martedì 26 maggio 2015

giustizia mostruosa

Da: Il Tempo 25/05/2015

Parolisi, si punta alle attenuanti generiche

Mercoledì prossimo davanti alla Corte d'Assise d'Appello di Perugia si terrà quella che potrebbe essere l'ultima udienza nel processo a Salvatore Parolisi, l'ex caporalmaggiore dell'esercito...

Mercoledì prossimo davanti alla Corte d'Assise d'Appello di Perugia si terrà quella che potrebbe essere l'ultima udienza nel processo a Salvatore Parolisi, l'ex caporalmaggiore dell'esercito condannato per aver ucciso la moglie Melania Rea il 18 aprile 2011 con 35 coltellate, condannato all'ergastolo in primo grado e poi in secondo grado a trent'anni di carcere, condanna passata in giudicato dopo la conferma della Cassazione del febbraio scorso. In questa nuova udienza i giudici di Perugia dovranno, come stabilito dalla Cassazione, ricalcolare la pena sulla base della loro decisione di escludere l'aggravante della crudeltà e circa la possibilità o meno, di concedere a Parolisi le attenuanti generiche. Gli avvocati cercano proprio questo, un «doppio sconto». «Noi - dicono gli avvocati Walter Biscotti e Nicodemo Gentile - puntiamo a fargli ottenere il massimo dello sconto di pena, siamo fermamente convinti che Salvatore Parolisi sia meritevole anche di avere le attenuanti generiche. Se gli venissero concesse la pena potrebbe scendere anche al di sotto dei 20 anni». «Noi - dicono ancora i legali - avremmo voluto un altro processo, ma a questo punto, ragionando in punto di colpevolezza, cercheremo di fargli ottenere il massimo dello sconto, un doppio sconto»: E se davvero la Corte d'Assise d'Appello concedesse le attenuanti generiche la pena verrebbe ridotta, se addirittura la corte le considerasse equivalenti alle contestate aggravanti, la pena definitiva potrebbe scendere sotto ai vent'anni.

Ho scritto giustizia volutamente con la g minuscola nel titolo del post.

Viene da dire: "Peggio per chi ci capita!" Perché i Tribunali non restituiscono quasi mai la Giustizia.

Per il resto rimando le mie considerazioni sull'argomento al post dell'11 febbraio 2015, che potrete trovare sulla Home Page in Archivio cercandolo con la data.

Nessun commento: