venerdì 19 luglio 2013

Il Puparo, il Pupo, i Servi e il grillo parlante

Hanno salvato Alfano, il quale, non essendo un uomo di libera coscienza e di libero arbitrio, non ha fatto il gesto responsabile e dignitoso di dimettersi. Egli fa quello che il Puparo vuole.

I Servi del PD si sono giocati milioni di voti, se il campionario umano che io sento corrisponde a gran parte dell'elettorato PD.

Persone che da anni lo votavano e che erano critiche con M5S dicono che voteranno per il Movimento: l'unico che restituisce i soldi sottratti con leggi ad hoc per una classe politica capace solo di operare per sé stessa.

Spostano il problema sul "grillo parlante Renzi": lui ha la colpa di dire da tanto tempo come dovrebbe essere il PD che non si sa più cos'è.


Matteo Renzi è così bravo e di intelligente coscienza che a chi gli dice: "Ma perché non li molli e fai un altro partito con chi la pensa come te." Risponde: "Ci sono già troppi Partiti personali." E purtroppo ha ragione.
Lui e gente di buona ma inascoltata ed ostacolata volontà come Roberto Giacchetti  non riescono a purificare l'acqua sporca che ormai è diventato il PD.

Ripeto: Matteo Renzi, Roberto Giacchetti, altri come loro del PD, insieme a Nicola Vendola di SEL e a Beppe Grillo, se rinsavisse, potrebbero fare qualcosa per questo Paese che merita di essere guidato da loro e non da questa gente che si inchina al Puparo. 

3 commenti:

Anonimo ha detto...

It's truly a great and helpful piece of info. I am happy that you simply shared this useful info
with us. Please keep us informed like this. Thanks for sharing.


Here is my page; google desktop zmiana jezyka ()

Anonimo ha detto...

certainly like your website however you have to take
a look at the spelling on quite a few of your posts.
Many of them are rife with spelling issues and I
find it very bothersome to tell the truth nevertheless I'll definitely come back again.

my web-site :: CristopherDBermudes

Rita Coltellese ha detto...

Spelling errors are due to bad Google translation from Italian to English.