martedì 25 agosto 2015

Esempio di esperto "nello sputo in alto"



Da quando hanno censurato sul blog di Beppe Grillo un mio civilissimo commento su Matteo Renzi che, evidentemente, contrastava con l'opinione che ne ha il M5S, ho deciso e anche scritto che quel blog non lo leggerò più.
Io non ho paura del confronto civile di idee e le barricate non mi piacciono. Generano mostri ideologici che credono di avere sempre ragione.
Ho fatto un'eccezione per un post che su quel blog hanno pubblicato sulla vicenda dei due Militari della nostra Marina sequestrati da 3 anni, senza che l'India si decida ad istituire un processo e presentare delle prove, leggendone sulle notizie di altri giornali. Volevo rendermi conto se le cose scritte da un tale, che non conoscevo, erano proprio così come riportato da altri giornali.
Ebbene, era anche peggio.
Questo tale si chiama Mario Albanesi e siccome ignoro totalmente chi sia, per ovvie ragioni, ho cercato sul benemerito WEB le sue credenziali.
Ho appreso così che trattasi di giornalista che compare prevalentemente su You Tube.
L'unico sito che dà sue notizie è "comedonchisciotte.org":


Mario Albanesi è un'anziano giornalista umbro, anche se per decenni residente in provincia di Roma, decisamente un personaggio un pò pittoresco, basta cercare qualche suo intervento su Youtube ... ... già redattore del quotidiano romano Paese Sera, in passato creò anche una piccola televisione privata visibile solo nel Centro Italia, Tele Ambiente .... che poi venne derubricata a radio ... ed infine a sito internet ... ambienteweb.org .... credo ormai chiuso anche questo ... 

Frequentemente il blog di Grillo pubblica suoi articoli, soprattutto su questioni di politica internazionale .... ma la impostazione di Albanesi è decisamente vetero-comunista

Chi mi legge da tempo sa che la penso come Voltaire e dunque che ciascuno dica quello che pensa, ma se dice cose fondate su qualcosa che si può discutere, non su fantasie, ipotesi, opinioni basate su supposizioni a senso unico volto solo alla denigrazione.
Leggo che non gli sta bene che vengano chiamati "marò", come non gli piace "parà", e fin qui posso essere persino d'accordo con queste definizioni che sanno un poco di camerata di caserma.  Per il resto questo anziano signore si lancia in una serie di affermazioni denigratorie del suo e mio Paese di tipo disfattista a tutti i costi, perché è più bello criticare che FARE qualcosa per cambiare le cose.
Fa un paragone con la brutta faccenda del Cermis, di cui mi sono occupata più volte su questo piccolo blog documentandomi, ma non per dire che l'Italia si è fatta mettere i piedi in testa dagli USA, Massimo D'Alema connivente Presidente del Consiglio, bensì per dire che quelli, gli americani, si sono comportati da imperialisti e noi con l'India abbiamo tentato di fare altrettanto.
Mi verrebbe da dire come quel personaggio di Verdone un po' tontolone: "In che senso?"
Casomai ci siamo comportati da "coglioni" totali, accondiscendendo ad accostare in porto manco avessimo transitato in acque indiane. Ma lo sa questo anziano esemplare dello "sputo in alto che ti ricade in faccia" che ci sono documenti pubblicati con la posizione della nave Lexie che era in acque sicuramente NON indiane al momento della disgrazia? Lo sa che l'ora della morte dei pescatori non combacia con l'ora del transito della Lexie in quel punto? Lo sa che c'era almeno un'altra nave da carico straniera che transitava in quel tratto di mare contiguo alle acque indiane? Lo sa che tutte sono armate per difendersi dall'assalto dei pirati? 
In cosa abbiamo tentato di comportarci come gli americani? I quali, glielo ricordo, scorrazzavano sui NOSTRI cieli senza piano di volo e a quote criminali ed è per questo che hanno commesso sicuramente una strage? 
Sono tre anni che facciamo i diplomatici, che strisciamo.
Ma dove lo vede l'imperialismo? Ha le visioni!
E dove vede la certezza che i proiettili nel corpo dei poveri pescatori fossero quelli in dotazione ai fucilieri della Marina? Qualcuno gli ha mostrato le perizie balistiche? Da dove gli viene la certezza? In tre anni l'India ha traccheggiato con rinvii degni della peggiore giustizia italica nel formulare l'accusa, arrivando a minacciare di terrorismo militari italiani messi a difesa di una petroliera, certo di armatore privato, che trasportava però materiale strategico. Oppure Albanesi pensa che abbiamo pozzi di petrolio per mandare avanti la sua auto, ad esempio, o i macchinari delle nostre residue industrie...
Quale superficialità di analisi... direi più che qualunquistica!
Il massimo poi lo raggiunge quando, sputando ancora sull'Italia, scrive ironicamente che l'India lo conosce bene il nostro Paese e i suoi difetti e mali... Ma che cavolo dice questo vecchio giornalista in disarmo? Sta parlando dell'India come se fosse un Paese di alti valori morali! Ma lo ha saputo che i suoi funzionari governativi avevano chiesto corpose mazzette per ordinare gli elicotteri Agusta? Sa come questo nobile Paese, che dovrebbe a suo avviso schifare i metodi italici, tiene il suo popolo? Mai sentito di padri di famiglia che si vendevano un rene per dar da mangiare ai propri figli? Non sono chiacchiere: ho conosciuto personalmente una italiana in dialisi che è andata in India molti anni fa a sottoporsi a questo triste mercato... Un Paese che ha ammazzato Indira Gandhi, poi suo figlio.. L'Italia accoglie immigrati a frotte da quel Paese, vengono a fare i braccianti agricoli... Cosa dà loro il loro "Grande Paese" se sono costretti a venire qui a svolgere i lavori più umili?
Poi questo esempio di esperto dello sputo in alto che gli ricade in faccia si permette magnanimamente di suggerire come si sarebbe dovuto procedere: ammettere la colpa (senza dubbi! Forse lui era sul posto ed ha visto tutto!), essere umili (lo dico alla romana: n'artro po'?!!!), pagare in solido le famiglie dei pescatori....
A questo punto ho capito che questo non ha letto niente, non sa che lo Stato Italiano, chiedendo di riavere in Patria i due Militari e di istituire un processo in Italia che avrebbe acclarato le responsabilità, COMUNQUE ha rifuso le famiglie delle vittime, nell'intento comprensibile di facilitare questa procedura che, nel caso di sentenza favorevole ai due Militari, avrebbe comportato da parte dell'India la restituzione di una penale non dovuta.        






Sono felice che non sono sola a pensarla così. Sotto riporto 3 commenti firmati di altrettanti lettori sul blog di Beppe Grillo. A fianco la foto di Mario Albanesi.



 Albanesi ed i suoi sodali amano condannare a prescindere da un giusto processo in cui si esaminano prove, testimonianze ,fatti,... A loro non interessa la verità ma vogliono e godono che i militari siano condannati anche se innocenti, perché per questa gentaglia un militare e' per l'appunto colpevole a prescindere! Questi scommetto che anche quando fanno la pipì la fanno rossa!!!
Giovanni Russo 25.08.15 15:32| 
 |
Rispondi al commento

Albanesi rimani nei centri sociali senza confonderti per le persone pensanti. Senza titoli ti arroghi il diritto di giudicare e consigliare su giurisprudenza internazionale. Idiota chi ti ha permesso di farlo su questo Blog.
L'argomento è troppo delicato per permettere ad un nessuno di sproloquiare.
Marcello Malfi Commentatore certificato 25.08.15 15:27| 
 |
Rispondi al commento

Dovete solo vergognarvi! Due militari Italiani, e le loro famiglie, stanno pagando un prezzo elevatissimo per gli errori clamorosi del senatore a vita Monti, capo del governo all'epoca, unitamente alle scelte dell'allora capo dello stato che avallò il tutto. Invece di prendervela con due poveri cristi che sono capitati, loro si', a loro insaputa, in un giro infernale più grande di loro,dovevate prendervela con i suddetti Monti e sodali che continuano a sedere in Senato, a percepirne gli emolumenti senza che venga in testa a qualcuno di presentargli il conto per il tradimento perpetrato ai danni di due italiani che stavano facendo il loro dovere e non stavano certamente prendendo parte ad un safari.Comunque, anche voi avete perso un'ottima occasione per tacere e fate vostro il vizio italico per eccellenza, il più fesso porta la croce o come dire a pagare sono sempre i più deboli ed i potenti, quelli che hanno determinato questo grave fatto, rimangono al loro posto difesi anche da voi che trovate più semplice condannare la truppa ed assolvere i vertici.Domani mattina, quando vi guarderete allo specchio, sapete già che fare, si proprio quello che state pensando,così almeno mondereste in parte la vostra coscienza, Intanto VERGOGNATEVI!!!!!!!

renato leone 25.08.15 14:21| 
 |
Rispondi al commento


Beppe Grillo che ospita sul suo blog Mario Albanesi di cui, evidentemente, condivide ciò che scrive.

Nessun commento: