Cerca nel blog

giovedì 30 gennaio 2014

Pro-memoria

Da: Corriere della Sera
di Galluzzo Marco 9 novembre 2002

Insulti e rissa alla Camera tra deputati di Forza Italia

Bertucci e Scaltritti, duello a pugni e gomitate.

!!!!

Da: Panorama

...le risse e le occupazioni dell’Aula di Montecitorio hanno precedenti innumerevoli ...

La prima che si ricordi risale al 3 dicembre del 1947, si discuteva dell’art. 131 della Costituzione Italiana: “La forma repubblicana non può essere oggetto di revisione costituzionale”. La rissa scoppiò tra i deputati della sinistra e quelli del partito monarchico con scambio di insulti e di schiaffi. “Comunisti! Bastardi” “Fascisti! Tornate nelle fogne!”. 

Passano solo due anni e alla Camera si discute dell’adesione dell’Italia alla Nato. La seduta comincia il 16 marzo e si protrae per due giorni (52 ore) fino alla rissa durata 15 minuti al centro dell’emiciclo tra comunisti e democristiani, il duo Pajetta da una parte e il democristiano Tomba dall’altra.

Nel 1953 è la madre di tutte le risse, per giunta verificatasi la domenica delle Palme, paradosso. Si discuteva dell’ormai mitica Legge Truffa; oltre 70 ore di seduta e quasi 50 minuti di rissa con il ferimento finale del presidente del Senato Meuccio Ruini colpito da una tavoletta e accompagnato fuori dall’Aula a braccio dai commessi mentre urla “Viva l’Italia”.

Poi..... Aglietta e Cicciomessere che lanciavano proprio il volume del regolamento parlamentare contro Nilde Jotti presidente della Camera e Marco Boato che con la sua oratoria batteva ogni record di durata (18 ore filate) in occasione della discussione della legge Reale

!!!!

Da: Giornalettismo

20/dic/2012 Rissa PD vs PDL sul decreto «liste pulite»

rissa_camera_sfiducia_fiducia_governo - 14/dic/2010


26/ott/2011 Fli vs Lega per accuse a imparzialità di Gianfranco Fini, all'epoca presidente della Camera.
mortadella e champagne in Aula


cappi in Aula


Pro-memoria per gli ipocriti che si scandalizzano per le proteste dei giovani deputati del Movimento 5 Stelle, cercando di farli passare per violenti.

Quanto alla Boldrini si ripassi un po' di storia di ostruzionismo delle opposizioni: ore ed ore e nessuno, a parte rarissime eccezioni che sono in numero meno delle dita di una mano, ha mai usato la tagliola.

Il Movimento 5 Stelle aveva chiesto di tassare il gioco d'azzardo ed evitare l'IMU. Il governo ha messo insieme in un decreto la ricapitalizzazione delle quote della Banca d'Italia con l'IMU sulle case degli Italiani.
Praticamente un ricatto.

Nessun commento: