Cerca nel blog

venerdì 24 marzo 2017

Non sono sola a pensare che l'invasione può essere fermata

Livio Caputo

Livio CaputoNato a Vienna nel 1933, Livio Caputo è stato prima inviato, poi direttore di Epoca e de La Notte, capo dei servizi esteri del Corriere della Sera e vice-direttore de Il Giornale. Per un anno, è stato anche sottosegretario agli Esteri, e per nove consigliere comunale di Milano.

Come fermare i migranti, naufraghi volontari

Siamo alla follia: 3:000 nuovi arrivi nel weekend, già raddoppiati gli arrivi sul 2016, e l’annuncio di un fantasioso piano per consegnare a un governo libico quasi inesistente una fortuna in mezzi di ogni genere perchè blocchi il traffico di esseri umani. Eppure,fermare l’invasione di migranti economici dall’Africa si può, e con unna spesa molto minore di quella prevista dal “piano Minniti”: basta che ci sia la volontà politica e il coraggio di affrontare le inevitabili reazioni dei buonisti. Ora che- per fortuna – la costosissima operazione Mare Nostrum è conclusa, solo una modesta parte di coloro che partono dalle coste libiche sui gommoni o sulle carrette del mare vengono raccolti da navi battenti la nostra bandiera e quindi, mettendo piede su suolo italiano, acquisiscono il diritto di chiedere asilo o protezione umanitaria a noi. La maggior parte viene ormai salvata da navi armate e finanziate da un numero imprecisato di ONG,che battono le più varie bandiere di comodo (Panama, Liberia, Nauru e quant’altro) e che da tempo sono sospettate di essere in collusione con gli scafisti, con cui si mettono d’accordo prima su dove raccogliere i “disperati”. Perciò, tecnicamente, coloro che vengono tratti in salvo vengono a trovarsi sul territorio di questi Paesi, ed è perciò a questi che dovrebbero rivolgere in prima istanza le loro richieste. Naturalmente, si guardano bene dal farlo, e chiedono e ottengono di essere sbarcati in Italia, dove sanno che sarano accolti e accuditi e che comunque può servire da ponte per raggiungere altre nazioni europee di loro gradimento.
Ora, in base anche alla recentissima sentenza della Corte europea sui diritti dei singoli Stati in materia di accoglienza (naturalmente subito contestata in primo luogo dalle stesse ONG, noi non siamo tenuti a far scendere da una nave straniera che attracca in un nostro porto chi è senza documenti in regola,cioè passaporto e visto d’ingresso rilasciato dalle nostre autorità consolari. E’ vero che la legge del mare prevede che una nave che abbia soccorso e preso a bordo dei naufraghi possa sbarcarli nel porto più vicino,ma a questo si possono opporre tre obiezioni: 1)Il porto più vicino alle coste libiche non è né Pozzallo né Augusta né Trapani, ma prima gli scali della Tunisia meridionale e poi Malta; e se questi si rifiutano (nel caso dei maltesi non senza ragione, viste le dimensioni del Paese e l’imponenza dei flussi) non c’è scritto da nessuna parte che dobbiamo essere noi a subentrare i terza battuta. 2) Coloro che vengono raccolti dalle navi delle ONG al limite delle acque territoriali libiche (e, sembra, spesso addirittura su appuntamento), quando stanno già per finire le scorte di acqua e carburante e chiamano aiuto con un telefono satellitare che viene loro appositamente fornito dagli scafisti sono, più che naufraghi veri, naufraghi VOLONTARI. Essi non affronterebbero cioè mai il mare aperto sapendo già di non essere attrezzati per tentarlo se non avessero la quasi certezza di essere messi in salvo dopo una ventina di miglia (equivalenti a un decimo della traversata prevista) da soccorritori che hanno come specifica missione di prenderli a bordo. 3) A chi obbietta che è comunque nostro dovere salvare e accogliere i “disperati” – che sarebbe più esatto definire migranti economici o immigrati clandestini – che fuggono dalla guerra, dalla miseria o dalla siccità e spesso vengono torturati e vessati lungo il cammino è facile rispondere che, una volta a bordo delle navi delle varie ONG, non corrono più nessun pericolo. Tra l’altro,siamo all’assurdo che dopo l’accordo, per la verità ora un po’ traballante, tra UE e Turchia per fermare in quel Paese i profughi che arrivano davvero da zone di guerra e hanno perduto tutto non riescono più ad arrivare in Europa, ce la fanno giovanotti dell’Africa subsahariana che,nell’80-90% dei casi non possono – in base alla Convenzione di Ginevra – avanzare alcun diritto di protezione e dovrebbero essere rimandati a casa loro.
Con questo, non avremmo risolto tutti i problemi: c’è per esempio quello dei minori non accompagnati, e ci saranno sempre casi pietosi – donne incinte o con bambini piccoli – per cui bisognerà fare eccezioni. Ma invece dei 200mila e passa migranti attesi nel 2017 (siamo già oltre le cifre dell’anno scorso, ma il grosso arriverà con la buona stagione), dovremo accoglierne molto meno e la situazione diventerebbe più gestibile. Dal momento che, sul dossier migranti,l’UE continua a ignorare le nostre sacrosante richieste, proviamo questa strada e vediamo cosa succede.


Una voce fuori dalla propaganda.
Fa piacere non essere soli.
Anche se a leggere i commenti dei lettori sotto articoli di giornale sull'argomento, (giornali come Il Fatto Quotidiano o La Repubblica), si nota una diffusa esasperazione per questa invasione.
Renzi ha sbagliato alla grande e l'ho scritto. Il Governo attuale l'ha capito e sta dando un'aggiustata con l'ottimo Minniti. Ma non basta.
Altre soluzioni ci sono. Mio marito mi ha passato una riflessione: su una nave ci si trova in territorio nazionale di appartenenza della nave medesima e non si capisce perché dalle navi di Frontex, di varie nazionalità europee, vengano sbarcati in territorio italiano. Più o meno fa "pendant" con quello che scrive Caputo delle navi appartenenti a ONG registrate nei più svariati Paesi e sulle norme di sbarco "nei porti più vicini", che non sono mai i nostri , ma che ciò nonostante ce li portano lo stesso. Infine, ha ragione Caputo nel mettere in risalto un'altra incongruenza: "una volta a bordo delle navi delle varie ONG, non corrono più nessun pericolo", dunque decade lo stato di necessità di accogliere persone in pericolo.
Ma troppe sono le obiezioni legali che si possono addurre contro questa follia dell'essere diventati il deposito dei fuoriusciti africani, quindi è evidente che dietro tutto questo c'è una precisa volontà politica.


Il problema è per chi votare, (quando ci permetteranno di votare di nuovo in questa situazione di "democrazia sospesa"), giacché tolti i cattocomunisti del PD, esclusi gli altri ancora più a sinistra che, se fosse per loro, l'Italia diventerebbe una colonia africana, le destre, non congeniali al mio modo di pensare ma in questo caso necessarie, si riducono ad un Salvini che una cosa giusta dice e 10 sono ripugnanti, un Berlusconi a cui bisogna riconoscere la criticatissima azione diplomatica con Gheddafi, che ci costava in denaro molto meno di quello che ci hanno fatto spendere i Governi successivi per i pacifici invasori, ma che poi ha ceduto all'azione destabilizzante della Libia messa in opera dai colonialisti francesi e statunitensi con il risultato che poi i cocci sono nostri, e infine la Meloni, per la quale se continua così mi costringeranno a votare.
A questo proposito però, proprio ieri sera nel salotto televisivo della Gruber, ho notato alcune sue rozze ingenuità che potrebbero offrire il fianco qualora qualcuno glielo facesse notare. Parlando dell'Europa ella difendeva la sovranità italiana e, in un raffronto con la Germania, ha tirato quello che lei riteneva essere un colpo basso a certi costumi di quel Paese, ha detto: "Noi non abbiamo le donne in vetrina come ad Amburgo".
Cara Meloni, nessuno in studio ti ha risposto come ti avrei risposto io: noi le donne infatti non le abbiamo in vetrina, purtroppo, le abbiamo a mutande abbassate e a culo di fuori sui cigli delle nostre strade! Chi è più civile Meloni? La Germania e, aggiungerei, l'Olanda, con i quartieri a luci rosse, o l'Italia con lo schifo sotto gli occhi di tutti, minori compresi? 

Nessun commento: