio Iannamorelli “per nome e per conto” del Comitato Acqualiberatutti. Io ho fatto parte del Comitato e il mio nome, ahimé, compare in quell’articolo. Durante l’intera campagna referendaria la nostra attività si è basata sull’autofinanziamento. Mai, dico MAI, si è manifestato alcun interesse per un’eventuale spartizione (e non a caso uso il termine “spartizione”) di soldi pubblici. Mi auguro, direttore, che il giornale voglia dare uguale spazio e risalto anche alla notizia della COMPLETA ESTRANEITA’ mia, e non solo mia, all’iniziativa del sig.re Iannamorelli. Chi, come me, fa dell’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, anche nella forma del cosiddetto “rimborso elettorale”, un motivo di lotta, non può che rammaricarsi nel ritrovarsi invischiato, sia pure indirettamente, in certe astruse iniziative, che sanno di vecchia politica. Con stima, Annalisa Chirico
Ci siamo limitati a citare l’appartenenza al comitato di Annalisa Chirico. Prendiamo atto del fatto che non tutti i membri siano stati avvisati delle iniziative sui rimborsi. (a.p.)